Papa Giovanni IX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Giovanni IX
Giovanni IX
116º papa della Chiesa cattolica
Elezione dicembre 897/gennaio 898
Consacrazione aprile 898
Fine pontificato 26 marzo 900
Predecessore papa Teodoro II
Successore papa Benedetto IV
Nascita Tivoli, ?
Morte 26 marzo 900
Sepoltura Basilica di San Pietro

Giovanni IX (Tivoli, ... – 26 marzo 900) fu il 116º papa della Chiesa cattolica dall'aprile 898 alla sua morte.

Alla morte di Teodoro II, ci furono violente lotte tra la fazione formosiana e l'antiformosiana: vinsero gli antiformosiani, partigiani del defunto Stefano VI, che insediarono Sergio vescovo di Caere (l'odierna Cerveteri) in quel funesto dicembre col nome di Sergio III (destinato a salire sul Soglio di Pietro solo sei anni dopo). Lo stesso mese o il seguente il partito formosiano, aiutato da Lamberto di Spoleto, cacciò Sergio ed elesse al suo posto Giovanni, monaco benedettino nato a Tivoli, figlio di Rampoaldo. Giovanni non solo confermò il giudizio del suo predecessore Teodoro, garantendo la sepoltura cristiana di Papa Formoso, ma, durante un concilio tenutosi a Ravenna, decretò che le registrazioni della famigerata sinodus horrenda che lo aveva condannato venissero bruciate.

Trovando, comunque, che fosse consigliabile cementare i legami tra impero e papato, Giovanni appoggiò senza esitazioni Lamberto di Spoleto, preferendolo ad Arnolfo di Carinzia. Inoltre indusse il concilio a determinare che la consacrazione dei Papi dovesse svolgersi solo alla presenza dei legati imperiali. L'improvvisa morte di Lamberto mandò in frantumi le speranze che questa alleanza sembrava promettere. Fu sepolto in un elegante sarcofago marmoreo nei pressi della Porta Santa nel quadriportico della Basilica Vaticana. A Giovanni successe Benedetto IV.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Teodoro II dicembre 897/gennaio 898 - 26 marzo 900 Papa Benedetto IV

Controllo di autorità VIAF: 20491338 LCCN: nb2007020033