Pepe Reina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da José Manuel Reina)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Pepe Reina
Reina in allenamento con la nazionale spagnola nel 2017
NazionalitàBandiera della Spagna Spagna
Altezza188[1] cm
Peso92 kg
Calcio
RuoloPortiere
Squadra svincolato
Carriera
Giovanili
1995-1999Barcellona
Squadre di club1
1999Barcellona C3 (-6)
1999-2000Barcellona B41 (-55)
2000-2002Barcellona30 (-43)
2002-2005Villarreal109 (-128)
2005-2013Liverpool285 (-247)
2013-2014Napoli30 (-29)
2014-2015Bayern Monaco3 (0)
2015-2018Napoli111 (-96)
2018-2020Milan5 (-6)
2020Aston Villa12 (-20)
2020-2022Lazio44 (-70)
2022-2024Villarreal24 (-29)
Nazionale
1998-1999Bandiera della Spagna Spagna U-169 (-45)
1999Bandiera della Spagna Spagna U-172 (-20)
2000Bandiera della Spagna Spagna U-181 (-12)
2000-2003Bandiera della Spagna Spagna U-2120 (-?)
2005-2017Bandiera della Spagna Spagna36 (-21)
Palmarès
 Mondiali di calcio
OroSudafrica 2010
 Europei di calcio
OroAustria-Svizzera 2008
OroPolonia-Ucraina 2012
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2024

José Manuel Reina Páez, detto Pepe (Madrid, 31 agosto 1982), è un calciatore spagnolo, portiere svincolato. Con la nazionale spagnola è diventato campione d'Europa nel 2008 e 2012 e campione del mondo nel 2010.

Dal 2002 al 2005 gioca con il Villarreal, con cui vince due Coppe Intertoto, nel 2003 e nel 2004. Con la maglia del Liverpool, club con cui ha militato dal 2005 al 2013 e a cui ha dedicato la maggior parte della propria carriera, vince una Supercoppa UEFA nel 2005, una FA Cup nel 2005-2006, una Community Shield nel 2006 e una Football League Cup nel 2011-2012. Con il Napoli ha vinto una Coppa Italia nella stagione 2013-2014. Con il Bayern Monaco ha vinto un campionato tedesco nella stagione 2014-2015. Rientra tra i calciatori più presenti nella storia delle coppe europee[2] e fa inoltre parte della ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera.

È figlio dell'ex portiere dell'Atlético Madrid Miguel Reina ed è sposato dal 2006 con Yolanda Ruiz, dalla quale ha avuto 6 figli.

Caratteristiche tecniche

[modifica | modifica wikitesto]

Abile col pallone tra i piedi,[3][4][5] è in grado di agire da libero aggiunto, avviando la manovra della propria squadra grazie anche alla sua buona visione di gioco e la sua freddezza con la palla tra i piedi;[6][7][8] questo è dovuto al lavoro che ha fatto a inizio carriera al Barcellona con Frans Hoek.[8] Bravo nelle uscite[9] e dotato di un buon senso della posizione,[3] nel corso degli anni è diventato anche un ottimo pararigori,[3] perfezionando progressivamente la propria tecnica.[10] Si distingue anche per la personalità da leader di cui dispone.[6][8][11][12]

Inizia la sua carriera nel Barcellona dove fa il suo debutto in prima squadra all'età di 18 anni dopo essere uscito da un riformatorio per la sua cattiva condotta da cattivo ragazzo, giocando pure in Champions League il 7 dicembre 2000 contro il Club Bruges.[2] Ceduto in prestito al Villarreal nel 2002, il portiere non tornerà più in Catalogna. Nel 2004 il trasferimento diventa definitivo e Reina aiuta il Villareal a conquistare la qualificazione in UEFA Champions League nel 2004-2005, parando sette rigori su nove tirati dagli avversari durante la stagione.

Reina al Liverpool nel 2011

Nel luglio 2005 viene ufficializzato il suo trasferimento al Liverpool. Fa il suo debutto nei Reds nei preliminari di Champions League contro il The New Saints. Ben presto diviene il portiere titolare della squadra, relegando Jerzy Dudek in panchina.

Nel maggio 2006 Reina vince inoltre i "Guanti d'oro" della Premier League, per aver mantenuto la porta inviolata in 20 occasioni durante la stagione, battendo Edwin van der Sar (18) e il detentore del titolo Petr Čech del Chelsea (17).[13]

Titolare anche nella stagione 2006-2007, durante la Champions League para i rigori di Geremi e Arjen Robben nella semifinale contro il Chelsea, decisivi per l'ingresso in finale del Liverpool, poi persa 2-1 contro il Milan. Nella stessa stagione, Reina vince nuovamente i "Guanti d'oro".[14]

Nel corso della stagione 2007-2008 è ancora il portiere titolare del Liverpool raggiungendo la semifinale di Champions League e il quarto posto in campionato. A partire da questa stagione, sino al 1º aprile 2012, non saltò nemmeno una gara di campionato, interrompendo questa serie a causa dell'espulsione subita nell'incontro con il Newcastle Utd.[15] Il 26 febbraio era comunque riuscito a vincere la League Cup superando, ai rigori, il Cardiff City (i supplementari erano terminati sul 2-2), nonostante lui non abbia parato nessuno dei 3 tiri sbagliati dagli avversari Kenny Miller, Rudy Gestede e Anthony Gerrard.[16]

Napoli e parentesi Bayern Monaco

[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 luglio 2013 passa in prestito annuale al Napoli, ritrovando il suo vecchio allenatore Rafael Benítez.[17] Il 25 agosto seguente debutta in serie A con la maglia azzurra nella partita Napoli-Bologna (3-0), valida per la prima giornata di campionato. Il 22 settembre 2013, durante Milan-Napoli, diventa il primo portiere a parare un calcio di rigore a Mario Balotelli, il quale ne aveva realizzati in carriera 21 su 21; la partita finirà poi 2-1 per gli azzurri.[18] Il 3 maggio 2014 conquista la Coppa Italia 2013-14 nella finale Napoli-Fiorentina finita 3-1.

Reina con la fascia di capitano del Napoli nel 2016

Il 5 agosto 2014 viene annunciato il suo acquisto a titolo definitivo da parte del Bayern Monaco per fare da vice a Neuer.[19] Vista l'importanza del portiere tedesco in tutte le competizioni del club bavarese, Reina giocherà solo tre partite di campionato nel finale di stagione, senza subire reti. Il 26 aprile 2015 vince il suo primo campionato tedesco.[20]

Il 23 giugno 2015 ritorna al Napoli, questa volta a titolo definitivo.[21] Termina la stagione con 34 reti incassate in 44 presenze contribuendo a condurre il Napoli al secondo posto in campionato.

In scadenza di contratto il 30 giugno 2018, Reina decide di non rinnovare, svincolandosi così dal club campano dopo tre stagioni di militanza consecutive.[22][23]

Milan e Aston Villa

[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 luglio 2018 viene ufficializzato il suo passaggio al Milan a parametro zero.[24] Esordisce con la maglia rossonera a 36 anni, il 20 settembre 2018, in occasione della vittoriosa trasferta di Europa League contro il F91 Dudelange.[25] Esordisce con i rossoneri in Serie A il 2 aprile 2019, sostituendo dopo 10 minuti l'infortunato Donnarumma nella gara pareggiata 1-1 in casa contro l'Udinese.[26] Prenderà il suo posto anche nei match contro la Juventus (perso 2-1)[27] e contro la Lazio (vinto 1-0).[28]

Nella stagione successiva gioca la sua unica partita il 5 ottobre allo stadio Marassi di Genova, in occasione del match contro il Genoa, vinto per 1-2, in cui ha parato un rigore a Lasse Schöne.[29]

Il 13 gennaio 2020 si trasferisce in prestito fino al termine della stagione all'Aston Villa.[30] Con i villains s'impone come titolare raggiungendo la salvezza all'ultima giornata.

Reina alla Lazio nel 2020

Il 27 agosto 2020 viene acquistato a titolo definitivo dalla Lazio.[31][32] Esordisce con la Lazio in campionato il 24 ottobre 2020 giocando dal 1' minuto nella gara di campionato contro il Bologna vinta per 2-1 dai biancocelesti.[33] In novembre trova spazio a causa dell'assenza di Thomas Strakosha,[34][35][36] arrivando pure a superare Xavi per numero di presenze in Champions League.[37] Complici dei problemi sia fisici che ambientali di Strakosha viene confermato titolare anche nei mesi successivi e per il resto della stagione.[8][38]

Nella stagione 2021-22, dopo essere partito da titolare nelle gerarchie di Maurizio Sarri, suo ex allenatore ai tempi del Napoli, perde il posto tra i pali in favore di Strakosha in seguito ad una serie di prestazioni negative.[39]

Nonostante una clausola contrattuale prevedesse il rinnovo automatico per un'ulteriore stagione in caso di qualificazione alle coppe Europee, Reina decide di non avvalersi di tale opzione e lascia la Lazio dopo due anni di militanza.[40][41]

Ritorno al Villarreal

[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 2022 viene ufficializzato il suo ritorno al Villarreal dopo 17 anni.[42] Il 24 maggio 2023, nella gara di campionato contro il Cadice, raggiunge le 1000 presenze tra i professionisti.[43]

Reina, dopo aver giocato nelle selezioni giovanili (conta alcune presenze nelle nazionali Under-16, Under-17, Under-18 e Under-21), viene convocato per la prima volta in nazionale maggiore nel 2005, dal CT Luis Aragonés. Ha esordito il 17 agosto dello stesso anno nell'amichevole vinta per 2-0 contro l'Uruguay, e da quel momento è rimasto in pianta stabile tra i convocati per lo più come secondo portiere di riserva alle spalle di Iker Casillas. In tutte le competizioni a cui ha preso parte, ha sempre scelto il numero 23.

Nel 2000 ha disputato una partita con la nazionale della Catalogna ma dato che né la UEFA né la FIFA riconoscono ai catalani lo status di squadra nazionale può ugualmente giocare nella nazionale spagnola.

Viene convocato in una competizione con la nazionale maggiore, per la prima volta nel Mondiale 2006, come terzo portiere alle spalle di Casillas e Cañizares.

Nel 2008 viene inserito nella lista dei 23 che parteciperaad al campionato d'Europa 2008. Reina gioca l'ultima gara del girone, con la Roja già qualificata, che la Spagna vince per 2-1 contro la Grecia. La manifestazione si conclude con la vittoria della nazionale spagnola, contro la Germania per 1-0 con gol di Torres.

Anche con l'arrivo del nuovo allenatore del Bosque, che prende il posto di Aragonés, Reina continua a essere regolarmente convocato. Prende parte alla prima FIFA Confederations Cup nella storia della Spagna, l'edizione del 2009 che si svolge in Sudafrica. Gioca nel girone, la gara che la selezione spagnola vince per 2-0 contro i padroni di casa del Sudafrica a Bloemfontein. La Spagna, conclude la manifestazione al terzo posto.

Reina in azione nella gara contro Tahiti valevole per la Confederations Cup 2013

Il 20 maggio 2010 viene inserito nella lista dei 23 che prenderanno parte al Mondiale 2010 in Sudafrica.[44][45] L'11 luglio la Spagna, vince per la prima volta nella sua storia, la coppa del mondo dopo aver avuto la meglio sui Paesi Bassi in finale con gol di Iniesta.

L'allenatore del Bosque, il 21 maggio 2012, lo inserisce nell'elenco dei convocati per l'Europeo 2012.[46] La Spagna trionfa in finale per 4-0 contro l'Italia a Kiev, conquistando così il terzo titolo europeo nella storia.

Prende parte alla Confederations Cup 2013 che si svolge in Brasile.[47] Esordisce nella competizione nella gara del 26 giugno, nella vittoria storica della Spagna per 10 a 0 contro Tahiti. La Spagna, dopo aver eliminato l'Italia in semifinale, viene sconfitta 3-0 in finale dai padroni di casa del Brasile.

Il 31 maggio 2014 viene convocato dal CT del Bosque per partecipare al Mondiale 2014 in Brasile.[48] Esordisce nella fase finale di un mondiale, nella terza gara del girone che la Spagna vince per 3-0 contro l'Australia.[49] A fine torneo, la Roja viene eliminata nella fase a gironi.

Dopo essere stato escluso da Euro 2016,[50] il 21 maggio 2018 viene incluso dal commissario tecnico della Spagna Lopetegui nella lista dei convocati per il Mondiale di Russia 2018,[51] eguagliando così il record di convocazioni a un Mondiale per un portiere spagnolo di Iker Casillas e Andoni Zubizarreta (4).[52] Per la selezione spagnola il torneo si conclude agli ottavi di finale, nei quali viene sconfitta ai rigori dai padroni di casa della Russia.

Presenze e reti nei club

[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 25 maggio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-1999 Bandiera della Spagna Barcellona C TD 3 -6 - - - - - - - - - 3 -6
1999-2000 Bandiera della Spagna Barcellona B SDB 30 -46 - - - - - - - - - 30 -46
2000-2001 SDB 11 -9 - - - - - - - - - 11 -9
Totale Barcellona B 41 -55 - - - - - - 41 -55
2000-2001 Bandiera della Spagna Barcellona PD 19 -32 CR 7 -5 UCL+CU 0+7 -6 - - - 33 -43
2001-2002 PD 11 -11 CR 1 -1 UCL 4 -4 - - - 16 -16
Totale Barcellona 30 -43 8 -6 11 -10 - - 49 -59
2002-2003 Bandiera della Spagna Villarreal PD 33 -43 CR 0 0 Int 4 -3 - - - 37 -46
2003-2004 PD 38 -48 CR 0 0 Int+CU 3+12 -1 + -9 - - - 53 -58
2004-2005 PD 38 -37 CR 0 0 Int+CU 8+11[53] -4 + - 6 - - - 57 -47
2005-2006 Bandiera dell'Inghilterra Liverpool PL 33 -21 FACup+CdL 5+0 -5 UCL 12[53] -6[54] SU+Cmc 1+2 -1 + -1 53 -34
2006-2007 PL 35 -23 FACup+CdL 0+1 -3 UCL 14[53] -9[54] CS 1 -1 51 -36
2007-2008 PL 38 -28 FACup+CdL 0 0 UCL 14[53] -12 - - - 52 -40
2008-2009 PL 38 -28 FACup+CdL 2+0 -2 UCL 11[53] -11 - - - 51 -41
2009-2010 PL 38 -35 FACup+CdL 1+0 -1 UCL+UEL 5+8 -5 + -7 - - - 52 -48
2010-2011 PL 38 -43 FACup+CdL 1+0 -1 UEL 11[53] -5[55] - - - 50 -49
2011-2012 PL 34 -35 FACup+CdL 5+7 -6 + - 7 - - - - - - 46 -48
2012-2013 PL 31 -34 FACup+CdL 0 0 UEL 8[56] -9 - - - 39 -43
Totale Liverpool 285 -247 22 -25 83 -64 4 -3 394 -339
2013-2014 Bandiera dell'Italia Napoli A 30 -29 CI 4 -4 UCL+UEL 5+4 -9 + -4 - - - 43 -46
2014-2015 Bandiera della Germania Bayern Monaco BL 3 0 CG 0 0 UCL 0 0 SG 0 0 3 0
2015-2016 Bandiera dell'Italia Napoli A 37 -29 CI 2 -2 UEL 5 -3 - - - 44 -34
2016-2017 A 37 -38 CI 3 -5 UCL 8 -14 - - - 48 -57
2017-2018 A 37 -29 CI 0 0 UCL+UEL 8[53]+2 -11 + -3 - - - 47 -43
Totale Napoli 141 -125 9 -11 32 -44 - - 182 -180
2018-2019 Bandiera dell'Italia Milan A 4 -5 CI 2 -1 UEL 6 -9 SI 0 0 12 -15
2019-gen. 2020 A 1 -1 CI 0 0 - - - - - - 1 -1
Totale Milan 5 -6 2 -1 6 -9 0 0 13 -16
gen.-ago. 2020 Bandiera dell'Inghilterra Aston Villa PL 12 -20 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 12 -20
2020-2021 Bandiera dell'Italia Lazio A 29 -41 CI 1 -3 UCL 7 -12 - - - 37 -56
2021-2022 A 15 -29 CI 2 -4 UEL 0 0 - - - 17 -33
Totale Lazio 44 -70 3 -7 7 -12 0 0 54 -89
2022-2023 Bandiera della Spagna Villarreal PD 22 -27 CR 3 -2 UECL 7[53] -9[54] - - - 32 -38
2023-2024 PD 2 -2 CR 3 -2 UEL 7 -11 - - - 12 -15
Totale Villarreal 133 -157 6 -4 52 -43 - - 191 -204
Totale carriera 697 -729 50 -54 191 -182 4 -3 942 -968

Cronologia presenze e reti in nazionale

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17-8-2005 Gijón Spagna Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Amichevole -
3-9-2005 Santander Spagna Bandiera della Spagna 2 – 1 Bandiera del Canada Canada Amichevole -1
7-6-2006 Ginevra Croazia Bandiera della Croazia 1 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -1 Uscita al 46’ 46’
15-8-2006 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -
11-10-2006 Murcia Spagna Bandiera della Spagna 2 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -1
6-6-2007 Vaduz Liechtenstein Bandiera del Liechtenstein 0 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Qual. Euro 2008 -
22-8-2007 Salonicco Grecia Bandiera della Grecia 2 – 3 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -2
17-10-2007 Helsinki Finlandia Bandiera della Finlandia 0 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -
21-11-2007 Las Palmas Spagna Bandiera della Spagna 1 – 0 Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2008 -
18-6-2008 Salisburgo Grecia Bandiera della Grecia 1 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Euro 2008 - 1º turno -1
20-8-2008 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 0 – 3 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 75’ 75’
19-11-2008 Vila-real Spagna Bandiera della Spagna 3 – 0 Bandiera del Cile Cile Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
11-2-2009 Siviglia Spagna Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-6-2009 Baku Azerbaigian Bandiera dell'Azerbaigian 0 – 6 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
20-6-2009 Bloemfontein Spagna Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Conf. Cup 2009 - 1º turno -
12-8-2009 Skopje Macedonia Bandiera della Macedonia 2 – 3 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -2 Uscita al 65’ 65’
10-10-2009 Erevan Armenia Bandiera dell'Armenia 1 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Qual. Mondiali 2010 -1
14-11-2009 Madrid Spagna Bandiera della Spagna 2 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 89’ 89’
18-11-2009 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 1 – 5 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
3-6-2010 Innsbruck Spagna Bandiera della Spagna 1 – 0 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Amichevole - Uscita al 46’ 46’
7-9-2010 Buenos Aires Argentina Bandiera dell'Argentina 4 – 1 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -3 Uscita al 46’ 46’
4-6-2011 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 0 – 4 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 76’ 76’
2-9-2011 San Gallo Spagna Bandiera della Spagna 3 – 2 Bandiera del Cile Cile Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
12-11-2011 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 1 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -1 Ingresso al 46’ 46’
30-5-2012 Berna Spagna Bandiera della Spagna 4 – 1 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Amichevole -1 Uscita al 81’ 81’
15-8-2012 Bayamón Porto Rico Bandiera di Porto Rico 1 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -1 Uscita al 71’ 71’
8-6-2013 Miami Gardens Spagna Bandiera della Spagna 2 – 1 Bandiera di Haiti Haiti Amichevole -1 Ingresso al 46’ 46’
20-6-2013 Rio de Janeiro Spagna Bandiera della Spagna 10 – 0 Bandiera di Tahiti Tahiti Conf. Cup 2013 - 1º turno -
10-9-2013 Ginevra Spagna Bandiera della Spagna 2 – 2 Bandiera del Cile Cile Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
15-11-2013 Malabo Guinea Equatoriale Bandiera della Guinea Equatoriale 1 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -1
19-11-2013 Johannesburg Sudafrica Bandiera del Sudafrica 1 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
30-5-2014 Siviglia Spagna Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera della Bolivia Bolivia Amichevole -
23-6-2014 Curitiba Australia Bandiera dell'Australia 0 – 3 Bandiera della Spagna Spagna Mondiali 2014 - 1º turno -
15-11-2016 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 2 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -2 cap.
6-5-2017 Murcia Spagna Bandiera della Spagna 2 – 2 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole -2
9-10-2017 Gerusalemme Israele Bandiera d'Israele 0 – 1 Bandiera della Spagna Spagna Qual. Mondiali 2018 -
Totale Presenze 36 Reti -21
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Catalogna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-12-2000 Barcellona Catalogna Bandiera della Catalogna 5 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Amichevole - Ingresso
Totale Presenze 1 Reti -0

Competizioni nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Liverpool: 2005-2006
Liverpool: 2006
Liverpool: 2011-2012
Napoli: 2013-2014
Bayern Monaco: 2014-2015

Competizioni internazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Villarreal: 2003, 2004
Liverpool: 2005
Austria-Svizzera 2008
Polonia-Ucraina 2012
Sudafrica 2010
2005-2006, 2006-2007, 2007-2008
2009-2010
  1. ^ José Manuel Reina, su sscnapoli.it. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2016).
  2. ^ a b Massimo Perrone, Lazio, il vecchio Reina ritrova il Bruges 20 anni dopo l’esordio in Europa, in Il Corriere della Sera, 27 ottobre 2020. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  3. ^ a b c Pepe Reina (Napoli), su goal.com, 24 luglio 2013. URL consultato il 1º dicembre 2015.
  4. ^ Napoli, piedi da bomber per Reina: in gol dalla bandierina, su sportmediaset.mediaset.it, 3 febbraio 2016. URL consultato il 27 marzo 2016.
  5. ^ Marco Frattino, Buffon: "Casillas il portiere spagnolo più forte, Reina fantastico con i piedi", su tuttomercatoweb.com, 19 novembre 2015. URL consultato il 27 marzo 2016.
  6. ^ a b Marco Ciriello, Reina, il leader del San Paolo, su ilmattino.it, 18 ottobre 2015. URL consultato il 27 marzo 2016.
  7. ^ Maurizio Nicita, Cannavaro: "Dybala balla, Insigne inventa. Dico X, ma il cuore batte...", su gazzetta.it, 11 febbraio 2016. URL consultato il 27 marzo 2016.
  8. ^ a b c d Reina è diventato il vero playmaker della Lazio, su ultimouomo.com, 2 febbraio 2021. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  9. ^ Pasquale Salvione, Reina, per il Napoli acquisto che vale doppio, su corrieredellosport.it, 23 giugno 2015. URL consultato il 27 marzo 2016.
  10. ^ Reina: "Parare i rigori? Al Villareal non ne prendevo uno, poi cambiò qualcosa...", su tuttomercatoweb.com, 4 aprile 2014. URL consultato il 28 settembre 2015.
  11. ^ Calciomercato Lazio: Reina, perché non è solo un secondo portiere, su gazzetta.it, 23 agosto 2020. URL consultato il 26 agosto 2020.
  12. ^ Lazio, arriva Reina: sarà il vice di Strakosha e darà una carica di esperienza, su la Repubblica, 23 agosto 2020. URL consultato il 26 agosto 2020.
  13. ^ (EN) Reina wins Golden Gloves, su thestar.com.my. URL consultato l'11 maggio.
  14. ^ (EN) Reina nets goalkeeping award, su liverpoolfc.tv, 9 agosto 2007. URL consultato il 22 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2013).
  15. ^ (EN) Alistair Magowan, Newcastle 2-0 Liverpool, in BBC Sport, 1º aprile 2012. URL consultato l'8 luglio 2022.
  16. ^ Cardiff, quasi un incubo: League Cup al Liverpool ai rigori, su sport.sky.it. URL consultato il 22 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2020).
  17. ^ (EN) Reds confirm Pepe Reina loan move, su liverpoolfc.com, 29 luglio 2013. URL consultato il 4 maggio 2014.
  18. ^ Napoli, Reina nella storia: para un rigore a Balotelli, su corrieredellosport.it, 22 settembre 2013. URL consultato il 4 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  19. ^ (DE) FCB erzielt einigung mit Pepe Reina, su fcbayern.de, 5 agosto 2014. URL consultato il 6 agosto 2014.
  20. ^ Bundesliga, Wolfsburg battuto 1-0: il Bayern è campione di Germania, su gazzetta.it, 26 aprile 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  21. ^ Pepe Reina al Napoli, su sscnapoli.it. URL consultato il 6 marzo 2020.
  22. ^ Tuttosport - Reina lascerà il Napoli, il Milan l'ha scelto per sostituire Donnarumma destinato al Psg, su tuttonapoli.net. URL consultato il 6 marzo 2020.
  23. ^ Reina lascerà Napoli: questa la possibile destinazione, su vivicentro.it, 25 febbraio 2018. URL consultato il 6 marzo 2020.
  24. ^ Ufficiale: Reina e Strinic sono Rossoneri, su acmilan.com, 2 luglio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  25. ^ Mirko Spadaro, Risultati Europa League – Vittoria sofferta per il Milan, poker Arsenal: ok Leverkusen e Sporting, su sportfair.it, 20 settembre 2018.
  26. ^ Milan-Udinese (0-0), Donnarumma infortunato: entra Reina, su milannews.it. URL consultato il 6 aprile 2019.
  27. ^ Juventus-Milan 2-1, Dybala e Kean ribaltano il gol di Piatek, su gazzetta.it. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  28. ^ Milan-Lazio 1-0: Kessie su rigore, i rossoneri restano quarti tra le polemiche, su repubblica.it, 13 aprile 2019. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  29. ^ Reina dall'inferno al paradiso: il Milan soffre, rimonta e torna a vincere, su gazzetta.it. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  30. ^ COMUNICATO UFFICIALE: JOSÉ MANUEL REINA, su acmilan.com. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2020).
  31. ^ Comunicato Ufficiale: Pepe Reina, su acmilan.com, 27 agosto 2020. URL consultato il 27 agosto 2020.
  32. ^ Comunicato 27.08.2020, su sslazio.it, 27 agosto 2020. URL consultato il 27 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2020).
  33. ^ Lazio-Bologna 2-1: decidono Luis Alberto e Immobile, su corrieredellosport.it. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  34. ^ Reina: «In futuro farò l'allenatore.Titolare o riserva? Inzaghi con me è stato chiaro...», su ilmessaggero.it. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  35. ^ Reina: "Lazio forte, passiamo il turno. E su Strakosha...", su corrieredellosport.it. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  36. ^ Lazio, Reina s'è preso la porta. A Strakosha non resta che imparare da lui, su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  37. ^ (ES) Reina, historia viva del fútbol europeo: supera a Xavi como tercer jugador con más partidos internacionales, su marca.com, 24 novembre 2020. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  38. ^ Stefano Agresti, Reina il vecchio ha sistemato la difesa della Lazio. Strakosha ora è un caso, su roma.corriere.it, 12 gennaio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  39. ^ Reina: “Alla Lazio per aiutare Strakosha, poi le cose sono cambiate”, su corrieredellosport.it. URL consultato il 3 luglio 2022.
  40. ^ Lazio, Reina può continuare: probabile il rinnovo, su corrieredellosport.it. URL consultato l'8 luglio 2022.
  41. ^ Lazio, Reina risolve il contratto: tornerà in Spagna, su corrieredellosport.it. URL consultato l'8 luglio 2022.
  42. ^ (ES) Reina supera la revisión médica, su villarrealcf.es. URL consultato l'8 luglio 2022.
  43. ^ https://www.ilmattino.it/autore/giuseppe-taormina, Reina da record! L'ex numero uno del Napoli taglia il traguardo delle mille partite, su www.ilmattino.it, 25 maggio 2023. URL consultato il 27 maggio 2023.
  44. ^ (ES) Lista de los veintitrés jugadores convocados para el Mundial de Sudáfrica 2010, su rfef.es, 20 maggio 2010. URL consultato il 14 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2010).
  45. ^ (ES) Listado de dorsales para la Copa Mundial de la FIFA Sudáfrica 2010, su rfef.es, 24 maggio 2010. URL consultato il 14 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2010).
  46. ^ (ES) Joaquín Maroto, Mata y Fernando Torres convocados por Del Bosque, su as.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  47. ^ (ES) Oficial: Los 23 convocados de Del Bosque para Confederaciones, su sefutbol.com, 1º giugno 2013. URL consultato il 4 giugno 2013 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2013).
  48. ^ (ES) Selección Española: Del Bosque da la lista definitiva de 23 jugadores para el Mundial 2014, su Mundo Deportivo, 31 maggio 2014. URL consultato il 7 aprile 2020.
  49. ^ (ES) Reina: “Debutar en un Mundial es el sueño de cualquier futbolista”, su sport.es, 22 giugno 2014. URL consultato il 6 aprile 2019.
  50. ^ Euro 2016, Spagna: Morata tra i pre-convocati, esclusi Reina e Borja Valero, su repubblica.it, 17 maggio 2016. URL consultato il 4 aprile 2020.
  51. ^ Mondiali Russia 2018, convocati Spagna: fuori Morata, Suso e Callejon. C'è Iniesta, su sport.sky.it, 21 maggio 2018. URL consultato il 21 maggio 2018.
  52. ^ (ES) La lista de España para el Mundial: los 23 de Lopetegui que vestirán la 'roja' en Rusia, su elconfidencial.com, 21 maggio 2018. URL consultato il 4 aprile 2020.
  53. ^ a b c d e f g h 2 presenze nei turni preliminari.
  54. ^ a b c 2 reti subite nei turni preliminari.
  55. ^ Una rete subita nei turni preliminari.
  56. ^ Una presenza nei turni preliminari.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN160909386 · ISNI (EN0000 0001 0840 8615 · LCCN (ENnb2012029148 · BNE (ESXX5026877 (data)