Nîmes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nîmes
comune
Nîmes – Stemma
(dettagli)
Nîmes – Veduta
Dati amministrativi
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Languedoc-Roussillon.svg Linguadoca-Rossiglione
Dipartimento Blason département fr Gard.svg Gard
Arrondissement Nîmes
Cantone Cantoni di Nîmes
Territorio
Coordinate 43°50′N 4°21′E / 43.833333°N 4.35°E43.833333; 4.35 (Nîmes)Coordinate: 43°50′N 4°21′E / 43.833333°N 4.35°E43.833333; 4.35 (Nîmes)
Altitudine 39 m s.l.m.
Superficie 161,8 km²
Abitanti 143 917[1] (2009)
Densità 889,47 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 30000
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 30189
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Nîmes
Sito istituzionale

Nîmes è un comune francese di 143.917 abitanti capoluogo del dipartimento del Gard nella regione della Linguadoca-Rossiglione. Il centro abitato ha origini preromane ma assunse caratteristiche urbane in età romana, divenendo una delle più importanti e fiorenti città delle Gallie. La presenza di prestigiosi monumenti romani come l' Anfiteatro, la Maison Carrée, la Tour Magne, la Porta d'Arles, i resti del Tempio di Diana, e, nelle sue vicinanze, di una delle più straordinarie opere di ingegneria dell'antichità romana, il Ponte del Gard, hanno valso alla città l'appellativo di Roma francese. Oltre che per il cospicuo patrimonio architettonico e monumentale, Nîmes è anche conosciuta per l'importanza dei suoi musei, per la vivace vita culturale e sociale e per il fascino che gli deriva da una doppia eredità regionale, di Provenza e della Linguadoca, che tanta parte ha avuto nella sua storia. La città si è così da tempo convertita in un centro turistico di fama internazionale che ogni annuo richiama un consistente flusso di visitatori da ogni parte del mondo.

Clima[modifica | modifica sorgente]

La città ha un clima mediterraneo, caldo d'estate, ma non torrido (con una media che ruota attorno ai 23°C) e mite d'inverno (7° circa di media), pur essendo soggetta all'influenza del mistral, vento freddo che può superare i 100 km all'ora e provocare gelate forti e improvvise (il 3 febbraio 1948 si registrò la temperatura minima storica assoluta di -14,0°C). Le precipitazioni (744 mm annui di media per il periodo 1920-2013) sono relativamente abbondanti e abbastanza ben distribuite da settembre a maggio. L'estate, pur essendo più asciutta delle restanti stagioni, non presenta tuttavia l'aridità tipica che si riscontra in altre contrade mediterranee. Le precipitazioni di tipo nevoso costituiscono un fenomeno piuttosto raro, mentre mediamente i giorni di gelo sono 24 all'anno. Dai dati in nostro possesso Nîmes risulta essere, con quasi 2.700 ore di sole all'anno, una delle città più assolate di Francia.[2]

Staz. di Nîmes-Courbessac (1920-2013) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Anno
Temp. minima media (°C) 2,4 3,0 5,5 8,0 11,5 15,2 17,8 17,5 14,7 10,8 6,1 3,2 9,7
Temp. media (°C) 6,5 7,5 10,4 13,2 17,0 21,0 24,0 23,6 20,1 15,5 10,3 7,1 14,7
Temp. massima media (°C) 10,5 12,0 15,3 18,3 22,4 26,8 30,2 29,5 25,4 20,1 14,4 10,9 19,7
Precipitazioni (mm) 59,7 48,2 60,5 61,1 63,2 38,1 26,5 46,7 88,5 104,6 82,1 65,0 744,4
Giorni di pioggia 6,1 4,9 6,2 6,2 6,1 4,5 2,8 3,9 5,1 6,5 6,8 6,2 65,5
Giorni di gelo 8,2 5,9 1,7 0,1 0 0 0 0 0 0 1,7 6,4 24,1
Ore di sole 143,1 156,6 206,7 233,8 266,8 310,1 350,5 307,7 239,9 180,0 144,2 130,9 2.670,3

Storia[modifica | modifica sorgente]

La città deve il suo nome dal dio celtico Nemausus, adorato nell'antichità come patrono della città stessa. Lo stemma della città - un coccodrillo incatenato ad una palma - è invece un riferimento alla sua origine romana: l'attuale città venne infatti fondata come colonia dai legionari reduci dalle campagne egiziane di Cesare. La scritta "COLNEM" che appare sempre nello stemma è un'abbreviazione per "Colonia Nemausus".

Monumenti principali[modifica | modifica sorgente]

  • La Cattedrale di Notre-Dame-et-Saint-Castor
  • Les Arènes, anfiteatro romano (I secolo). Trasformato in fortezza durante il medioevo, ospita spettacoli e corride.
  • La Maison Carrée, tempio romano di epoca imperiale (I secolo), un tempo posto al centro del foro della città romana.
  • La Tour Magne, principale torre della cinta fortificata di epoca romana, posta sulla collina che domina Nîmes, si eleva ancora per 32 metri (pur avendo perso il terzo livello).
  • I Giardini della Fontana, realizzati nel XVII secolo su un precedente sito, comprendono anche le rovine del cosiddetto "tempio di Diana".
  • Il Castellum, punto di arrivo dell'acquedotto (famoso per il Ponte del Gard, è un bacino per la distribuzione delle acque scavato nella roccia del diametro di 5,9 metri e profondo 1,4 metri).
  • Le uniche due porte romane rimaste, la Porta di Arles (o Porta Augusto) e la porta di Francia (o Porta di Spagna).

Sport[modifica | modifica sorgente]

La squadra calcistica della città, il Nîmes Olympique, la squadra milita attualmente (2013) nella Ligue 2, la seconda serie calcistica francese.

La squadra locale di rugby, l'RC Nîmes, milita in terza divisione (Federale 1).

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Nîmes è gemellata con le seguenti città:

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Galleria d'immagini[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ La stazione di riferimento, Nîmes-Courbessac (Coord. in DMS: 43°51'N e 4°25'E) è situata nella periferia orientale di Nîmes, a 5 km circa dal centro della città e a 59 m.s.l.m.. I dati riportati nel testo e nella tabella climatologica, relativi agli anni 1920-2013 sono estratti dal sito Météoclimat
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia