Papa Adriano IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Adriano IV
Pope Hadrian IV.jpg
169º papa della Chiesa cattolica
Elezione 4 dicembre 1154
Insediamento 5 dicembre 1154
Fine pontificato 1º settembre 1159
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Anastasio IV
Successore papa Alessandro III
Nome Nicholas Breakspear
Nascita Abbots Langley, ca. 1100
Morte Anagni, 1º settembre 1159
Sepoltura Grotte Vaticane

Adriano IV, nato Nicholas Breakspear (Abbots Langley, 1100 circa – Anagni, 1º settembre 1159), fu il 169º papa della Chiesa cattolica dal 1154 alla morte. Adriano IV è finora l'unico britannico ad essere diventato Papa[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che Adriano sia nato ad Abbots Langley, nell'Hertfordshire (una contea dell'Inghilterra orientale), e che abbia ricevuto la sua prima istruzione all' Abbey School di St Albans (oggi St Albans School). Dotato di ampiezza di vedute e fermezza di carattere, suo padre era Robert, un sacerdote della diocesi di Bath, che divenne monaco a St Albans. A Nicholas stesso, comunque, venne rifiutata l'ammissione al monastero, essendogli stato detto dall'abate di «...aspettare e continuare gli studi di modo da poter essere considerato più adatto»[2]. Nicholas non attese e si recò invece in Francia. Entrò nella congregazione dei canonici regolari, entrando monastero di Saint-Ruf nei pressi di Arles[oppure ad Avignone?]. Qui divenne priore e nel 1137 venne eletto abate all'unanimità.

Come abate, il suo zelo riformatore fece sì che le lamentele nei suoi confronti, per la sua intransigente austerità, arrivassero fino a Roma; ma queste critiche non fecero altro che attrarre su di lui la favorevole attenzione di papa Eugenio III, che nel concistoro del 1146 lo nominò cardinale vescovo di Albano. Fu allora che nacque a suo riguardo l'espressione: «riuscì ad Albano dopo aver fallito ad Albans».[senza fonte]

Dal 1152 al 1154 Nicholas fu in Scandinavia come legato pontificio, organizzando la nuova arcidiocesi norvegese di Nidaros e prendendo accordi che ebbero come risultato, nel 1154, il riconoscimento di Uppsala quale sede dell'arcivescovo metropolita svedese. In compenso del territorio sottrattogli, l'arcivescovo danese di Lund venne reso legato e vicario perpetuo e gli venne concesso il titolo di primate di Danimarca e Svezia.

Le conquiste di Manuele I di Bisanzio in rosso, le conquiste del Papa in viola, e il Regno normanno in verde (1156).

L'elezione al Soglio pontificio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Conclave del 1154.

Al suo ritorno Nicholas venne ricevuto con grandi onori da Papa Anastasio IV che morì in Roma il 3 dicembre 1154, a un'età molto avanzata. Il Sacro Collegio si riunì nella Basilica Vaticana il giorno successivo per procedere all'elezione del suo successore. Fu il primo conclave cui Nicholas Breakspear ebbe occasione di partecipare.

Il pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Nicholas Breakspear venne eletto papa il 4 dicembre 1154 e fu consacrato il giorno dopo.

La Repubblica romana, capeggiata da Arnaldo da Brescia, non accettò la sua elezione. Scoppiarono tumulti che portarono persino all'uccisione di un cardinale. Adriano IV, asserragliatosi in San Pietro, intraprese un'azione mai fatta in precedenza: poco dopo la Domenica delle Palme del 1155 lanciò l'interdetto contro Roma. Ciò significava la cessazione automatica di tutte le funzioni religiose: non venivano più somministrati i sacramenti e i morti non potevano più essere sepolti in terra consacrata. Di conseguenza il popolo si sollevò contro il Senato, che esiliò Arnaldo da Brescia. A quel punto il papa tolse l'interdetto e celebrò la Pasqua in Laterano.

Intanto Federico I Barbarossa era sceso in Italia; Adriano IV gli chiese di consegnargli Arnaldo da Brescia. Non appena il monaco venne tradotto a Roma, fu condannato a morte. Federico Barbarossa fu incoronato nella Basilica di San Pietro il 18 giugno 1155.

I romani si rivoltarono verso il pontefice; l'imperatore fu costretto a fuggire portandosi dietro papa e cardinali, che abbandonò pochi mesi dopo per rientrare in Germania. Il papa si vide quindi costretto a scambiare il proprio rientro a Roma con l'incoronazione del normanno Guglielmo I di Sicilia (novembre 1156). Nello stesso periodo Adriano IV risiedette con la propria corte ad Orvieto, con l'obiettivo di riportare all'interno del patrimonium sancti Petri la città e il suo contado, ritenuti d'interesse strategico per la Chiesa. Tra l'altro, infatti, il pontefice dispose che Orvieto fornisse protezione alla Chiesa in un vasto territorio compreso tra Sutri e la rocca di Tentennano, in val d'Orcia.

Alla dieta di Besançon, nell'ottobre 1157, i legati papali presentarono a Federico Barbarossa una lettera di Adriano in cui il papa alludeva ai beneficia conferiti all'imperatore, e il cancelliere tedesco tradusse questo termine nel senso feudale di "proprietà" concesse da un signore ad un vassallo. Il Barbarossa si infuriò per l'allusione che egli fosse sottoposto al papa e nella tempesta che ne scaturì i legati per poco non furono giustiziati. L'incidente si chiuse con una lettera riparatrice del Papa, il quale precisò che con beneficium intendeva semplicemente bonum factum ovvero la "buona azione" dell'incoronazione. La frattura in seguito si allargò e, nel 1158, Federico scese nuovamente in Italia; nella dieta di Roncaglia decretò che i diritti dello Stato non potessero essere esercitati senza la concessione imperiale. Il papa gli rifiutò il diritto di trattare con l'Urbe, considerando i romani sudditi pontifici. Adriano era sul punto di scomunicare l'imperatore, quando morì ad Anagni, il 1º settembre 1159. Proferì le sue ultime parole per chiedere alla chiesa di Canterbury un'elemosina per la sua vecchia madre che restava sola, in estrema povertà. Venne sepolto nella cripta di San Pietro.

Esiste una controversia su un'ambasciata inviata da re Enrico II d'Inghilterra ad Adriano IV, nel 1155. Secondo le complesse indagini di Thatcher[senza fonte], i fatti sembrano essersi svolti come segue. Enrico chiese il permesso di invadere e soggiogare l'Irlanda, allo scopo di ottenere la proprietà assoluta dell'isola. Non volendo acconsentire ad una richiesta contraria alla pretesa papale (basata sulla falsa Donazione di Costantino) di dominio sulle isole del mare, Adriano fece ad Enrico una proposta conciliatoria, e precisamente che il Re sarebbe diventato possessore feudale ereditario d'Irlanda, riconoscendo il Papa come signore. Il compromesso non soddisfece Enrico e la questione cadde nel vuoto. Successivamente, nel 1171, Enrico invase e conquistò l'Irlanda, portando con sé la bolla Laudabiliter di Adriano che lo autorizzava alla conquista. Questa bolla comunque era un falso.

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Giovanni di Salisbury, filosofo e scrittore inglese che fu vescovo di Chartres nella seconda metà del secolo XII, Nicholas Breakspear sarebbe stato posseduto da grande avarizia accompagnata da una smodata sete di potere, vizi che sarebbero scomparsi con l'ascesa al soglio pontificio. Questa fama tuttavia diede luogo a due curiose interpretazioni letterarie:[3] Dante Alighieri pare aver confuso, forse per l'identità del nome scelto dai due papi, Adriano V con Adriano IV, collocando papa Ottobono Fieschi in Purgatorio, nel girone degli avari e prodighi,[4] anche se in realtà non vi sono conferme di quest'avarizia riguardo a papa Adriano V. Nel medesimo equivoco cadde Francesco Petrarca nel suo Rerum Memorandum Liber,[5] ma il poeta aretino ne fece successivamente ammenda rettificando il suo errore in una delle sue epistole raccolte nel Familiarium rerum libri.[6]

Cardinali creati da Adriano IV[modifica | modifica wikitesto]

Adriano IV tenne tre concistori nel corso dei quali creò 24 cardinali.

Concistoro del dicembre 1155[modifica | modifica wikitesto]

Nel concistoro del dicembre 1155 papa Adriano creò i seguenti cardinali:[7]

Concistoro del febbraio 1158[modifica | modifica wikitesto]

Nel concistoro del febbraio 1158 furono creati cardinali:[7]

  • Cinzio Papareschi (o di Guidoni Papareschi), nipote di Innocenzo II. † poco dopo il 18 giugno 1182.
  • Pietro di Miso. † dopo il 7 luglio 1182.
  • Raimondo il Maestro. † circa 1166.
  • Giovanni de' Conti di Segni. † circa 1196.
  • Simeone Borelli, O.S.B., detto Sangrino, dei conti di Pietrabondante, abate di Subiaco. † circa 1163. (Partecipò all'elezione dell'antipapa Vittore IV)

Concistoro del febbraio 1159[modifica | modifica wikitesto]

Nel terzo ed ultimo concistoro, tenuto nel febbraio del 1159, papa Adriano IV nominò:[7]

  • Gualterio (o Valtero). † 1178 o all'inizio del 1179.
  • Giovanni. † (?)
  • Pietro. † (?)
  • Jacopo. † prima del 1181.
  • Gerardo. † circa 1164.
  • Uberto. † prima del 1180.
  • Gregorio. † (?).
  • Milo (?) (o Guido). † poco dopo il 14 luglio 1161.
  • Romano. † (?).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'elezione del cardinale Walter Winterbourne avvenuta centocinquant'anni dopo, nel giorno di Natale del 1304, nel conclave che seguì la morte di papa Benedetto XI, infatti fu respinta dal designato a causa dell'improvviso insorgere di una grave malattia che di lì a qualche mese lo portò nella tomba).
  2. ^ Dalle cronache dell'abbazia.
  3. ^ Claudio Rendina, I papi, Roma, Ed. Newton Compton, 1990. p. 422
  4. ^ Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio - Canto diciannovesimo vv.88-145
  5. ^ Francesco Petrarca, Rerum Memorandum Liber, III, 95
  6. ^ Francesco Petrarca, Familiarium rerum libri, IX, 25-28
  7. ^ a b c (EN) The Cardinals of the Holy Roman Church: Concistories of Adrian IV

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario dei papi, a cura di Dorina Alessandra, Carnago, SugarCo Edizioni, 1995, ISBN 88-7198-373-4, sub voce
  • (FR) Annuaire Pontifical Catholique, Maison de la Bonne Presse, Paris,1935
  • Federico A. Rossi di Marignano, Federico Barbarossa e Beatrice di Borgogna. Re e regina d'Italia, Oscar Mondadori 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Anastasio IV 4 dicembre 1154 - 1º settembre 1159 Papa Alessandro III
Predecessore Cardinale vescovo di Albano Successore CardinalCoA PioM.svg
Pietro Papareschi (1142-1146) 1146-1154 Gualtiero (1159-1179)

Controllo di autorità VIAF: 25397217 LCCN: n85287832