Papa Evaristo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Evaristo
Papa Evaristo.jpg
5º papa della Chiesa cattolica
Elezione 97
Fine pontificato 105/106
Predecessore papa Clemente I
Successore papa Alessandro I
Nascita Betlemme
Sepoltura Necropoli vaticana
Sant' Evaristo
Venerato da Chiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza 27 ottobre (Chiesa cattolica)

Sant' Evaristo, o Aristo, secondo il Catalogo Liberiano (Betlemme, ... – Roma, 105), fu il 5° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica, che lo venera come santo. Fu papa tra il 96/99 e il 105/106.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poco si sa di Evaristo: secondo il Liber Pontificalis sarebbe nato a Betlemme da una famiglia ebraica ellenizzante e si sarebbe convertito al Cristianesimo a Roma, reggendo la diocesi romana in sostituzione di papa Clemente I, esiliato nel Chersoneso Taurico, al tempo della persecuzione dell'imperatore Domiziano o, più probabilmente, di Traiano.

Ci si è domandati, se Evaristo debba essere considerato vero papa (e non solo "vice") dall'anno 97, quando Clemente I andò in esilio; oppure solo dal 101, anno in cui Clemente morì martire in Crimea (notizia di Eusebio di Cesarea nella sua Storia Ecclesiastica). Per Eusebio è chiaro: Clemente, dopo nove anni di pontificato (88-97) «...trasmise il sacro ministero a Evaristo».

Il Liber Pontificalis riporta che egli divise Roma in sette diaconiae, o tituli[1], luoghi resi santi dal martirio dei cristiani, successivamente destinati ad accogliere l'edificazione di una chiesa in loro memoria (gli antenati delle moderne parrocchie). Prescrisse che sette diaconi assistessero alle omelie del vescovo, a testimonianza della sua ortodossia, e iniziò la pratica della benedizione pubblica dopo la celebrazione del matrimonio civile. Tuttavia questa affermazione del Liber è priva di ogni fondamento, poiché attribuisce a Evaristo un'istituzione più tarda della Chiesa di Roma.

Più degna di fede è l'affermazione del Liber Pontificalis che indica la sua sepoltura presso la Tomba di Pietro, anche se un'altra tradizione lo dice sepolto nella chiesa di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta a Napoli.

Il martirio di Evaristo, sebbene tradizionale, non è storicamente provato.

Fu sepolto, con ogni probabilità, presso la tomba di san Pietro, nella Necropoli vaticana.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua ricorrenza si celebra il 27 ottobre.

Dal Martirologio Romano:

« 27 ottobre - A Roma, sant’Evaristo, papa, che resse la Chiesa di Roma per quarto dopo il beato Pietro, sotto l’imperatore Traiano. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lodovico Antonio Muratori, nelle Dissertazioni sopra le antichità italiane, afferma che «...sotto nome di titolo una volta venivano le sole parrocchie, e non già le diaconie.» Dissertazioni sopra le antichità italiane, vol. 9, p. 75.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Clemente I 97 - 105 Papa Alessandro I