Limoges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Limoges
comune
Limoges – Stemma
Limoges – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Limousin.svg Limosino
Dipartimento Blason département fr Haute-Vienne.svg Alta Vienne
Arrondissement Limoges
Cantone Cantoni di Limoges
Amministrazione
Sindaco Alain Rodet dal 26 agosto 1990
Territorio
Coordinate 45°51′N 1°15′E / 45.85°N 1.25°E45.85; 1.25 (Limoges)Coordinate: 45°51′N 1°15′E / 45.85°N 1.25°E45.85; 1.25 (Limoges)
Altitudine 294 m s.l.m.
Superficie 78,03 km²
Abitanti 141 569[1] (2009)
Densità 1 814,29 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 87000, 87100 e 87280
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 87085
Nome abitanti Limougeaud(s) - Limougeaude(s)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Limoges
Sito istituzionale

Limoges (Lemòtges o Limòtges in occitano) è un comune francese della Francia centro-occidentale, capoluogo nel dipartimento dell'Alta Vienne e della regione del Limosino.

La città è attraversata dal fiume Vienne, ed è situata 220 km a nord-est della città di Bordeaux, 290 km a nord di Tolosa e 390 km a sud di Parigi. Con 141.569[1] abitanti è la ventiquattresima città francese, posta al centro di un agglomerato di 210.000 abitanti. La sua area urbana conta 281.180[2] abitanti, la trentaseiesima per popolazione della Francia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Antichità e Medioevo[modifica | modifica sorgente]

Età moderna e contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

la Cattedrale di Santo Stefano

Oltre che avere dato i natali al pittore impressionista Pierre-Auguste Renoir, Limoges è universalmente conosciuta per la sua porcellana ed i suoi smalti, che nel Medioevo e nel Rinascimento si esportavano in tutta Europa.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Persone legate a Limoges[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jean Levet, Histoire de Limoges, 2 tomi, René Dessagne, 1973.
  • Pierre Saumande, «Mystérieux Limoges souterrain», dans Lemouzi, no 114 bis, giugno 1990
  • Georges Vérynaud, Limoges, naissance et croissance d'une capitale régionale, Éd. de la Veytisou, 1994.
  • Jean-Pierre Loustaud, «Limoges antique», nel Travaux d'archéologie limousine, 2000
  • Gilbert Font, Limoges, le grand bond en avant, deux siècles de transformations 1815-2006, Éd. Lavauzelle, 2006 (ISBN 2-7025-1320-4).
  • Chantal Meslin-Perrier, Limoges deux siècles de porcelaine, Éd. L'amateur, 2002 (ISBN 2-85917-355-2).
  • Jean Marc Ferrer et Philippe Grandcoing, Une histoire de Limoges, Culture et patrimoine en Limousin, 2003 (ISBN 2-911167-33-3).
  • Jean Marc Ferrer et Véronique Notin, L'art de l'émail à Limoges, Culture et patrimoine en Limousin, 2005 (ISBN 2-911167-44-9).
  • Vincent Brousse, Dominique Danthieux e Philippe Grandcoing, 1905, le printemps rouge de Limoges, Culture et patrimoine en Limousin, 2005 (ISBN 2-911167-41-4).
  • Jean Levet, La maîtrise des bouchers du Château de Limoges, 1630 - 1828, autoedizione, 2007 (ISBN 978-2-9527903-0-7)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia