Maurice Garin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurice Garin
Maurice Garin Meurisse BNF Gallica.jpg
Garin nel 1911
Dati biografici
Nazionalità bandiera Regno d'Italia
Francia Francia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1911
Carriera
Squadre di club
1893-1900 Individuale
1901-1904 La Française La Française
1905-1910 Individuale
1911 La Française La Française
 

Maurice Garin (Arvier, 3 marzo 1871Lens, 19 febbraio 1957) è stato un ciclista su strada e pistard italiano naturalizzato francese. Professionista dal 1893 al 1911, vinse la prima edizione del Tour de France nel 1903 e due Parigi-Roubaix. È fratello di César e Ambroise Garin.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Garin al vittorioso Tour del 1903

Nato in Italia da una famiglia valdostana, a quattordici anni emigrò con loro in Francia, svolgendo la professione di "ramoneur" (spazzacamino) e assumendo poi la nuova cittadinanza per ragioni lavorative;[1] con il tricolore transalpino conquistò molte delle sue vittorie.

Un documento datato 23 gennaio 1905 e trovato negli archivi del municipio di Chalons-sur-Marne (dal 1995 Châlons-en-Champagne), ricostruisce la vicenda della nazionalità: gli annali del ciclismo riportano come alla maggior età avesse optato per la cittadinanza francese, ma in realtà fu naturalizzato solo nel 1901;[2] Garin gareggiò quindi come cittadino italiano per due terzi della sua carriera. Così un italiano salì sul podio della Roubaix già nella prima edizione, il 19 aprile 1896, quando Garin finì terzo dietro al tedesco Josef Fischer e al danese Charles Meyer.

Fu tra i protagonisti dell'epoca eroica del ciclismo, con vittorie nelle corse di lunga durata. Dopo essersi classificato terzo alla prima edizione della Parigi-Roubaix nel 1896, la vinse per due anni di seguito, nel 1897 e 1898. Si aggiudicò anche corse di minor prestigio, come la Parigi-Brest-Parigi del 1901 e alla Bordeaux-Parigi del 1902.

Il suo anno di gloria fu il 1903, con il successo nel primo Tour de France, corso fra il 1º luglio e il 19 luglio. Oltre alla tappa inaugurale, vinse altre due tappe, su un totale di sei. Nel successivo ripeté l'exploit dell'anno precedente, ma fu squalificato insieme agli altri tre in testa alla classifica (compreso il fratello César, classificatosi terzo) per aver preso il treno durante la corsa. Squalificato per due anni, riprese poi a correre, ed a 40 anni chiuse decimo la Parigi-Brest-Parigi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

800 km di Parigi
24h di Liegi
24h di Liegi
50 km d'Ostende

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Dinant-Namur-Dinant
Prix d'Avesnes-sur-Helpe
Guingamp-Morlaix-Guingamp
Paris-Mons
Paris-Le Mans
Liège-Thuin
Paris-Cabourg
Parigi-Roubaix
Paris-Royan
Tourcoing-Béthune-Tourcoing
Parigi-Roubaix
Tourcoing-Béthune-Tourcoing
Valenciennes-Nouvion-Valenciennes
Douai-Doullens-Douai
Parigi-Brest-Parigi
Bordeaux-Parigi
1ª tappa Tour de France (Montgeron > Lione)
5ª tappa Tour de France (Bordeaux > Nantes)
6ª tappa Tour de France (Nantes > Parigi)
Classifica generale Tour de France

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi giri[modifica | modifica wikitesto]

1903: vincitore
1904: squalificato

Classiche[modifica | modifica wikitesto]

1896: 3º
1897: vincitore
1898: vincitore
1900: 3º

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Inserito tra le Gloire du sport

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Varale, Il vincitore del primo "Tour" è stato un italiano in Stampa Sera, 1º agosto 1938, p. 2.
  2. ^ Maurice Garin, l'Italia si scopre più ricca in ciclomuseo-bartali.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Cuaz, Paolo Momigliano Levi, Elio Riccarand, Cronologia della Valle d'Aosta 1848-2000, ed. Stylos, Aosta 2003

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]