Cappa e spada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I tre moschettieri, romanzi di cappa e spada di Alexandre Dumas

La locuzione cappa e spada identifica un genere di letteratura particolarmente seguita tra la seconda metà del XIX secolo e la prima metà del XX.

Il nome italiano è definizione autoctona; il termine corrispettivo a tale genere utilizzato nel mondo anglosassone è "swashbuckling novels". Il luogo comune, infatti, che riduce il termine italofono a mera traduzione dell'albionense "Cloak and Dagger", non tiene conto che tale locuzione indica invece le storie di intrigo e mistero (pugnali -arma ben poco nobile- ed identità mascherate - "cloaked" appunto). Anche i film di tale genere infatti ricadono nella categoria degli "swashbuckler movies". Il termine "swashbuckler" sta a significare, più o meno, "ardimentoso scavezzacollo". Nulla a che fare quindi col termine italiano relativo a romanzi e pellicole avventurose, sempre e rigorosamente "di cappa e spada".

In conseguenza, sono così definite anche le opere fumettistiche e cinematografiche, basate su tali racconti. Particolarmente in campo cinematografico, i film di "cappa e spada" hanno dato luogo ad un sottogenere di film d'avventura che ha avuto, tra gli anni trenta e gli anni cinquanta del Novecento, una grande popolarità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questo tipo di film sono da ricercare nei racconti cavallereschi del Medioevo, come per esempio Robin Hood, re Artù e i cavalieri della Tavola Rotonda ecc. Le opere più famose sono quelle di Dumas (come ne I tre moschettieri), nei romanzi pulp di Zorro di Johnston McCulley e un gran numero di storie sui pirati. Altri scrittori specializzati nel genere Cappa e spada sono stati Rafael Sabatini, Emma Orczy, Sir Walter Scott, e di Edmond Rostand.

Lo stile selvaggio, disinvolto, ma anche divertente, divenne presto uno dei più apprezzati generi cinematografici di Hollywood; in particolare divenne popolare durante il periodo d'oro dell'attore Douglas Fairbanks, Sr., che divenne famoso nel mondo per le sue interpretazioni di eroi come D'Artagnan e Zorro, nonché per la sua abilità ad usare la spada. Il genere ha poi seguito gli interessi della maggior parte del pubblico che amava l'avventura d'evasione, il romanticismo storico, e l'atletismo eccitante; creando quello che sarebbe diventato il genere d'avventura.

I romanzi di cappa e spada sono in gran parte ambientati in Europa nel tardo Rinascimento, nel periodo dell'illuminismo o delle guerre napoleoniche. In queste epoche i progressi nel campo della metallurgia avevano indotto la produzione di lame resilenti agili e flessibili, in grado di infliggere gravi ferite penetranti, sottolineando così uno stile vivace e appariscente conosciuto come swordfighting.

Durante gli anni sessanta il genere subì un calo di popolarità man mano che prendevano piede i film d'avventura e d'azione. Ma le attuali tendenze dei film d'avventura ne stanno riscoprendo il fascino; tra gli esempi contemporanei si possono annoverare La maschera di Zorro (1998) e la serie di Pirati dei Caraibi (dal 2003).

Filmografia scelta[modifica | modifica wikitesto]

The Black Pirate (1926)

I film più rappresentativi del genere sono:

Negli ultimi anni sono stati realizzati alcuni film che hanno cercato di riportare in auge il genere tra cui La maschera di Zorro con Antonio Banderas nella parte del nuovo Zorro.

Elenco degli avventurieri[modifica | modifica wikitesto]

Elenco degli autori di cappa e spada nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]