Erik Zabel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erik Zabel
Henninger Turm 2006 - Erik Zabel.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 178 cm
Peso 69 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 12 ottobre 2008
Carriera
Squadre di club
1989 600px Rosso Bianco e Nero.png TSC Berlin
1990-1992 Azzurro e Bianco.svg Olympia Dortmund
1992 600px Giallo e Bianco.png Die Continentale
1992-1994 Telekom Telekom
1995-2001 Deutsche Telekom Deutsche Telekom
2002-2003 Telekom Telekom
2004-2005 T-Mobile T-Mobile
2006-2008 Milram Milram
Carriera da allenatore
2012-2013 Katusha Katusha
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Bronzo Zolder 2002 In linea
Argento Verona 2004 In linea
Argento Salisburgo 2006 In linea
 

Erik Zabel (Berlino Est, 7 luglio 1970) è un ex ciclista su strada e pistard tedesco.

Professionista dal 1993 al 2008, fu medaglia d'argento mondiale nel 2004 e nel 2006 e di bronzo nel 2002. Si aggiudicò la maglia verde al Tour de France per sei volte consecutive, dal 1996 al 2001, e fu inoltre il miglior sprinter alla Vuelta a España nel 2002, nel 2003 e nel 2004. Vincitore di più di duecento corse in carriera,[1] fece sua per quattro volte la Milano-Sanremo e per tre volte la Parigi-Tours (conquistò in totale otto prove di Coppa del mondo).[2] Fu infine numero uno del ranking mondiale dell'UCI nel 2002.

È padre di Rick Zabel.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi e le prime vittorie al Tour de France[modifica | modifica sorgente]

Erik Zabel crebbe nella parte orientale di Berlino. Gareggiò da dilettante dal 1989 al 1992, cogliendo buoni risultati. Nell'ottobre 1992 passò professionista in seguito all'ingaggio da parte del Team Telekom, sodalizio tedesco diretto da Walter Godefroot e Frans Van Looy. Con questa maglia si affermò presto come velocista, e negli anni seguenti colse, sempre con la stessa formazione (divenuta anche Deutsche Telekom e T-Mobile) numerosissimi successi.

Dopo un 1993 caratterizzato da pochi successi e in gare minori, nel 1994 Zabel si aggiudicò quattro tappe al Tour de l'Avenir e la Parigi-Tours, classica d'autunno valida per la Coppa del mondo. Nel 1995 cominciò quindi a vincere in volata con maggiore regolarità, facendo sue tra le altre una frazione alla Tirreno-Adriatico, due al Tour de Suisse e due al Tour de France. Nel 1996 ottenne la prima di sei vittorie consecutive nella classifica a punti al Tour de France, oltre a due tappe nella stessa Grande Boucle; in stagione vinse anche tre frazioni alla Setmana Catalana.

1997-2001: le maglie verdi al Tour e i successi alla Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Nella primavera del 1997 colse numerosi successi in corse spagnole, aggiudicandosi poi in volata la Milano-Sanremo, davanti ad Alberto Elli – fu il primo di quattro successi in cinque anni nella "Classicissima" di primavera. Nel prosieguo di annata vinse anche una tappa al Tour de Suisse e tre al Tour de France, con annessa maglia verde della classifica a punti. Nel 1998, dopo aver fatto sue tre frazioni alla Tirreno-Adriatico, fece il bis, sempre allo sprint, alla Milano-Sanremo. Laureatosi campione nazionale in linea, vinse per la terza volta la maglia verde al Tour de France, pur non riuscendo ad aggiudicarsi nessuna tappa (fu per tre volte secondo, alle spalle di Tom Steels, due volte, e Mario Cipollini). L'anno dopo dovette accontentarsi del secondo posto alla Milano-Sanremo, anticipato dallo scatto di Andrei Tchmil a 800 metri dal traguardo. In stagione vinse comunque la Rund um den Henninger-Turm, due tappe alla Volta Ciclista a Catalunya e acora la maglia verde al Tour de France, ancora una volta senza vittorie di tappa, ma con quattro secondi posti, alle spalle di Steels, Cipollini (due volte) e Robbie McEwen.

Nella primavera del 2000, dopo aver ottenuto vittorie e piazzamenti nelle gare spagnole di inizio stagione, tornò al successo alla Milano-Sanremo battendo allo sprint Fabio Baldato e il campione del mondo Óscar Freire. A seguire concluse quarto al Giro delle Fiandre, terzo alla Parigi-Roubaix, e vinse l'Amstel Gold Race. Grazie a questi piazzamenti, oltre al quarto posto nella HEW Cyclassics di agosto, a fine stagione si aggiudicò la classifica generale di Coppa del mondo. Conquistò inoltre ancora la maglia verde al Tour de France, con un successo parziale nella penultima tappa. Nella stagione seguente, dopo i consueti trionfi primaverili in terra spagnola, fece poker alla Milano-Sanremo, superando in volata lo storico rivale Mario Cipollini. Dopo i quattro successi al Giro di Baviera, i tre al Deutschland Tour e i due al Tour de Suisse, al Tour de France vinse tre frazioni e superò l'australiano Stuart O'Grady nella classifica a punti per soli quattro punti, facendo sua la maglia verde per la sesta e ultima volta. In chiusura di annata si aggiudicò anche la HEW Cyclassics e tre tappe alla Vuelta a España.

2002-2008: le stagioni seguenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 ottenne vittorie di tappa in numerose gare brevi – spiccano i quattro trionfi al Deutschland Tour e i due al Tour de Suisse. Al Tour de France, pur vincendo una tappa, dovette invece accontentarsi del secondo posto nella classifica a punti, alle spalle di Robbie McEwen; si rifece alla Vuelta a España, con quattro secondi posti e il successo nella graduatoria a punti. In chiusura di annata fu terzo alla Parigi-Tours e nella prova in linea dei campionati del mondo di Zolder, vinta da Mario Cipollini.

Dal 2003 arrivò sempre tra i primi tre nella classifica a punti del Tour de France, vinta da Baden Cooke nel 2003 e da Robbie McEwen nel 2004. Continuò a ottenere discreti risultati nella classifica a punti nonostante l'età ormai avanzata, arrivando secondo nel 2006 e terzo nel 2007 e nel 2008.

Nel 2004 partecipò alla Milano-Sanremo dopo aver già vinto quattro volte questa corsa negli anni precedenti. Partì da favorito ma sul traguardo esultò convinto del successo e smise di pedalare negli ultimi cinquanta metri, sufficienti allo spagnolo Oscar Freire per superarlo e batterlo. Nello stesso anno, dopo nove corse vinte e diciotto secondi posti, venne convocato per il Mondiale di Verona, ma ancora una volta fu Freire a batterlo in volata.

Erik Zabel nel 2005

Nel 2005 la T-Mobile non lo iscrisse al Tour de France, scegliendo di puntare alla classifica generale con Aleksandr Vinokurov e Jan Ullrich, senza pensare alle vittorie di tappa. L'anno dopo Zabel lasciò la squadra tedesca e si accasò alla Milram di Alessandro Petacchi. Alla Vuelta, complice anche la forma non ottimale del velocista spezzino, Zabel poté giocarsi le sue carte e riuscì a vincere la quarta frazione con arrivo a Cáceres e l'ultima a Madrid. Disputò poi i mondiali a Salisburgo dove fu superato negli ultimi metri da Paolo Bettini e dovette ancora una volta accontentarsi del secondo posto.

Negli ultimi anni, persa buona parte della rapidità nello sprint a causa dell'età, collezionò numerosi piazzamenti, per concludere la carriera alla Parigi-Tours, il 12 ottobre 2008,[3] classificandosi settimo.

È stato anche un corridore su pista riuscendo a vincere molte sei giorni: in sei occasioni quella di Dortmund, in quattro quella di Monaco di Baviera.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Strada[modifica | modifica sorgente]

  • 1990 (RC Olympia Dortmund dilettanti)
Campionato tedesco orientale, prova in linea dilettanti
  • 1991 (RC Olympia Dortmund dilettanti)
Campionato di Renania Settentrionale-Vestfalia, prova in linea
  • 1992 (Union Fröndenberg dilettanti)
5ª tappa Regio-Tour
1ª tappa Závod Míru
10ª tappa Závod Míru (Trutnov > Mlada Boleslav)
tappa Ost-Westfalen Rundfahrt
tappa Ost-Westfalen Rundfahrt
Classifica generale Ost-Westfalen Rundfahrt
9 ª tappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt
  • 1993 (Telekom-Merckx, due vittorie)
1ª tappa Tirreno-Adriatico (Ostia > Fiuggi)
Berner Rundfahrt
  • 1994 (Telekom-Merckx, nove vittorie)
Classic Haribo
2ª tappa Vuelta a Aragón (Monreal del Campo > Calatayud)
3ª tappa Vuelta a Aragón (Calatayud > Huesca)
5ª tappa Vuelta a Aragón (Binfar > Barbastro)
2ª tappa Tour de l'Avenir (Saint Evarzec > Caudan)
5ª tappa Tour de l'Avenir (Piérin-sur-Mer > Mauron)
7ª tappa Tour de l'Avenir (Le Mont Saint Michel > Alecon)
8ª tappa Tour de l'Avenir (Alecon > Bonchamps)
Paris-Tours
  • 1995 (Team Deutsche Telekom-Merckx-Audi, otto vittorie)
1ª tappa Tirreno-Adriatico (San Giuseppe Vesuviano > Pompei)
2ª tappa Vuelta a Aragón
1ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Dunkerque > Grande Synthe)
7ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Bray Dunes > Dunkerque)
3ª tappa Tour de Suisse (Visp > Ginevra)
4ª tappa Tour de Suisse (Ginevra > Lenzburg)
6ª tappa Tour de France (Dunkerque > Charleroi)
17ª tappa Tour de France (Pau > Bordeaux)
  • 1996 (Team Deutsche Telekom, undici vittorie)
3ª tappa Vuelta a Andalucía (Malaga > Malaga)
1ª tappa Setmana Catalana (Lloret del Mar > Lloret del Mar)
2ª tappa Setmana Catalana (Lloret del Mar > Cornella de Llobregat)
4ª tappa Setmana Catalana (Llivia > Vic)
2ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Arras > Saint-Pol-sur-Ternoise)
Rund um Köln
2ª tappa Tour de Luxembourg (Dudelange > Bertrange)
3ª tappa Tour de France (Torino > Gap)
10ª tappa Tour de France (Wasquehal > Nogent-sur-Oise)
2ª tappa Ronde van Nederland (Zevenaar > Venray)
Langenhagen Hannover-Berlijn
  • 1997 (Team Deutsche Telekom, diciassette vittorie)
1ª prova Challenge de Mallorca (Trofeo Mallorca)
1ª tappa Vuelta a Andalucía (Siviglia > Siviglia)
Classifica generale Vuelta a Andalucía
Trofeo Luis Puig
3ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Calpe > Alcaster)
Milano-Sanremo
Grote Scheldeprijs
2ª tappa Bayern Rundfahrt (Beilngries > Gunzenhausen)
4ª tappa Bayern Rundfahrt (Auerbach > Regen)
1ª tappa Tour de Luxembourg (Lussemburgo > Dippach)
1ª tappa Tour de Suisse (Romanshorn > Basilea)
3ª tappa Tour de France (Vire > Plumelec)
7ª tappa Tour de France (Marennes > Bordeaux)
8ª tappa Tour de France (Sauternes > Pau)
5ª tappa Ronde van Nederland (Almelo > Venray)
Rund um Berlin
Langenhagen Hannover-Berlijn
  • 1998 (Team Deutsche Telekom, quattordici vittorie)
1ª prova Challenge de Mallorca (Trofeo Mallorca)
1ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Calpe > Calpe)
2ª tappa Tirreno-Adriatico (Sorrento > Baia Domizia)
7ª tappa Tirreno-Adriatico (Civitanova Marche > Civitanova Marche)
8ª tappa Tirreno-Adriatico (San Benedetto del Tronto > San Benedetto del Tronto)
Milano-Sanremo
4ª tappa Vuelta a Aragón (Teruel > Catalayud)
5ª tappa Vuelta a Aragón (Catalayd > Zaragoza)
Delta Profronde
1ª tappa Bayern Rundfahrt (Lohr > Staffelstein)
4ª tappa Bayern Rundfahrt (Roding > Burghausen)
4ª tappa Tour de Luxembourg (Leudelange > Bettembourg)
4ª tappa Route du Sud (Montauban > Castres)
Campionato tedesco, prova in linea
  • 1999 (Team Deutsche Telekom, undici vittorie)
2ª tappa Tour Down Under (Norwood > Strathalbyn)
4ª tappa Tour Down Under (Port Adelaide > Gawler)
2ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Vila-Real > Port de Sagunt)
1ª tappa Vuelta a Aragón (Jaca > Barbastro)
Rund um den Henninger-Turm
2ª tappa Bayern Rundfahrt (Mainburg > Zwiesel)
4ª tappa Bayern Rundfahrt (Pfarrkirchen > Dachau)
6ª tappa, 1ª semitappa Deutschland Tour (Koblenz > Bensheim)
4ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (Badalona > Badalona)
5ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (El Masnou > Banyoles)
Sparkassen Giro Bochum
  • 2000 (Team Deutsche Telekom, diciassette vittorie)
5ª tappa Tour Down Under (Gawler > Tanunda)
1ª tappa Vuelta a Andalucía (Cordova > Cordova)
Trofeo Luis Puig
4ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Jativa > Castellon)
4ª tappa Tirreno-Adriatico (Isernia > Luco de Marsi)
Milano-Sanremo
3ª tappa Setmana Catalana (Castello d'Empuries > Vic)
4ª tappa Setmana Catalana (Vic > Cerdanyola del Valles)
Amstel Gold Race
3ª tappa Bayern Rundfahrt (Burghausen > Roding)
2ª tappa Deutschland Tour (Wiesbaden > Pforzheim)
5ª tappa Deutschland Tour (Stuttgart > Ansbach)
8ª tappa Deutschland Tour (Potsdam > Berlin)
2ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (Vilaseca > Vilanova I Geltru)
3ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (Vilanova > Badalona)
19ª tappa Tour de France (Belfort > Troyes)
3ª tappa, 1ª semitappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt
  • 2001 (Team Deutsche Telekom, ventidue vittorie)
1ª prova Challenge de Mallorca (Trofeo Mallorca)
4ª prova Challenge de Mallorca (Trofeo Manacor)
2ª tappa Vuelta a Andalucía (Luque > Jaén)
Trofeo Luis Puig
2ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Sagunto > Denia)
Milano-Sanremo
3ª tappa Bayern Rundfahrt (Pfarrkirchen > Erdin)
4ª tappa Bayern Rundfahrt (Erdin > Aichach)
5ª tappa Bayern Rundfahrt (Aichach > Ansbach)
6ª tappa Bayern Rundfahrt (Ansbach > Forchheim)
2ª tappa Deutschland Tour (Goslar > Erfurt)
3ª tappa Deutschland Tour (Erfurt > Bad Neustadt)
8ª tappa Deutschland Tour (Freudenstadt > Stuttgart)
2ª tappa Tour de Suisse (Rust > Basel)
9ª tappa Tour de Suisse (Sion > Lausanne)
1ª tappa Tour de France (Saint-Omer > Boulogne-sur-Mer)
3ª tappa Tour de France (Anversa > Seraing)
19ª tappa Tour de France (Orléans > Évry)
HEW Cyclassics
2ª tappa Vuelta a España (Salamanca > Valadolid)
3ª tappa Vuelta a España (Valadolid > León)
4ª tappa Vuelta a España (León > Gijon)
  • 2002 (Team Telekom, sedici vittorie)
1ª tappa Tirreno-Adriatico (Massa Lubrense > Sorrento)
1ª tappa Setmana Catalana (Lloret del Mar > Lloret del Mar)
2ª tappa, 1ª semitappa Setmana Catalana (Lloret del Mar > Empuriabrava)
2ª tappa Vuelta a Aragón (Benasque > Barbastro)
Rund um den Henninger-Turm
6ª tappa Bayern Rundfahrt (Marktrewitz > Neumark)
1ª tappa Tour de Luxembourg (Echternach > Dippach)
1ª tappa Deutschland Tour (Wiesbaden > Tauberbischofsheim)
2ª tappa Deutschland Tour (Tauberbischofsheim > Pforzheim)
5ª tappa Deutschland Tour (Bad Dürheim > Friedrichshafen)
7ª tappa Deutschland Tour (Biberach an der Riss > Stuttgart)
2ª tappa Tour de Suisse (Schaffhausen > Domat)
8ª tappa Tour de Suisse (Vevey > Lyss)
6ª tappa Tour de France (Metz > Reims)
1ª tappa Ronde van Nederland (Utrecht > Leeuwarden)
Rund um die Nürnberger Altstadt
  • 2003 (Team Telekom, dieci vittorie)
3ª tappa Vuelta a Murcia (Caravaca de la Cruz > Caravaca de la Cruz)
1ª tappa Setmana Catalana (Lloret De Mar > Lloret De Mar)
5ª tappa Setmana Catalana (Baga > Vic)
5ª tappa Bayern Rundfahrt (Plattling > Grafenau)
1ª tappa Deutschland Tour (Dresda > Altenburg)
Campionato tedesco, prova in linea
3ª tappa Ronde van Nederland (Coevorden > Denekamp)
10ª tappa Vuelta a España (Andorra > Sabadell)
11ª tappa Vuelta a España (Utiel > Cuenca)
Paris-Tours
  • 2004 (T-Mobile Team, sei vittorie)
5ª tappa Vuelta a Andalucía (La Zubía > Almería)
Rund um Köln
7ª tappa Závod Míru (Szklarska Poręba > Teplice)
9ª tappa Závod Míru (Karlovy Vary > Praga)
2ª tappa Bayern Rundfahrt (Roth > Aichach)
5ª tappa Bayern Rundfahrt (Bad Aibling > Pfarrkirchen)
  • 2005 (T-Mobile Team, due vittorie)
Rund um den Henninger-Turm
Paris-Tours
  • 2006 (Team Milram, tre vittorie)
1ª tappa Bayern Rundfahrt (Gunzenhausen > Starnberg)
4ª tappa Vuelta a España (Almendralejo > Cáceres)
21ª tappa Vuelta a España (Madrid > Madrid)
  • 2007 (Team Milram, cinque vittorie)
2ª tappa Bayern Rundfahrt (Gundelfingen > Eichstätt)
3ª tappa Bayern Rundfahrt (Eichstätt > Kitzingen)
2ª tappa Tour de Suisse (Luzern > Luzern)
3ª tappa Deutschland Tour (Pforzheim > Offenburg)
7ª tappa Vuelta a España (Calahorra > Zaragoza)
  • 2008 (Team Milram, una vittoria)
2ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana (Alzira > Xativa)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

  • 1992 (Union Fröndenberg, sette vittoria)
Classifica a punti Závod Míru
  • 1993 (Telekom-Merckx)
Classifica regolarità Vuelta a Burgos
Böblingen (Criterium)
Heilbronn (Criterium)
Regensburg (Criterium)
1ª prova Coca-Cola Trophy (Criterium)
4ª prova Coca-Cola Trophy (Criterium)
Classifica generale Coca-Cola Trophy (Criterium)
  • 1995 (Team Deutsche Telekom-Merckx-Audi)
Spektakel van Steenwijk (Criterium)
  • 1996 (Team Deutsche Telekom)
Classifica a punti Tour de France
Classifica a punti Ronde van Nederland
Continentale Classic (Criterium)
  • 1997 (Team Deutsche Telekom)
City Night Berline (Criterium)
City Nacht Rhede (Criterium)
Grazer Altstadt-kriterium (Criterium)
Herford (Criterium)
Nacht von Hannover (Criterium)
Classifica a punti Tour de France
Ronde d'Aix-en-Provence (Criterium)
Weissenburg
Rund durch Unna - Osterrennen
Classifica a punti Ronde van Nederland
Draai Van de Kaai - Roosendaal (Criterium)
Profronde van Maastricht (Criterium)
Continentale Classic (Criterium)
  • 1998 (Team Deutsche Telekom)
City Nacht Rhede (Criterium)
Classifica generale Coca-Cola Trophy (Criterium)
G.P. von Buchholz (Criterium)
Grazer Altstadt-kriterium (Criterium)
Classifica a punti Tour de France
Schorndorf (Criterium)
  • 1999 (Team Deutsche Telekom)
Ahlener City-Night (Criterium)
City Nacht Rhede (Criterium)
Classifica generale Coca-Cola Trophy (Criterium)
Classifica a punti Deutschland Tour
Classifica a punti Tour de France
Continentale Classic (Criterium)
  • 2000 (Team Deutsche Telekom)
Sparkassen Cup-Schwenningen (Criterium)
Unnaer Sparkassen Cup (Criterium)
Classifica a punti Deutschland Tour
Classifica a punti Tour de France
Classifica generale Coppa del mondo
  • 2001 (Team Deutsche Telekom)
Einhausen - Entega GP (Criterium)
Krefeld - Rund um die Sparkasse (Criterium)
Stuttgart-Hohenheim (Criterium)
Wielerronde van Boxmeer - Daags na de Tour (Criterium)
Classifica a punti Tour de Suisse
Classifica a punti Tour de France
Unnaer Sparkassen Cup (Criterium)
5ª prova Coca-Cola Trophy (Criterium)
Classifica generale Coca-Cola Trophy (Criterium)
Classifica a punti Deutschland Tour
Classifica UCI Road World Rankings
  • 2002 (Team Telekom)
Classifica a punti Deutschland Tour
Classifica a punti Tour de Suisse
Classifica a punti Ronde van Nederland
Classifica a punti Tirreno-Adriatico
Nacht von Hannover (Criterium)
Duisburg (Criterium)
Rund um die Märchenmühle - Kassel
Dortmund - Versatel Classic (Criterium)
Unnaer Sparkassen Cup (Criterium)
Mönchengladbach (Criterium)
Classifica a punti Vuelta a España
Classifica UCI Road World Rankings
  • 2003 (Team Telekom)
Neuss (Criterium)
Wielerronde van Boxmeer - Daags na de Tour (Criterium)
Krefeld-Rund um die Sparkasse (Criterium)
Classifica a punti Deutschland Tour
Classifica a punti Ronde van Nederland
Classifica a punti Vuelta a España
Dortmund - Versatel Classic (Criterium)
  • 2004 (T-Mobile Team)
Schwenningen - Sparkassen Cup (Criterium)
Hammer City-Night (Criterium)
Classifica a punti Vuelta a España
Duisburg (Criterium)
  • 2005 (T-Mobile Team)
Dahme Trophy (Criterium)
Radevormwald (Criterium)
Ratingen - Rund in Ratingen (Criterium)
Unnaer Sparkassen Cup (Criterium)
  • 2006 (Team Milram)
Mönchengladbach (Criterium)
Classifica a punti Deutschland Tour
Nacht von Hannover (Criterium)
Unnaer Sparkassen Cup (Criterium)
Betzdorf City Night (Criterium)
  • 2007 (Team Milram)
Bochum (Derny)
Classifica a punti Deutschland Tour
  • 2008 (Team Milram)
Nacht von Hannover (Criterium)
Bochum (Derny)
Profronde van Surhuisterveen (Criterium)

Pista[modifica | modifica sorgente]

Campionato tedesco orientale, inseguimento a squadre
  • 1995 (Team Deutsche Telekom-Merckx-Audi)
Sechstagerennen München (con Etienne De Wilde)
  • 1996 (Team Deutsche Telekom)
Sechstagerennen Dortmund (con Rolf Aldag)
  • 2000 (Team Deutsche Telekom)
Sechstagerennen Dortmund (con Rolf Aldag)
  • 2001 (Team Deutsche Telekom)
Sechstagerennen München (con Silvio Martinello)
Sechstagerennen Dortmund (con Rolf Aldag)
  • 2005 (T-Mobile Team)
Sechstagerennen München (con Robert Bartko)
Sechstagerennen Dortmund (con Rolf Aldag)

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2005: 63º
2008: 80º
1995: ritirato
2001: 86º
2002: 69º
2003: 72º
2004: 43º
2005: 63º
2006: 62º
2007: 73º
2008: 49º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1993: 94º
1994: 16º
1995: 69º
1996: 39º
1997: vincitore
1998: vincitore
1999: 2º
2000: vincitore
2001: vincitore
2002: 70º
2003: 6º
2004: 2º
2005: 14º
2006: 21º
2007: 6º
2008: 17º
1993: 59º
1994: 22º
1995: 69º
1996: 20º
1997: 36º
1998: 43º
1999: 22º
2000: 4º
2001: 53º
2002: 10º
2003: 43º
2005: 4º
2006: 11º
2007: ritirato
2008: 68º
1995: 44º
1996: 36º
1997: 41º
1998: ritirato
1999: 29º
2000: 3º
2001: ritirato
2002: 26º
2003: 15º
2005: 76º
2006: 12º
1993: 60º
2000: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Scognamiglio, Cavendish, e 4! «Così nasce una leggenda» in archiviostorico.gazzetta.it, 16 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2011.
  2. ^ Nino Minoliti, Da Kelly a Bettini: storie di Coppa in archiviostorico.gazzetta.it, 20 ottobre 2004. URL consultato il 20 giugno 2011.
  3. ^ Parigi-Tours: l'ultima di Zabel, Mengin e della Credit Agricole, www.tuttobiciweb.it. URL consultato il 23 marzo 2011.
  4. ^ Hedwig Kröner, The top ten sprinters of all time in Cyclingnews.com, 21 dicembre 2011. URL consultato il 23 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37808120 LCCN: no2011151351