José Antonio Reyes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José Antonio Reyes
Sevillia-Zenit (2).jpg
Reyes nel 2015
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 176 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
1994-1999 Siviglia
Squadre di club1
1999-2004 Siviglia86 (22)
2004-2006 Arsenal69 (16)
2006-2007 Real Madrid30 (6)
2007-2008 Atlético Madrid26 (0)
2008-2009 Benfica24 (4)
2009-2012 Atlético Madrid76 (8)
2012-2016 Siviglia109 (9)
2016-2017 Espanyol21 (3)
2018Córdoba17 (1)
2018Xinjiang Tianshan Leopard14 (4)
2019Extremadura UD9 (0)
Nazionale
1999-2000Spagna Spagna U-167 (5)
2001-2002Spagna Spagna U-197 (3)
2002-2003Spagna Spagna U-217 (3)
2003-2006Spagna Spagna21 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º giugno 2019

José Antonio Reyes Calderón (Utrera, 1º settembre 1983Alcalá de Guadaira, 1º giugno 2019) è stato un calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista.

Detiene il primato personale di vittorie in Coppa UEFA/Europa League, a pari merito con Beto, Kevin Gameiro e Vitolo, avendo conquistato complessivamente quattro edizioni del trofeo, una con l'Atlético Madrid e tre (peraltro consecutive) con il Siviglia.[1] Ha vestito i colori di Arsenal, Real Madrid e Benfica, squadre con le quali ha vinto una Premier League (2004), una FA Cup (2005), una Supercoppa inglese (2004), una Liga (2007) e una Coppa di Lega portoghese (2009), oltre alla Supercoppa UEFA 2010 con l'Atlético Madrid. Con la Spagna ha disputato il campionato del mondo 2006.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mancino naturale, era un'ala destra ma all'occorrenza poteva essere impiegato anche come ala sinistra oppure trequartista. In virtù delle sue notevoli abilità tecniche, era soprannominato La perla di Utrera.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi al Siviglia e Arsenal[modifica | modifica wikitesto]

Reyes con la maglia dell'Atlético Madrid nel 2011.

Giocatore molto tecnico, mancino, cresce calcisticamente nella cantera del Siviglia, squadra con la quale, a 16 anni, debutta in prima divisione. Reyes vanta presenze in tutte le selezioni nazionali del suo paese, avendo giocato con la maglia dell'Under-16, Under-19 e Under-21 prima della Nazionale maggiore. Vanta peraltro nel suo palmarès un campionato europeo vinto con la Selección Under-19 spagnola.

Dopo 86 presenze e 21 gol nella Liga, nel corso del mercato di gennaio della stagione 2003-2004 si trasferisce nella compagine inglese dell'Arsenal per la cospicua cifra di 35 milioni di euro.[3] Con la maglia dei Gunners Reyes esordice il 31 gennaio 2004 contro il Manchester City e lo stesso anno vince la Premier League, togliendosi la soddisfazione di essere il primo spagnolo a vincere il campionato inglese. Nel 2005 conquista poi con i suoi compagni la FA Cup e nel 2006 raggiunge la finale della UEFA Champions League, perdendola contro il Barcellona.

Real, Atlético, Benfica e ritorno a Siviglia[modifica | modifica wikitesto]

José Antonio Reyes con la maglia del Siviglia nel 2012.

Nell'estate 2006 viene ceduto in prestito (in cambio di Júlio Baptista) al Real Madrid, dopo tre stagioni all'Arsenal nelle quali alcuni pensano che sia stato oscurato dal connazionale Cesc Fàbregas. Nell'estate del 2007 passa all'Atlético Madrid mentre un anno dopo passa in prestito al club portoghese del Benfica. Finito il periodo di prestito, fa nuovamente ritorno all'Atlético. Il 27 agosto 2010 ha segnato una rete nella Supercoppa europea disputata a Montecarlo contro l'Inter e terminata 2-0 per i Colchoneros.

Dopo aver passato la prima parte di stagione giocando pochissimo, il 5 gennaio 2012, è ufficiale il suo ritorno al Siviglia, società dove è cresciuto e ha iniziato la sua carriera da professionista.[4] Vince tre edizioni consecutive dell'Europa League (2013-2014, 2014-2015 e 2015-2016) giocando la finale dell'UEFA Europa League 2014-2015 contro il Dnipro da capitano.

Espanyol, Córdoba e fine carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 2016 rescinde il contratto che lo legava al club andaluso.[5] Il 28 giugno seguente firma un biennale con l'Espanyol,[6] ma il 22 maggio 2017 la società catalana comunica che il giocatore lascerà il club al termine della prima stagione, dopo aver collezionato 23 presenze totali con quattro reti.[7]

Dopo aver lasciato l'Espanyol, il 30 gennaio 2018, firma da svincolato per il Córdoba Club de Fútbol, dove gioca 17 partite segnando un gol nella Segunda División. Nell'estate 2018 viene ceduto a titolo gratuito alla società cinese Xinjiang Tianshan Leopard, club della seconda divisione cinese. Il 22 gennaio 2019, insieme all'ex compagno dei tempi del Siviglia Diego Capel, si trasferisce all'Extremadura, firmando un contratto di 5 mesi.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Compie tutta la trafila delle nazionali giovanili spagnole. Successivamente, ha fatto parte della selezione Under-21 spagnola dal 2002 al 2003, con 7 presenze e 3 gol.

Debutta con la maglia della nazionale spagnola il 6 settembre 2003, nell'amichevole contro il Portogallo, durante la sua avventura con la nazionale è stato comunque spesso utilizzato dal commissario tecnico. Nel corso dei Mondiali di Germania 2006 faceva parte della rosa delle furie rosse. Un episodio spiacevole in quest'ambito mise Reyes, suo malgrado, sotto la luce dei riflettori di tutto il mondo: nel 2005 infatti, prima di una gara della Spagna contro la Francia, il ct spagnolo Luis Aragonés lo incitò sostenendo che lui fosse più forte del suo compagno di club Thierry Henry, apostrofando quest'ultimo come "negro di merda".[8]

La morte[modifica | modifica wikitesto]

È morto la mattina del 1º giugno 2019 all'età di trentacinque anni dopo essere rimasto coinvolto in un incidente stradale nei pressi di Alcalá de Guadaira, vicino il suo paese natale Utrera:[9] mentre era al volante della sua Mercedes-Benz S550 Brabus con due cugini (di cui uno morto sul colpo), viaggiando a 237 km/h, a causa dello scarso utilizzo della vettura sarebbe esploso uno pneumatico, causando l'uscita della macchina dalla carreggiata, il suo ribaltamento ed il suo finale incendio.[10]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, Reyes ha totalizzato globalmente 695 presenze segnando 115 reti, alla media di 0,16 gol a partita.

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-2000 Spagna Siviglia PD 1 0 CR 0 0 - - - - - - 1 0
2000-2001 SD 1 0 CR 1 0 - - - - - - 2 0
2001-2002 PD 29 8 CR 1 0 - - - - - - 30 8
2002-2003 PD 34 9 CR 4 2 - - - - - - 38 11
2003-gen. 2004 PD 21 5 CR 4 1 CU 0 0 - - - 25 6
gen.-giu. 2004 Inghilterra Arsenal PL 13 2 FACup+CdL 4+0 2+0 UCL 4 1 CS 0 0 21 5
2004-2005 PL 30 9 FACup+CdL 6+0 1+0 UCL 8 1 CS 1 1 45 12
2005-2006 PL 26 5 FACup+CdL 6+0 1+0 UCL 12 0 CS 1 0 45 6
Totale Arsenal 69 16 16 4 24 2 2 1 111 23
2006-2007 Spagna Real Madrid PD 30 6 CR 4 0 UCL 4 1 - - - 38 7
2007-2008 Spagna Atlético Madrid PD 26 0 CR 5 0 CU 6 0 - - - 37 0
2008-2009 Portogallo Benfica PL 24 4 CP+CdL 1+4 0+1 CU 6 1 - - - 35 6
2009-2010 Spagna Atlético Madrid PD 30 2 CR 9 1 UCL+UEL 6+8 0+1 - - - 53 4
2010-2011 PD 34 6 CR 5 0 UEL 4 0 SU 1 1 44 7
2011-gen. 2012 PD 13 0 CR 0 0 UEL 7 3 - - - 20 3
Totale Atlético Madrid 103 8 19 1 31 4 1 1 154 14
gen.-giu. 2012 Spagna Siviglia PD 19 1 CR 1 0 EL 0 0 - - - 20 1
2012-2013 PD 26 4 CR 6 0 - - - - - - 32 4
2013-2014 PD 21 0 CR 1 0 UEL 11[11]+1 2[11]+0 - - - 34 2
2014-2015 PD 19 3 CR 4 1 UEL 13 1 SU 1 0 37 5
2015-2016 PD 24 1 CR 5 2 UCL+UEL 2+2 0 SU 1 1 34 4
Totale Siviglia 195 31 27 6 29 3 2 1 253 41
2016-2017 Spagna Espanyol PD 21 3 CR 2 1 - - - - - - 23 4
feb.-giu. 2018 Spagna Cordoba SD 17 1 CR 0 0 - - - - - - 17 1
lug.-dic. 2018 Cina Tianshan Leopard CLO 14 4 CC 0 0 - - - - - - 14 4
feb.-giu. 2019 Spagna Extremadura SD 9 0 CR 0 0 - - - - - - 9 0
Totale carriera 481 73 73 13 94 11 5 3 653 100

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-9-2003 Guimarães Portogallo Portogallo 0 – 3 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
10-9-2003 Elche Spagna Spagna 2 – 1 Ucraina Ucraina Qual. Euro 2004 - Ingresso al 65’ 65’
11-10-2003 Erevan Armenia Armenia 0 – 4 Spagna Spagna Qual. Euro 2004 2 Ingresso al 60’ 60’
15-11-2003 Valencia Spagna Spagna 2 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2004 - Uscita al 78’ 78’
18-8-2004 Las Palmas Spagna Spagna 3 – 2 Venezuela Venezuela Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
3-9-2004 Valencia Spagna Spagna 1 – 1 Scozia Scozia Amichevole -
8-9-2004 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 1 – 1 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Santander Spagna Spagna 2 – 0 Belgio Belgio Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2004 Vilnius Lituania Lituania 1 – 1 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 65’ 65’
17-11-2004 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 58’ 58’
26-3-2005 Salamanca Spagna Spagna 3 – 0 Cina Cina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 76’ 76’
30-3-2005 Belgrado Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro 0 – 0 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 62’ 62’
8-10-2005 Bruxelles Belgio Belgio 0 – 2 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 55’ 55’
12-10-2005 Serravalle San Marino San Marino 0 – 6 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2006 - Ammonizione al 41’ 41’ Uscita al 68’ 68’
12-11-2005 Madrid Spagna Spagna 5 – 1 Slovacchia Slovacchia Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 55’ 55’
1-3-2006 Valladolid Spagna Spagna 3 – 2 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole 1 Ingresso al 66’ 66’
27-5-2006 Albacete Spagna Spagna 0 – 0 Russia Russia Amichevole - Ingresso al 60’ 60’
3-6-2006 Elche Spagna Spagna 2 – 0 Egitto Egitto Amichevole 1 Ingresso al 46’ 46’
7-6-2006 Ginevra Croazia Croazia 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 46’ 46’
23-6-2006 Kaiserslautern Arabia Saudita Arabia Saudita 0 – 1 Spagna Spagna Mondiali 2006 - 1º turno - Ammonizione al 35’ 35’ Uscita al 70’ 70’
15-8-2006 Reykjavík Islanda Islanda 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
Totale Presenze 21 Reti 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Arsenal: 2003-2004
Arsenal: 2004
Arsenal: 2004-2005
Real Madrid: 2006-2007
Benfica: 2008-2009

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Madrid: 2009-2010
Siviglia: 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016
Atlético Madrid: 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La fonte cita anche la UEFA Europa League 2011-2012: Il giocatore, tuttavia, lasciò l'Atlético Madrid a stagione in corso; cfr. (EN) Reyes's fifth win: top UEFA club cup winners, UEFA.com. URL consultato il 18 maggio 2016.
  2. ^ Gazzetta.it
  3. ^ Transfermarkt.com Archiviato il 10 marzo 2014 in Internet Archive.
  4. ^ uefa.com, Reyes ritorna al Siviglia, su it.uefa.com. URL consultato il 1º giugno 2019.
  5. ^ CAMPEÓN, CAPITÁN Y SÍMBOLO... SE MARCHA JOSÉ ANTONIO REYES sevillafc.es
  6. ^ Reyes, new Espanyol player rcdespanyol.com
  7. ^ José Antonio Reyes will not continue rcdespanyol.com
  8. ^ Concita De Gregorio, Aragonés: "Ho detto negro a Henry ma non sono Mister razzismo", in www.repubblica.it, 06 dicembre 2004. URL consultato il 19 ottobre 2009.
  9. ^ Tragedia: muore in un incidente l'ex nazionale Reyes, su gazzetta.it, 1º giugno 2019. URL consultato il 1º giugno 2019.
  10. ^ Agostino Gramigna, Reyes è uscito di strada mentre la sua auto andava a 237 km/h, su Corriere della Sera, 3 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2019.
  11. ^ a b Preliminari Europa League.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]