Jannis Ritsos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Yiannis Ritsos)
La tomba di Jannis Ritsos a Monemvasia, in Grecia.

Jannis Ritsos (Monemvasia, 1º maggio 1909Atene, 11 novembre 1990) è stato un poeta greco.

Ritsos è considerato come uno dei più grandi poeti greci del ventesimo secolo, insieme a Konstantinos Kavafis, Kostis Palamas, Giorgos Seferis, e Odysseus Elytis. Il poeta francese Louis Aragon una volta ha detto che Ritsos era "il più grande poeta del suo periodo". Ritsos è stato proposto 9 volte, senza successo, per il Premio Nobel per la Letteratura. Quando il poeta vinse il Premio Lenin per la pace (conosciuto anche come il Premio Stalin per la Pace), assegnatoli nel 1975-76, egli dichiarò che "questo premio è più importante per me rispetto al Premio Nobel".

La sua poesia è stata vietata occasionalmente in Grecia per il suo carattere "politico" di soddisfare certe idee di sinistra. Il lavoro importante del poeta comprende Trattori (1934), Piramidi (1935), Epitaffio (1936), e Veglia (19411953).

Ritsos principalmente ha scritto le poesie con un intento politico, "servendo il comunismo con la sua arte", come i filologi moderni lo descrivono. Una delle sue poche opere che differiscono da questo tema politico è "La sonata al chiaro di luna".

Io so che ognuno di noi corre da solo all'amore,
da solo alla fede e alla morte.
Io lo so. Io l'ho provato. Questo non aiuta.
Lasciami venire con te.
—da Sonata al chiaro di luna. Traduzione in italiano dalla traduzione inglese di Peter Green e Beverly Bardsley

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1934. Trattori
  • 1936. Epitaffio
  • 1936. Lo straniero
  • 1937. La canzone per mia sorella
  • 1956. Epitaffio e Makronissos
  • 1956. La sonata al chiaro di luna
  • Diciotto canzonette per la patria amara
  • Dodici poesie per Kavafis
  • Portineria
  • Poesie di carta
  • Filottete
  • Crisotemi
  • Fedra
  • Elena
  • Ismene
  • Oreste
  • Veglia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Late Into the Night: The Last Poems of Yannis Ritsos, trad. Martin McKinsey (Oberlin College Press, 1995). ISBN 0-932440-71-1
  • Costantino Sangiglio, Jannis Ritsos, La Nuova Italia, Firenze 1975
  • Andrea Galgano, "Ghiannis Ritsos. Il funambolo febbrile", in Mosaico, Aracne, Roma 2013, pp.393-398

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] in italiano con il commento sulla vita del poeta di Ezio Savino
  • [2] in italiano
  • POETRY tradotto in inglese
  • MOONLIGHT SONATA in greco e tradotto in inglese
Controllo di autorità VIAF: (EN116860933 · LCCN: (ENn80037051 · GND: (DE118788957 · BNF: (FRcb119220671 (data)