Jan Janssen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jan Janssen
Jan Janssen (cropped).jpg
Dati biografici
Nome Johannes Adrianus Janssen
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1973
Carriera
Squadre di club
1961-1962 Locomotief Locomotief
1963-1968 Pelforth-Sauvage Pelforth-Sauvage
1969-1971 Bic Bic
1972 Beaulieu Beaulieu
1973 Floid Cosmetic
Nazionale
1960-1971 Paesi Bassi Paesi Bassi
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Sallanches 1964 In linea
Argento Heerlen 1967 In linea
 

Johannes Adrianus "Jan" Janssen (Pijnacker-Nootdorp, 19 maggio 1940) è un ex ciclista su strada e pistard olandese, professionista dal 1961 al 1973. In carriera vinse il campionato del mondo su strada nel 1964, la Parigi-Roubaix e la Vuelta a España nel 1967 e il Tour de France nel 1968.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Janssen lavorò coi suoi genitori fin da giovane, scavando la terra dell'Olanda occidentale per costruire edifici. Si associò alla squadra di ciclismo della sua città, Delft, quando aveva 16 anni, e successivamente vinse 25 corse in due anni. Dopo una carriera dilettantistica nella quale vinse molte gare olandesi, passò al professionismo venendo ingaggiato da una squadra francese, la Pelforth-Sauvage-Lejeune. Venne invitato al Giro d'Olanda che a quei tempi era aperto ad amatori e a semi-professionisti.

Il suo talento fu subito notato, perciò il proprietario comandò al direttore sportivo della formazione di designarlo caposquadra. Janssen inizialmente era un velocista, ma si trasformò rapidamente in un "cacciatore" di corse di un giorno. Prese parte al suo primo Tour de France nel 1963: vinse una tappa, ma una caduta lo costrinse al ritiro. Nel 1964 vinse la Parigi-Nizza, poi due tappe al Tour de France e la maglia verde di leader della classifica a punti. Quell'anno divenne, inoltre, campione del mondo su strada nella gara disputata a Sallanches, in Francia. Portò di nuovo la maglia verde nel Tour de France 1965, mentre nel 1966 arrivò secondo nella classifica generale dietro a Lucien Aimar.

Nel 1967 Janssen fu protagonista di una delle sue migliori stagioni, vincendo la Parigi-Roubaix e la Vuelta a España (fu il primo olandese a riuscire nell'impresa); ai campionati del mondo su strada di Heerlen si classificò inoltre secondo alle spalle di Eddy Merckx. Grazie ai numerosi risultati ottenuti, quell'anno vinse anche il Super Prestige Pernod, sorta di Coppa del mondo a punti.

Nel 1968 si classificò terzo al Giro delle Fiandre e divenne il primo olandese nella storia a vincere il Tour de France. La corsa era, come l'anno precedente, per squadre nazionali invece che per squadre di club. Janssen attaccò in solitaria nel corso della 14ª tappa, quella dell'Alpe d'Huez, senza rispettare le decisioni del direttore sportivo della sua squadra, vinse e conquistò la maglia gialla, andando anche in testa alla classifica scalatori. Conquistò la classifica generale con 38 secondi di vantaggio sul belga Herman Van Springel. Questo rimase il minor margine vincente fino al 1989, quando Greg LeMond vinse la Grande Boucle con soli 8 secondi di vantaggio su Laurent Fignon.

Dopo aver ottenuto alcune altre vittorie nelle stagioni successive, si ritirò dal professionismo nel 1973.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Ronde van Zuid-Holland
Ronde van Overijssel
Ronde van Gelderland
Ronde van Midden-Nederland
  • 1961 (Locomotief-Vredestein, quattro vittorie)
Kampioenschap van Zuid Holland
Ronde van Noord-Holland
13ª tappa Tour de l'Avenir (Tours)
Tour du Limbourg Amateurs
  • 1962 (Locomotief-Vredestein, sei vittorie)
4ª tappa Olympia's Tour (Heerlen)
Ronde van Zuid-Holland
Meisterschaft von Zürich
1ª tappa Tour de l'Avenir (Bordeaux)
4ª tappa Tour de l'Avenir (St.Gaudens)
7ª tappa Tour de l'Avenir (Montpellier)
  • 1963 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, quattro vittorie)
3ª tappa, 1ª semitappa Giro del Belgio
3ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Carcassonne)
6ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Barcelone)
7ª tappa Tour de France (Limoges)
  • 1964 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, quattro vittorie)
Classifica generale Paris-Nice
7ª tappa Tour de France (Thonon les Bains)
10ª tappa Tour de France (Hyères)
Campionati del mondo, Prova in linea
  • 1965 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, nove vittorie)
Côte Normande
Ronde de Seignelay
3ª tappa Paris-Nice (Montceau-les-Mines)
4ª tappa Tour du Sud-Est (Draguignan)
8ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
1ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Millau)
12ª tappa Tour de France (Perpignan)
3ª tappa Giro d'Olanda (Simpelveld)
Classifica generale Giro d'Olanda
  • 1966 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, tre vittorie)
Freccia del Brabante
Classifica generale Gran Prix van Nederland
Bordeaux-Parigi
  • 1967 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, dieci vittorie)
Parigi-Roubaix
Genova-Nizza
1ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a España (Vigo)
Classifica generale Vuelta a España
13ª tappa Tour de France (Carpentras)
4ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Catalunya (Manresa)
6ª tappa Vuelta a Catalunya (Camprodon)
7ª tappa, 1ª semitappa Vuelta a Catalunya (Figueras)
1ª tappa Parigi-Lussemburgo (Châlons-sur-Marne)
Classifica generale Parigi-Lussemburgo
  • 1968 (Pelforth-Sauvage-Lejeune, sette vittorie)
4ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Mallorca (Monasterio de Cura)
5ª tappa Paris-Nice (Bollèn)
1ª tappa, 1ª semitappa Vuelta a España (Zaragoza)
1ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a España (Zaragoza)
14ª tappa Tour de France (Canet-Plage )
22ª tappa, 2ª semitappa Tour de France (La Cipale)
Classifica generale Tour de France
  • 1969 (Bic, cinque vittorie)
2ª tappa Circuit des Six Provinces
Classifica generale Vuelta a Mallorca
5ª tappa Paris-Nice (Hyères)
3ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
Grand Prix d'Isbergues
  • 1970 (Bic, quattro vittorie)
2ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Béziers)
Grand Prix de Menton
6ª tappa, 1ª semitappa Paris-Nice (Hyères)
3ª tappa Vuelta al País Vasco (Logrono)
  • 1971 (Bic, una vittoria)
5ª tappa, 2ª semitappa Tour de la Nouvelle-France (Montréal)
  • 1972 (Beaulieu, una vittoria)
2ª tappa Tour de Luxembourg (Echternach)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Castrop-Rauxel (Criterium)
  • 1961 (Locomotief-Vredestein)
Uden (Criterium)
  • 1963 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
2ª tappa, 2ª semitappa Tour de France (Jambes, cronosquadre)
  • 1964 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
Classifica punti Paris-Nice
Classifica punti Tour de France
Acht van Brasschaat (Criterium)
Quillan (Criterium)
Brioude (Criterium)
Objat (Criterium)
Schiedam (Criterium)
  • 1965 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
Classifica punti Critérium du Dauphiné Libére
Classifica punti Tour de France
Saussignac (Criterium)
Laval (Criterium)
Périers (Criterium)
Eu-le Tréport (Criterium)
Ploudalmezeau (Criterium)
Grand Prix du Parisien (Cronocoppie)
  • 1966 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
Cambrai (Criterium)
Chateau-Chinon (Criterium)
Rijen (Criterium)
Flavignac (Criterium)
Bleijerheide (Criterium)
Censeau (Criterium)
Laval (Cronosquadre)
  • 1967 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
Ossendrecht (Criterium)
La Trimouille (Criterium)
Cours (Criterium)
Hénon (Criterium)
Vailly-sur-Sauldre (Criterium)
Classifica punti Tour de France
1ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a España (Vigo, cronosquadre)
Classifica punti Vuelta a España
Kortenhoef (Criterium)
Super Prestige Pernod
  • 1968 (Pelforth-Sauvage-Lejeune)
Botry (Criterium)
Bitry (Criterium)
Classifica punti Vuelta a España
Ussel (Criterium)
Vayrac (Criterium)
Bussières (Criterium)
Bour-en-Bresse (Criterium)
Bussières (Criterium)
Leiden (Criterium)
Sommeval (Criterium)
Stekene (Criterium)
Brive-la-Gaillarde
Classifica punti Critérium du Dauphiné Libére
Classifica punti Tour de Suisse
Quillan (Criterium)
Oradour sur Glane (Criterium)
Prix Martini-Felletin (Criterium)
Plélan-le-Petit (Criterium)
Menton (Criterium)
Den Hoorn (Criterium)
Chassignoles (Criterium)
Kamerik (Criterium)
Klaaswaal (Criterium)
Ulvenhout (Criterium)
Kortenhoef (Criterium)
Rieux (Criterium)
Hendrik-Ido-Ambacht (Criterium)

Pista[modifica | modifica sorgente]

Sei Giorni di Anversa (con Peter Post e Klaus Bugdahl)
Sei Giorni di Anversa (con Fritz Pfenninger e Peter Post)
Sei Giorni di Madrid (con Gerard Koel)
Sei Giorni di Anversa (con Fritz Pfenninger e Peter Post)
Sei Giorni di Amsterdam (con Klaus Bugdahl)
Sei Giorni di Groningen (con Peter Post)

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi giri[modifica | modifica sorgente]

1963: ritirato
1964: 24º
1965: 9º
1966: 2º
1967: 5º
1968: vincitore
1969: 10º
1970: 26º
1967: vincitore
1968: 6º

Classiche[modifica | modifica sorgente]

1965: 6º
1967: 32º
1968: 17º
1969: 7º
1970: 14º
1971: 20º
1963: 13º
1964: 11º
1966: 44º
1967: 9º
1968: 3º
1969: 17º
1970: 8º
1971: 6º
1972: 13º
1963: 3º
1964: 8º
1966: 2º
1967: vincitore
1968: 8º
1970: 7º
1971: 4º
1964: 7º
1966: 9º
1967: 9º
1968: 4º
1969: 9º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Trofeo Gerrit Schulte nel 1964, 1965, 1966, 1967 e 1968
  • Sportivo olandese dell'anno nel 1968

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]