Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora
Empirestrikesback2.png
Il logo originale del film.
Titolo originale The Empire Strikes Back
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1980
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere fantascienza
Regia Irvin Kershner
Soggetto George Lucas
Sceneggiatura Leigh Brackett, Lawrence Kasdan
Produttore Gary Kurtz
Produttore esecutivo George Lucas
Casa di produzione LucasFilm
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Peter Suschitzky
Montaggio Paul Hirsch
Effetti speciali Brian Johnson, Dennis Muren, Bruce Nicholson, Richard Edlund (supervisori)
Musiche John Williams
Scenografia Norman Reynolds
Costumi John Mollo
Trucco Stuart Freeborn
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora (The Empire Strikes Back)[1][2] è un film del 1980 diretto da Irvin Kershner.

Seguito di Guerre stellari, è il secondo film in ordine di produzione (quinto in ordine di cronologia interna della serie) dell'omonima saga fantascientifica ideata da George Lucas ed è ambientato tre anni dopo le vicende raccontate in Guerre stellari:[3] l'Impero Galattico, sotto la guida di Dart Fener è alla ricerca di Luke Skywalker e delle forze dell'Alleanza Ribelle. Mentre gli amici di Luke, Ian Solo e Leila Organa, sono impegnati a fuggire dalla minaccia imperiale, il giovane eroe decide di completare l'addestramento da Jedi per potersi confrontare con Fener e salvare i suoi compagni.

Il film, a cui presero parte Mark Hamill, Harrison Ford, Carrie Fisher, Billy Dee Williams, Alec Guinness, Anthony Daniels e Frank Oz, venne prodotto in maniera indipendente dallo stesso Lucas, senza l'influenza di uno studio cinematografico, ed ebbe una realizzazione travagliata, vessata da ritardi, screzi all'interno della troupe e inagibilità dei set.[4][5]

Accolto tiepidamente dalla critica, straniata dal brusco cambio di atmosfere della pellicola rispetto al suo predecessore, L'Impero colpisce ancora vinse due premi Oscar diventando negli anni un fenomeno culturale ed è oggi considerato il miglior film della saga e una delle migliori pellicole di fantascienza mai realizzate.[5][6] Al netto dell'inflazione, il film è il dodicesimo nella lista dei maggiori incassi di sempre negli Stati Uniti d'America e in Canada, essendo riuscito a staccare più di 98 milioni di biglietti nei due paesi.

Nel 2010 venne scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America in quanto «film culturalmente, storicamente ed esteticamente significativo».

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sono trascorsi tre anni dalla battaglia di Yavin e le forze dell'Alleanza Ribelle,[3] capeggiate da Leila Organa, Luke Skywalker e Ian Solo, sono costrette a rifugiarsi sul gelido pianeta Hoth per sfuggire alla persecuzione da parte delle armate imperiali. Queste, guidate dal perfido Dart Fener, sono decise a stroncare una volta per tutte i focolai di ribellione, soprattutto dopo la distruzione della Morte Nera. Pur di catturare i suoi nemici, Fener ha inviato ai più remoti confini dello spazio dei droidi-sonda, con l'intento di scovare il nascondiglio ribelle, prendendo al proprio servizio un drappello di cacciatori di taglie desiderosi soprattutto di catturare Ian, sul quale il potente gangster Jabba the Hutt ha posto una taglia.

Durante una ricognizione Luke viene attaccato da un Wampa, un pericoloso animale delle nevi, ma riesce a sfuggirgli tagliandogli un braccio con la vecchia spada laser di suo padre Anakin, donatagli dal suo defunto maestro Obi-Wan Kenobi, che, sotto forma di Fantasma di Forza, gli compare poco dopo per dirgli di andare sul pianeta Dagobah per farsi addestrare dal vecchio leader dell'Ordine Jedi Yoda.

Poco dopo il salvataggio di Luke da parte di Ian, le basi ribelli vengono individuate da un droide-sonda imperiale atterrato sul pianeta. Dart Fener, ricevute le informazioni dal droide, invia un nucleo di truppe scelte ad attaccare Hoth. Assaliti in forze, i ribelli tentano di opporre resistenza e riescono a distruggere alcuni veicoli AT-AT imperiali ma, di fronte alla potenza del loro attacco, sono costretti a lasciare il pianeta a bordo delle loro astronavi, con l'obiettivo di riunirsi.

Essendo impegnati a coordinare la fuga, Leila e il droide D-3BO non riescono a salire su alcun trasporto e scappano con Ian e Chewbecca a bordo del Millennium Falcon. Braccati dalle forze imperiali, Ian e compagni tentano di sfuggire alla loro flotta mentre Luke e C1-P8, anziché recarsi al rendez-vouz ribelle, fanno rotta a bordo di un X-wing verso Dagobah, pianeta sul quale Luke viene istruito dall'anziano Yoda, inizialmente recalcitrante, ma infine convinto da Obi-Wan.

Intanto, Leila e Ian, durante la loro fuga, atterrano in una grotta all'interno di un asteroide per sfuggire alle navi imperiali, ma presto scoprono che quella che credevano una grotta è in realtà la bocca di una gigantesca lumaca spaziale e scappano via, per dirigersi verso la Città delle Nuvole, la capitale volante del pianeta Bespin, grosso centro industriale amministrato da Lando Calrissian, amico di vecchia data di Ian. Essi però ignorano di essere spiati dal cacciatore di taglie Boba Fett: subito dopo il loro arrivo, Lando li consegna a Fener che ha deciso di utilizzarli come esca per tendere una trappola a Luke. Lando cerca di spiegare a Ian e Leila di essere stato costretto a tradirli per evitare che l'Impero occupasse la sua città.

Quando lo catturerà, Fener ha intenzione di tenere Luke in ibernazione nella grafite e sceglie Ian per fare una prova del processo. Prima che venga ibernato Leila gli confessa il suo amore. Solo viene così ibernato in una lastra di grafite e Fener lo affida a Boba Fett, che vuole portarlo da Jabba the Hutt per riscuoterne la taglia. Intanto, Lando aiuta Leila e gli altri a scappare, convinto che ci sia ancora una possibilità di salvare Ian: sfortunatamente, Boba Fett riesce a prendere il volo con a bordo Ian, prima che siano in grado di fermarlo, costringendoli a scappare con il Falcon.

Nel frattempo Luke arriva alla Città delle Nuvole e cade nella trappola tesagli da Fener. I due ingaggiano un duello con le spade laser che li porta sul condotto d'aria centrale della città. Fener ha il sopravvento e con un colpo di spada taglia di netto la mano destra di Luke, disarmandolo. Fener allora tenta Luke, offrendogli di governare la galassia insieme a lui e rivelandogli di essere suo padre. Inorridito e incredulo, Luke si lancia giù nel condotto d'aria, verso quella che crede sia una morte certa, fino a raggiungere un sistema di tubi che lo espelle all'esterno: fortunatamente, sotto la pancia della Città delle Nuvole sono collocate delle antenne alle quale Luke riesce ad aggrapparsi; lancia un disperato appello telepatico che viene sentito da Leila, la quale convince il Falcon a tornare indietro a raccoglierlo. Con l'iperpropulsione nuovamente funzionante (grazie alla tempestiva riparazione di C1-P8), il Falcon riesce a fuggire; Luke viene preso a bordo di una fregata medica ribelle dove gli viene impiantata una mano artificiale. Mentre Luke, Leila, C1-P8 e D-3BO guardano fuori dal centro medico verso la galassia, Lando e Chewbecca partono alla volta del pianeta Tatooine per trovare il palazzo di Jabba the Hutt dove viene tenuto Ian.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo il successo di Guerre Stellari, diventato in poco tempo un fenomeno culturale senza precedenti,[7] in grado di rivoluzionare l'intero settore cinematografico, George Lucas si mise al lavoro sulla produzione di un seguito.[8] Lucas era intenzionato a produrre il film in maniera indipendente, senza cioè l'intrusione degli studi cinematografici.[4] Per fare ciò, decise di finanziare il progetto in prima persona, utilizzando i guadagni accumulati grazie al primo film, insieme a prestiti con le banche,[9] permettendo totale libertà creativa ai realizzatori.[4]

Regia[modifica | modifica sorgente]

Ho accettato di fare il film perché mi piaceva l'idea di fare una fiaba. Di fare qualcosa d'immaginativo, che i bambini avrebbero amato. E l'idea mi ha dato molto piacere.

Molta gente la chiama fantascienza, ma io la vedo come una fiaba. Nella fantascienza si è preoccupati di lasciare un'astronave su un pianeta perché la gravità è diversa e va tutto preso in considerazione. Ma nella fiaba quello è l'ambiente, quello è il contesto. Puoi letteralmente fare di tutto e se io ci credo, il pubblico tende a seguirmi.

Irvin Kershner, regista del film.[10]

Già vessato dalla supervisione del suo impero in costante crescita, dalla riorganizzazione della LucasFilm fino alla creazione di nuove imprese, Lucas decise di non dirigere il film, preferendo ricoprire il ruolo del produttore esecutivo declinato nella maniera televisiva: «Avrei fatto la supervisione della sceneggiatura, del casting, dei set, delle scenografie, degli effetti speciali e del resto e avrei assunto un regista che lavorasse con gli attori».[11] Il produttore Gary Kurtz descrisse quel periodo di ricerca come un momento stressante, perché «La percezione comune è quella per cui se un sequel funziona è merito del regista originale, se invece fallisce è colpa tua».[5]

Dopo aver preso in considerazioni vari nomi (tra cui un giovane Paul Verhoeven),[12] i due offrirono il posto a Irvin Kershner, professore di Lucas alla USC School of Cinematic Arts, apprezzato per la sua capacità di esplorazione dei personaggi,[13] una caratteristica fondamentale per il secondo capitolo della saga nelle intenzioni di Lucas.[14]

Kershner rifiutò, credendo che nessuno avrebbe mai potuto realizzare un film migliore di Guerre stellari, ma dopo l'insistenza dell'ex-allievo e del suo stesso agente, accettò l'ingaggio imponendo l'assoluta libertà creativa nel fare ciò che riteneva fosse meglio per la pellicola durante le riprese, incluse eventuali riscritture.[8][15] Lucas accettò di buon grado, limitandosi a supervisionare gli effetti speciali mentre il regista era impegnato a girare il film (su richiesta dello stesso Kershner, dirigerà il dialogo tra Luke e il droide medico 2-1B, in cui quest'ultimo si raccomanda all'eroe).[16][17] Sull'effettivo svolgimento del loro rapporto, l'artista Joe Johnston affermò: «Penso ci siano un sacco di cose non sapremo della loro relazione professionale. Credo che George fosse occasionalmente frustrato con lo stile di Kershner. Si rifiutava di girare i totali, un peccato capitale nel manuale da regista di George».[16]

Per il regista L'Impero colpisce ancora sarebbe dovuto essere un film più tetro, concentrato sulle psicologie dei personaggi: «Sentivo di aver bisogno di umorismo, ma non di gag. Sentivo di aver bisogno di una storia d'amore, ma non di smancerie, doveva essere tutto più implicito. E sapevo di aver bisogno che qualcosa di potente accadesse nell'animo di Luke».[18] La pellicola, inoltre, avrebbe dovuto avere le caratteristiche del secondo atto di un dramma, in cui la situazione iniziale si complica e gli equilibri vengono meno. Kershner la definì «Il secondo movimento della sinfonia, per questo volevo che alcune cose rallentassero, che finisse in un modo che ti facesse venir voglia di sentire il vivace, il prossimo film, l'allegretto».[18]

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Lucas commissionò la sceneggiatura del film a Leigh Brackett, scrittrice di romanzi fantascientifici e pellicole come Il grande sonno.[19] Alla fine del 1977, per una settimana, i due discussero della storia durante riunioni appositamente dedicate, sviluppando l'uno gli spunti dell'altra e organizzando una scaletta della trama basata sulle idee generiche del produttore. Le sessioni furono registrate e trascritte ma mai rese pubbliche.[20] Fu solo quando la sceneggiatura originale fu pubblicata nel 2010 che emerse il reale apporto della scrittrice su cui la critica era stata per tempo discorde.[5][21][22]

La scaletta si tradusse in una prima bozza completata il 23 febbraio 1978.[5][21] Le differenze principali con le successive riguardarono il padre di Luke, che sarebbe dovuto comparire come fantasma per addestrare il figlio e svelare la presenza di una sorella gemella, Nellith; sarebbe dovuto comparire il padre di Ian Solo, un magnate interstellare, e la visione di Brackett della Forza era più complessa e dettagliata.[5][21] Poco soddisfatto dal risultato finale, Lucas commissionò una revisione alla scrittrice, la quale però morì poco dopo.[23] Il copione di Brackett venne accantonato e il produttore scrisse una nuova sceneggiatura,[24] in cui appare per la prima volta la nozione di Fener padre di Luke.[25][26] Intenzionato a dare una più profonda caratterizzazione ai personaggi, Lucas ingaggiò Lawrence Kasdan, il cui lavoro sulle prime bozze de I predatori dell'arca perduta lo aveva favorevolmente colpito, per affiancarlo nel processo di scrittura.[19][27] Secondo Kasdan niente del lavoro di Brackett venne traslato nel testo scritto da Lucas, perché quest'ultimo aveva attinto dalle idee emerse dalla discussione tra lui e la donna, non direttamente dal copione di lei.[20] Il creatore della saga volle comunque che il nome della Brackett fosse inserito nei titoli di coda tra gli sceneggiatori, come ringraziamento postumo.[20]

Alla fine del 1978,[20] Lucas e Kasdan si misero al lavoro, scontrandosi ben presto con le possibilità limitate degli effetti speciali.[5] Tra le idee scartate per motivi di ineffettuabilità pratica le più radicali riguardavano la sequenza ambientata nella città imperiale di Tonn Muund o quella su Bespin, che sarebbe dovuto essere popolato da creature alte e pallide in grado di guidare mante volanti.[5] Durante le sei settimane di scrittura,[28] la coppia si focalizzò sui personaggi, lasciando invariato lo sviluppo della storia. Il ruolo di Anakin venne tagliato e la questione familiare di Luke venne affrontata in un criptico dialogo tra Obi-Wan e Yoda.[21] Quest'ultimo personaggio subì varie trasformazioni, sia di nome (Buffy, Bunden Debannen e infine Minch), sia d'aspetto,[29] fino ad assumere le fattezze di una piccola ranocchia; Kasdan, partendo dagli appunti di Lucas, rafforzò inoltre il suo peculiare linguaggio alla rovescia. Un'ulteriore riscrittura avvenne durante le riprese in Inghilterra, durante le quali Kershner revisionò alcune scene insieme agli attori per raffinare le dinamiche tra i personaggi.[15]

A causa della rivelazione finale, Lucas consultò degli psicologi per capire l'impatto che avrebbe avuto il film sugli spettatori più piccoli: «Mi dissero che i ragazzi più forti lo avrebbero capito e metabolizzato, gli altri avrebbero pensato che fosse una bugia».[28]

Cast[modifica | modifica sorgente]

Mark Hamill nel 1978.
Harrison Ford, nel 2008.
Carrie Fisher, nel 1978.

Il cast del film ricalcò quello del precedente episodio e furono poche le aggiunte al gruppo di lavoro. Una delle particolarità fu quella di assumere attori britannici per tutti i ruoli imperiali: nelle intenzioni del regista tutti i cattivi dovevano avere un accento inglese, mentre i buoni dovevano essere americani. Essendo il film stato girato in Inghilterra molte delle comparse militanti tra l'Alleanza Ribelle erano inglesi e vennero doppiate in post-produzione da attori americani.[30]

  • Mark Hamill è Luke Skywalker. Hamill affermò di aver cambiato metodo di recitazione rispetto al primo film: «Per rendere la crescita del personaggio più evidente e appagante».[31] Il regista lo definì «Un ottimo attore, con una grande tecnica, senso dell'umorismo e generoso di spirito, posso parlarci in modo diretto».[32] Prima delle riprese Hamill venne coinvolto in un incidente, ferendosi il volto. Alla luce di ciò la scena iniziale dal Wampa sembrò un accomodamento per giustificare il fatto, ma Lucas confermò che la sequenza era già presente nella sceneggiatura.[30] Rimase inoltre isolato dal resto del cast per la maggior parte della lavorazione: «Nell'ordine del giorno si leggeva "Attori: Mark Hamill. Attrezzi di scena: rocce, rami, serpenti". Era esasperante».[4]
  • Carrie Fisher è Leila Organa. L'attrice dovette spesso assentarsi dal set per problemi di salute conseguenti l'abuso di cocaina.[23][33] Ciononostante, la Fisher venne descritta dal regista come «Un'attrice nata, con una voce bellissima, anche se cerca sempre di accontentare tutti. Spesso devo incoraggiarla per non scegliere la strada facile perché crede di farmi piacere, ma di fare ciò che la sua intelligenza e sensibilità le dicono di fare».[32]
  • Harrison Ford è Ian Solo; l'attore ritornò dei panni del personaggio dopo il successo del primo capitolo e venne coinvolto nella realizzazione del film, lavorando attivamente con Kershner per perfezionare le scene che lo vedevano protagonista.[23] «Mi sento come un assistente narratore» disse, parlando del suo metodo di lavoro con il regista.[23] Sul set si rivelò il più stretto collaboratore di Kershner,[34] il quale spese parole di encomio per l'attore: «Harrison è una gioia, è introspettivo e mai soddisfatto, si crea dei problemi per trovare, nella risoluzione del problema, una strada che lo soddisfi».[32]
  • Billy Dee Williams è Lando Calrissian; inizialmente chiamato Lando Kadar, sarebbe dovuto essere un clone scampato all'omonima guerra,[5] ma venne in seguito scritto come «Un personaggio alla cappa e spada grandioso da interpretare».[35] Primo attore di colore a comparire nella saga, venne assunto per evitare le accuse di razzismo che sarebbero potute piovere sulla serie.[36][37]
  • Frank Oz è Yoda. Cresciuto professionalmente sotto l'ala di Jim Henson, Oz entrò in gioco dopo che Henson lo raccomandò a Lucas come uno dei più capaci burattinai del settore.[5] Henson permise a Oz di lavorare al film per poter capire come si lavorava a un film a grosso budget, in previsione della loro regia su The Dark Crystal.[38] L'attore lavorò per due settimane nell'ostico set di Dagobah,[39] costruito un metro e mezzo sollevato da terra per accomodare Oz e le tre persone che lo aiutarono a portare in vita il personaggio, una per manovrare le orecchie, una per gli occhi e una per azionare la mano sinistra.[40] Il linguaggio di Yoda, inizialmente pensato come una tantum, venne ampliato da Oz che, dopo aver letto il copione, chiese di parlare sempre nella caratteristica maniera del personaggio invece che occasionalmente, come prevedeva la sceneggiatura.[40]
  • Anthony Daniels è D-3BO, il droide protocollare in coppia con C1-P8 (Kenny Baker). Kershner lo utilizzò, insieme agli altri personaggi di contorno, in maniera differente rispetto al primo episodio: «D-3BO è il mio attore shakespeariano, lo sfogo comico del film, aveva l'elemento comico che cercavo costantemente».[30] Similmente, Chewbecca (Peter Mayhew) ottenne più spessore diventando protagonista di alcuni momenti emotivamente cruciali.[30]
  • David Prowse è Dart Fener. L'attore interpretò il personaggio sul set, ma a dargli la voce venne chiamato James Earl Jones, mentre Bob Anderson lo sostituì durante il duello finale;[11] secondo il supervisore degli stuntman Peter Diamond, la controfigura portò alla scena un nuovo aspetto interpretativo, l'effetto staccato del dare colpi intervellati da lunghe pause, che diede alla scena una forte tensione drammatica.[11] Per evitare delle fughe di notizie, a Prowse venne consegnata la sceneggiatura con un finto finale, in cui Fener rivela che a uccidere il padre di Luke era stato Obi-Wan.[36] Kershner, poco prima di girare la scena, prese da parte Hamill e gli rivelò la vera reazione che avrebbe dovuto avere, dicendogli di non badare alla battuta che avrebbe pronunciato Prowse.[18] Fino alla prima del film, nessun altro membro del cast conobbe il vero finale della pellicola.[30][43]
  • Elaine Baker è l'imperatore Palpatine. La donna, all'epoca moglie del truccatore Rick Baker, prestò il volto al personaggio, il quale venne creato sovrapponendo alla faccia di Baker gli occhi di uno scimpanzé, per renderla più aliena e inquietante.[29] La voce appartiene invece all'attore Clive Revill. Nelle versioni del film successive al 2004 Palpatine è interpretato da Ian McDiarmid.
  • Alec Guinness è Obi-Wan Kenobi, il mentore di Luke che ricompare sotto forma di spirito. L'attore, noto per il suo scarso gradimento della saga, venne filmato dopo la fine delle riprese.[30] Il regista notò che, nonostante questo, s'impegnò seriamente per il ruolo, scrivendo su un libretto le battute e segnandole con l'enfasi e l'intonazione che voleva dare loro.[30]

Cameo[modifica | modifica sorgente]

Nel film fanno la loro comparsa in fugaci camei alcuni membri della produzione, come Ralph McQuarrie, nei panni di Pharl McQuarrie, Bob Anderson, ufficiale imperiale, Joe Johnston, caposquadra che istruisce alcuni ribelli,[11] e il pittore degli sfondi Harrison Ellenshaw, come uno dei ribelli su Hoth. Jeremy Bulloch compare nella parte dell'ufficiale Sheckil (ruolo che non era stato assegnato il giorno delle riprese per mancanza di comparse),[41] mentre gli attori Treat Williams e John Ratzenberger appaiono nelle scene iniziali.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Con un budget stimato tra i diciotto e i venti milioni di dollari,[5][44] le riprese del film iniziarono il 5 marzo 1979 in Norvegia e si conclusero negli Elstree Studios inglesi di Borehamwood, dove era stato girato gran parte del primo film, il 24 settembre dello stesso anno.[44] Alcune scene vennero girate nei Lee International Studios a Wembley.[45]

Il lavoro venne diviso in due unità: quella principale lavorava con gli attori, lasciando i raccordi, le riprese dei dettagli o di schiena alla seconda unità, inizialmente supervisionata da John Barry, scenografo di Guerre stellari. Il 31 maggio 1979, dopo due settimane di riprese, Barry collassò sul set e morì il giorno successivo di meningite;[46] Harley Cokeliss venne chiamato a sostituirlo e sotto la sua direzione l'unità, a causa dei ritardi accumulati, assunse sempre più rilevanza, arrivando a girare intere sequenze che prevedevano l'uso di effetti speciali o matte painting.[47] Queste scene vennero riprese con macchine da presa in formato VistaVision, lo stesso utilizzato in Guerre stellari. Per il resto della pellicola si optò per una combinazione di Panavision Silent Reflex e Panaflex-X.[47] Verso la fine della produzione, quando le riprese si fecero fisicamente impegnative, si ricorse all'uso di macchine da presa più leggere, come la Panaflex e la Arriflex.[47]

La sceneggiatura venne inoltre revisionata da Kershner durante le riprese: «Lavoro così a lungo sul copione che so cosa ci aspetta da una scena quando la giro. Ma quando giro il mio concetto cambia per via di quello che ho già girato o capisco che quella scena non serve, che devo mostrare meglio un personaggio. Ci sono centinaia di considerazioni da fare prima di girare una scena».[10] Yoda, per esempio, veniva introdotto in maniera molto più seriosa e fu Kershner a ideare la scena dell'incontro con Luke, in cui il maestro Jedi si comporta in maniera dispettosa.[28] Ancora, la sequenza in cui Ian Solo viene congelato nella grafite avrebbe dovuto avere un dialogo diverso: alla dichiarazione d'amore di Leila Ian avrebbe dovuto rispondere «Ti amo anch'io»,[48] ma il regista capì che la battuta non era adeguata al personaggio. Dopo un colloquio privato con Kershner, Ford elaborò il serafico commento «Lo so»,[48] ritenuto da Lucas «Una battuta della quale la gente avrebbe riso», salvo poi convincersi della bontà della scena grazie a una proiezione con un pubblico di prova.[17]

Per ricreare il pianeta Hoth venne scelta come location il ghiacciaio Hardangerjøkulen,[5] nei pressi della cittadina norvegese di Finse, dove la troupe rimase fino al 13 marzo,[27] dovendo far fronte al peggior inverno da cinquant'anni a quella parte, con temperature estreme e oltre diciotto metri di neve scesi durante le riprese,[5] nonché ai malfunzionamenti delle attrezzature.[47] Se girare in ambienti esterni costituì uno sforzo immane, la sessione negli Elstree Studios si rivelò altrettanto impervia: a causa dei set poco agibili — per le soluzioni salmastre presenti nell'aria atte a simulare la foschia di Dagobah — e alle complicazioni conseguenti l'uso di pupazzi, la produzione accumulò dieci settimane di ritardo e il budget cominciò a lievitare.[5] Lucas realizzò che quanto aveva stanziato non sarebbe bastato per completare le riprese e tentò di rinegoziare il prestito.[9] Dopo che la banca rifiutò di concedere ulteriori liquidi perché non riteneva l'investimento sicuro abbastanza,[4][9] la 20th Century Fox si offrì di fungere da garante in cambio di una percentuale sugli incassi e il budget venne rimpinguato raggiungendo la cifra di ventitré milioni di dollari.[5][49]

A intralciare la produzione ci fu anche un incendio in uno dei set dove Stanley Kubrick stava girando Shining.[26] Il regista chiese ospitalità a Lucas, ma usò l'incidente come scusa per rigirare alcune porzioni della pellicola: «Sapevamo dal giorno dell'incendio che avremmo dovuto condividere il nostro spazio e questo ci avrebbe fatto accumulare ulteriore ritardo».[5] Le tensioni createsi indussero Gary Kurtz a licenziarsi dalla posizione di produttore appena furono terminati i suoi incarichi: «La cosa più triste era vedere il processo di realizzazione del film venire fagocitato dalla burocrazia. Non si poteva parlare con George, dovevi parlare al suo assistente. Divenne una sorta di Howard Hughes».[50]

Design e scenografia[modifica | modifica sorgente]

Il design del costume di Boba Fett venne curato da Joe Johnston.

Norman Reynolds, art director su Guerre stellari, ricoprì il ruolo di scenografo del film. Tornarono anche i concept artist Ralph McQuarrie e Joe Johnston, ai quali venne affiancato Nilo Rodis-Jamero. «La prima cosa che George ci disse fu che ci sarebbe stata questa battaglia sulla neve e ci descrisse i veicoli coinvolti nello scontro» affermò Johnston.[5] Per l'aspetto degli AT-AT, prese ispirazione da un dipinto realizzato da Syd Mead per una pubblicità della United States Steel.[51] Dopo aver chiesto il permesso a Mead, l'artista prese il concetto del veicolo a quattro gambe e lo plasmò fino a ottenere un design nel quale si riconoscono il passo pesante degli elefanti e la struttura corporea dei cani.[5][51]

Dato l'avanzamento tecnico del chroma key, fino ad allora difficilmente integrabile con superfici irregolari e curve, gli artisti ebbero più libertà di movimento nella creazione delle nuove astronavi.[51] Con l'eccezione dell'Executor, l'incrociatore di Dart Fener, i design risultarono organici e rotondi.[51] La Slave I, per esempio, venne realizzata da Rodis-Jamero, sulla base di alcuni disegni di Johnston, prendendo come spunto il piatto di un radar.[52]

Yoda fu uno degli elementi su cui la produzione lavorò a lungo. Secondo Lucas, l'anziano Jedi apparteneva all'archetipo fiabesco del personaggio insignificante che si rivela essere un prezioso aiuto per l'eroe.[28] Da questa considerazione deriverò il design che non avrebbe dovuto destare particolari attenzioni, reso gradevole dalle proporzioni da neonato.[28] Per Dagobah, nome derivato dalla dagoba, lo stupa destinato a conservare reliquie o a ricordare episodi della vita del Buddha,[53] gli artisti idearono una landa deserta in stile fantasy, ma il risultato non era tetro a sufficienza e McQuarrie ridisegnò il pianeta come una palude dove crescono giganteschi alberi ispirati al banyan, una pianta sacra in India.[54] Reynolds pensò la casa del maestro Jedi come un luogo sacro, simile a una moschea o una chiesa, per questo le diede una forma morbida, a cupola, e scelse come materiali di costruzione fango, creta e altri elementi naturali per trasmettere il legame creato dalla Forza tra Yoda e il paesaggio.[54]

In contrasto con la semplicità scenografica di Dagobah, Cloud City presentò una sfida concettuale ardua, per la quale Reynolds fece ricorso ai più disparati stili: l'appartamento di Leila presenta uno stile Bauhaus, la sala da pranzo è modellata secondo il gusto dell'architetto Charles Rennie Mackintosh, gli altri ambienti vennero ideati in un misto tra l'Art déco e il Liberty, mentre per il design delle navi i realizzatori si ispirarono ai lavori di Mœbius.[51][55] Nelle scene ambientate nelle fonderie della città prevalse un disegno a ragnatela per simbolizzare la caduta di Luke nella trappola tesagli da Fener.[54]

Per esigenze pratiche la squadra di Reynolds costruì per la prima volta una versione del Millennium Falcon a grandezza naturale. Fabbricata in sedici pezzi, in modo da poter essere smontata agevolmente, l'astronave, alta 5 metri e pesante 35 tonnellate,[56] veniva spostata grazie a dei cuscinetti d'aria posti alla base.[5]

Fotografia[modifica | modifica sorgente]

Come direttore della fotografia venne scelto Peter Suschitzky, con il quale Lucas avrebbe voluto lavorare su Guerre Stellari ma, data la giovane età di Suschitzky, i dirigenti dello studio avevano preferito affiancare al regista il più esperto Gilbert Taylor;[57] per il secondo episodio Lucas poté scegliere secondo le sue intenzioni originali.[47] La fotografia della seconda unità, inizialmente curata dallo stesso Suschitzky, venne affidata a Chris Menges per questioni logistiche (le riprese delle unità si sovrapposero e Suschitzky non poté curare la fotografia di due set allo stesso tempo).[47]

Suschitzky collaborò con il regista scegliendo i movimenti di macchina, concentrati nelle sequenze d'azione, mentre nei momenti di dialogo l'immagine venne trattenuta, ottenendo scene ferme e stabili.[58] Secondo il direttore della fotografia, la macchina a mano non avrebbe portato alcun beneficio al film, perché poco realistica: «Se cammini per la strada l'immagine nel tuo cervello è perfettamente stabile e fluida. Se invece cammini per strada con una macchina da presa va su e giù a scossoni. Non è realistico, assomiglia solo a un filmato casalingo».[58] Suschitzky approvò inoltre la scelta del regista di costruire i momenti più emotivi attorno ai visi degli attori, utilizzando lenti grandangolari anche per i primi piani, una scelta insolita per questo tipo di ripresa: «Si vede nitidamente lo sfondo e questo crea un contrasto drammatico che ci piaceva».[58]

Gli effetti speciali, contrariamente alle sue aspettative, non costituirono motivo di stallo per il giovane operatore, il cui unico impaccio fu quello di dover adoperare luci molto forti per colmare l'assenza di profondità dei fondali dipinti.[47] Furono invece i set reali l'ostacolo maggiore per Suschitzky, uno su tutti le fonderie della Città delle Nuvole, angusto e senza pareti, che limitava la tipologia di inquadrature da poter usare: «A meno che non si scelgano delle angolature di ripresa estreme, una cosa che non si può fare con una sequenza così lunga, la cinepresa punta nel mezzo, ma tutti gli elementi erano in alto o in basso. Mi preoccupava il fatto che l'occhio non avesse niente di interessante da guardare».[47] Suschitzky si ingegnò nella costruzione della sequenza, illuminando la scena dal pavimento, per poi riempire l'ambiente di vapore, un trucco che egli stesso definì «visivamente impressionante».[47]

Rispetto al precedente capitolo, le scene vennero illuminate con una luce diffusa, modalità di lavoro più dispendiosa ma dalla resa più elegante,[11] e diegetica, ossia da fonti di luci realmente presenti nella scena.[47] Questo espediente fu cruciale per creare un'atmosfera ombrosa, in grado di veicolare gli umori più melanconici.[47][59] Allo stesso effetto contribuì la suddivisione in segmenti in cui a dominare è un unico colore, con una prevalenza per le tonalità del blu.[47][59] Suschitzky fu soddisfatto dell'apparente frammentazione cromatica del film, dichiarando che «Quando si guarda all'Impero colpisce ancora, si vedono scene illuminate dal basso, dall'alto. Lo stile varia da sequenza a sequenza, ma ha una sua compattezza interna».[47]

Trucco[modifica | modifica sorgente]

L'artista inglese Stuart Freeborn si occupò di truccare gli esseri alieni della storia. Uno su tutti, Yoda, personaggio su cui il team si crucciò a lungo per portare in vita nella maniera più convincente.[26]

Vennero prese in considerazione varie idea, dapprima quella di vestire una scimmia addestrata con il costume e la maschera del personaggio.[5] Dopo alcune prove sul set, uno dei tecnici presenti, avendo lavorato sulla scena iniziale di 2001: Odissea nello spazio, consigliò di abbandonare l'idea in favore del pupazzo perché «La scimmia avrebbe continuato a strapparsi di dosso la maschera».[5] Poi si pensò alla stop-motion, tecnica non abbastanza sofisticata all'epoca per riprodurre tutte le sfumature emotive richieste. Lucas alla fine optò per la soluzione più pratica, un pupazzo presente sul set manovrato da un burattinaio, compito che volle affidare alla Jim Henson Company: «Eravamo simili, indipendenti, disinteressati ai riflettori e ossessionati dai nostri film. E ammiravo molto i Muppet, erano pupazzi estremamente sofisticati, così gli chiesi di aiutarci».[26] La compagnia non poté lavorare al progetto, pur fungendo da consulente esterna, e vi subentrò Frank Oz, collaboratore di Henson di lunga data.[5]

A Freeborn rimase il compito di finalizzare il volto di Yoda e costruirne il corpo, basandosi sui disegni concettuali approvati da Lucas: «Guardai allo specchio e vidi che la faccia aveva dei tratti comici, così li aggiunsi al modello. Poi ci misi le rughe di Albert Einstein, per dargli un senso di intelligenza innata e, siccome Einstein aveva i baffi, aumentai il volume del labbro superiore per farlo assomigliare a lui».[5][11][28]

Effetti speciali[modifica | modifica sorgente]

Inquadratura con gli AT-AT, realizzati con la tecnica della go-motion.[51]

Agli effetti speciali della pellicola lavorarono novanta artisti della Industrial Light & Magic, con un budget di 7 milioni di dollari, supervisionati da Brian Johnson, Dennis Muren, Bruce Nicholson e Richard Edlund.[56]

Definito da Muren «Il lavoro più difficile di tutta la mia carriera»,[51] il compito di realizzare l'ampio campionario di effetti per L'Impero colpisce ancora, nonostante l'esperienza maturata dal gruppo di lavoro su Guerre stellari, si rivelò uno dei più ardui fino a quel momento. La battaglia iniziale con cui si apre il film, in particolare, fu la sequenza più complessa alla cui realizzazione confluirono le tecniche più antiche e quelle più recenti.[56] La neve venne creata con bicarbonato di sodio e micropalline di vetro,[56] per dare una consistenza morbida e vaporosa, mentre il movimento degli AT-AT venne reso possibile dall'invenzione della tecnica della go-motion, creata da Phil Tippett come evoluzione della stop-motion per ovviare ai difetti di "scattosità" nell'immagine, che manca del caratteristico effetto mosso.[51] La tecnica consistette nello scuotere le componenti accessorie come il tavolo o la macchina da presa, ottenendo una sfocatura molto realistica.[51] La troupe studiò il movimento degli elefanti per simulare la camminata degli AT-AT e usò due versioni degli stessi,[56] una da modellare per la go-motion e una alta un metro e venti centimetri per l'esplosione finale.[51]

Se in scene ambientate nello spazio il compositing sarebbe stato la soluzione più ovvia,[51] l'ambiente innevato della scena comportò problemi inediti: ogni elemento che subisce il processo di compositing è contornato da una linea nera che nel buio dello spazio risulta invisibile ma appare evidente su uno sfondo bianco come quello di Hoth. La squadra supervisionata da Muren, anche per via dei processi di natura fotochimica che degradavano l'immagine, dovette usare la tecnica con parsimonia, ricorrendo a espedienti alternativi, come il primordiale compositing in-camera, grazie al quale si poté posizionare i modellini, gli sfondi e delle garze bianche per creare la foschia in modo tale da avere tutti gli elementi davanti alla cinepresa.[51] Questo voleva dire avere delle immagini di partenza senza compositing, applicato solo per i passaggi delle astronavi, e di alta risoluzione.[51]

Le scenografie vennero ampliate non solo attraverso l'uso di mascherini e fondali, ma anche con effetti più pratici: nelle panoramiche interne alla base di Hoth vennero usate comparse bambine per accrescere la sensazione di profondità e spazio dell'hangar.[54]

Effetti sonori[modifica | modifica sorgente]

Ben Burtt creò gli effetti sonori del film partendo dalla libreria di suoni che aveva ideato per il primo episodio.

Se le scene su Dagobah permisero al designer di creare un ambiente emozionale in cui calare Luke grazie ai numerosi inserti di creature aliene fuori campo, con cui riuscì a evocare un sottofondo emotivo per il personaggio, dando nel contempo naturalezza e consistenza a un set altrimenti poco comunicativo,[11] la battaglia d'apertura su Hoth fu invece uno tra i compiti più laboriosi del progetto: i rumori degli AT-AT derivano da una macchina che taglia lastre in metallo,[56] gli effetti della neve sono in realtà le onde dell'oceano, la voce del Tauntaun è quella di una lontra di mare;[30] Il suono degli speeder fu ottenuto passando delle registrazioni di aerei attraverso un harmonizer, con cui poter modulare la frequenza del suono, e unendole al ringhio di un puma: la mistura tra suoni organici ed elettronici, secondo il sound designer, contribuì a dare espressività e vita all'astronave.[11] Più agevole furono le sequenze in cui Ian viene messo nella grafite, uno dei pochi momenti in cui il suono del set era intelligibile;[11] oltre a mantenere alcuni dei rumori prodotti durante le riprese, utilizzò la collezione Strickfaden, l'equipaggiamento creato da Kenneth Strickfaden, tecnico di film come Frankenstein e Il mago di Oz, per aggiungere gli schioppi elettrici delle macchine in sottofondo.[11]

Burtt sperimentò con gli elementi più disparati: una nota di trombone per l'accensione della Slave I, dei nitriti alla rovescia per i mynock, e una serie di suoni registrati a bordo della portaerei USS Constellation per la fuga del Millennium Falcon tra i rottami dell'Executor;[11] lavorò anche sul riverbero del ghiaccio secco, su cui poggiò vari materiali, per creare nuovi effetti per le spade laser, nel tentativo di rendere i momenti in cui le spade cozzano tra di loro il più diversificati possibile.[11] Proprio per il grande carattere delle armi, il duello tra Luke e Fener venne montato con la sola traccia sonora, di modo da rendere con maggior enfasi la potenza dello scontro, ampliandone l'effetto. Per la stessa ragione, i suoni più forti nel corso della pellicola vennero fatti precedere da momenti di silenzio.[11]

Il missaggio sonoro, supervisionato dallo stesso Burtt e in seguito premiato con un Oscar, venne effettuato a Los Angeles, nei Samuel Goldwyn Studio, da Bill Varney, Steve Maslow, Peter Sutton e Gregg Landaker,[11] i quali si avvalsero della collaborazione di otto ingegneri del suono per un totale di sei mesi di lavoro.[56]

Montaggio[modifica | modifica sorgente]

Prima ancora di iniziare le riprese, Lucas aveva lavorato a stretto contatto con gli artisti per creare degli storyboard in grado di comunicare il ritmo e la frequenza dei tagli ai tecnici degli effetti speciali incaricati di girare le scene. Il risultato, chiamato animatic, servì al produttore anche per determinare la durata al secondo di ogni inquadratura, in modo da poter girare il materiale strettamente necessario e non dover avere esuberi che avrebbero fatto lievitare i costi.[60]

Una volta raccolto tutto il girato, Lucas iniziò a montare personalmente la pellicola ma niente sembrava all'altezza delle sue aspettative:[50] le alternative per assembleare le scene erano molto limitate a causa del fatto che Kershner aveva girato soltanto le angolazioni delle scene che riteneva necessarie, avendo ben in mente come montarle in seguito.[61] J. W. Rinzler disse a proposito: «Kershner era pressappoco come Hitchcock, diceva "So come apparirà alla fine e so come andrà montato", questo obbliga il montatore ad andare nell'unica direzione dettatagli dal materiale e a George non piaceva avere le mani legate in quel modo»;[61] Lucas fu quindi costretto a richiamare il regista, il quale arrangiò il film secondo la sua sensibilità insieme al montatore Paul Hirsch (sebbene spesso Marcia Lucas venga citata come montatrice non accreditata, il suo ruolo in merito fu molto esiguo, limitandosi a fornire qualche suggerimento).[50]

In continuità con la struttura di Guerre stellari, Lucas mise i crediti alla fine. La mossa, inconsueta all'epoca ma necessaria per preservare l'apertura a effetto del film, era stata approvata per Guerre stellari dai Writers Guild of America e Directors Guild of America, sindacati a cui Lucas era iscritto, perché il nome del regista-sceneggiatore combaciava con quello della compagnia. Per L'Impero colpisce ancora le cose cambiarono, ora il nome di Lucas compariva all'inizio e quello di regista e sceneggiatori solo alla fine, un fatto increscioso per gli organi sindacali che multarono Kershner e lo stesso Lucas per 250 000 dollari e tentarono di impedire l'uscita del film nelle sale. Il produttore pagò le multe, proteggendo il regista, ma abbandonò entrambe le gilde poco dopo.[4]

Le scene con i Wampa furono eliminate per la loro resa poco convincente sullo schermo.[23]

Scene eliminate[modifica | modifica sorgente]

La gran parte del materiale tagliato riguarda il primo atto della storia, in cui gli sceneggiatori avevano inserito un'elaborata sottotrama dedicata all'attacco di un gruppo di Wampa alla base ribelle. Le scene, in cui si vedono le creature dei ghiacci seminare il panico tra i corridoi, dare forti scossoni al Millennium Falcon[5] e venire intrappolati in uno stanzone che viene poi inavvertitamente aperto dai soldati imperiali, vennero tagliate per problemi tecnici - i costumi dei Wampa erano stati mal progettati - e perché fu chiaro che l'attacco, usato per spiegare i malfunzionamenti dell'astronave di Ian Solo, toglieva tempo ai protagonisti della storia.[23]

La discussione tra Ian e Leila nei corridoi della base era in origine più ampia,[62] così come il risveglio di Luke in infermeria, dove all'eroe veniva applicata una maschera curativa per le ferite al volto (scena presente nell'adattamento a fumetti).[63] Nella stessa sequenza, Leila e Luke condividevano un momento intimo, interrotto dall'arrivo dei robot. In queste scene erano presenti vari riferimenti alla cattura degli Wampa.[62]

Nella parte finale della pellicola, vennero espunti solo piccoli frammenti per questioni di tempistica, come la cattura di Lobot da parte dell'Impero e un fugace dialogo tra Leila e Luke in cui la donna cita il nome di Boba Fett.[62]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerre stellari - L'Impero colpisce ancora (colonna sonora).

A realizzare la colonna sonora del film venne chiamato John Williams, che già aveva scritto le pluripremiate musiche del precedente Guerre stellari. Kershner mostrò il film a Williams con una colonna sonora temporanea composta da pezzi di musica classica scelti dal regista. «Per John non farà differenza» ebbe a dire Kershner all'epoca, parlando della possibilità che il compositore potesse venire influenzato o si sentisse legato alle composizioni «Ha delle opinioni forti e sa quello che vuole».[64]

Il compositore si mise al lavoro nel dicembre 1979,[65] sviluppando, come aveva fatto nel primo film, le influenze delle sonorità romantiche del XIX secolo in modo che il pubblico potesse percepire elementi familiari che lo avrebbero avvicinato agli ambienti alieni della storia.[66][67] Con un budget stanziato di 250 000 $,[67] la colonna sonora venne eseguita dalla London Symphony Orchestra e registrata in diciotto sessioni tra il 27 dicembre 1979 e il 18 gennaio 1980.[65][68]

Il materiale prodotto rispecchiò le atmosfere oscure della storia.[69] Williams immaginò Yoda come un gentiluomo arcaico, saggio ma diretto;[28] la melodia per il personaggio doveva essere «Romantica e inondarci di buone intenzioni» e venne sviluppata con intervalli consonanti di do, mi, sol e si.[28] L'autore scrisse nuovi temi anche per personaggi già conosciuti, come nel caso di Dart Fener, per il quale compose la celebre Imperial March, una partitura drammatica e operistica, facendo ricorso agli ottoni in chiave minore, in modo che «La musica investa lo spettatore con una forza declamatoria prepotente e ripetitiva».[28]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Data di uscita[modifica | modifica sorgente]

La pellicola venne presentata in anteprima il 17 maggio 1980 a Washington e il 20 maggio alla Royal Film Performance di Londra (un evento di beneficenza a cui partecipa la famiglia reale britannica), per poi debuttare nel resto del mondo nei giorni seguenti:[70]

Una seconda distribuzione nei cinema avvenne nel 1997 in occasione dell'edizione speciale del ventennale della saga:[70]

Negli Stati Uniti il film è stato distribuito in tre ulteriori occasioni: il 31 luglio 1981,[70] il 19 novembre 1982 e il 19 maggio 2010, a Los Angeles, in occasione di un evento benefico a cui prese parte Harrison Ford per commemorare il trentesimo anniversario della pellicola.[71]

Divieti[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito con il visto censura "film per tutti" in gran parte delle nazioni in cui uscì, eccezione fatta per Islanda, Olanda, Danimarca, Finlandia, Norvegia, Portogallo e Germania Ovest, dove fu vietato ai minori di 12 anni, mentre in Svezia non fu consentita la visione ai minori di 15 anni non accompagnati.[72] Questi divieti furono imposti a causa delle intense scene finali, cariche di un peso emotivo molto forte e di una dose di violenza più spinta rispetto al resto della storia.

Cortometraggi allegati[modifica | modifica sorgente]

Nelle proiezioni europee e australiane del film venne allegato un cortometraggio fantasy di 25 minuti intitolato Black Angel. Diretto da Roger Christian, Black Angel narra il ritorno di un cavaliere dalle crociate, catapultato in un reame mistico per salvare una principessa da un oscuro figuro.[73] Nel tentativo di creare un'opera visivamente suggestiva, Christian usò la tecnica dello step-printing, una sorta di rallentatore al contrario, per le sequenze d'azione.[73]

Il corto venne finanziato da George Lucas, il quale, dopo aver letto la sceneggiatura, lo ritenne in sintonia con L'Impero colpisce ancora e decise di proiettarli insieme.[73] Black Angel non venne mai più mostrato in pubblico o distribuito in alcun formato. Lo stesso Christian non ebbe mai l'occasione di visionarlo, non possedendone i negativi. Nel dicembre del 2012, un archivista degli Universal Studios ritrovò le bobine originali, «Ripagando i miei Natali degli ultimi vent'anni», come affermato dal regista.[74]

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Titolo[modifica | modifica sorgente]

Rispetto agli altri paesi del mondo, in Italia il titolo del film venne più volte modificato nel corso degli anni. Il primo titolo, comparso nei poster pubblicitari del 1980, fu Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora, titolazione rimasta invariata fino al 1997, anno dell'edizione speciale, quando il film prese nome Guerre stellari: V Episodio - L'Impero colpisce ancora.

Nel 2004, in occasione dell'uscita del DVD della trilogia originale, il titolo venne nuovamente cambiato in Star Wars: Episodio V - L'Impero colpisce ancora, visibile nella scena d'apertura del film (con la variante di Star Wars V: L'Impero colpisce ancora, titolo promozionale presente sulla copertina e sul materiale pubblicitario).

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Il doppiaggio del film venne curato, come per Guerre stellari, da Mario Maldesi, il quale si disse molto orgoglioso e fiero del proprio lavoro sul film.[75]

In corrispondenza delle modifiche apportate al film nel 1997 e nel 2004, il doppiaggio dell'edizione italiana si adeguò per accomodare i cambiamenti. Nel doppiaggio del 1997, diretto da Tonino Accolla, nella scena in cui Dart Fener, dopo aver battuto Luke Skywalker sulla Città delle Nuvole, torna alla navetta imperiale, la frase «Avvertite l'Incrociatore Stellare di prepararsi per il mio arrivo» è doppiata da Rodolfo Bianchi, mentre nella versione del 2004, quando Fener parla con l'Imperatore, quest'ultimo è doppiato da Carlo Reali.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Incassi[modifica | modifica sorgente]

L'Impero colpisce ancora debuttò nei cinema americani il 26 maggio 1980, in 126 schermi selezionati.[44] Le proiezioni d'incasso non erano delle più positive: tolti i costi di marketing e distribuzione, il film avrebbe dovuto incassare almeno 50 milioni di dollari per generare un profitto, una cifra raggiunta l'anno precedente soltanto da dieci film sui cento distribuiti sul territorio americano.[5] Tuttavia, secondo il produttore Kurtz «Non ci sono mai stati dubbi sul successo del film, erano le aspettative a schiacciarci», dovendo confrontarsi con il film più remunerativo di sempre.[11]

La pellicola incassò 1 336 305 $ il primo giorno d'apertura,[76] 6 415 804 $ nel primo fine settimana. Nei mesi di giugno e luglio, i cinema che proiettavano il film aumentarono fino a raggiungere l'apice di 880 schermi negli Stati Uniti.[44] Il film superò il precedente episodio nei dati di debutto ma non riuscì nel complesso a eguagliare i numeri di Guerre stellari; secondo molti commentatori, gli spettatori, convinti che avrebbero assistito a una storia energetica e rassicurante tanto quanto Guerre stellari,[6][67] rimasero spiazzati trovandosi di fronte a un prodotto adulto e sofisticato, che non attirava l'interesse dei più piccoli, fetta molto consistente del pubblico di Guerre stellari.[6][77]

A fine corsa, L'Impero colpisce ancora incassò 209 398 025 $ nei soli Stati Uniti (diventando il film col maggior incasso del 1980),[78] ai quali si aggiungono i 13 276 241 $ della ridistribuzione del 1982.[79]

Dopo la ridistribuzione del 1997, che guadagnò nel primo fine settimana di sfruttamento domestico 21 975 993 $, arrivando a un totale di 67 597 694 $ sul suolo statunitense,[80] l'incasso de L'Impero colpisce ancora raggiunse i 290 475 067 $ in America e 538 375 067 $ complessivamente in tutto il mondo.[80]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Quando vidi che George Lucas aveva reso un Muppet il personaggio cardine del film pensai "Questo tizio ha le palle". Sono impensabili i rischi che quest'uomo ha corso per raccontarci la sua storia. E il fatto che sia così abilmente costruito è il massimo per me, il comporre insieme tutte queste discipline magiche per fare qualcosa che è tanto più grande della somma delle sue parti. È spettacolare. Il cast è spettacolare, tutto funziona bene. È cinema allo stato puro.

David Fincher.[81]

All'indomani della sua uscita, L'Impero colpisce ancora ricevette un'accoglienza contrastante da parte di critica e pubblico.[5][6] Commenti positivi vennero fatti agli attori per il loro lavoro: Hamill venne lodato per la sua capacità di «Saper reggere il film sulle proprie spalle»,[9] mentre l'interpretazione di Oz colpì a tal punto da far perorare a Lucas e Kershner la candidatura all'Oscar come miglior attore non protagonista;[82] il comitato organizzatore tuttavia negò loro la possibilità di nomina, affermando che «Animare pupazzi non è un'arte».[39][83]

Elogiato universalmente per la perizia tecnica con cui venne confezionato, il film venne però criticato per la storia, rea di non avere uno sviluppo coerente, e per lo scarso approfondimento psicologico dei personaggi, giudicati nella maggior parte dei casi poco naturali e artificiosi.[6][84] I critici avvertirono l'assenza di umorismo, ma fu la mancanza dell'operazione postmoderna dell'unione di generi diversi - l'aspetto che maggiormente li aveva convinti la prima volta -[6] a destabilizzarli: The Times questionò l'esistenza di un seguito a un film che funzionava come un tributo nostalgico all'infanzia e di conseguenza non poteva avere una continuazione,[6] mentre David Denby (Newsweek) affermò che il film «Funziona su un solo livello e il mix di citazioni del primo film è stato sostituito con citazione al primo film stesso».[6]

Tra i problemi principali del film, molti additarono il fatto che non avesse un vero inizio né una conclusione soddisfacente e che il cupo finale della pellicola tradisse lo spirito della saga;[6][67][85] su tutti, Vincent Canby (The New York Times) stroncò il film scrivendo: «Confessione: quando sono andato a vedere L'Impero colpisce ancora mi sono ritrovato a guardare spesso il mio orologio. La Forza è con noi, di certo, e molta di essa è aria fritta».[86] Canby, come altri suoi colleghi, mise in dubbio la paternità di Kershner dell'opera (una questione che irritò molto l'autore, additato all'epoca come «La marionetta di Lucas»),[5] affermando che non vi fosse cesura tra gli incarichi del regista e quelli di Lucas, e che quest'ultimo avesse svolto il grosso del lavoro. Canby concluse la sua recensione con un lapidario: «L'Impero colpisce ancora è personale come una cartolina di Natale mandata dalla banca».[26]

Poche furono le testate che recensirono positivamente il film: Films in Review, il Los Angeles Times, il Toronto Star e il Washington Post, sul quale Gary Arnold scrisse che la pellicola era «Un impressionante melodramma fantascientifico strabiliante che regge due ore di avventure elaborate, sorprendendoti alle spalle sul piano emotivo».[6] Tuttavia, anche nelle recensioni più favorevoli, l'opera usciva sconfitta dal confronto con Guerre stellari.[6]

Fu soltanto grazie all'avvento dell'home video e dei numerosi passaggi televisivi che il pubblicò riscoprì il film:[6] nelle guide TV di fine anni ottanta veniva elogiato per l'atmosfera ombrosa e non convenzionale.[6] Negli anni la fama dell'opera si rafforzò fino a superare i consensi raccolti da Guerre stellari. L'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes, che raccolse a partire dal 2000 le recensioni sul film, registrò un 97% di freschezza, il più alto per un film della saga di Guerre stellari,[87] e nelle recensioni successive al 1997, anno della ridistribuzione nei cinema, il film venne applaudito come il migliore della serie e uno dei migliori prodotti fantascientifici di sempre.[6] Roger Ebert scrisse che il film «È il migliore dei tre e di gran lunga il più provocatorio»;[88] il San Francisco Chronicle applaudì la messa in scena di Kershner e la sua abilità nel trattare con grande maturità lo sviluppo psicologico dei personaggi,[59] mentre per Empire il film «Segna una progressione che ha il sapore, oscuro ed epico, di un'opera Wagneriana», arrivando a definire la sequenza finale «La migliore e la più complessa della saga, intrisa di metafore grazie alla discesa in un inferno circolare in cui prendono vita le paure dell'eroe».[89]

Il film ebbe un forte impatto culturale, fino a diventare per alcuni «Un pezzo indelebile di Americana»,[90] venendo citato e parodiato da moltissimi film e serie televisive,[5][6] nonché da ambiti non cinematografici; famoso fu il caso della guerra delle Falkland: quando la task force britannica, intenzionata a riprendere il controllo delle isole, lasciò il paese il 19 aprile 1982, il giornale americano Newsweek scrisse in copertina The Empire Strikes Back! utilizzando il titolo del film.[91] Chuck Klosterman, nel libro Sex, Drugs, and Cocoa Puffs: A Low Culture Manifesto, scrisse che: «Mentre film come Easy Rider e La febbre del sabato sera dipingevano un ritratto delle generazioni dell'epoca, L'Impero colpisce ancora è forse l'unico esempio di un film che imposta la propria estetica sociale per le generazioni future».[92]

Il film venne preso come pietra di paragone da molti sequel con ambizioni più mature dei propri predecessori, diventando una terminologia per indicare la natura adulta e oscura del film e ispirando autori come J. J. Abrams, David Fincher, Bryan Singer, Kevin Smith, Christopher Nolan, Joseph Kosinski e Alan Taylor.[16][81][93][94][95][96][97]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Costata dieci milioni di dollari,[49] la campagna pubblicitaria del film fu incentrata sulle tradizionali tipologie promozionali come poster, trailer e clip dedicate ai nuovi personaggi e al ritorno dei protagonisti originali.

Locandine[modifica | modifica sorgente]

Il poster Style A del film venne ideato da Roger Kastel, all'epoca illustratore molto quotato per aver disegnato il poster de Lo squalo. Conosciuto anche con il nome di poster di Via col vento, il dipinto trae ispirazione dal poster della riedizione di Via col vento del 1967, realizzata da Tom Jung e Howard Terpning.[98] Nel dipinto, Ian Solo e Leila svettano in primo piano, alla maniera di Rhett Butler e Rossella O'Hara, contornati da Luke e dagli emblemi dell'Impero. Nonostante l'impatto del poster, venne considerata una mossa azzardata mettere in risalto la componente romantica di quello che sarebbe dovuto essere un blockbuster estivo di fantascienza.[99] A seguito delle proteste di Billy Dee Williams, il quale lamentava l'assenza del proprio personaggio sul poster alla luce degli obblighi contrattuali che imponevano la presenza di Lando Calrissian sulle locandine, la 20th Century Fox ritirò l'immagine dai cinema, rendendola una rarità per i collezionisti, e commissionò a Tom Jung un nuovo poster in cui comparisse Lando;[99] altri dipinti vennero in seguito realizzati per la promozione della pellicola, la maggior parte dei quali fece leva sull'immagine di Dart Fener.

Per la riedizione del 1997 venne realizzato un nuovo poster da Drew Struzan, al quale venne chiesto di creare un unico trittico che, unito, avrebbe formato un grande dipinto.[100] L'artista lamentò le scadenze pressanti impostegli dalla LucasFilm: la compagnia lo contattò durante le vacanze natalizie del 1996, poco meno di un mese prima dell'uscita nelle sale del primo film. «È stata la peggior scadenza di sempre! Dovevo fare un poster a settimana, è un ritmo serrato. Mi ci sono voluti vent'anni per arrivare a questo punto e ora avevo la possibilità di condensare in un'immagine i tre film più di successo di sempre».[100]

Trailer[modifica | modifica sorgente]

  • Il primo teaser trailer venne mostrato nei primi mesi del 1979 e consisteva soltanto nelle immagini di pre-produzione di Ralph McQuarrie e in foto di scena visto che, all'epoca, niente di ciò che era stato girato era presentabile al pubblico.[101]
  • Un trailer vero e proprio di 90 secondi, distribuito nei cinema a partire dal 15 agosto 1979, fu allegato alla riedizione di Guerre stellari. Narrato da Harrison Ford, il trailer contiene un frammento della scena tagliata dell'attacco dei Wampa, in cui D-3BO strappa il cartello di avvertimento dalla stanza in cui sono rinchiuse le creature delle nevi; il filmato presenta inoltre una versione preliminare del logo.[101]
  • Un secondo trailer venne mostrato per un breve periodo nell'autunno del 1979. A causa dell'assenza della nuova colonna sonora, ancora in fase di scrittura, i realizzatori del trailer utilizzarono Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi come accompagnamento musicale.[101]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Oltre ai premi ottenuti all'epoca della sua uscita, L'Impero colpisce ancora ne raccolse molti altri nel corso degli anni. Nel 2001, un sondaggio condotto da Channel 4 decretò Guerre stellari e L'Impero colpisce ancora i migliori film di tutti i tempi;[102] nel 2003 l'American Film Institute inserì il film nella lista AFI's 100 Years... 100 Heroes and Villains, che vide Dart Fener al terzo posto in un gruppo di 50 cattivi; la nomina de L'Impero colpisce ancora invece che Guerre stellari venne giustificata per la maggior presenza in qualità di antagonista principale da parte di Fener. Sempre l'AFI candidò il film, senza successo, nella lista del 2005 AFI's 100 Years... 100 Movie Quotes, contenente le cento migliori citazioni cinematografiche:[103]

(EN)
« I am your father »
(IT)
« Io sono tuo padre »
(Dart Fener)
(EN)
« Do. Or do not. There is no try »
(IT)
« Fare. O non fare. Non c'è provare »
(Yoda)

Nel 2007 si aggiudicò il quinto posto nella classifica VES 50: i 50 film più influenti nel campo degli effetti visivi stilata dalla Visual Effects Society; similmente, nel 2008, si posizionò terzo nell'ambiziosa classifica dei 500 migliori film di tutti i tempi, indetta da Empire e votata da diecimila lettori, centocinquanta professionisti del settore e cinquanta critici cinematografici.[104] Infine, nel 2010, la National Film Preservation Board aggiunse la pellicola alla lista di film preservati nel National Film Registry della biblioteca del Congresso.

  • 1981 - Grammy Award
    • Miglior colonna sonora di un film, programma televisivo o altro media visuale a John Williams
    • Miglior composizione strumentale a John Williams
  • 1981 - Premio Hugo
    • Migliore rappresentazione drammatica a Irvin Kershner, George Lucas, Leigh Brackett e Lawrence Kasdan
  • 2004 - Saturn Award
    • Miglior collezione DVD per Star Wars - La trilogia
  • 2004 - Satellite Award
    • Nomination miglior DVD classico per Star Wars - La trilogia
    • Nomination miglior DVD per Star Wars - La trilogia
  • 2011 - Satellite Award
    • Migliori extra del DVD per Star Wars - La saga completa
    • Nomination miglior Blu-Ray Disc per Star Wars - La saga completa
  • 2011 - Saturn Award
    • Nomination miglior collezione DVD per Star Wars - La saga completa
  • 2012 - Golden Trailer Awards
    • Nomination pubblicità più innovativa per un marchio/prodotto per Star Wars - La saga completa

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

L'Impero colpisce ancora venne distribuito nel mercato home video statunitense nel corso degli anni ottanta, in vari formati e versioni, singolarmente o insieme agli altri due episodi della saga.

VHS[modifica | modifica sorgente]

Il film uscì per la prima volta in formato VHS e betamax il 13 novembre 1984,[105] in formato pan and scan, a cui fecero seguito due ridistribuzioni, nel 1986 e tra gli anni 1987-1989.[106] La stessa edizione venne presentata nel 1990 in un cofanetto contenente l'intera trilogia,[106] riedito nel 1992 nei formati pan and scan e widescreen. Quest'ultimo, recante il logo letterbox, venne soprannominato Collector's Edition Trilogy e presentava una quarta cassetta contenente il documentario From Star Wars to Jedi: The Making of a Saga, un certificato di autenticità, un messaggio di George Lucas e una versione accorciata della biografia George Lucas: The Creative Impulse.[106]

Il 29 agosto 1995, in occasione della nascita della divisione 20th Century Fox Home Entertainment, la saga venne distribuita, per un periodo limitato dopo il quale le VHS vennero ritirate dal mercato,[107] nei due formati pan and scan e widescreen, con una nuova veste grafica e per la prima volta con il certificato di qualità audio e video THX. Nella prima settimana di distribuzione furono vendute più di 9 milioni di unità, tra VHS e laserdisc, dimostrando come l'interesse per la serie fosse ancora vivo nonostante l'assenza di nuovi film.[6] Di questa edizione esiste una variante molto rara, chiamata Star Wars Trilogy: The Definitive Collection: una valigetta di metallo, numerata in 20 000 esemplari, contenente i tre film, una quarta cassetta con i contenuti già presenti nell'edizione in laserdisc del 1993, un libro con le sceneggiature dei tre film, cartoline ritraenti sfondi usati nelle pellicole, tre poster e un certificato di autenticità.[108]

Il 26 agosto 1997 l'edizione home video delle edizioni speciali invase il mercato, singolarmente e nel box set dal doppio formato pan and scan e widescreen; ogni film era preceduto da una breve featurette sui cambiamenti apportati.[106] Della stessa versione venne realizzata un Limited Edition Collector's Set, contenente un'ulteriore cassetta The Making of Star Wars Trilogy Special Edition, cinque fotogrammi di una delle scene inedite, il libro The Art of the Star Wars Trilogy Special Edition, tre litografie e un fermacarte in stagno con il logo della saga.[106]

Le edizioni del 1997 vennero ridistribuite il 21 novembre 2000, sempre in doppio formato, con una grafica più asciutta - per omologarle all'allora recente uscita della VHS de La minaccia fantasma - e un'anticipazione de L'attacco dei cloni.[105]

CED[modifica | modifica sorgente]

Il film fu uno dei pochi lungometraggi a uscire, il 13 novembre 1984, nel formato di scarso successo CED (Capacitance Electronic Disc), creato dalla RCA mischiando le caratteristiche di un vinile con quelle di un laserdisc: in grado di riprodurre audio e video, il supporto veniva fisicamente letto da una testina, invece che da un raggio laser.[109]

Laserdisc[modifica | modifica sorgente]

Il primo laserdisc del film risale al 1984, edito in formato CLV, a cui fece seguito l'anno successivo il primo laserdisc in formato CAV;[106] nel 1989 venne realizzata la prima versione in widescreen, riedita nel 1992 in pan and scan con audio digitale.[106]

Il 15 settembre 1993 L'Impero colpisce ancora uscì all'interno del cofanetto Star Wars Trilogy: The Definitive Collection,[106] nove laserdisc CAV contenenti i film e diversi contenuti speciali, all'epoca chiamati VAM (Value Added Material) (commenti audio da parte di George Lucas, Ben Burtt, Dennis Muren, Ken Ralston, Ralph McQuarrie e Frank Oz, il video musicale de Il ritorno dello Jedi, approfondimenti sugli effetti speciali, foto, stoyboard e un tour negli archivi),[110] la biografia Goerge Lucas: The Creative Impulse e un libretto di sedici pagine sulla trilogia.[106]

Il 29 agosto 1995, in concomitanza con le VHS, la saga venne distribuita, in pan and scan e widescreen, con una nuova veste grafica e per la prima volta con il certificato di qualità audio e video THX. Questa versione è considerata la miglior versione del film originale, nonché l'ultima (insieme alle rispettive VHS) a essere distribuita inalterata.[110] Tutte le uscite successive a questa, pur incrementando la qualità audio e video, saranno copie dell'edizione speciale del 1997.[110] L'ultimo laserdisc del film vedrà la luce nell'agosto del 1997, all'interno di un cofanetto contente la trilogia nella versione delle edizioni speciali.

I cofanetti DVD della trilogia nella versione del 2008.

DVD[modifica | modifica sorgente]

Il 21 settembre 2004 la trilogia venne distribuita in tutto il mondo in un cofanetto indivisibile (pan and scan o widescreen) composto da quattro dischi: i tre film, con relativi commenti audio, e un disco bonus, con il documentario Empire of Dreams: The Story of the Star Wars Trilogy, approfondimenti vari, anticipazione de La vendetta dei Sith, foto di scena, trailer e spot televisivi.

Lucas ripensò ancora una volta la pellicola e sostituì Jason Wingreen, voce di Boba Fett, con Temuera Morrison, interprete di Jango Fett, padre putativo del cacciatore di taglie. La decisione attrasse molte critiche, non tanto per la revisione filologica del personaggio quanto più per il livello inferiore di recitazione dell'attore rispetto a Wingreen.[111] Un'altra modifica importante è presente nella scena con l'Imperatore, ora impersonato da Ian McDarmid. Alcuni dialoghi tra Fener e Palpatine, inoltre, vennero riscritti per aderire alle vicende dei prequel.[111] Pur ottenendo recensioni positive, il lavoro di pulizia dei fotogrammi, effettuato dalla compagnia Lowry Digital Images sulla base delle edizione speciali del 1997, venne in parte criticato per non aver risolto alcune delle inconsistenze nelle spade laser e per aver creato degli sbilanciamenti nella brillantezza delle immagini.[111][112]

Nel 2005, il cofanetto venne ridistribuito sotto nuova veste, per rendere più appetibili i cofanetti anche ai non appassionati della saga, con una grafica ispirata al primo poster di Guerre stellari e senza il quarto disco.[105] Dopo l'insistenza dei fan, che domandavano a gran voce l'uscita in DVD delle versioni originali dei film, il 12 settembre 2006 la trilogia venne riedita singolarmente.[113] Le versioni inalterate provenivano dai master dell'edizione in laserdisc del 1993 e questo causò molte lamentele da parte degli appassionati che avrebbero preferito una versione in alta risoluzione dei film.[113] Il 4 novembre 2008 i tre DVD vennero riediti in un unico cofanetto con una nuova grafica.

Blu-Ray Disc[modifica | modifica sorgente]

Il 16 settembre 2011 (il 13 in Italia) uscì l'intera esalogia in Blu-ray in tre cofanetti: uno contenente la trilogia originale, un altro la trilogia prequel e infine uno con la saga completa.[106] I nove dischi, oltre ai film, comprendevano Gli Archivi di Star Wars, con scene tagliate, modellini, costumi e interviste, e un intero disco dedicato ai documentari (Guerrieri Stellari, The Making of Star Wars, L'Impero colpisce ancora: Effetti Speciali, Mostri Classici: Il Ritorno dello Jedi, Una conversazione con i maestri: L'Impero colpisce ancora 30 anni dopo, Anatomia di un Dewback, La tecnologia di Star Wars e un'antologia di parodie della saga).[106] Le versioni dei film furono quelle del 2004 (tratte a loro volta da quelle del 1997), rispettando il principio di economia affermato dallo stesso Lucas: «Bisogna attraversare un lungo processo di restaurazione e va fatto digitalmente. È un processo molto, molto, costoso. Quindi quando l'abbiamo trasferito in digitale, nel 1997, abbiamo trasferito le edizioni speciali, quelle aggiornate».[114]

Le modifiche apportate a questa edizione furono minime, di cui la maggior parte effettuate per correggere errori o imprecisioni (un riflesso sulle finestre dell'appartamento di Leila per dare maggior realismo o l'aggiunta di pelo sul braccio del Wampa per nascondere l'animatore). Definito «uno dei cambiamenti migliori dell'edizione»,[90] il bilanciamento del colore attuato nella versione in blu-ray modificò sensibilmente l'immagine di molte scene: la neve nelle sequenze d'apertura venne schiarita e perse l'alone azzurro, acquisendo un aspetto naturale e mettendo in risalto gli elementi che vi si stagliano contro quando essa funge da sfondo;[90] la fotografia nelle scene sulla Città delle Nuvole passò a toni più caldi e il fantasma di Obi-Wan assunse nitidezza e volume.[90] La riduzione digitale del rumore migliorò il quadro, contrariamente all'effetto negativo prodotto su alcuni degli altri episodi, e fece emergere nuovi dettagli, come la pienezza degli incarnati, il candore del manto del Wampa e i peli sulla pelliccia di Chewbecca.[90]

Nonostante le critiche mosse per aver inserito le versioni speciali del 1997 e non quelle originali, le recensione alla versione in blu-ray del film furono molto positive:[90][115] i commentatori elogiarono il lavoro di trasferimento che permise agli spettatori di «ammirare dettagli mai visti primi»,[115] come la consistenza screpolata del volto di Yoda o aspetti dei costumi fino ad allora passati inosservati, mentre il compartimento audio venne definito «materiale da demo».[90]

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Citazioni della saga[modifica | modifica sorgente]

  • «I have a bad feeling about this», una frase presente in tutti i film della serie (in questo caso tradotta con «Comunque c'è qualcosa che non mi piace»), viene pronunciata da Leila mentre scende dal Millennium Falcon per ispezionare l'antro della caverna, appena prima di scoprire di essere stati ingoiati da un lumacone spaziale.[116]

Citazioni di altre opere[modifica | modifica sorgente]

  • Le tre ambientazioni del film vennero influenzate profondamente dalle strisce a fumetti di Flash Gordon.[117]
  • La sonda imperiale inviata su Hoth è una citazione visiva alla storia The Long Tomorrow di Mœbius.[117]
  • La frase del generale Rieekan «Mandare Rogue Dieci e Undici alla stazione tre-otto»[116] costituisce una citazione al primo film di George Lucas L'uomo che fuggì dal futuro, in originale intitolato THX 1138.[118]
  • Il nascondiglio che si rivela essere lo stomaco del mostro è una citazione al libro di Giona, da cui, oltre all'episodio della balena, venne ripreso l'aspetto del mostro.[54]
  • Il dialogo tra Fener e Palpatine, in cui il volto dell'imperatore appare come un ologramma, è un omaggio a Il mago di Oz.[54]
  • Il nome dell'Imperatore Palpatine trae ispirazione del personaggio del senatore Charles Palantine in Taxi Driver.[53][118][119]
  • La scena in cui Chewbecca contempla la testa di D3-BO è una citazione alla scena dell'Amleto in cui il protagonista fa la stessa cosa con il teschio del giullare di corte Yorick.[11]
  • Il Wilhelm Scream è udibile due volte nel film: durante la battaglia di Hoth, quando uno dei soldati ribelli viene ucciso, e poco prima che Ian venga imprigionato nella grafite, quando Chewbecca fa cadere uno dei soldati imperiali dalla piattaforma.

Citazioni e parodie[modifica | modifica sorgente]

L'Impero colpisce ancora venne citato in numerosi film, videogiochi e serie televisive; i poster e il merchandising correlato al film sono visibili in Il tempo delle mele, Il bacio della pantera, Poltergeist - Demoniache presenze, Re per una notte, Howard... e il destino del mondo, Arizona Junior, Firefly, Die Hard - Vivere o morire e Paul,[118] mentre la svolta finale e la battuta «No, io sono tuo padre» venne parodiata in Austin Powers - La spia che ci provava, Monkey Island 2: LeChuck's Revenge, Toy Story 2 - Woody e Buzz alla riscossa, Looney Tunes: Back in Action, Chicken Little - Amici per le penne, Robot Chicken, Mi presenti i tuoi? e I fantastici viaggi di Gulliver. Alcune delle più importanti citazioni fatte nel corso degli anni sono:

  • La serie televisiva I Simpson ha più volte omaggiato il film, usando frammenti della colonna sonora negli episodi Marge trova lavoro e Il Film Festival di Springfield, oltre a citarlo esplicitamente nelle seguenti puntate:
    • In Ho sposato Marge, dei giovani Homer e Marge vanno a vedere il film e, uscendo dalla sala, Homer rivela inavvertitamente il finale agli spettatori in fila, per poi rivolgersi a Marge dicendole di essere «bella quanto la principessa Leila e intelligente quanto uno Jedi».
    • In Musica maestro Lisa vede tra le nuvole vari personaggi doppiati da James Earl Jones, tra cui Fener, e viene reiterata la famosa frase finale.
    • Ne Il peggior episodio di sempre de I Simpson, la madre di Martin decide di vendere uno scatolone contenente oggetti del figlio, tra cui una bobina con il finale alternativo del film in cui il padre di Luke è Chewbecca.
    • In Homer alla berlina, il dottor Hibbert, vestito da Dart Fener, recita la frase «Io sono tuo padre» e viene incarcerato per aver violato il divieto di imitare personaggi famosi.
    • In Sindacato con la mafia, Mark Hamill partecipa a un cameo e lo si vede esibirsi nel musical Guys and Dolls finché uno dei tirapiedi di Tony Ciccione lo accusa di non aver terminato l'addestramento da Jedi.
    • Nella gag del divano dell'episodio Sesso, pasticcerie e video-taglie la famiglia è ibernata nella grafite e viene portata via da Boba Fett.
  • La creatrice della serie 30 Rock Tina Fey ha inserito molte citazioni alla saga nello show, in quanto appassionata della serie, in particolare a L'Impero colpisce ancora:[120]
    • In Il sole splende sempre, sempre, Kim Jong-il pronuncia la frase «Luke, io sono tuo padre».
    • In Don Geiss, America e speranza è menzionata ironicamente la città di "Bespin, Ohio" e Don Geiss viene ibernato nella grafite come Ian.
    • Nell'episodio La macchina della verità, Liz Lemon cita la scena in cui Ian usa il corpo del tauntaun come rifugio per la notte.
    • Nella versione originale de La festa di San Patrizio Liz confessa finalmente il suo amore a Criss, il quale risponde: «Lo so». Liz, in tutta reazione, esclama: «You Soloed me» («Mi hai Solizzata»); nella versione italiana la frase è resa con un più generale «Mi hai incastrata».
  • In E.T. l'extra-terrestre, Elliot mostra a E.T. le sue statuine di Lando Calrissian e Boba Fett. Inoltre, durante la notte di Halloween, E.T. scambia un bambino vestito da Yoda per un suo simile, mentre in sottofondo è udibile il tema del personaggio composto da John Williams.
  • In Brazil la scena in cui Sam uccide e smaschera il Samurai, vedendo il proprio volto, costituisce una citazione al film.[118]
  • Yogurt, il saggio maestro presente in Balle spaziali, è un parodia del personaggio di Yoda.
  • In Clerks - Commessi Dante e Randal discutono su quale finale sia migliore tra L'Impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi; Dante commenta che il primo ha una migliore conclusione perché più tetro e simile alla vita vera, «Con una serie di finale deprimenti uno dopo l'altro». In un primo montaggio, il film spingeva più a fondo l'omaggio alla pellicola, terminando con la morte di Dante in riferimento alle convinzioni dello stesso.[118][121]
  • in Generazione X Jay cita la frase di Yoda «Avventura. Puah! Emozioni. Puah! Un Jedi queste cose non ambisce».
  • In Titan A.E. di fronte ai malfunzionamenti dell'astronave, Akima chiede, alla maniera di Leila: «Aiuterebbe se scendessi a spingere?».
  • Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!, oltre a citare il film nel proprio titolo (in originale Jay & Silent Bob Strikes Back), vede comparire Mark Hamill in un cameo in cui perde una mano alla maniera del suo personaggio.
  • La piattaforma di atterraggio 327 in Sky Captain and the World of Tomorrow è la stessa della Città delle Nuvole dove atterra il Millennium Falcon.
  • Something, Something, Something, Dark Side, episodio della serie I Griffin, è una lunga parodia del film.
  • In Zack & Miri - Amore a... primo sesso il titolo del film è storpiato nella versione porno The Empire Strikes Ass (L'impero colpisce il culo).
  • Il protagonista di Ted, John, ha impostato la marcia Imperiale come suoneria del cellulare.
  • In Voices, Beca afferma di aver previsto la rivelazione finale grazie alla traduzione di "Vader", che in olandese significa "Padre".

Versione alternativa[modifica | modifica sorgente]

Rick McCallum, produttore dell'edizione speciale del film.

In occasione del ventennale della saga nel 1997, la trilogia originale venne ridistribuita nei cinema, a poche settimane di distanza l'uno dall'altro, sotto il nome di The Special Edition. I negativi delle pellicole vennero ripuliti, l'audio rimasterizzato e alcuni degli effetti speciali migliorati, arrivando a intervenire sullo sviluppo delle singole scene. Lucas asserì che le modifiche vennero attuate per rendere i film più vicini alla sua visione originaria degli stessi,[67] tuttavia l'operazione servì principalmente come banco di prova per la Industrial Light & Magic, la casa di effetti speciali che si sarebbe occupata da lì a poco del prequel La minaccia fantasma.[122]

La supervisione del nuovo montaggio venne curata da T.M. Christopher, quella degli effetti speciali da Dave Carson e la produzione venne affidata a Rick McCallum. Oltre ad aggiustamenti visivi e correzioni sonore di minore entità,[111] il grosso dei cambiamenti riguardarono le scene con il Wampa e quelle ambientata su Cloud City. Nella versione originale la creatura veniva mostrata tramite dettagli del corpo e primi piani. Nelle nuove inquadrature, intercalate con il tentativo di Luke di usare la Forza per prendere la propria spada laser, il mostro è visibile a figura intera, mentre si nutre del tauntaun prima e in agonia per la perdita di un braccio poi.

La sequenza sulla Città delle Nuvole, invece, subì un massiccio trattamento atto ad allargare la geografia degli spazi:[111] nell'inquadratura di presentazione del pianeta venne aggiunto un raffinatore di gas e rimossa un'astronave, venne esteso l'atterraggio con alcune inquadrature in cui i protagonisti sfrecciano tra i palazzi della città, modificato l'aspetto dell'appartamento di Leila nella veduta esterna e girato un inserto di reazione da parte di alcuni cittadini al segnale di evacuazione di Lando. Infine, nella maggior parte delle scene interne vennero aggiunte finestre che danno sulla città e tolte alcune scenografie per dare una sensazione di maggior respiro agli ambienti.[111]

Nel finale del film trovò spazio un articolato segmento inedito, la dipartita di Fener dalla Città delle Nuvole, un momento che nella versione del 1980 non era stato mostrato: la scena è composta da un'inquadratura in cui Fener si avvia verso la navicella e dal suo arrivo sull'Executor (il girato dell'atterraggio proviene dagli scarti de Il ritorno dello Jedi).[111] L'aggiustamento che destò maggiore perplessità nei fan fu l'urlo di Luke, assente nella versione del 1980, mentre questi si getta nel vuoto per scampare da Fener. Il grido che lancia l'eroe tolse, secondo alcuni,[111] l'intenzionalità del gesto e svilì la decisione stoica del giovane di andare incontro a quella che pareva una morte certa. Nelle edizioni successive del film l'urlo venne tolto, rendendo la versione del 1997 l'unica a presentarlo.[111]

Uscito nei cinema nel febbraio del 1997,[80] L'Impero colpisce ancora incassò più di 60 milioni di dollari negli Stati Uniti e fu, tra tutti, il film che più rimase fedele alla versione del 1980 (i 124 minuti originali passarono a 127): le modifiche presenti vennero generalmente accettate come effettivi miglioramenti da parte degli appassionati, che avevano speso parole molto critiche nei confronti degli stravolgimenti operati su Guerre stellari, e dello stesso Kershner, il quale si disse gratificato dal fatto che il suo episodio fosse quello con la minore quantità di cambiamenti.[17][111]

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Radiodramma[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver trasmesso l'adattamento radiofonico di Guerre stellari nel 1981, la National Public Radio propose una nuova serie dedicata al secondo episodio della saga. Diretta nuovamente da John Madden e scritta da Brian Daley, la trasposizione venne divisa in dieci episodi, per un totale di quattro ore e quindici minuti, e trasmessa a partire dal 14 febbraio 1983.[123]

Come la precedente serie, The Empire Strikes Back espanse la storia del film, incorporando nuove scene come una conversazione accesa tra Ian e Luke tra le lande di Hoth. Mark Hamill, Billy Dee Williams e Anthony Daniels ripresero i loro ruoli del film, mentre a doppiare gli altri vennero chiamati altri attori, tra cui John Lithgow per Yoda, David Rasche, Jay Sanders, David Alan Grier, Geoffrey Pierson e Jerry Zaks.

Per promuovere la trasmissione venne pubblicata sui giornali la ricetta dello stufato di radici che Yoda prepara a Luke, elaborata dal critico gastronomico Craig Claiborne.[124]

Romanzo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L'Impero colpisce ancora (romanzo) e Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora (romanzo).

L'Impero colpisce ancora venne adattato in un romanzo scritto da Donald F. Glut pubblicato nel 1980. Il libro si discosta dalla pellicola per alcuni dettagli, come il colore della pelle di Yoda, blu. All'addestramento di Luke, inoltre, è riservato molto più spazio rispetto al film. Edito da Del Rey Books, venne distribuito in due versioni, una regolare e una più beve, denominata Young Readers Edition. Le prime stampe di entrambe le edizioni contenevano otto pagine di foto a colori del film.

Nel 1995 uscì una versione per ragazzi, Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora, scritta da Larry Weinberg.

Libro fotografico[modifica | modifica sorgente]

Il 12 agosto 1980 la Del Rey Books fece uscire Once Upon a Galaxy: A Journal of the Making of The Empire Strikes Back. Scritto da Alan Arnold, il libro racconta la travagliata produzione del film, dalle interviste durante le fasi di pre-produzione ai festeggiamenti di fine riprese. La particolarità del libro consiste nella sua estrema onestà dei fatti: niente di tutto ciò che sarebbe stato sconveniente mostrare venne censurato; i critici lodarono l'operazione per la sua trasparenza documentaristica, inusuale per un prodotto promozionale come quello.[125] Arnold ottenne di poter far indossare al regista e agli attori principali dei microfoni senza fili per un giorno in modo che venisse registrata la giornata lavorativa sul set; il giorno scelto fu quello in cui venne girata la scena del congelamento di Ian Solo nella grafite.

Nell'ottobre del 1980 Del Rey dette alle stampe il libro The Art of The Empire Strikes Back, contenente i disegni concettuali prodotti dagli artisti, le riproduzioni in scala dei matte painting usati nel film e l'evoluzione visiva di personaggi e astronavi. Il volume venne riedito nel 1997 con il titolo The Art of Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back e impreziosito da sedici pagine di illustrazioni dedicate all'edizione speciale della pellicola.[126]

Il 12 ottobre 2010, in occasione del trentennale della pellicola, uscì The Making of Star Wars: The Empire Strikes Back, di Jonathan W. Rinzler, un libro di grande formato in cui viene raccontata la storia produttiva del film e i suoi riverberi sull'industria di settore. Sorta di seguito spirituale al libro di Arnold,[125] il volume di Rinzler si occupò, tra le altre, delle questioni che nell'opera di Arnold non avevano trovato spazio[38] come scatti inediti, documenti mai visti e interviste realizzate all'epoca al cast e alla troupe.[38]

Videogioco[modifica | modifica sorgente]

Il primo videogioco ispirato al film uscì nel 1982 per l'Atari 2600 e fu anche il primo prodotto videoludico basato sulla saga di Guerre stellari: Star Wars: The Empire Strikes Back, uno shoot 'em up in cui il giocatore ha il compito di abbattere gli AT-AT imperiali.[127]

Nel 1985 venne realizzato Star Wars: The Empire Strikes Back, un videogioco arcade a grafica vettoriale che ricrea la battaglia d'apertura del film, mentre nel 1992 uscì Star Wars: The Empire Strikes Back, altro gioco d'azione in due dimensioni, giocabile sul Nintendo Entertainment System, di cui la Ubisoft produsse una versione per Game Boy. L'anno successivo vide la luce Super Star Wars: The Empire Strikes Back, videogioco a piattaforme creato per il Super Nintendo Entertainment System e seguito di Super Star Wars.[127]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nonostante nei titoli di testa compaia la scritta Episode V, il film è stato sempre pubblicizzato con il semplice The Empire Strikes Back, fino a quando George Lucas non ufficializzò il titolo Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back nel 2004, in occasione dell'uscita in DVD della saga.
  2. ^ Maltin, op. cit., p. 1014.
  3. ^ a b Windham, op. cit., p. 89.
  4. ^ a b c d e f Kevin Burns. (EN) Empire of Dreams. 20th Century Fox, 21 settembre 2004.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab (EN) Trevor Hogg, Empire Building: The Making of The Empire Strikes Back in Flickering Myth, 15 dicembre 2010. URL consultato il 7 febbraio 2013.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Michael Kaminski, Original Trilogy Reception 1977-1983: Interpretation and Analysis in The Secret History of Star Wars. URL consultato il 12 marzo 2013.
  7. ^ Rinzler 2007, op. cit., p. 284.
  8. ^ a b Waddell, op. cit., p. 16.
  9. ^ a b c d Wilkins, op. cit., p. 54.
  10. ^ a b  Irvin Kershner. (EN) The Making of Empire Strikes Back, a 00:00:07. YouTube, 7 febbraio 2013. URL consultato in data 28 febbraio 2013.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Commento tratto dalle interviste d'archivio con il cast e la troupe, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox Home Entertainment, 2011.
  12. ^  Paul Verhoeven. (EN) Robocop Q&A with Paul Verhoeven (Night Visions Film Festival 2012), a 00:19:10. YouTube, 30 ottobre 2012. URL consultato in data 25 marzo 2013.
  13. ^ Waddell, op. cit., p. 17.
  14. ^ Waddell, op. cit., p. 15.
  15. ^ a b (EN) Michael Kaminski, The Magic of Empire: A Visit to the Set of Empire Strikes Back in The Secret History of Star Wars, 25 marzo 2008. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  16. ^ a b c (EN) Mike Ryan, J.J. Abrams' 'Star Wars': What 'The Empire Strikes Back' & 'Return Of The Jedi' Could Teach Us About Episode VII in The Huffington Post, 4 febbraio 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  17. ^ a b c (EN) Mike Ryan, In Hindsight, Empire Strikes Back Director Irvin Kershner Would’ve Helmed One of the Prequels in Vanity Fair, 18 ottobre 2010. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  18. ^ a b c Irvin Kershner, Empire of Dreams - The Story of the Star Wars Trilogy (2004), 20th Century Fox.
  19. ^ a b Consoli, op. cit., p. 50.
  20. ^ a b c d (EN) Michael Kaminski, Beyond George Lucas: Writers of the Star Wars Saga in The Secret History of Star Wars, 15 luglio 2009. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  21. ^ a b c d (EN) Rick Panna, First draft of 'The Empire Strikes Back' surfaces in Crave, 14 maggio 2010. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  22. ^ (EN) Cyriaque Lamar, What Did The Original Script For The Empire Strikes Back Look Like? in io9, 15 maggio 2010. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  23. ^ a b c d e f (EN) Mike Ryan, Lucasfilm’s J.W. Rinzler Talks About The Making of Star Wars: The Empire Strikes Back in Vanity Fair, 11 ottobre 2010. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  24. ^ Wilkins, op. cit., p. 57.
  25. ^ (EN) Ian Freer, The Story Behind The Empire Strikes Back - The six important decisions that created a classic in Empire. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  26. ^ a b c d e (EN) Charlie Jane Anders, 10 things you didn’t know about The Empire Strikes Back in io9, 12 ottobre 2010. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  27. ^ a b Hearn, op. cit., pp. 122-127.
  28. ^ a b c d e f g h i George Lucas, Irvin Kershner, Lawrence Kasdan e John Williams, Una conversazione con i maestri: L'Impero colpisce ancora 30 anni dopo, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  29. ^ a b (EN) Alasdair Wilkins, Yoda was originally played by a monkey in a mask, and other secrets of The Empire Strikes Back in io9, 10 ottobre 2010. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  30. ^ a b c d e f g h George Lucas, Irvin Kershner, Ben Burtt, Dennis Muren e Carrie Fisher, commento audio a Guerre stellari: L'Impero colpisce ancora, Star Wars - La trilogia, DVD. 20th Century Fox, 2004.
  31. ^ (EN) George Anderson, The 'Star Wars' People Strike Back in Pittsburgh Post-Gazette, 20 maggio 1980. URL consultato il 23 febbraio 2013.
  32. ^ a b c Irvin Kershner, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  33. ^ (EN) Ben Child, Carrie Fisher admits taking cocaine on set of The Empire Strikes Back in The Guardian, 12 ottobre 2010. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  34. ^ (EN) Mike Ryan, Harrison Ford's Complicated History With Han Solo in The Huffington Post, 9 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  35. ^ (EN) Eric Shirey, Billy Dee Williams Talks 'Star Wars' and 'Batman' in Yahoo! Movies, 4 novembre 2011. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  36. ^ a b Consoli, op. cit., p. 52.
  37. ^ (EN) Leslie J. Griffin, Billy Dee Williams Strikes Back in Michigan Chronicle, 7 gennaio 2013. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  38. ^ a b c Wilkins, op. cit., p. 55.
  39. ^ a b (EN) Meet Frank Oz, Who's Better Known as 'Yoda's Friend' in Ocala Star-Banner, 19 novembre 1980. URL consultato il 24 febbraio 2013.
  40. ^ a b Frank Oz, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  41. ^ a b (EN) Mike Ryan, Boba Fett On The Empire Strikes Back, That Crazy Suit, and the Star Wars Legacy in Vanity Fair, 8 ottobre 2010. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  42. ^ (EN) Chris Spice, "Straight Shooting" with Jeremy Bulloch in Sand Troopers. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  43. ^ (EN) Dalton Ross, Secrets and Jedis in Entertainment Weekly, 16 settembre 2004. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  44. ^ a b c d (EN) Box office / business for L'Impero colpisce ancora (1980), Internet Movie Database. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  45. ^ (EN) Filming locations for L'Impero colpisce ancora (1980), Internet Movie Database. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  46. ^ Rinzler, op. cit., pp. 166-167.
  47. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) David Samuelson, The Photography for The Empire Strikes Back in The American Society of Cinematography, giugno 1980. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  48. ^ a b Arnold, op. cit., pp. 140-147.
  49. ^ a b (EN) Star Wars Ep. V: The Empire Strikes Back, The Numbers. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  50. ^ a b c (EN) Michael Kaminski, In Tribute to Marcia Lucas in The Secret History of Star Wars, 6 gennaio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  51. ^ a b c d e f g h i j k l m Dennis Muren, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  52. ^ Peterson, op. cit., p. 43
  53. ^ a b Davide Canavero, Chiara Marino, Appunti di onomastica starwarsiana, Guerre stellari.net. URL consultato il 24 marzo 2013.
  54. ^ a b c d e f AA. VV., op. cit.
  55. ^ Norman Reynolds, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  56. ^ a b c d e f g Richard Schickel, Robert Guenette. (EN) SP FX: The Empire Strikes Back. 20th Century Fox, 22 settembre 1980.
  57. ^ Pollock, op. cit., pp. 161–162.
  58. ^ a b c (EN) Interview with the 'Star Wars' Cinematographer Peter Suschitzky in Inquisitor, 14 ottobre 2011. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  59. ^ a b c (EN) Bob Stephens, Blue skies, dark knights in San Francisco Chronicle, 21 febbraio 1997. URL consultato il 25 marzo 2013.
  60. ^ George Lucas, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  61. ^ a b (EN) Mike Ryan, 'Return of the Jedi' 30th Anniversary: The Exclusive 'Making Of' Trailer And The Proposed Death Of Han Solo in The Huffington Post, 21 maggio 2013. URL consultato il 25 maggio 2013.
  62. ^ a b c Scene eliminate, Gli Archivi di Star Wars: Episodi IV - VI, Star Wars - La saga completa, Blu-Ray Disc. 20th Century Fox, 2011.
  63. ^ Goodwin, op. cit., p. 27.
  64. ^ Arnold, op. cit., p. 249
  65. ^ a b (EN) Chris Malone, Recording the Star Wars Saga, Malone Digital. URL consultato l'11 marzo 2013.
  66. ^ Arnold, op. cit., p. 265
  67. ^ a b c d e (EN) Star Wars: The Empire Strikes Back (John Williams) in Film Tracks, 1º novembre 2011. URL consultato il 10 marzo 2013.
  68. ^ (EN) ‘John Williams on The Empire Strikes Back’ (1980) in John Williams Fan Network. URL consultato il 10 marzo 2013.
  69. ^ (EN) Bobby Morgan, The Empire Strikes Back: A Track-by-Track Commentary of the Original Score in Geeks of Doom, 22 maggio 2010. URL consultato il 7 aprile 2013.
  70. ^ a b c (EN) Release dates for The Empire Strikes Back (1980), Internet Movie Database. URL consultato il 7 marzo 2013.
  71. ^ (EN) Geoff Boucher, ‘The Empire Strikes Back’ and Harrison Ford at the ArcLight on May 19 in Los Angeles Times, 16 aprile 2010. URL consultato il 7 marzo 2013.
  72. ^ (EN) Parents Guide for Star Wars: Episode V - The Empire Strikes Back (1980), Internet Movie Database. URL consultato il 14 marzo 2013.
  73. ^ a b c (EN) Nathan Mattise, The Sword and Sorcery Precursor to Empire Strikes Back in Wired, 28 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  74. ^ (EN) Katey Rich, Empire Strikes Back's Lost Short Film Finally Rediscovered in Cinema Blend, 4 gennaio 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  75. ^  Mario Maldesi. Intervista a MARIO MALDESI (2012) - ilmondodeidoppiatori.it, a 01:05:23. YouTube, 5 luglio 2012. URL consultato in data 19 marzo 2013.
  76. ^ (EN) 'Empire' strikes at box office in The Deseret News, 23 maggio 1980. URL consultato l'11 marzo 2013.
  77. ^ Consoli, op. cit., p. 54.
  78. ^ (EN) The Empire Strikes Back (1980), Box Office Mojo. URL consultato il 17 marzo 2013.
  79. ^ (EN) The Empire Strikes Back (Re-issue) (1982), Box Office Mojo. URL consultato il 17 marzo 2013.
  80. ^ a b c (EN) The Empire Strikes Back (Special Edition) (1997), Box Office Mojo. URL consultato il 17 marzo 2013.
  81. ^ a b (EN) Steve Weintraub, David Fincher Talks Favorite STAR WARS Movie and Explains Why He Won’t Alter His Previous Films in Collider, 19 dicembre 2011. URL consultato il 25 marzo 2013.
  82. ^ (EN) Jim Wright, Frank Oz and Yoda: An Oscar? in The Free Lance-Star, 22 novembre 1980. URL consultato il 26 marzo 2013.
  83. ^ (EN) Jacopo della Quercia, 6 Awards That Would Actually Make The Oscars Worth Watching in Cracked, 21 febbraio 2011. URL consultato il 26 marzo 2013.
  84. ^ (EN) Judith Martin, 'The Empire Strikes Back' in The Washington Post, 23 maggio 1980. URL consultato il 25 marzo 2013.
  85. ^ (EN) Josh Winning, The Story Behind The Empire Strikes Back - 12: Gold Star in Total Film, 2 settembre 2011. URL consultato il 25 marzo 2013.
  86. ^ (EN) Vincent Canby, 'The Empire Strikes Back' Strikes a Bland Note' in The New York Times, 15 giugno 1980. URL consultato il 25 marzo 2013.
  87. ^ (EN) Star Wars: Episode V - The Empire Strikes Back (1980), Rotten Tomatoes. URL consultato il 25 marzo 2013.
  88. ^ (EN) Roger Ebert, The Empire Strikes Back in Chicago Sun-Times, 21 febbraio 1997. URL consultato il 25 marzo 2013.
  89. ^ (EN) Ian Nathan, Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back in Empire, novembre 2008. URL consultato il 25 marzo 2013.
  90. ^ a b c d e f g (EN) Aaron Peck, Blu-ray Review: Star Wars: The Complete Saga in High-Def Digest, 17 settembre 2011.
  91. ^ (EN) Bret Stephens, Why the Falklands Matter in The Wall Street Journal, 9 aprile 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  92. ^ Klosterman, op. cit., p. 150.
  93. ^ Hewitt, op. cit., p. 76.
  94. ^ (EN) Kevin Smith, Director Kevin Smith: My Prayer for 'Star Wars' (Guest Column) in The Hollywood Reporter, 8 novembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  95. ^ (EN) Dan Jolin, In Conversation With Christopher Nolan in Empire. URL consultato il 26 marzo 2013.
  96. ^ (EN) Adam Chitwood, Exclusive: TRON 3 Update from Director Joseph Kosinski; Talks Daft Punk’s Return, TRON 3′s Time Period, EMPIRE STRIKES BACK Comparisons, and More in Collider, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  97. ^ (EN) Rochi Shion, Marvel’s Craig Kyle Talks THOR: THE DARK WORLD in ComicBookMovie.com, 11 maggio 2013. URL consultato il 15 agosto 2013.
  98. ^ Block, op. cit., pp. 220–221.
  99. ^ a b (EN) The Empire Strikes Back in Poster Wire, 16 maggio 2005. URL consultato il 23 marzo 2013.
  100. ^ a b (EN) STAR WARS SPECIAL EDITION THE EMPIRE STRIKES BACK, The Force. URL consultato il 23 marzo 2013.
  101. ^ a b c (EN) Episode V Trailers, Galactic Voyage. URL consultato il 23 marzo 2013.
  102. ^ (EN) Star Wars voted best film ever in BBC, 26 novembre 2001. URL consultato il 25 marzo 2013.
  103. ^ (EN) AFI's 100 Years...100 Movie Quotes Nominees (PDF), American Film Institute. URL consultato il 30 marzo 2013.
  104. ^ (EN) 3: Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back (1980), Empire. URL consultato il 25 marzo 2013.
  105. ^ a b c (EN) Vincent Genovese, May the Films Be With You: A History of Star Wars Video Releases in UGO, 7 gennaio 2011. URL consultato il 18 marzo 2013.
  106. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Star Wars on home video: An History in Calameo, 24 settembre 2011. URL consultato il 18 marzo 2013.
  107. ^ Daniela Zacconi, Lucas colpisce ancora in Fantascienza.com, 15 ottobre 1995. URL consultato il 7 settembre 2008.
  108. ^ (EN) Star Wars Trilogy: The Definitive Collection, Star Wars Home Video Release Encyclopedia. URL consultato il 18 marzo 2013.
  109. ^ (EN) Star Wars Original Trilogy on CED, Star Wars Home Video Release Encyclopedia. URL consultato il 18 marzo 2013.
  110. ^ a b c (EN) Keith Swenson, Super 8, Betmax and VHS, Oh My! – Star Wars Home Video Over The Years in Tonight at the Movies, 12 maggio 2011. URL consultato il 18 marzo 2013.
  111. ^ a b c d e f g h i j (EN) Chris Gould, Star Wars: The Changes - Part Two in DVD Active, 2011. URL consultato il 12 marzo 2013.
  112. ^ (EN) Bill Gibron, The Star Wars Trilogy in DVD Verdict. URL consultato il 18 marzo 2013.
  113. ^ a b (EN) Lucasfilm's PR Response Regarding the 2006 DVD Box Set, Original Trilogy. URL consultato il 18 marzo 2013.
  114. ^ (EN) Dave Itzkoff, ‘Star Wars’ Films Coming to Blu-ray Next Year in The New York Times, 14 agosto 2010. URL consultato il 18 marzo 2013.
  115. ^ a b (EN) Casey Broadwater, Star Wars: The Complete Saga Blu-ray Review in Blu-ray.com, 12 settembre 2011.
  116. ^ a b Star Wars Episodio V: L’Impero colpisce ancora – Movie Transcript in SWX.it - Databank italiano di Guerre stellari, 21 maggio 2010. URL consultato il 25 marzo 2013.
  117. ^ a b (EN) Flash Gordon Influences in The Empire Strikes Back in The Force, 17 maggio 2010. URL consultato il 25 marzo 2013.
  118. ^ a b c d e (EN) The Empire Strikes Back (1980) - Did You Know?, Internet Movie Database. URL consultato il 25 marzo 2013.
  119. ^ (EN) Pete Vonder Haar, THE STAR WARS REPORT: “WHAT’S IN A NAME?” in Film Threat, 1º marzo 2005. URL consultato il 24 marzo 2013.
  120. ^ (EN) Tina Fey gets the gold in Crave Online, 16 settembre 2007. URL consultato il 24 marzo 2013.
  121. ^ (EN) Danny Gallagher, 6 Movies With Far More Depressing Alternate Endings in Mental Floss, 27 maggio 2009. URL consultato il 18 marzo 2013.
  122. ^  George Lucas. (EN) George Lucas On the Special Editions of the Original STAR WARS Trilogy, a 00:02:18. YouTube, 18 novembre 2009. URL consultato in data 12 marzo 2013.
  123. ^ Daley, op. cit., p. 3.
  124. ^ (EN) Yoda's Rootleaf Stew by Craig Claiborne, Big Oven. URL consultato il 24 marzo 2013.
  125. ^ a b (EN) Once Upon a Galaxy: A Journal of the Making of The Empire Strikes Back, Wookieepedia. URL consultato il 19 marzo 2013.
  126. ^ Bulluck, op. cit., p. 1.
  127. ^ a b Bogost, Montfort, op. cit., p. 119.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

In italiano
  • Gianni Bergamino, Pier Giuseppe Fenzi, Guerre Stellari - Epica di fine millennio, Punto Zero, 1999, ISBN 978-88-86945-20-2.
  • AA. VV., Star Wars - Le illustrazioni originali della saga, 2012-2013, Novara, De Agostini, ISSN 2240-6999.
  • Marco Consoli, Marco Giovannini, Star Wars: guida definitiva alla saga di George Lucas (Gli speciali di Ciak (nº 3)), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, giugno 2005.
  • Archie Goodwin, Al Williamson in Pier Giuseppe Fenzi, Giorgio Lavagna, Massimiliano Brighel (a cura di), Star Wars 5 - L'Impero colpisce ancora, Milano, Arnoldo Mondadori Editore (in collaborazione con Panini Comics), ottobre 2007.
  • (EN) Armando Lorenzini (a cura di), Star Wars - Navicelle e veicoli, Novara, De Agostini, 2009-2011, ISSN 2035-2247.
  • Leonard Maltin, Guida ai film 2009, Zelig, 14 ottobre 2008, ISBN 978-88-60181-63-3.
In inglese
  • Alan Arnold, Once Upon a Galaxy: A Journal of the Making of The Empire Strikes Back, New York, Del Rey Books, 12 agosto 1980, ISBN 978-03-45290-75-5.
  • John Baxter, Mythmaker: The Life and Work of George Lucas, Spike/Avon Books, 1999, ISBN 978-00-06530-81-7.
  • Alex Ben Block, Lucy Autrey Wilson, Francis Ford Coppola (prefazione), George Lucas's Blockbusting: A Decade-By-Decade Survey of Timeless Movies Including Untold Secrets of Their Financial and Cultural Success, New York, HarperCollins, 5 gennaio 2010, ISBN 978-0-06-177889-6.
  • Ian Bogost, Nick Montfort, Racing the Beam: The Atari Video Computer System, Cambridge (Massachusetts), MIT Press, 31 marzo 2009, ISBN 978-0-262-01257-7.
  • Vic Bulluck, Valerie Hoffman e Mark Cotta Vaz, The Art of Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back, New York, Del Rey, 14 gennaio 1997, ISBN 0-345-41088-2.
  • Brian Daley, Empire Strikes Back: The Original Radio Drama, Londra, Titan Books, 1995.
  • Marcus Hearn, Cliffhanging in The Cinema of George Lucas, New York, Harry N. Abrams Inc, 1º marzo 2005, ISBN 0-8109-4968-7.
  • Chris Hewitt, The X Factor in Empire, nº 165, Bauer Media Group, 28 marzo 2003, pp. p. 76.
  • Chuck Klosterman, Sex, Drugs, and Cocoa Puffs: A Low Culture Manifesto, New York, Charles Scribner's Sons, 22 giugno 2004, ISBN 978-07-43236-01-0.
  • Lorne Peterson, Sculpting A Galaxy - Inside the Star Wars Model Shop, San Rafael, Insight Editions, 14 novembre 2006, ISBN 1-933784-03-2.
  • Dale Pollock, Skywalking: The Life and Films of George Lucas, Harmony Books, 1983, ISBN 0-517-54677-9.
  • Jonathan W. Rinzler, Peter Jackson (prefazione), The Making of Star Wars, New York, LucasBooks, 24 aprile 2007, ISBN 978-03-45477-61-3.
  • Jonathan W. Rinzler, Ridley Scott (prefazione), The Making of Star Wars: The Empire Strikes Back, New York, LucasBooks, 12 ottobre 2010, ISBN 978-03-45509-61-1.
  • Calum Waddell, Empire Builder in Star Wars Insider, nº 119, Titan Magazines, 27 luglio 2010, pp. p. 14-20.
  • Jonathan Wilkins, Empire Tales in Star Wars Insider, nº 119, Titan Magazines, 27 luglio 2010, pp. p. 54-57.
  • Ryder Windham, Ian McDiarmid (prefazione), Star Wars: The Ultimate Visual Guide, New York, Dorling Kindersley, settembre 2005, ISBN 978-07-56614-20-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 8 giugno 2013 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki