Go-motion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Go-motion è una tecnica di animazione inventata agli inizi degli anni '80 dalla Industrial Light & Magic.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica è stata creata come evoluzione della stop-motion per ovviare ai difetti di scattosità nell'immagine presente durante i rapidi movimenti, ciò avviene in quanto l'oggetto ripreso in ogni singolo fotogramma della sequenza è immobile ogni volta che viene fotografato, mancando della "scia" che caratterizza il movimento ripreso nella frazione di tempo in cui l'otturatore è aperto. In tale tecnica durante "lo scatto" gli oggetti vengono spostati grazie a tecniche elaborate dai computer.

La Go-motion fu creata da Phil Tippett, insieme alla ILM, per il film di Irvin Kershner Guerre stellari - L'Impero colpisce ancora, anche se spesso il film del 1981 Il drago del lago di fuoco viene erroneamente accreditato come il primo film a fare uso di tale tecnica.

La tecnica non ha avuto molto successo in quanto successivamente si sono preferiti effetti in computer grafica.

Altri metodi per creare la fluidità del movimento[modifica | modifica wikitesto]

  • Vaselina, cospargendo l'obiettivo con tale unguento si rende il fotogramma sfocato dando l'idea del movimento. Tecnica utilizzata nella versione originale di Guerre stellari - Una nuova speranza e per animare l'endoscheletro di Terminator.
  • Urtare leggermente il modello che si vuole utilizzare nel fotogramma, producendo una leggera sfocatura, ma è facile sbagliare e utilizzare troppa forza.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione