Carpentras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carpentras
comune
Carpentras – Stemma
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Blason département fr Vaucluse.svg Vaucluse
Arrondissement Carpentras
Cantone Carpentras-Nord
Carpentras-Sud
Territorio
Coordinate 44°03′N 5°03′E / 44.05°N 5.05°E44.05; 5.05 (Carpentras)Coordinate: 44°03′N 5°03′E / 44.05°N 5.05°E44.05; 5.05 (Carpentras)
Altitudine 95 m s.l.m.
Superficie 37,89 km²
Abitanti 30 335[1] (2009)
Densità 800,61 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 84200
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 84031
Targa Valchiusa
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Carpentras
Sito istituzionale

Carpentras[2] è un comune francese di 30.335 abitanti situato nel dipartimento di Vaucluse nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, sede di sotto-prefettura.

Nel Medioevo fu la prima sede del papato "avignonese", per scelta di Clemente V, che vi stabilì la Curia dal 1313 fino alla sua morte (1314).

Subentrando alla città di Venasque, dal 1320 fu capitale del Contado Venassino, exclave pontificia in Provenza. Venne integrata nello Stato francese solo negli ultimi anni del XVIII secolo, a seguito del Trattato di Tolentino.

A Carpentras visse e studiò per alcuni anni Francesco Petrarca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Da Plinio apprendiamo che la popolazione che accupava la zona dove sorgeva il villaggio di Carpenctorate meminorum era composta dalla tribù dei Galli Memini.

Medio Evo
Nel 1155 Raymond V di Tolosa, marchese di Provenza, inviò il suo cancelliere Raous a Raymond I, vescovo di Carpentras, per confermare i suoi privilegi nei confronti del mercato di Carpentras. Nel Medio Evo tale mercato, già assai importante, si teneva tutti i venerdì nel cimitero di San Siffrein e comprendeva almeno 200 mercanti stranieri, oltre a quelli locali. All'inizio del papato avignonese il vescovo Bérenger Forneri volle vietare, peraltro senza successo, che il mercato si tenesse nel cimitero.

Papa Clemente V (primo Papa "avignonese"), benché tutta la corte si trovasse ad Avignone, volle stabilirsi con la Curia a Carpentras nel 1313. Quasi tre anni dopo, morto Clemente V nel 1314 e conclusosi il lungo Conclave di Lione, il suo successore, Giovanni XXII, nel 1316 preferì lasciare Carpentras per la città di Avignone, dove riportò la Curia e dove stabilì definitivamente la sede pontificia.

Tuttavia Carpentras nel 1320 divenne capitale del Contado Venassino, togliendo questo titolo alla città di Venasque (da cui il nome Venassino), alla quale esso apparteneva sin dall'origine del Contado stesso. In questo modo Carpentras poté beneficiare della munificenza pontificia: governata dai suoi vescovi la città si ampliò e si circondò di mura, la cui esistenza è oggi testimoniata solo dalla Porta di Orange. Anche il ricco mercato ebbe nuovo impulso, s'ingrandì e cambiò sede, portandosi nel 1385 nella Piazza della Fusteria, attuale Piazza dei Penitenti neri.
Già nel 1276 Carpentras aveva accolto una colonia di ebrei, secondo le norme dell'epoca. Cacciati dalla Francia da Filippo il Bello, costoro si erano rifugiati nella terra dei Papi, dove godevano di maggiore sicurezza e di totale libertà di culto. Con Avignone, Cavaillon e L'Isle-sur-la-Sorgue, Carpentras ospitò questa importante comunità ebraica, sistemandola in un quartiere che divenne un ghetto solo alla fine del Cinquecento.

Periodo moderno
Dal 1790, nello spirito della rivoluzione, Avignone cacciò il vice-legato pontificio e chiese l'annessione alla Francia. Gli abitanti di Carpentras, per rivalsa, tentarono invece di creare un piccolo Stato indipendente che avrebbe realizzato da solo le riforme dettate dall'Assemblea Costituente della Francia, ma senza accettare l'annessione allo Stato francese. Nell'aprile dello stesso anno, privi del benestare del Papa, ma riconoscendo la sua autorità, essi si riunirono in assemblea e deliberarono la riforma dell'assetto governativo. Il Pontefice venne riconosciuto come sovrano costituzionale. Ma alcuni anni dopo, 1797, Carpentras ed il Contado Venassino vennero inglobati nello Stato francese a seguito del Trattato di Tolentino stipulato da Napoleone Bonaparte e dalla Santa Sede al termine della Campagna d'Italia.

Periodo contemporaneo
Maggio 1990. Lo scandalo della profanazione del cimitero ebraico di Carpentras fece discutere molto la Francia. L'allora Presidente Mitterrand venne personalmente sul luogo e questi avvenimenti ebbero notevoli ripercussioni sociali e politiche nell'intera nazione.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Tutto il territorio di Carpentras e del Contado Venassino è classificato come "Territorio d'arte e di storia".

  • L'arco di Carpentras, del I secolo (classificato monumento storico (M.S.))
  • La sinagoga di Carpentras, la più antica sinagoga francese (XIV secolo). Edificata nel 1367, fu ricostruita nel 1700. (Classificata M.S.)
  • La Torre del battifredo, edificata nel XV secolo con il suo apparato campanario in ferro battuto riccamente lavorato, e il suo orologio del 1500, indica il luogo dove fu edificato nel XII secolo il castello dei conti di Tolosa. (Classificata M.S.)
  • L'antico vescovado (attualmente Palazzo di giustizia) del XVII secolo (M.S.)
  • La Carità, con i suoi due piani di archi e di loggiate all'italiana, ospizio, poi edificio scolastico, oggi Centro culturale.
  • La Porta d'Orange, testimonianza dell'architettura militare del XIV secolo, alta ventisette metri. (M.S.)
  • La Cattedrale di Saint-Siffrein, edificata nel 1400 in onore del Santo Patrono della città. Di stile gotico provenzale, contiene, oltre il celebre San Mors (che la tradizione vuole che fosse fatto con un chiodo della croce di Cristo), opere d'arte di alto valore. In particolare, fra le più antiche, delle vetrate gotiche (coro e cappella di Michel Anglici), nonché una pala d'altare del 1400 reppresentante L'Incoronazione della Vergine fra San Siffrein e San Michele. Per questo trittico, che ha eccezionalmente conservato il suo baldacchino, così come le vetrate che rappresentano Saint Siffrein affiancato da San Michele e Santa Caterina da Siena, è stata recentemente proposta l'attribuzione al grande pittore Enguerrand Quarton (Luc Ta-Van-Thinh 2002).
  • La Bibliotteca Inguimbertina (Biblioteca municipale classificata, archivi e musei di Carpentras).
  • L'Hôtel-Dieu, con la sua antica farmacia. Questo maestoso edificio del XVIII secolo è stato edificato su richiesta di Monsignor Joseph-Dominique d'Inguimbert, che riposa nella cappella barocca. La farmacia (apotecario speziale) ha mantenuto le sue condizioni originarie.
  • L'Hôtel d'Armand de Chateauvieux, oggi Museo Sobirat, dell'omonima famiglia originaria del Delfinato.
  • La casa dove nacque François-Vincent Raspail.
  • Il Collegio dei Gesuiti, costruito nel 1600, dove Jean-Henri Fabre insegnò dal 1842 al 1848. Rimase destinato alle attività didattiche sino al 1988.
  • La Cappella Notre Dame de Santé, che assunse questo nome a seguito della peste del 1629. Fu dapprima un piccolo oratorio edificato verso il 1401 e dedicato alla "Vergine del ponte di Serres". Nel 1500 l'abbate Méry ne fece una capella, mentre la cappella attuale fu costruita nel 1700.
  • Il Convento dei Domenicani (coro dell'antica chiesa), che accolse il vecchio teatro e la cui ristrutturazione è cominciata nel 2005 per sistemarvi l'Ufficio del Turismo, la "Maison de Pays" e il Centro d'Interpretazione di Architettura e del Patrimonio monumentale.
  • L'Acquedotto, (classificato M.S.)
  • La Cappella del collegio del XVII secolo. Oggi è uno spazio espositivo. (Classificata M.S.)
  • La Campagna di Bacco (M.S.) a Serres-Carpentras.
  • Il Cimitero Israelita (M.S.)
  • Il Castello del Martinet (M.S.)
  • La Cappella Saint-Martin-de-Serres, del XVI e XVII secolo (M.S.)
  • La Cappella dei penitenti neri, (M.S.)
  • La Cappella dei penitenti grigi, (M.S.)
  • La Facciata del palazzo "Le petit Marseillais", Piazza Ch. de Gaulle (M.S.)
  • L'Hôtel della Sotto-Prefettura, del 1700. (M.S.)

Personalità illustri[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità dolciarie[modifica | modifica wikitesto]

La specialità di Carpentras sono i "Berlingots" (pron. berlengò), caramelle di zucchero duro translucido dal forte gusto di menta, conosciuti e consumati in tutta la Francia. La leggenda li vuole inventati all'inizio del Trecento (forse 1313) da un cuoco pasticcere di nome Silvestro, come omaggio a papa Clemente V (che aveva insediato la sede papale e tutta la Curia proprio nella cittadina di Carpentras). Essi rimasero nella tradizione casalinga locale sino al 1843 quando iniziò la loro produzione commerciale. Nel 1874 il "berlingot" vinse una medaglia all'Esposizione di Parigi.

Il loro nome ha due possibili etimologie: il termine provenzale "berlingau", oppure una deformazione del nome di Clemente V: Bertrand de Got. Oggi i berlingots vengono prodotti e commercializzati, sotto marchio di fabbrica, da alcune ditte che giungono ad una produzione di 70 - 80 tonnellate l'anno[3].

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Pron. kaʀpɑ̃ˈtʀa. Carpentras è l'unico nome di comune del Contado Venassino e di Valchiusa scritto con la "as" finale, dove la "s" non si pronuncia. In tutti gli altri casi di centri abitati del Contado il cui nome termina per "as" o per "ns", tale consonante deve essere pronunciata (Valréas, Senas, Vaqueiras, Nyons, etc.). Questa regola si estende anche a diversi comuni della provenza avignonese.
  3. ^ Da: Jaques Marseille, Dictionnaire de la Provence et de la Côte d'Azur. Larousse, Paris, 2002. :Voce "Berlingot de Carpentras" in fr.Wiki

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia