Ciclismo su pista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionati canadesi di ciclismo su pista 2005

Il ciclismo su pista è un genere di competizioni di ciclismo che si svolge in un velodromo, cioè una pista formata da due rettilinei e da due curve, dove le curve in particolare sono inclinate per vincere la forza centrifuga.

Si utilizzano biciclette particolari con scatto fisso, prive di freni e di cambio di velocità.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Nel 1892 si disputò il primo campionato mondiale a Londra, in occasione della fondazione della International Cyclist Association: le gare inclusero prove di velocità e di mezzofondo. Nella terza edizione, disputata a Colonia fece la sua apparizione il professionismo, e di conseguenza alcune gare furono riservate a coloro che percepivano compensi.[1]

In Italia la passione per il ciclismo su pista sbocciò verso la fine dell'Ottocento, grazie alle imprese dei fratelli Nuvolari e di Romolo Buni, detto il piccolo diavolo nero, celebre anche per la sua memorabile sfida con Buffalo Bill. Dal 1900 al 1915 il ciclismo su strada riuscì a divenire più popolare di quello su pista, a causa di un maggior interesse della stampa ed i pistard, in quegli anni si dovettero accontentare di ricevere grandi accoglienze solo negli Stati Uniti, in Germania, in Olanda, in Francia e in Danimarca.[1] Tra le gare più seguite, si imposero il mezzofondo (a ruota di una motocicletta guidata dall'allenatore), la velocità ed il record dell'ora, che attirò le attenzioni dei più importanti atleti e fu migliorato una ventina di volte durante il primo decennio del Novecento. Il periodo fra le due guerre espresse un numero elevato di fuoriclasse, a cominciare dal belga Jef Scherens, vincitore di ben sei titoli consecutivi e capace di ritornare al successo anche dopo l'interruzione bellica, per continuare con il mezzofondista francese Paillard.

Dagli anni sessanta in poi si sono messi in evidenza atleti di scuole differenti, basti citare l'italiano Antonio Maspes, il francese Daniel Morelon e il giapponese Koichi Nakano nella velocità singola e tandem, la scuola sovietica, tedesca, italiana e francese nell'inseguimento.

Centri principali[modifica | modifica sorgente]

Il ciclismo su pista è oggi molto popolare nei paesi dell'Europa Centro-occidentale (Francia, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Belgio), in Giappone (soprattutto per la specialità del keirin) ed in Australia.

In passato il ciclismo su pista ha conosciuta una grossa diffusione negli Stati Uniti (con un picco di popolarità negli anni trenta, con le Sei Giorni organizzate al Madison Square Garden) in Italia e nell'Unione Sovietica.

Competizioni[modifica | modifica sorgente]

Il ciclismo su pista fa parte del programma olimpico estivo fin dalla I Olimpiade dell'era moderna, tenutasi ad Atene nel 1896. La partecipazione fino a Barcellona 1992 era riservata ai soli ciclisti dilettanti, mentre da Atlanta 1996 si è aperta la partecipazione anche ai professionisti.

Altro evento di grande importanza per il ciclismo su pista è il campionato del mondo, tenuto ogni anno in primavera in uno dei maggiori velodromi mondiali.

Nel corso dell'anno si corrono vari tipi di gara, fra cui anche le Sei Giorni, nelle più prestigiose piste di tutto il mondo.

Le specialità[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi specialità del ciclismo su pista.

Vi sono numerose tipologie di gara nel ciclismo su pista:[2]

  • Velocità: due, tre o quattro corridori si affrontano allo sprint percorrendo due o tre giri di pista. Gli ultimi 200 metri sono cronometrati (200 metri lanciati).
  • Inseguimento: due corridori o due squadre si "inseguono" in una prova cronometrata partendo da due punti opposti della pista. Vince chi raggiunge l'avversario o impiega meno tempo a coprire la distanza prefissata.
  • Chilometro e 500 metri a cronometro: ciascun corridore percorre nel minor tempo possibile la distanza di un chilometro (500 metri per le donne) partendo da fermo.
  • Corsa a punti: durante la prova si svolgono diverse volate di gruppo, assegnando punteggi ai primi 4 (5-3-2-1 punti); 20 punti vanno inoltre a chi guadagna un giro. Vince chi totalizza il maggior punteggio complessivo.
  • Keirin: i corridori, da sei a nove, partono incolonnati dietro ad una moto, che aumenta gradualmente la velocità. A 600-700 metri dall'arrivo questa si sposta e i corridori si affrontano in volata.
  • Velocità a squadre: ogni squadra, composta da tre corridori, percorre tre giri di pista nel minor tempo possibile; i primi due ciclisti tirano ciascuno per un giro e poi si spostano, lanciando il terzo.
  • Americana: lo svolgimento è analogo a quello della corsa a punti, ma partecipano squadre di due ciclisti. Ciascuna squadra schiera in gara un solo ciclista; questo può comunque darsi in ogni momento il cambio col compagno.
  • Scratch: è una corsa di gruppo "in linea" con traguardo finale. In caso di acquisizione del giro da parte di uno o più corridori, la classifica viene stilata tenendo conto del vantaggio.
  • Tandem: è simile alla velocità individuale, ma viene disputata da due corridori in sella ad un tandem.
  • Dietro motori: ciascun corridore è preceduto da un allenatore in motocicletta, che gli consente di raggiungere velocità molto elevate (70-80 km/h) grazie alla scia. Vince chi taglia per primo il traguardo.
  • Corsa ad eliminazione: è una prova di gruppo in cui ogni giro o ogni due giri viene eliminato il corridore la cui ruota posteriore passa per ultima il traguardo. Vince l'ultimo ciclista che rimane in pista.
  • Omnium: i corridori prendono parte a sei differenti prove, giro lanciato, inseguimento individuale, corsa a punti, corsa ad eliminazione, scratch e chilometro da fermo. Per ogni prova viene assegnato un punto al primo, due al secondo e così via. Vince chi totalizza meno punti.

Una competizione su pista molto popolare è la Sei giorni, nella quale coppie di corridori si affrontano appunto per sei giorni di gara in alcune delle specialità sopra elencate. Ciascuna delle gare attribuisce un punteggio. La gara più importante è l'americana, che ogni giorno conclude il programma, perché i giri conquistati o perduti valgono ai fini della classifica finale: le coppie che hanno dei giri di vantaggio sono classificate per prime anche se hanno meno punti.

Va citata infine la disciplina del record dell'ora: non si tratta di una vera e propria gara, ma della prova di un singolo corridore che tenta di coprire in un'ora la maggior distanza possibile (con partenza da fermo). Il record più recente è di 49,700 km, stabilito nel 2005 da Ondřej Sosenka.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Universo, De Agostini, Novara, 1964, Vol. III, pag.350-356
  2. ^ (EN) PART 3 TRACK RACES, www.uci.ch. URL consultato il 6 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo