Walter Godefroot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Godefroot
Walter Godefroot.jpg
Dati biografici
Nazionalità Belgio Belgio
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1979
Carriera
Squadre di club
1965-1966 Wiel's-Gr. Leeuw Wiel's-Gr. Leeuw
1967-1969 Flandria Flandria
1970 Salvarani Salvarani
1971-1972 Peugeot Peugeot
1973 Flandria Flandria
1974-1975 Carpenter Carpenter
1976-1979 Ijsboerke Ijsboerke
Nazionale
1964-1979 Belgio Belgio
Carriera da allenatore
1980 Ijsboerke
1981-1982 Capri Sonne
1984 Kwantum Hallen Kwantum Hallen
1985-1988 Lotto Lotto
1989 Lotto Lotto
Domex-Weinmann
1990-1991 Weinmann
1992-1994 Telekom Telekom
1995-2001 Deutsche Telekom Deutsche Telekom
2002-2003 Telekom Telekom
2004-2005 T-Mobile T-Mobile
2006 Liberty Seguros Liberty Seguros
2006 Würth Team Würth Team
2007 Astana Astana
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Bronzo Tokyo 1964 In linea
Statistiche aggiornate al 29 ottobre 2010

Walter Godefroot (Gand, 2 luglio 1943) è un dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard belga. Fu bronzo olimpico nel 1964 nella prova individuale in linea, mentre tra i professionisti vinse due Giri delle Fiandre, una Parigi-Roubaix, una Liegi-Bastogne-Liegi e dieci tappe al Tour de France.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1965, fu uno specialista delle corse di un giorno: in carriera si aggiudicò tre classiche monumento – Liegi-Bastogne-Liegi (1967), Paris-Roubaix (1969) e Giro delle Fiandre (1968, 1978) – guadagnandosi al contempo il soprannome di Bulldog delle Fiandre[1]. Fece inoltre sua la maglia verde della classifica a punti al Tour de France 1970 e fu il primo a vincere sull'ormai classico finale sugli Champs-Élysées nel 1975. Il 25 maggio 2007 Bjarne Riis, vincitore del Tour de France 1996 e membro del Team Telekom del quale Godefroot era l'allenatore, ammise l'uso di EPO. Riis affermò che Godefroot avrebbe chiuso un occhio nell'uso di sostanze dopanti nella squadra[2]. Il manager belga tuttavia negò l'uso di Epo nel team tedesco[3].

Durante gli anni alla Telekom, ha guidato sapientemente al successo corridori come Bjarne Riis, Jan Ullrich ed Erik Zabel. Riguardo agli ultimi due atleti Godefroot disse che se si potesse miscelare il talento di Ullrich con la testa e la serietà di Zabel avremmo a che fare con un nuovo Eddy Merckx.[4] Prima della stagione 2006 Walter Godefroot lasciò la Telekom e il suo posto fu preso da Olaf Ludwig. Passò all'Astana più avanti nella stagione, su espressa richiesta del capitano Aleksander Vinokurov[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Gent-Staden
Circuit du Sud-Ouest
Campionati belgi, Prova in linea
1ª tappa Giro del Belgio
Dwars door Vlaanderen
1ª tappa, 1ª semitappa Volta Ciclista a Catalunya
1ª tappa, 2ª semitappa Volta Ciclista a Catalunya
3ª tappa Volta Ciclista a Catalunya
6ª tappa Volta Ciclista a Catalunya
8ª tappa Volta Ciclista a Catalunya
Liegi-Bastogne-Liegi
1ª tappa Tour de Romandie (Ginvera > Sierre)
7ª tappa, 1ª semitappa Tour de Suisse (Mohlin > Brugg)
1ª tappa, 2ª semitappa Tour de France (Angers > Saint-Malo)
Nokere Koerse
Dwars door Vlaanderen
3ª tappa Vuelta a Andalucía
8ª tappa Vuelta a Andalucía
2ª tappa Paris-Nice (Blois > Nevers)
6ª tappa Paris-Nice (Pont-Saint-Esprit > Marignane)
Giro delle Fiandre
Gand-Wevelgem
2ª tappa Tour de Suisse (Langenthal > Binningen)
3ª tappa, 2ª semitappa Tour de France (Forest > Roubaix)
9ª tappa Tour de France (Royan > Bordeaux)
6ª tappa, 2ª semitappa Circuit des Six Provinces
3ª tappa Tour de Suisse (Binningen > Solothurn)
Tour de Wallonnie
Parigi-Roubaix
Grote Scheldeprijs
Gran Premio del Canton Argovia
3ª tappa Giro del Belgio
Giro della Provincia di Reggio Calabria
Meisterschaft von Zürich
8ª tappa Giro d'Italia (Rovereto > Bassano del Grappa)
4ª tappa Tour de France (Rennes > Lisieux)
5ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Lisieux > Rouen)
7ª tappa Vuelta a España (Barcellona > Manresa)
8ª tappa Vuelta a España (Balaguer > Jaca)
1ª tappa, 2ª semitappa Setmana Catalana de Ciclismo (Castelldefels > Reus)
9ª tappa Tour de France (Clermont Ferrand > Saint-Étienne)
Campionati belgi, Prova in linea
5ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Royan > Bordeaux)
1ª tappa Giro del Belgio
Circuit de Flandre orientale
Circuit du Brabant central
Omloop der drie Provinicien
5ª tappa Vuelta a Andalucía
4ª tappa, 1ª semitappa Paris-Nice (Tournon > Valence)
5ª tappa Tour de France (Nancy > Mulhouse)
16ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Fleurance > Bordeaux)
Rund um den Henninger-Turm
Campionato di Zurigo
3ª tappa, 1ª semitappa Quattro Giorni di Dunkerque (Saint-Quentin > Valenciennes)
Classifica generale Quattro Giorni di Dunkerque
22ª tappa Tour de France (Champs-Élysées)
2ª tappa Giro del Belgio
3ª tappa, 1ª semitappa Quattro Giorni di Dunkerque (Saint-Quentin > Saint-Amand-les-Eaux)
Giro delle Fiandre

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica a punti Tour de France
Circuit de l'Aulne (Criterium)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1970: 55º
1978: ritirato (12ª tappa)
1967: 60º
1968: 20º
1970: 29º
1971: fuori tempo massimo (11ª tappa)
1972: 44º
1973: 65º
1975: 51º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1967: 7º
1968: 9º
1969: 5º
1970: 5º
1971: 21º
1973: 10º
1974: 7º
1975: 30º
1976: 9º
1977: 16º
1966: 27º
1967: 15º
1968: vincitore
1969: 13
1970: 2º
1971: 19º
1973: 6º
1975: 14º
1976: 8º
1977: 2º
1978: vincitore
1979: 8º
1966: 20º
1967: 34º
1968: 3º
1969: vincitore
1970: 5º
1971: 13º
1973: 2º
1974: 18º
1975: 8º
1976: 5º
1977: 15º
1978: 11º
1979: 13º
1966: 4º
1967: vincitore
1968: 2º
1969: 18º
1973: 3º
1974: 14º
1975: 3º
1976: 12º
1979: 30º
1968: 14º
1971: ritirato
1974: 22º
1976: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda anagrafica di Walter Godefroot, www.museociclismo.it. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  2. ^ (EN) Tour winner Riis admits to doping in http://edition.cnn.com, 25 maggio 2004. URL consultato il 9 agosto 2012.
  3. ^ (EN) Godefroot denies Telekom doping in http://www.cyclingnews.com, 5 giugno 2007. URL consultato il 9 agosto 2012.
  4. ^ http://www.bikeradar.com/news/article/godefroot-jan-zabel-merckx-9001/ URL consultato in data 5 maggio 2013.
  5. ^ (EN) Godefroot to manage Astana in http://www.cyclingnews.com, 21 giugno 2006. URL consultato il 9 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]