Papa Valentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Valentino
Valentine.jpg
100º papa della Chiesa cattolica
Elezione 30/31 agosto 827
Insediamento 9/10 settembre 827
Fine pontificato 9/10 ottobre 827
Predecessore papa Eugenio II
Successore papa Gregorio IV
Nascita Roma, circa 800
Morte Roma, 10 ottobre 827
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano

Valentino Leoni (Roma, 800Roma, 10 ottobre 827) fu il 100º Papa della Chiesa cattolica per quaranta giorni dalla fine del mese di agosto all'inizio di ottobre dell'827.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era romano di nascita, figlio di Leonzio Leoni della Via Lata, di famiglia di ceto elevato. Secondo il Liber Pontificalis, venne nominato arcidiacono da Pasquale I.[1] Secondo la leggenda, alla morte del suo predecessore, la nobiltà e il popolo di Roma accorsero nella basilica di Santa Maria Maggiore, dove il santo sacerdote stava pregando. Ivi una colomba, identificata come lo Spirito Santo, acclamò a gran voce: «Valentino, santissimo arcivescovo, è degno della sede apostolica». Portato in Laterano, qui fu incoronato.[2] Leggende a parte, fu eletto all'unanimità da clero, nobiltà e laicato: quest'ultimo, attenendosi rigorosamente alla costituzione dell'824 di Lotario I ratificata da Papa Eugenio II, partecipò all'elezione attivamente.

Gli Annali attribuiti a Eginardo, il cronista di Carlo Magno, ci dicono che fu eletto alla fine di agosto ma, dopo la consacrazione, regnò meno di un mese, mentre, se si conta a partire dal giorno dell'elezione, stette sul soglio di Pietro quaranta giorni, ma non ci sono state tramandate date precise, che però possono essere dedotte considerando che Eugenio II morì il 27 agosto e Valentino tra il 9 e il 10 ottobre. Questo santo monaco morì ben presto, forse troppo pio per quei tempi così abietti e privi di scrupoli. Nient'altro si sa della sua storia: il Liber Pontificalis loda la sua pietà e le sue virtù, ma non ci lascia alcun atto da lui compiuto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John N.D. Kelly, Gran Dizionario Illustrato dei Papi, p. 276
  2. ^ Claudio Rendina, I papi, pp. 262-263

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I papi, Roma, Ed. Newton Compton, 1990
  • John N.D. Kelly, Gran Dizionario Illustrato dei Papi, Casale Monferrato (AL), Edizioni Piemme S.p.A., 1989, ISBN 88-384-1326-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Eugenio II agosto 827 - settembre 827 Papa Gregorio IV

Controllo di autorità VIAF: 47119374