Società Sportiva Calcio Napoli 1982-1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
SSC Napoli
Stagione 1982-1983
Sport calcio
SquadraNapoli
AllenatoreBandiera dell'Italia Massimo Giacomini (1ª-11ª)
Bandiera dell'Italia Gennaro Rambone (12ª-30ª)
Bandiera dell'Argentina Bandiera dell'Italia Bruno Pesaola (D.T.) (12ª-30ª)
All. in secondaBandiera dell'Italia Giuliano Zoratti (1ª-11ª)
Bandiera dell'Italia Paolo Specchia (12ª-30ª)
PresidenteBandiera dell'Italia Corrado Ferlaino
Serie A10º
Coppa ItaliaQuarti di finale
Coppa UEFASedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Castellini, Ferrario, Krol, C. Pellegrini (30)
Totale: Castellini e C. Pellegrini (43)
Miglior marcatoreCampionato: C. Pellegrini (5)
Totale: Ramon Díaz (8)
StadioSan Paolo
Abbonati33 632[1]
Maggior numero di spettatori77 470 vs Juventus (6 febbraio 1983)
Minor numero di spettatori40 450 vs Avellino (24 ottobre 1982)
Media spettatori58 515[1]
1981-1982 1983-1984
Si invita a seguire il modello di voce

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Sportiva Calcio Napoli nelle competizioni ufficiali della stagione 1982-1983.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Bruno Pesaola, chiamato a salvare la squadra a stagione in corso.

Nella stagione 1982-1983 nonostante l'acquisto del secondo straniero, l'argentino Ramón Díaz e l'arrivo in panchina dell'emergente Massimo Giacomini (già allenatore di successo con Udinese e Milan), il Napoli disputa un campionato travagliato, che ha visto la squadra partenopea salvarsi in maniera stentata. Alla fine di novembre, dopo la sconfitta (1-0) patita a Cagliari, c'è stato l'esonero di Massimo Giacomini in favore del direttore tecnico Bruno Pesaola, coadiuvato sul campo dall'allenatore Gennaro Rambone, e anche l'avvicendamento ai vertici della società di Marino Brancaccio, in sostituzione del dimissionario Corrado Ferlaino. Il cambio in panchina, tuttavia, sortisce gli effetti auspicati: dopo un girone di andata fallimentare chiuso addirittura all'ultimo posto in coabitazione con il Catanzaro con soli 9 punti, nel girone di ritorno il Napoli innesta le marce alte e viaggia a ritmo qualificazione in Coppa Uefa. Alla fine sarà salvezza, sancita dal successo di misura sul Cesena nell'ultima giornata.

Nella Coppa UEFA i partenopei sono stati eliminati nei sedicesimi di finale dal Kaiserslautern dopo aver estromesso in rimonta nel primo turno la Dinamo Tbilisi, mentre in Coppa Italia il Napoli ha vinto il terzo girone di qualificazione disputato prima del campionato, ma in inverno il cammino della squadra è stato fermato dal Torino nei quarti di finale.

Divise e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Il neoacquisto Ramón Díaz con la seconda divisa bianca, arricchita in questa stagione da pinstripes giallorosse – che riprendono i colori comunali di Napoli.

Nella stagione 1982-83 viene introdotto un nuovo stemma della società, costituito da una «N» arrotondata e inglobante una testa d'asino: questo viene anche applicato sulle maglie (firmate anche per questa stagione dalla Ennerre), su cui appare una nuova sponsorizzazione ufficiale, Cirio.[2]

Per quindici partite, suddivise tra girone di andata e di ritorno, la prima maglia fu con inserti e pantaloncini blu notte; per questioni scaramantiche si ritornò poi alla classica azzurra con inserti e pantaloncini bianchi.[2]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
(andata)
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
(ritorno)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[3]

Area direttiva

Area organizzativa

Area tecnica

Area sanitaria

Rosa[4][modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Calciatore
Bandiera dell'Italia P Luciano Castellini
Bandiera dell'Italia P Raffaele Ceriello
Bandiera dell'Italia D Roberto Amodio
Bandiera dell'Italia D Paolo Benedetti
Bandiera dell'Italia D Giuseppe Bruscolotti
Bandiera dell'Italia D Antonio Carannante
Bandiera dell'Italia D Filippo Citterio
Bandiera dell'Italia D Paolo Dal Fiume
Bandiera dell'Italia D Moreno Ferrario
Bandiera dei Paesi Bassi D Ruud Krol
Bandiera dell'Italia D Raimondo Marino
N. Ruolo Calciatore
Bandiera dell'Italia C Costanzo Celestini
Bandiera dell'Italia C Giuseppe Cimmaruta
Bandiera dell'Italia C Antonio Criscimanni
Bandiera dell'Italia C Agostino Iacobelli
Bandiera dell'Italia C Roberto Scarnecchia
Bandiera dell'Italia C Claudio Vinazzani
Bandiera dell'Italia A Antonio Capone
Bandiera dell'Italia A Antonio De Vitis
Bandiera dell'Argentina A Ramón Díaz
Bandiera dell'Italia A Claudio Pellegrini (III)
Bandiera dell'Italia A Claudio Vagheggi

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Beniamino Abate Benevento definitivo
C Paolo Dal Fiume Perugia definitivo 700mln
C Costanzo Celestini Catanzaro fine prestito
A Roberto Scarnecchia Roma comproprietà ad ottobre 400mln
A Antonio Capone Pistoiese fine prestito
A Ramon Angel Diaz River Plate definitivo 2,5 mld
A Claudio Vagheggi Lazio definitivo ad ottobre
Cessioni
R. Nome a Modalità
M Enrico Maniero Modena definitivo a ottobre
A Pietro Puzone Cavese prestito
M Mario Guidetti Verona definitivo
A Oscar Damiani Milan definitivo 280mln
A Gaetano Musella Catanzaro comproprietà 600mln
A Massimo Palanca Como prestito a novembre
A Antonio Capone Lecce definitivo ad ottobre
C Paolo Benedetti Genoa definitivo ad ottobre

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1982-1983.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
12 settembre 1982
1ª giornata
Napoli0 – 0
referto
UdineseStadio San Paolo (57 133 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Pisa
19 settembre 1982
2ª giornata
Pisa2 – 0
referto
NapoliStadio Arena Garibaldi (25 256 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Napoli
26 settembre 1982
3ª giornata
Napoli2 – 0
referto
CatanzaroStadio San Paolo (48 128 spett.)
Arbitro:  Ballerini (La Spezia)

Torino
3 ottobre 1982
4ª giornata
Juventus3 – 0
referto
NapoliStadio Comunale (54 177 spett.)
Arbitro:  Longhi (Roma)

Napoli
10 ottobre 1982
5ª giornata
Napoli1 – 3
referto
RomaStadio San Paolo (64 292 spett.)
Arbitro:  Casarin (Milano)

Milano
17 ottobre 1982
6ª giornata
Inter2 – 2
referto
NapoliStadio Giuseppe Meazza (44 432 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Napoli
24 ottobre 1982
7ª giornata
Napoli1 – 1
referto
AvellinoStadio San Paolo (40 450 spett.)
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Torino
31 ottobre 1982
8ª giornata
Torino1 – 1
referto
NapoliStadio Comunale (33 243 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Napoli
7 novembre 1982
9ª giornata
Napoli0 – 1
referto
SampdoriaStadio San Paolo (49 380 spett.)
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Napoli
21 novembre 1982
10ª giornata
Napoli0 – 0
referto
AscoliStadio San Paolo (43 000 spett.)
Arbitro:  Ballerini (La Spezia)

Cagliari
28 novembre 1982
11ª giornata
Cagliari1 – 0
referto
NapoliStadio Sant'Elia (24 334 spett.)
Arbitro:  Longhi (Roma)

Napoli
12 dicembre 1982
12ª giornata
Napoli1 – 1
referto
GenoaStadio San Paolo (47 338 spett.)
Arbitro:  Pairetto (Torino)

Firenze
19 dicembre 1982
13ª giornata
Fiorentina1 – 0
referto
NapoliStadio Comunale (36 556 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Napoli
2 gennaio 1983
14ª giornata
Napoli1 – 2
referto
VeronaStadio San Paolo (63 490 spett.)
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Cesena
9 gennaio 1983
15ª giornata
Cesena0 – 0
referto
NapoliStadio La Fiorita (19 561 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Udine
16 gennaio 1983
16ª giornata
Udinese0 – 0
referto
NapoliStadio Friuli (36 198 spett.)
Arbitro:  Redini (Pisa)

Napoli
23 gennaio 1983
17ª giornata
Napoli2 – 1
referto
PisaStadio San Paolo (57 765 spett.)
Arbitro:  Longhi (Roma)

Catanzaro
30 gennaio 1983
18ª giornata
Catanzaro1 – 2
referto
NapoliStadio Militare (8 952 spett.)
Arbitro:  Lanese (Messina)

Napoli
6 febbraio 1983
19ª giornata
Napoli0 – 0
referto
JuventusStadio San Paolo (77 470 spett.)
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Roma
20 febbraio 1983
20ª giornata
Roma5 – 2
referto
NapoliStadio Olimpico (62 526 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Napoli
27 febbraio 1983
21ª giornata
Napoli1 – 1
referto
InterStadio San Paolo (68 180 spett.)
Arbitro:  Redini (Pisa)

Avellino
6 marzo 1983
22ª giornata
Avellino0 – 0
referto
NapoliStadio Partenio (28 240 spett.)
Arbitro:  Longhi (Roma)

Napoli
13 marzo 1983
23ª giornata
Napoli1 – 0
referto
TorinoStadio San Paolo (59 709 spett.)
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Genova
20 marzo 1983
24ª giornata
Sampdoria1 – 1
referto
NapoliStadio Luigi Ferraris (34 775 spett.)
Arbitro:  Menegali (Roma)

Ascoli Piceno
27 marzo 1983
25ª giornata
Ascoli2 – 1
referto
NapoliStadio Cino e Lillo Del Duca (17 398 spett.)
Arbitro:  Lanese (Messina)

Napoli
10 aprile 1983
26ª giornata
Napoli1 – 0
referto
CagliariStadio San Paolo (63 843 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Genova
24 aprile 1983
27ª giornata
Genoa0 – 0
referto
NapoliStadio Luigi Ferraris (29 638 spett.)
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Napoli
1º maggio 1983
28ª giornata
Napoli1 – 0
referto
FiorentinaStadio San Paolo (67 797 spett.)
Arbitro:  Ballerini (La Spezia)

Verona
8 maggio 1983
29ª giornata
Verona0 – 0
referto
NapoliStadio Marcantonio Bentegodi (27 815 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Napoli
15 maggio 1983
30ª giornata
Napoli1 – 0
referto
CesenaStadio San Paolo (69 754 spett.)
Arbitro:  Benedetti (Roma)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1982-1983.

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Salerno
18 agosto 1982
1ª giornata
Salernitana0 – 1NapoliStadio Vestuti
Arbitro:  Pieri (Genova)

Perugia
22 agosto 1982
2ª giornata
Perugia0 – 0NapoliStadio Renato Curi
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Napoli
29 agosto 1982
3ª giornata
Napoli2 – 1AvellinoStadio San Paolo
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Roma
1º settembre 1982
4ª giornata
Lazio1 – 2NapoliStadio Olimpico
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Napoli
5 settembre 1982
5ª giornata
Napoli1 – 0AtalantaStadio San Paolo
Arbitro:  Vitali (Bologna)

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Cesena
31 marzo 1983
Andata
Cesena1 – 0NapoliStadio Dino Manuzzi
Arbitro:  Falzier (Treviso)

Napoli
17 aprile 1983
Ritorno
Napoli2 – 0CesenaStadio San Paolo
Arbitro:  Lombardo (Marsala)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Torino
18 maggio 1983
Andata
Torino2 – 0NapoliStadio Comunale
Arbitro:  Redini (Pisa)

Napoli
1º giugno 1983
Ritorno
Napoli0 – 0TorinoStadio San Paolo
Arbitro:  Pieri (Genova)

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1982-1983.

Trentaduesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Tbilisi
15 settembre 1982
Andata
Dinamo Tbilisi2 – 1NapoliDinamo Stadium
Arbitro: Bandiera della Scozia Valentine

Napoli
20 settembre 1982
Ritorno
Napoli1 – 0Dinamo TbilisiStadio San Paolo
Arbitro: Bandiera della Germania Ovest Eschweiler

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
20 ottobre 1982
Andata
Napoli1 – 2KaiserslauternStadio San Paolo
Arbitro: Bandiera della Bulgaria Dotchev

Kaiserslautern
3 novembre 1982
Ritorno
Kaiserslautern2 – 0NapoliBetzembergstadion
Arbitro: Bandiera dell'Inghilterra Courtney

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione[5] Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Serie A 28 15 6 6 3 13 10 15 1 8 6 9 19 30 7 14 9 22 29 -7
Coppa Italia 4 3 1 0 5 1 5 2 1 2 3 4 9 5 2 2 8 5 +3
Coppa UEFA 2 1 0 1 2 2 2 0 0 2 1 4 4 1 0 3 3 6 -3
Totale 21 10 7 4 20 13 22 3 9 10 13 27 43 13 16 14 33 40 -7

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Luogo C T C T C T C T C C T C T C T T C T C T C T C T T C T C T C
Risultato N P V P P N N N P N P N P P N N V V N P N N V N P V N V N V
Posizione 6 10 8 11 13 12 13 12 13 13 15 15 15 16 15 15 15 15 15 15 15 15 13 12 14 13 12 11 11 10

Fonte: http://calcio-seriea.net/allenatori_squadra/1982/874/
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[6][modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa UEFA Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Amodio, R. R. Amodio 130??60??30??220??
Benedetti, P. P. Benedetti ----20??----200+0+
Bruscolotti, G. G. Bruscolotti 170??80??40??290??
Capone, A. A. Capone 30??41??----710+0+
Carannante, A. A. Carannante ----10??----100+0+
Castellini, L. L. Castellini 30-28??9-5??4-6??43-39??
Celestini, C. C. Celestini 250??70??30??350??
Ceriello, R. R. Ceriello 1-1??--------1-10+0+
Cimmaruta, G. G. Cimmaruta ----10??----100+0+
Citterio, F. F. Citterio 240??70??30??340??
Criscimanni, A. A. Criscimanni 283??80??40??403??
Dal Fiume, P. P. Dal Fiume 263??90??41??394??
De Vitis, A. A. De Vitis 10??--------100+0+
Díaz, R. R. Díaz 253??93??42??388??
Ferrario, M. M. Ferrario 304??82??40??426??
Iacobelli, A. A. Iacobelli 70??10??20??100??
Krol, R. R. Krol 300??70??40??410??
Marino, R. R. Marino 272??80??40??392??
Pellegrini (III), C. C. Pellegrini (III) 305??92??40??437??
Scarnecchia, R. R. Scarnecchia 150??20??----1700+0+
Vagheggi, C. C. Vagheggi 150??30??----1800+0+
Vinazzani, C. C. Vinazzani 280??70??40??390??

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b https://www.stadiapostcards.com/A82-83.htm
  2. ^ a b 1982/83, su francescocammarota.it. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  3. ^ Beltrami, 1982, p. 206.
  4. ^ Beltrami, 1982, p. 207.
  5. ^ Beltrami, 1983, pp. 128, 273-285, 565.
  6. ^ Beltrami, 1982, pp. 166, 273-285, 565.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 1982-83, Modena-Milano, Panini-L'Unità, 1994.
  • Arrigo Beltrami (a cura di), Almanacco illustrato del calcio 1983, Modena, Panini, 1982.
  • Arrigo Beltrami (a cura di), Almanacco illustrato del calcio 1984, Modena, Panini, 1983.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio