Papa Stefano VII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Stefano VII
Stephen VII.jpg
124º papa della Chiesa cattolica
Elezione dicembre 928/gennaio 929
Insediamento dicembre 928/gennaio 929
Fine pontificato febbraio 931
Predecessore papa Leone VI
Successore papa Giovanni XI
Nascita Roma, ?
Morte 15 marzo 931
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano

Stefano (Roma, ... – Roma, febbraio 931) fu il 124 ° papa della Chiesa Cattolica dal 928 al 931. Fu uno dei papi cortigiani nominati da Marozia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini ed elezione[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Teudemondo[1][2], Stefano VII era di origine romana (nonostante il nome germanico del padre) e, prima dell'elezione, era cardinale di Sant'Anastasia[2]. Non si sa quasi praticamente nulla della sua vita e, come il predecessore, fu un pontificato di transizione. Alla morte di Leone VI, Marozia scelse Stefano in vista della successione, sul trono di Pietro, del figlio suo Giovanni[1]. Come per i papi dell'epoca, i dati cronologici riguardo l'elezione e la consacrazione sono incerti: si oscilla tra il dicembre del 928[1] e il gennaio del 929[3][2].

Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Un papa cortigiano[modifica | modifica wikitesto]

Del pontificato di Stefano VII, non si conosce nulla di rilevante. Benché sia durato più del predecessore (due anni e tre mesi circa), di Stefano VII, come riporta Ferdinand Gregorovius, "le opere di lui ci sono affatto ignore"[4]. In realtà, di Stefano VII si sa che concesse alcuni benefici ad abbazie e monasteri[2] e che subì notevolmente l'influenza di Marozia (che da lui ottenne l'incosueto titolo di senatrix Romanorum). Come per Leone VI, Stefano VII fu considerata figura insignificante da parte degli storici a lui coevi: Liutprando non si degnò neanche di citarlo, passando da Giovanni X a Giovanni XI[5].

Stefano VII morì nel febbraio del 931[3][6][2]. È sepolto nella basilica di San Pietro in Vaticano[7] o, se si vuol essere più specifici, nelle Grotte Vaticane[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Claudio Rendina, I Papi, p. 319.
  2. ^ a b c d e Ambrogio M. Piazzoni, Stefano VII nell'Enciclopedia dei Papi, Treccani, 2000. URL consultato il 9/1/2015.
  3. ^ a b Stefano VII. URL consultato il 9/1/2015.
  4. ^ Ferdinand Gregorovius, Storia della città di Roma nel Medioevo, p. 1. URL consultato il 9/1/2015.
  5. ^ Liutprando da Cremona, Antapodosis, p. 852.
  6. ^ a b C. Rendina, I Papi, p. 320.
  7. ^ Platina, Vite dei Papi, p. 236.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I Papi. Storia e segreti, Newton&Compton Editori, Ariccia 2005
  • Liutprando da Cremona, Antapodosis, in Monumenta Germaniae Historia, Pertz
  • Ferdinand Gregorovius, Storia della città di Roma nel Medioevo, vol.2, Società Editrice Nazionale, Roma 1900
  • Bartolomeo Sacchi (detto il Platina), Le vite de' Sommi Pontefici di Bartolomeo Platina cremonese, Gio: Maria Turrini-Gio: Pietro Brigonci, Venezia 1663

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Leone VI dicembre 928/ gennaio 929 - febbraio 931 Papa Giovanni XI
Controllo di autorità VIAF: 24957012 · LCCN: nb2007020002