Papa Benedetto VI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Benedetto VI
Pope Benedict VI.jpg
134º papa della Chiesa cattolica
Elezione settembre 972
Insediamento 19 gennaio 973
Fine pontificato giugno 974
Predecessore papa Giovanni XIII
Successore papa Benedetto VII
Morte Roma, giugno 974
Sepoltura Basilica di San Pietro

Benedetto VI (... – Roma, giugno 974) fu il 134º papa della Chiesa cattolica dal 19 gennaio 973 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Monaco di origine germanica, figlio di un tal Ildebrando (poi divenuto monaco), fu nominato cardinale della diocesi di San Teodoro.

L'elezione al Soglio pontificio[modifica | modifica sorgente]

Benedetto venne eletto e consacrato papa sotto la protezione dell'imperatore Ottone I, mentre la famiglia dei Crescenzi, che era in ascesa, sosteneva vigorosamente un suo candidato, Francone figlio di Ferruccio. Benedetto era sostenuto sia dal partito filo-imperiale sia, probabilmente, dai circoli riformatori che non volevano una nomina puramente politica in mano ai nobili o al popolo di Roma.

Fu eletto nel settembre del 972 ma la necessità di attendere, secondo quanto stabilito dal Privilegio Ottoniano, l'autorizzazione di Ottone I allora in Germania, fece ritardare la consacrazione di quattro mesi. I Crescenzi dovettero dissimulare il loro malcontento per la sconfitta del loro candidato, e aspettare.

Governo della Chiesa[modifica | modifica sorgente]

La politica ecclesiastica di Benedetto VI non fu molto diversa da quella di Leone VIII e Giovanni XIII. Confermò la supremazia della sede di Treviri come la più antica del territorio tedesco; favorì i monasteri riformatori e proibì in modo rigoroso ai vescovi di ricevere compensi per le ordinazioni e le consacrazioni.

La deposizione e la morte[modifica | modifica sorgente]

Il 7 maggio 973 morì Ottone I. Alla morte dell'imperatore, i cittadini di Roma rinnovarono la loro indignazione per l'influenza imperiale.[1]

Nel giugno 974, dopo oltre un anno dalla morte di Ottone I, approfittando del fatto che il nuovo imperatore Ottone II era impegnato a sedare turbolenze interne in Germania, un'insurrezione a Roma portò alla cattura e all'imprigionamento in Castel Sant'Angelo di Benedetto. Il papa fu deposto, processato e condannato alla prigionia a vita, ma in cella venne strangolato. Colui che decise la sua sorte fu Crescenzio II († 984), figlio di Giovanni Crescenzi I († 960) e della famosa Teodora II († 950) - a sua volta figlia di Teodora I († 916) e sorella minore di Marozia († 955) - e (forse) fratello del defunto Giovanni XIII. Secondo alcune fonti, l'esecutore materiale fu un sacerdote di nome Cyrithius figlio di Stefano.

La successione[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sua deposizione, Francone di Ferruccio fu frettolosamente eletto e consacrato col nome di Bonifacio VII, ma non è chiaro se ciò sia avvenuto mentre Benedetto era ancora vivo oppure dopo che fu ucciso, né quali responsabilità avrebbe avuto nella sua morte. Alcune fonti dicono che il legato di Ottone I, il conte Siccone, arrivò da Spoleto a Roma pretendendo da Francone il rilascio di Benedetto; Crescenzio II allora, pensando che Benedetto ancora vivo sarebbe stato di ostacolo all'insediamento del suo candidato mentre da morto avrebbe lasciato solo Bonifacio come pretendente, fece uccidere Benedetto, forse per mano del suddetto prete Cyrithius di Stefano o forse per mano dello stesso Francone; secondo altri lo strangolò lui stesso. L'assassinio scatenò l'orrore della plebe costringendo Francone alla fuga (dopo soltanto un mese e dodici giorni di pontificato) e Crescenzio si dovette ritirare in convento, lasciando Roma in mano ai figli Giovanni Crescenzi II, detto poi "il Nomentano" († 998), e Crescenzio III († 1020). Nel convento Crescenzio II morì nel 984, durante il regno di Bonifacio VII (Francone di Ferruccio).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In questo contesto si colloca l'esistenza - probabilmente leggendaria - dell'Antipapa Dono II, eletto il 20 dicembre 973 e morto il successivo marzo.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Giovanni XIII 19 gennaio 973 - giugno 974 Papa Benedetto VII

Controllo di autorità VIAF: 42196719 LCCN: nb2007019873