Società Sportiva Calcio Napoli 1979-1980

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SSC Napoli
SSC Napoli 1979-80.jpg
Stagione 1979-1980
AllenatoreBrasile Luís Vinício, poi
Brasile Italia Angelo Sormani
PresidenteItalia Corrado Ferlaino
Serie A10º
Coppa ItaliaQuarti di finale
Coppa UEFASedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Castellini, Ferrario (30)
Totale: Castellini, Ferrario (40)
Miglior marcatoreCampionato: Damiani (4)
Totale: Damiani (12)
StadioSan Paolo
Maggior numero di spettatori89 992 vs Perugia
(20 ottobre 1979)[1][2]

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Sportiva Calcio Napoli nelle competizioni ufficiali della stagione 1979-1980.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[3]

Area direttiva

Area tecnica

  Angelo Sormani

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Per questa stagione 1979-1980 viene riconfermato sulla panchina partenopea Luís Vinício. Un Napoli che dispone di una forte difesa, con 20 reti subite risulta una delle migliori difese del torneo, ma fragile in attacco dove si segna con il contagocce, reparto dove viene rimpianto Beppe Savoldi che è tornato al Bologna, il miglior realizzatore stagionale è Giuseppe Damiani con 12 reti, delle quali 4 in campionato, 6 in Coppa Italia e 2 in Coppa UEFA. Con 28 punti in classifica il Napoli si è piazzato all'undicesimo posto. A tre giornate dal termine del torneo il presidente Corrado Ferlaino ha esonerato l'allenatore Luis Vinicio, sostituituendolo con un altro grande ex giocatore partenopeo Angelo Benedicto Sormani.

Uno sconsolato Oscar Damiani, neoacquisto della stagione e di ritorno a Napoli dopo sei anni, qui nella deludente trasferta del 14 ottobre 1979 sul campo dei futuri scudettati dell'Inter; sullo sfondo, Andrea Agostinelli, altro nuovo arrivo dell'annata.

Lo scudetto è stato vinto dall'Inter con 41 punti davanti alla Juventus con 38 punti, ma fatti extra-sportivi hanno rivoluzionato la classifica, lo scandalo del calcio scommesse ha mandato in Serie B per la prima volta nella sua storia il Milan che si era piazzato al terzo posto, e la Lazio che si era salvata. Meno pesante la condanna di Bologna, Avellino e Perugia, che sono state penalizzate con 5 punti da scontare nella prossima stagione.

Nella Coppa Italia il Napoli vince il settimo girone di qualificazione, giocato prima del campionato, poi cede il passo alla Ternana nel doppio confronto dei Quarti di Finale. In Coppa UEFA la squadra partenopea supera nel primo turno i greci dell'Olympiakos, poi nei Sedicesimi di Finale cede il passaggio agli Ottavi ai belgi dello Standard di Liegi.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Luciano Castellini
Italia P Pasquale Fiore
Italia D Mauro Bellugi
Italia D Giuseppe Bruscolotti (Capitano)
Italia D Vittorio Caporale
Italia D Moreno Ferrario
Italia D Raimondo Marino
Italia D Vincenzo Marino
Italia D Attilio Tesser
Italia D Giuseppe Volpecina
Italia C Andrea Agostinelli
N. Ruolo Giocatore
Italia C Roberto Badiani
Italia C Costanzo Celestini
Italia C Mario Guidetti
Italia C Erasmo Lucido
Italia C Giovanni Improta
Italia C Claudio Vinazzani
Italia A Antonio Capone
Italia A Giuseppe Damiani
Italia A Roberto Filippi
Italia A Gaetano Musella
Italia A Walter Speggiorin

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Andrea Agostinelli Lazio definitivo
C Roberto Badiani Lazio prestito
D Mauro Bellugi Bologna definitivo
A Giuseppe Damiani Genoa definitivo
C Mario Guidetti Lanerossi Vicenza definitivo
C Giovanni Improta Catanzaro definitivo
C Erasmo Lucido Nocerina definitivo
A Gaetano Musella Padova definitivo
A Walter Speggiorin Perugia definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Domenico Caso Inter definitivo
D Sauro Catellani Udinese comproprietà
C Valerio Majo Catanzaro definitivo
A Claudio Pellegrini Avellino prestito
C Livio Pin Udinese definitivo
A Giuseppe Savoldi Bologna definitivo
C Pellegrino Valente Avellino definitivo

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1979-1980.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Ascoli Piceno
16 settembre 1979
1ª giornata
Ascoli0 – 0NapoliStadio Cino e Lillo Del Duca
Arbitro:  Pieri (Genova)

Napoli
23 settembre 1979
2ª giornata
Napoli0 – 0CagliariStadio San Paolo
Arbitro:  Lops (Torino)

Firenze
30 settembre 1979
3ª giornata
Fiorentina0 – 0NapoliStadio Comunale
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Napoli
7 ottobre 1979
4ª giornata
Napoli3 – 0RomaStadio San Paolo
Arbitro:  Mattei (Macerata)

Milano
14 ottobre 1979
5ª giornata
Inter1 – 0NapoliStadio San Siro
Arbitro:  Pieri (Genova)

Napoli
21 ottobre 1979
6ª giornata[4]
Napoli1 – 1PerugiaStadio San Paolo
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Torino
28 ottobre 1979
7ª giornata
Juventus1 – 0NapoliStadio Comunale
Arbitro:  Longhi (Roma)

Napoli
4 novembre 1979
8ª giornata
Napoli0 – 1AvellinoStadio San Paolo
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Napoli
11 ottobre 1979
9ª giornata
Napoli1 – 0UdineseStadio San Paolo
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Milano
25 novembre 1979
10ª giornata[5]
Milan1 – 2NapoliStadio San Siro
Arbitro:  Longhi (Roma)

Pescara
2 dicembre 1979
11ª giornata
Pescara1 – 0NapoliStadio Adriatico
Arbitro:  Reggiani (Bologna)

Napoli
9 dicembre 1979
12ª giornata
Napoli1 – 0TorinoStadio San Paolo
Arbitro:  Ciulli (Roma)

Napoli
16 dicembre 1979
13ª giornata
Napoli0 – 0LazioStadio San Paolo
Arbitro:  Mattei (Macerata)

Bologna
30 dicembre 1979
14ª giornata
Bologna0 – 0NapoliStadio Comunale
Arbitro:  Casarin (Milano)

Napoli
6 gennaio 1980
15ª giornata
Napoli1 – 1CatanzaroStadio San Paolo
Arbitro:  Prati (Parma)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
13 gennaio 1980
16ª giornata
Napoli1 – 0AscoliStadio San Paolo
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Cagliari
20 gennaio 1980
17ª giornata
Cagliari1 – 0NapoliStadio Sant'Elia
Arbitro:  Redini (Pisa)

Napoli
27 gennaio 1980
18ª giornata
Napoli0 – 0FiorentinaStadio San Paolo
Arbitro:  Ciulli (Roma)

Roma
3 febbraio 1980
19ª giornata
Roma0 – 0NapoliStadio Olimpico
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Napoli
10 febbraio 1980
20ª giornata
Napoli3 – 4InterStadio San Paolo
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Perugia
24 febbraio 1980
21ª giornata
Perugia1 – 0NapoliStadio Renato Curi
Arbitro:  Longhi (Roma)

Napoli
2 marzo 1980
22ª giornata
Napoli0 – 0JuventusStadio San Paolo
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Avellino
9 marzo 1980
23ª giornata
Avellino2 – 3Napoli
Arbitro:  Pieri (Genova)

Udine
23 marzo 1980
24ª giornata
Udinese0 – 0NapoliStadio Friuli
Arbitro:  Lops (Torino)

Napoli
30 marzo 1980
25ª giornata
Napoli0 – 1MilanStadio San Paolo
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Napoli
5 aprile 1980
26ª giornata
Napoli2 – 0PescaraStadio San Paolo
Arbitro:  Terpin (Trieste)

Torino
13 aprile 1980
27ª giornata[6]
Torino0 – 0NapoliStadio Comunale
Arbitro:  Lanese (Messina)

Roma
27 aprile 1980
28ª giornata
Lazio1 – 1NapoliStadio Olimpico
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Napoli
4 maggio 1980
29ª giornata
Napoli1 – 1BolognaStadio San Paolo
Arbitro:  Longhi (Roma)

Catanzaro
11 maggio 1980
30ª giornata
Catanzaro2 – 0NapoliStadio Militare
Arbitro:  Lops (Torino)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1979-1980.

Settimo Girone[modifica | modifica wikitesto]

Cesena
22 agosto 1979
1ª giornata
Cesena1 – 3NapoliStadio La Fiorita
Arbitro:  Mattei (Macerata)

26 agosto 1979
2ª giornata
 – 
Turno riposo Napoli

Napoli
2 settembre 1979
3ª giornata
Napoli2 – 0TarantoStadio San Paolo
Arbitro:  Reggiani (Bologna)

Vicenza
5 settembre 179
4ª giornata
Lanerossi Vicenza1 – 1NapoliStadio Romeo Menti
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Napoli
9 settembre 1979
5ª giornata
Napoli2 – 2CagliariStadio San Paolo
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Quarti di Finale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
21 novembre 1979
Andata
Napoli2 – 1TernanaStadio San Paolo
Arbitro:  Lops (Torino)

Terni
16 gennaio 1980
Ritorno
Ternana1 – 0NapoliStadio Libero Liberati
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1979-1980.
Napoli
19 settembre 1979
Trentaduesimi di finale - Andata
Napoli2 – 0OlympiakosStadio San Paolo
Arbitro: Germania Ovest Aldinger

Il Pireo
4 ottobre 1979
Trentaduesimi di finale - Ritorno
Olympiakos1 – 0NapoliStadio Karaiskákis
Arbitro: Francia Wurtz

Liegi
24 ottobre 1979
Sedicesimi di finale - Andata
Standard Liegi2 – 1NapoliStadio Maurice Dufrasne
Arbitro: Spagna Guruceta Muru

Napoli
7 novembre 1979
Sedicesimi di finale - Ritorno
Napoli1 – 1Standard LiegiStadio San Paolo
Arbitro: Germania Est Prokop

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Record nella storia della società
  2. ^ S.S. Calcio Napoli-Statistiche e curiosità, su pianetanapoli.it. URL consultato il 2 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2013).
  3. ^ Panini, 21.
  4. ^ Partita anticipata il 20 ottobre 1979.
  5. ^ Partita sospesa per nebbia al minuto 50' dall'arbitro Sig. Bergamo sul punteggio (0-0) e recuperata il 12 dicembre 1979.
  6. ^ Partita anticipata il sabato 12 aprile 1980.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio