Papa Giovanni XIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Papa Giovanni XIII
Papa Ioannes XIII.jpg
133º papa della Chiesa cattolica
Ikkon Papa Giovanni XIII 2 small.JPG
Elezione settembre 965
Consacrazione 1º ottobre 965
Fine pontificato 6 settembre 972
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Leone VIII
Successore papa Benedetto VI
Nome Giovanni dei Crescenzi
Nascita Roma, forse 910
Morte Roma, 6 settembre 972
Sepoltura Basilica di San Paolo fuori le mura

Giovanni XIII, nato Giovanni dei Crescenzi (Roma, ... – Roma, 6 settembre 972), fu il 133º papa della Chiesa cattolica dal 1º ottobre 965 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di nome Giovanni, vescovo di Narni, figlio di Giovanni - suo padre era probabilmente Giovanni de' Crescenzi detto "Giovanni Crescenzi I" (✝ 960) - e di Teodora II dei Teofilatti (✝ 950); suo fratello sarebbe Crescenzio II (✝ 984) il patricius Romanorum, sua sorella Stefania signora di Palestrina, e suo nonno Crescenzio I (✝ 950).

Papa Giovanni XIII

Suo padre divenne vescovo dopo la morte del genitore e della moglie, per cui gli storici tendono a identificarlo proprio con Giovanni Crescenzi I detto "Episcopus", ma la parentela di Giovanni XIII con i Crescenzi è tuttora dibattuta da alcuni storici. La madre Teodora II era la secondogenita di Teodora I (✝ 916) e sorella minore di Marozia (✝ 955): ciò vuol dire che Giovanni XIII sarebbe cugino di primo grado di Giovanni XI (figlio di Marozia e Sergio III, morto a soli 26 anni trent'anni prima) e cugino di secondo grado di Giovanni XII (figlio di Alberico II - a sua volta figlio di Marozia e cugino di primo grado, di conseguenza, di Giovanni XIII - morto a soli 27 anni poco più di un anno prima).

Dopo un'intera carriera vissuta alla corte papale, venne eletto al soglio pontificio 5 mesi dopo la morte di Leone VIII. Candidato di compromesso, ebbe l'approvazione dell'Imperatore Ottone I, secondo il Privilegium Othonis, nonostante molti volessero la reintegrazione dell'ex-papa Benedetto. Il suo comportamento e l'appoggio straniero non lo resero benvoluto a Roma. Una rivolta produsse il suo esilio temporaneo a Capua, nel dicembre 965. Giovanni poté fare ritorno solo dopo quasi un anno, nel novembre 966, assieme a Ottone. Nelle file dei rivoluzionari ci fu una scissione e Crescenzio II, che pure aveva partecipato alla rivolta, si schierò con lui.

Dopo la restaurazione, Giovanni lavorò assieme a Ottone in direzione dello sviluppo ecclesiastico, inclusa la creazione dell'Arcivescovato del Magdeburgo. Sviluppò inoltre altri arcivescovati nell'Italia meridionale, riducendo l'influenza dell'Impero Bizantino e della Chiesa Ortodossa d'Oriente.

Nel Natale del 967 Giovanni incoronò Ottone II, figlio di Ottone I, come co-imperatore. Il papa ricevette in cambio l'Esarcato di Ravenna e altri patrimoni minori. In seguito Ottone II si unì in matrimonio con la nipote dell'imperatore bizantino Giovanni I Zimisce. L'unione sponsale era parte del tentativo in corso di riconciliare la Chiesa occidentale con quella orientale. Nel 972 Giovanni ricevette la visita di Osvaldo, arcivescovo di York (Inghilterra).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gaetano Bossi, I Crescenzi, Roma, 1915
  • Claudio Rendina, I Papi. Storia e segreti, Roma, 2005, ISBN 88-8289-070-8
  • Enciclopedia Universale Biografica Treccani,2007, vol. 5º, voce "Crescenzi"
  • Enciclopedia Cattolica (1913)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Leone VIII settembre 965 - 6 settembre 972 Papa Benedetto VI

Controllo di autorità VIAF: 32800963 LCCN: nb2007019878