Papa Leone VIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Leone VIII
Pope Leo VIII.jpg
131º papa della Chiesa cattolica
Elezione 4 dicembre 963
Consacrazione 6 dicembre 963
Fine pontificato 1º marzo 965
Predecessore papa Benedetto V
Successore papa Giovanni XIII
Nascita Roma, ?
Morte 1º marzo 965

Leone VIII (Roma, ... – 1º marzo 965) fu il 132º papa della Chiesa cattolica. Fu papa effettivo per ben due volte distinte, dal 963 al 964 (periodo in cui è considerato dalla Chiesa "antipapa") e dal 964 al 965.

Elezione di Leone[modifica | modifica sorgente]

Romano di nascita, non apparteneva al clero, ma era un laico: reggeva l'incarico di protoserinus (ovvero protoscrinario, esponente della burocrazia pontificia) quando venne eletto al soglio pontificio, su istanza di Ottone I, dal sinodo romano che aveva deposto Papa Giovanni XII il 4 dicembre 963.
Ricevette la consacrazione due giorni dopo la sua elezione. Dovette fare i conti però con il popolo romano, che non accettava il Privilegio di Ottone.

Fine del primo pontificato[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio 964 l'imperatore ripartì per la Germania; il nuovo papa rimase quindi solo davanti alla popolazione romana. Per Leone l'unica salvezza rimaneva la fuga, in séguito alla quale, il 26 febbraio, dopo appena due mesi e mezzo di regno, fu deposto da un sinodo tenuto sotto la presidenza dell'ex-papa Giovanni XII che ridivenne pontefice.
Dopo poco tempo però Giovanni XII morì improvvisamente ed il popolo fu chiamato nuovamente a eleggere il suo successore.

Benedetto V, il successore di Giovanni XII[modifica | modifica sorgente]

A Leone VIII, imposto dall'imperatore, popolo e clero romano opposero un cardinal diacono, Benedetto V, che chiesero a Ottone di accettare al posto di Leone.
Ottone rifiutò ritornando in Italia con l'esercito e portando assedio a Roma, fino a costringere i romani ad accettare Leone VIII. Benedetto V fu deposto il 23 giugno 964, accettando egli stesso Leone come pontefice, così lo stesso giorno Leone VIII passò da antipapa a papa (o divenne papa per la seconda volta).

Da antipapa a papa: il secondo pontificato[modifica | modifica sorgente]

La tradizione racconta che, al sinodo che depose Benedetto, Leone concesse all'imperatore e ai suoi successori pieni diritti d'investitura come sovrani d'Italia, ma la genuinità dei documenti sui quali si basa questa ipotesi è più che dubbia.[1] Il cronista Liutprando riferisce che Benedetto, spogliato degli abiti e delle insegne pontificali, si inginocchiò di fronte a Leone, in segno di umiltà e volontaria sottomissione al "nuovo" pontefice: nelle intenzioni di Benedetto, un'abdicazione volontaria. Leone VIII, in tutta risposta, gli spezzò addosso il bastone pastorale: è la prima menzione dello scettro papale.[1]

Dopo la sua deposizione, Benedetto ridivenne diacono. Finì i suoi giorni in esilio ad Amburgo, nella Germania del nord, per volere di Ottone. Dopo la morte di Leone, molti chiesero il reintegro di Benedetto, ma Ottone rifiutò e al suo posto fece eleggere Giovanni XIII.

Legittimità di Leone VIII[modifica | modifica sorgente]

Molti dubbi sono sorti, nei secoli, sia sul sinodo che depose Giovanni XII rendendo Leone papa la prima volta, sia su quello che depose Benedetto V rendendo Leone papa la seconda volta; perciò molti elenchi papali medievali non lo annoverano, né il suo ritratto è presente, a San Paolo Fuori le Mura, tra quello di Benedetto V e Giovanni XIII. Di fatto però, nel 1049, appena 85 anni dopo la sua morte, il successivo Leone prese il numerale "IX" anziché riprendere "VIII".
Oggi molti elenchi papali mettono in rilievo questi dubbi ponendo Leone VIII prima di Benedetto V e sovrapponendo, nello stesso mese, i loro pontificati, in quanto, formalmente, Leone fu eletto prima di Benedetto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ambrogio M. Piazzoni, Storia delle elezioni pontificie, Casale Monferrato (AL), Edizioni Piemme S.p.A., 2005. ISBN 88-384-1060-7. p. 102

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Benedetto V 4 dicembre 963 - 1º marzo 965 Papa Giovanni XIII

Controllo di autorità VIAF: 232240957 LCCN: nb2007024721