Igor Astarloa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Igor Astarloa
Igor Astarloa nel 2006
Igor Astarloa nel 2006
Nome Igor Astarloa Askasibar
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2010
Carriera
Squadre di club
2000-2001 Mercatone Uno
2002-2003 Saeco
2004 Cofidis
2004 Lampre
2005-2006 Barloworld
2007-2008 Milram
2009 Amica Chips
Nazionale
2002-2005 Spagna Spagna
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Hamilton 2003 In linea
Statistiche aggiornate al 3 ottobre 2008

Igor Astarloa Askasibar (San Sebastián, 29 marzo 1976) è un ex ciclista su strada spagnolo, campione del mondo in linea nel 2003 a Hamilton.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passò professionista nel 2000 con la squadra italiana Mercatone Uno-Albacom, e nei due anni subito seguenti ottenne tre vittorie, due delle quali al Brixia Tour. Le sue caratteristiche da corridore di un giorno lo portarono a vincere nel 2003 prima la Freccia Vallone e poi, il 12 ottobre, la prova in linea del campionato del mondo su strada di Hamilton, in Canada: qui, grazie ad uno scatto a tre chilometri dall'arrivo, riuscì a precedere per soli 5 secondi tre ciclisti del calibro di Alejandro Valverde, Peter Van Petegem e Paolo Bettini.[1] In quella stessa stagione si guadagnò il trasferimento dalla Saeco Macchine per Caffè, per cui correva dal 2002, alla Cofidis.

Per la questione doping che colpì la squadra francese, fu costretto a lasciarla in quello stesso 2004[2], per approdare alla corte di Giuseppe Saronni nella squadra Lampre. Negli anni seguenti non riuscì più a trovare la forma per tornare ai livelli del 2003, conquistando comunque, dopo il passaggio al Team Barloworld, la Milano-Torino 2006.

Nel 2008, in forza al Team Milram, partecipò al Giro d'Italia, ritirandosi però dopo la prima tappa; alla fine di maggio venne quindi licenziato dalla squadra per "valori sanguinei irregolari".[3] Annunciò il ritiro dall'attività agonistica nel gennaio 2010.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001 (Mercatone Uno, una vittoria)
Gran Premio Primavera
  • 2002 (Saeco, due vittorie)
2ª tappa Brixia Tour
Classifica finale Brixia Tour
  • 2003 (Saeco, tre vittorie)
Freccia Vallone
3ª tappa Volta a la Comunitat Valenciana
Jersey rainbow.svg Campionati del mondo, Prova in linea
  • 2004 (Cofidis, una vittoria)
1ª tappa Brixia Tour
  • 2005 (Barloworld, una vittoria)
2ª tappa Vuelta Burgos
  • 2006 (Barloworld, una vittoria)
Milano-Torino

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica a punti Brixia Tour
Classifica a punti Vuelta Burgos

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2002: 53º
2004: 56º
2006: ritirato (2ª tappa)
2001: ritirato (10ª tappa)
2002: 63º
2003: ritirato (11ª tappa)
2004: ritirato (12ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2001: 128º
2002: 162º
2003: 37º
2004: 6º
2006: 11º
2007: 72º
2001: 11º
2002: 57º
2003: 35º
2006: 21º
2007: ritirato
2008: ritirato
2002: 23º
2003: ritirato
2004: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Astarloa stuns Hamilton field in news.bbc.co.uk, 12 ottobre 2003. URL consultato il 29 maggio 2011.
  2. ^ (FR) Cofidis se retire des compétitions in Le Parisien, 10 aprile 2004. URL consultato il 16 marzo 2010.
  3. ^ (EN) Milram terminates Astarloa's contract in www.cyclingnews.com, 30 maggio 2008. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  4. ^ (EN) Peter Cossins, Astarloa retires with good and bad memories in www.cyclingnews.com. URL consultato il 29 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]