Clan dei Casalesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Clan dei casalesi)
Jump to navigation Jump to search
Clan dei Casalesi
Nomi alternativiCosa Nostra Campana, Clan dei Sanciprianesi, Nuova Famiglia, Clan Bardellino
Area di origineSan Cipriano d’Aversa / Casal di Principe
Aree di influenzaCampania(soprattutto agro aversano, agro caleno, "zona dei mazzoni" Domiziana in particolare Castel Volturno, Mondragone) e altre zone d'Italia come Lazio meridionale, Emilia-Romagna, Toscana, Veneto, Puglia, Molise,e Lombardia[1], mentre all'estero sono attivi in Spagna, Romania, Polonia, Bulgaria, Ungheria, Germania, Svizzera, Canada, Stati Uniti d'America.
PeriodoAnni 1970 - in attività
BossAntonio Bardellino, Mario Iovine, Carmine Schiavone, Francesco Schiavone, Francesco Bidognetti, Giuseppe Setola, Antonio Iovine, Michele Zagaria
Alleati'Ndrangheta, Cosa nostra, Mafia albanese
RivaliNuova Camorra Organizzata, clan Nuvoletta
AttivitàRacket[2], traffico di droga, omicidio, estorsione[3], corruzione, riciclaggio di denaro, gestione dell'edilizia, contraffazione, usura, rapina, contrabbando, gioco d'azzardo, ricettazione, frode, gestione dei rifiuti (anche illecita), prostituzione, cospirazione, omicidio su commissione, traffico di armi

Il clan dei casalesi è un'organizzazione criminale camorristica italiana, originaria della provincia di Caserta, formatasi nella seconda metà del XX secolo.

Si connota all'interno della camorra come un cartello criminale avente i tratti tipici paragonabili alla 'ndrangheta o a cosa nostra. Oltre che nella provincia di Caserta, il clan risulta attivo anche nel Lazio meridionale, Puglia, Molise, Toscana, Veneto Lombardia ed Emilia Romagna, in particolare nelle province di Modena e Reggio Emilia, nonché in altri paesi del mondo, come la Spagna, dove gestisce un canale di distribuzione della cocaina proveniente dal sud America, in Germania, in Romania ed infine negli Stati Uniti d'America.

Non solo gestisce il traffico di droga proveniente dal Sud America, ma anche in altri paesi del Unione europea, in particolare in Polonia, dove gestisce il contrabbando di sigarette. Invece in Romania, Bulgaria e Ungheria gestisce la prostituzione, il traffico di droga,l'edilizia, centri benessere ed il riciclaggio di denaro sporco, investendolo in attività pulite.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La camorra agraria nei Mazzoni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agro aversano era storicamente presente la camorra legata al controllo del mondo agricolo, in particolare nella zona dei Mazzoni [4], ossia una zona della provincia di Caserta situata tra i bacini del Volturno e dei Regi Lagni. La camorra agraria nasce per imporre la sorveglianza alle aziende agricole, con la cosiddetta, "guardianìa", con le mediazioni nelle transazioni agricole e con le estorsioni sui mercati agricoli. L'organizzazione, con il tempo, si era poi gradualmente interessata all'attività edilizia.

I suoi storici esponenti erano:

  • La famiglia Pagano [5], con il capostipite Antonio, detto "Tatonno", di San Cipriano d'Aversa, guardiano terriero e mediatore, a cavallo della seconda guerra mondiale, venne ricordato come guappo, ossia come mediatore di contrasti nei paesi della zona e nelle campagne. Suo figlio Ernesto Dante Pagano, detto "Dantuccio", legatosi a Cutolo, fu ucciso nel 1979 da Antonio Bardellino. Il figlio di Dantuccio, Antonio, fu assassinato nel 1989 insieme ad altri tre affiliati [6][7][8];
  • Giuseppe Pedana (1918 - 1979), detto "Peppe Braciola", di Villa Literno, morì cadendo da un balcone durante un tentativo di cattura. Si era fatto spazio a partire del 1947 uccidendo il suo rivale Paolo di Bello; nel 1963 si era reso responsabile anche dell'uccisione di un carabiniere. Conobbe in carcere Raffaele Cutolo, a cui si legò. Era attivo nel controllo del mercato agricolo [9][10];
  • La famiglia di Vittorio Simeone (1930 - 1982), detto " Vittorio Baffone" per i suoi baffi lunghi e la capigliatura folta o "'O Cummannante", da Casal di Principe, guardiano e mediatore di terreni, ucciso a San Cipriano d'Aversa, dove viveva, il 17 febbraio 1982 col figlio Pietro, di 15 anni. Vittorio Simeone nel 1966 fu sospettato di avere contatti con la mafia siciliana, ma successivamente in carcere si era legato a Raffaele Cutolo. La famiglia viene definitivamente estromessa dal controllo del mercato agricolo il 24 marzo 1982 con la strage del Ponte Annecchino, in cui quattro componenti, tra cui il figlio Ottavio e due nipoti, furono ammazzati con una mitragliatrice nei pressi di un ponte sui Regi Lagni. In tutto sette componenti della famiglia furono uccisi nello stesso periodo.[11][12][13][14][15].

Questi clan familiari negli anni '70 si erano legati alla Nuova Camorra Organizzata fondata nel 1970 da Raffaele Cutolo, che era riuscito a federare anche altri clan minori dell'Agro aversano.

La lotta tra i vecchi clan e il ruolo di Bardellino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Alberto Beneduce (criminale) e Antonio Bardellino.

Verso la metà degli anni settanta del XX secolo, l'attività dei vecchi clan entrò in contrasto col gruppo emergente capeggiato da Antonio Bardellino e Mario Iovine. Antonio Bardellino, di San Cipriano d'Aversa, nel 1974 faceva ancora il carrozziere [16], per poi dedicarsi alle rapine, in particolare a quelle dei TIR e ai furti sui treni merci. Entrato in contatto con il clan Nuvoletta di Marano di Napoli, di cui costituisce nel 1977 il braccio armato, venne affiliato a Cosa Nostra dal mafioso siciliano Rosario Riccobono presso la masseria dei fratelli Lorenzo e Ciro Nuvoletta a Marano di Napoli; Carmine Schiavone dichiarò:

«[...] Benché in quell'epoca Lorenzo Nuvoletta fosse il rappresentante regionale di Cosa Nostra, Bardellino era stato autorizzato da detta organizzazione ad affiliare nuovi adepti, con la facoltà di non poter comunicare i nomi al Nuvoletta. Delle nuove affiliazioni doveva, comunque, informare Saro Riccobono.[17][18]»

Già a partire dalla fine degli anni settanta, Bardellino intuì che il futuro dei traffici illegali sarebbe stato rappresentato dalla cocaina, capace di alimentare a lungo termine un affare molto più redditizio rispetto a quello dell' eroina. Per questo motivo, il capoclan, organizzando un'attività di copertura di import-export di farina di pesce, organizzò un imponente traffico di cocaina, che, partendo dall'America latina, giungeva nell'agro aversano passando attraverso Alberto Beneduce, uno dei vertici indiscussi del clan e fraterno amico di Michele Zagaria. Cionondimeno, il clan Bardellino contrabbandò anche l'eroina, le cui spedizioni dirette alla Famiglia Gambino erano nascoste all'interno dei filtri di caffè espresso. I collaboratori di giustizia riferirono che, quando una di queste spedizioni venne intercettata dalle autorità antidroga, Bardellino telefonò a John Gotti affermando che il business non si sarebbe di certo fermato e che avrebbe mandato una quantità di stupefacente pari al doppio di quella sequestrata.

Bardellino ottenne un potere enorme, dal casertano fino al basso Lazio, che molto frequentemente era gestito da suo nipote, il giovane Paride Salzillo [19]. Bardellino spesso si recava in Brasile e a Santo Domingo. Lo strapotere del boss infastidiva gli altri capi-clan che decisero di eliminarlo utilizzando un subdolo stratagemma: spinsero Bardellino a ordinare l'uccisione di Domenico Iovine, dopodiché indussero il fratello di Domenico, Mario, ad uccidere per vendetta Bardellino stesso.

L'espansione di Bardellino nel basso Lazio[modifica | modifica wikitesto]

La zona sud della provincia di Latina, anticamente era parte integrante della Terra di Lavoro, quindi per le comuni origini e affinità culturali città come Fondi, Formia, Gaeta, Minturno, Castelforte e Santi Cosma e Damiano sono stati luoghi di insediamento camorristico di diverse organizzazioni criminali provenienti dalla provincia di Caserta. Ciò è in particolar modo avvenuto tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 per svariati motivi, tra i quali, la bellezza delle località turistiche, che suggeriva ai boss il luogo dove trascorrere le vacanze, di trasferirvi i propri familiari lontano dai paesi d'origine, soprattutto nei periodi "caldi". Le misure restrittive, come il soggiorno obbligato, applicate nei confronti di affiliati ai clan, non solo campani hanno agevolato l'infiltrazione.

L'integrazione di questi diversi fattori ha condotto a constatare che nel territorio a sud dell'Agro Pontino in quel periodo erano presenti ed operavano le figure criminali di:

L'ex stabilimento della discoteca Seven Up a Formia.

Tanta rappresentanza mafiosa era favorita dalla compiacenza della politica sulla quale ancora oggi grava più di un sospetto in considerazione dei lavori della Commissione d'Accesso a Fondi e sulla richiesta di scioglimento del suo consiglio comunale avanzata dal Prefetto di Latina [25]. Antonio Bardellino limitò la sua attività a sporadiche apparizioni in quanto era già all'epoca latitante, inseguito da diversi ordini di cattura per estorsione, omicidio e strage. In un summit a Formia Bardellino, alla presenza di Pasquale Galasso, Giacomo Cavalcanti ed Enzo Moccia, stabilì l'attacco alla masseria dei Nuvoletta a Poggio Vallesana. Il fratello Ernesto rappresentava il braccio operativo che sul territorio concretizzava il reinvestimento dei capitali di provenienza illecita. Infatti, nel 1979 a Formia veniva registrata la Immobiliare Tirreno Sud, di cui erano soci lo stesso Ernesto Bardellino, i fratelli Alberto e Benito Beneduce e Giuseppe Natale. Questa azienda realizzò nella zona di Vindicio, in Via Unità d'Italia, una maxi lottizzazione, come ad esempio nel caso della costruzione dell'albergo Solemar. Altro settore per favorire il riciclaggio di denaro di provenienza illecita, era quello dei locali notturni, accertato già nel 1982 nell'ambito del procedimento penale riguardante il fallimento della società Maurice, proprietaria della discoteca Seven Up, titolare della quale risultava Aldo Ferrucci.[26]

Quest'ultimo aveva ottenuto dalla Banca Popolare del Golfo prestiti consistenti, senza però fornire alcuna garanzia: la facilità con cui Ferrucci ottenne liquidità spostò l'attenzione degli inquirenti sui massimi vertici dell'istituto di credito locale che, al termine degli accertamenti investigativi giudiziari, risultò pesantemente infiltrato dalla criminalità organizzata. In sostanza, la banca andò in rovina in quanto aveva "prestato", tra il 1980 e il 1981, 5 miliardi di lire alla Maurice che, essendo una società espressione dell'economia camorrista, fallì. Lo stabile della discoteca, tra le più famose all'epoca in Italia, finì sotto sequestro nel 1985 nell'ambito dell'inchiesta della Magistratura napoletana sui beni riconducibili ad Antonio Bardellino.

Un anno prima il suo direttore, sempre Aldo Ferrucci, venne arrestato dalla criminalpol di Napoli con l'accusa di far parte del clan Bardellino. Prima dell'altro arresto scaturito da un'inchiesta sul clan Moccia, al quale Ferrucci era anche legato, il locale nel 1986 rimase semidistrutto da un'esplosione (provocata dalla combustione di fuochi artificiali) seguita da un incendio che ne compromise seriamente la struttura; due ragazzi morirono carbonizzati, oltre quaranta i feriti sui cento ragazzi presenti quella sera. L'incidente comportò la fine della discoteca Seven Up, che non riaprì mai più. Le indagini, i sequestri e gli arresti susseguitisi negli anni dimostrarono il legame tra la discoteca e la malavita.

L'omicidio Bardellino e l'ascesa degli Schiavone[modifica | modifica wikitesto]

Tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, il clan vive una grave crisi, scaturita dall'omicidio di Alberto Beneduce, operato dai clan satellite La Torre ed Esposito, a cui seguono gli omicidi di Vincenzo De Falco e di Mario Iovine, elementi di spicco del gruppo[27]. Secondo i collaboratori di giustizia, Mario Iovine si recò a casa di Bardellino in Brasile e qui lo uccise con un martello. La circostanza, tuttavia, non è mai stata acclarata, poiché il corpo di Bardellino non venne mai ritrovato.[senza fonte] Con l'omicidio di Antonio Bardellino nel 1988 si determina un vortice di vendette con numerosi omicidi tra San Cipriano d'Aversa e Casal di Principe, tanto che questi comuni ottennero, in quegli anni, il primato di area urbana col più alto tasso di omicidi d'Europa.[28]

Non scampò alla morte neanche il nipote di Bardellino, Paride Salzillo, colui che gestiva sul territorio gli affari malavitosi per conto dello zio. Ricevuta la telefonata dal Brasile dell'avvenuta morte del capo, Francesco Schiavone invitò Salzillo ad un incontro con tutti i maggiorenti [29]dell'organizzazione. Questi ultimi, non appena il giovane si presentò, disarmarono il ragazzo, lo informarono della morte dello zio e gli preannunciarono la morte; Salzillo venne fatto sedere e fu strangolato con una corda di plastica. Anche il suo cadavere non venne mai ritrovato, probabilmente fu gettato in un canale poi cementificato.[30]

L'omicidio di Giuseppe Diana e il processo Spartacus[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giuseppe Diana e Processo Spartacus.

All'inizio degli anni '90, l'omicidio di Alberto Beneduce dà inizio ad una sanguinosa lotta interna, proprio tra De Falco e le fazione degli Schiavone e Bidognetti, faida che si protrasse sino alla metà degli anni novanta [31]. La guerra intestina assegnerà definitivamente il comando del clan a Schiavone e Bidognetti. Il potere e il comando del clan fu assunto da Francesco Schiavone [32][33] e da Francesco Bidognetti [34]; anche se era il primo il boss principale. Subito dopo spiccavano le figure di Michele Zagaria e Antonio Iovine, entrambi di San Cipriano d’Aversa. In questi anni, precisamente nel 1994, i casalesi uccisero il sacerdote Giuseppe Diana, parroco di Casal di Principe, colpevole secondo l'organizzazione di aver criticato la camorra.

Il dominio di Schiavone e Bidognetti venne interrotto con una maxi-operazione denominata "Spartacus" nata dalla collaborazione di alcuni pentiti. L'operazione condusse nel 1993 all'arresto di Bidognetti, e nel 1998 di Schiavone. Tali azioni permisero di intentare un processo, il processo Spartacus, di cui invero la stampa non si occupò molto. Iniziato nel 1998, le sentenze di primo grado giunsero nel 2005, mentre quelle di appello nel 2008 e il terzo ed ultimo grado, la Cassazione, il 15 gennaio 2010. Il colpo per il clan fu molto duro, vennero condannati all'ergastolo Schiavone, Bidognetti e molti altri importanti esponenti latitanti come Zagaria e Iovine.[35]

Durante gli anni del processo il pentito Carmine Schiavone sembrò rivelare che ci sarebbe stato un piano del clan per uccidere lo scrittore Roberto Saviano entro il 25 dicembre del 2008.[36] L'affermazione venne poi smentita dallo stesso Schiavone, che incontrò Saviano nella sede della Mondadori in via Sicilia a Roma. Secondo Schiavone quella informazione venne messa in giro dai Servizi Segreti con l'obiettivo di screditare il suo ruolo di collaboratore, visto che una volta scontata definitivamente la pena, avrebbe cominciato a rivelare le informazioni sulle coperture istituzionali dell'organizzazione, da lui verbalizzate ma coperte con degli omissis, che difatto segretarono la confessione, da parte dell'allora Ministro degli interni Onorevole Giorgio Napolitano, così come riportato dal giornale "Il Mattino".[37]

Gli anni 2000 e gli arresti dei boss[modifica | modifica wikitesto]

A partire dagli anni 2000 gli arresti, le condanne e il regime penitenziario del 41 bis indebolirono molto le figure di Schiavone e Bidognetti consentendo l'ascesa di due boss già condannati all'ergastolo ma latitanti: Michele Zagaria e Giuseppe Costa. Il primo controllava gli affari dei casalesi nel nord Italia e nell'Europa dell'est, il secondo si occupava delle coperture politiche a Roma.[38] Il gruppo di Bidognetti venne quasi distrutto, soprattutto dopo l'arresto di Giuseppe Setola, allora reggente del gruppo e colpevole della strage di Castel Volturno, dove vennero uccise sette persone a colpi di AK-47.

Il clan Schiavone fu poi indebolito dall'ascesa di Giuseppe Costa al potere, ma risultò essere ancora attivo. Lo dimostrano l'arresto di Nicola Schiavone, figlio maggiore di Francesco, avvenuto il 15 giugno 2010, visto come reggente del gruppo e mandante del triplice omicidio di Francesco Buonanno, Giovanni Battista Papa e Modestino Minutolo,[39] seguito dall'arresto di Francesco Barbato o' sbirro, considerato a sua volta reggente del clan dopo l'arresto di Nicola.[40]

L'arresto di Antonio Iovine avvenuto il 17 novembre 2010, fino ad allora uno dei più importanti boss del clan, rese Michele Zagaria l'unica figura di spicco del clan.[41] Tuttavia il 7 dicembre 2011, durante una massiccia operazione della Polizia di Stato [42] scattata all'alba, anch'egli venne catturato: il boss, latitante da ben 16 anni, si nascondeva in un bunker sotterraneo di un appartamento di Casapesenna, in via Mascagni.[43][44] Il 10 marzo 2015 nel corso dell'"Operazione Spartacus Reset", vengono arrestati 40 appartenenti al clan Schiavone, tra cui anche i figli di Sandokan, Nicola e Carmine Schiavone.[45][46]

Dal 2011 la reggenza del Clan viene affidata alla famiglia Iavarazzo di Villa Literno, già imparentati con gli Schiavone.

Ambito ed aree di attività[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ecomafia, Terra dei fuochi, Triangolo della morte Acerra-Nola-Marigliano e Traffico di rifiuti.

Le attività dell'organizzazione camorristica sono molto diversificate, nelle quali il racket delle estorsioni è tuttavia molto rilevante per l'economia del clan, soprattutto nell'agro aversano.[47] Secondo una stima della Direzione nazionale antimafia il fatturato risultante delle aziende controllate dal clan e dei traffici illeciti si aggirerebbe attorno ai 30 miliardi di euro[48]. Inoltre dal 1985 al 2004 sarebbero stati compiuti dal clan 646 omicidi.[49] L'attività dell'organizzazione risulta attiva anche sotto l'aspetto imprenditoriale, tanto che nel 2008 tentò addirittura di acquisire quote societarie della Società Sportiva Lazio, tramite l'ex calciatore Giorgio Chinaglia.[50]

Durante la crisi dei rifiuti in Campania nel 2008 venne scoperto un grande traffico e smaltimento illegale di rifiuti da parte del clan.[51] Il clan è inoltre attivo anche nel traffico di eroina e cocaina,[3] essendo stato accertato la presenza di contatti di vari esponenti del clan con diversi boss di cosa nostra statunitense della famiglia Gambino di New York, John Gotti, soprattutto nell'ambito della fornitura di stupefacenti. [52]

Diffusione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo scrittore Roberto Saviano,[53] minacciato di morte dalla stessa organizzazione, [54] i casalesi condussero all'estero, già dagli anni '90, attività illecite in Polonia, Ungheria, Bulgaria, Germania, Regno Unito, Romania, Santo Domingo, Venezuela e Kenya, mentre in Spagna sono molto impegnati ad investire in immobili, aziende agricole, alberghi, ville, negozi di lusso e traffico di droga. Sono inoltre da anni presenti nel traffico e nello smaltimento internazionale dei rifiuti tossici e nocivi delle industrie italiane e straniere.

A New York, sempre secondo ricostruzioni riconducibili allo stesso autore[55], sono implicati in attività illecite correlate alla ricostruzione del World Trade Center di New York dopo il 2001, in Svizzera ove riciclano capitale e nell'acquisto di banche, così come in Scozia, Cina e a Francoforte; puntano in borsa in Portogallo, Brasile, Francia, Ungheria.

L'azione della polizia e della magistratura contro il clan dei Casalesi[modifica | modifica wikitesto]

L'attività di contrasto al clan dei casalesi da parte delle polizia italiana e della magistratura italiana ha acquisito progressivamente maggiore intensità, soprattutto dopo la collaborazione di alcuni pentiti che condusse al processo Spartacus nel 1998. Da allora sono stati effettuati sia molti sequestri di beni, che arresti importanti, ma la potenza del clan rimase ancora enorme, a causa dei fortissimi legami con la politica, sia locale che nazionale, in particolare con esponenti di Forza Italia ed Ncd, con l'imprenditoria, con l'industria e infine a causa della mancata collaborazione della popolazione.

Operazioni di polizia[modifica | modifica wikitesto]

  • L'11 luglio 1998 viene arrestato a Casal di Principe, Francesco Schiavone detto “Sandokan”. Il 19 giugno 2008, con la conclusione del processo, il camorrista viene condannato definitivamente all'ergastolo.
  • Il 26 marzo 2008 viene arrestato a Viareggio il latitante Orlando Lucariello di Gricignano di Aversa, inserito tra i 500 latitanti più pericolosi, ritenuto elemento di spicco del clan dei casalesi per gli affari in Toscana e stretto collaboratore di Giuseppe Russo, detto "O' Padrino". In seguito a un precesso il pentito Orlando Lucariello lancia dure accuse nei confronti di tre amministrazioni del Casertano ovvero, Gricignano di Aversa, Succivo e Orta di Atella e accuserà anche il noto deputato Nicola Cosentino di Forza Italia, di essere un mediatore del clan per gli appalti.
  • Il 30 settembre 2008 una maxi-operazione[56] conduce all'esecuzione di 127 ordini di custodia cautelare, un'ottantina per persone già detenute, e all'arresto di Giuseppina Nappa, moglie di Sandokan. Inoltre vennero sequestrati beni per cento milioni di euro. A Quarto, in un'altra operazione dei carabinieri, fu posto agli arresti il gruppo di fuoco di Giuseppe Setola, formato da Alessandro Cirillo, Oreste Spagnuolo e Giovanni Letizia, gruppo che da mesi stava seminando il terrore sul litorale Domizio. Inoltre, nel corso del blitz, vennero sequestrate sette pistole, un fucile a pompa e due fucili Ak-47 e numerosi proiettili di vario calibro, pettorine dei carabinieri, palette, lampeggianti, due auto rubate e due moto di grossa cilindrata.
  • L'11 ottobre 2008 vengono arrestate dalla DDA di Napoli sette persone delle dieci ricercate legate al clan scissionista di Bidognetti, con a capo il latitante Giuseppe Setola, sfuggito anche questa volta.[57]
  • Il 7 novembre 2008 vengono arrestati Davide Granato, 33 anni, e Giuseppe Alluce, il primo uno dei responsabili dell'omicidio del collaboratore di giustizia Stanislao Cantelli, l'altro, braccio destro del boss latitante Setola.[58]
  • Il 21 novembre 2008 viene arrestato Gianluca Bidognetti, figlio di Francesco, detto Cicciotto 'e Mezzanotte per la sua passione per le discoteche, reo di aver partecipato il 31 maggio 2008 ad un commando con l'intento di uccidere sua zia e sua cugina.[59]
  • Il 21 dicembre 2008 viene arrestato Metello Di Bona, 38 anni, stragista del clan dei casalesi.
  • Il 12 gennaio 2009 fallisce il blitz contro Giuseppe Setola a Trentola-Ducenta. Setola riesce a fuggire attraverso le fogne. Viene invece arrestata e interrogata la moglie del superlatitante, Stefania Martinelli.[60]
  • Il 14 gennaio 2009 i Carabinieri riescono ad arrestare Giuseppe Setola a Mignano Monte Lungo e a porre fine alla sua latitanza.
  • Il 30 marzo 2009 vengono arrestate trentotto persone appartenenti ai Casalesi tra Napoli, Caserta, Milano, Ferrara e Reggio Emilia, camorristi che gestivano un traffico di droga sul litorale campano da Mondragone in provincia di Caserta, fino a Lago Patria, frazione di Giugliano, provincia di Napoli.[61]
  • Il 6 aprile 2009 nell'operazione Medusa vengono arrestate a Modena cinque persone legate al clan dei casalesi che operavano nella zona da più di vent'anni e riconducibili al figlio di Francesco Schiavone. Altri quattro erano già stati arrestati il 9 marzo 2009.[62]
  • Il 29 aprile 2009 nell'operazione Principe viene arrestato Michele Bidognetti, il fratello del capo-clan Francesco Bidognetti detto Cicciotto 'e mezzanotte. Sequestrati beni del valore di 5 milioni di euro.[63]
  • Il 3 maggio 2009 viene arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta Raffaele Diana, boss dei casalesi, ricercato dal 2004 e inserito nell'elenco di 30 super-latitanti.[64]
  • Il 18 maggio 2009 viene arrestato Franco Letizia dagli agenti della Squadra mobile di Caserta a San Cipriano d'Aversa. Letizia, al momento dell'arresto era presente nella lista dei cento latitanti più pericolosi, e considerato il successore di Giuseppe Setola alla guida del clan Bidognetti, fazione del clan dei Casalesi. Insieme a lui sono stati arrestati anche Antonio Diana, proprietario dell'abitazione in cui si trovava Letizia, e Carlo Corvino, entrambi già noti alle forze dell'ordine.[65][66]
  • Il 15 luglio 2009, in un'operazione anti-camorra effettuata dalla Polizia di Stato, vengono arrestate, , 42 persone appartenenti al clan, tra Caserta e Modena, città da tempo succursale del sodalizio criminale, attivo nella città emiliana con il racket delle estorsioni e il gioco d'azzardo. Nell'operazione vengono arrestate anche la moglie e la figlia di Raffaele Diana, capo-zona di Modena catturato il 3 maggio 2009.[67]
  • Il 13 agosto 2009 la squadra mobile di Casal di Principe fa irruzione durante un summit camorristico che porta all'arresto di 9 persone più il super latitante Maccariello Raffaele, condannato all'ergastolo per essersi reso responsabile di efferati omicidi.
  • Il 18 marzo 2010 il gruppo di investigazione sulla criminalità organizzata del Nucleo di polizia tributaria di Bologna ha emesso 20 ordinanze di custodia cautelare per altrettanti affiliati del clan camorristico dei Casalesi dislocati tra Modena, Mantova, Napoli e Caserta. Confiscati valori mobili ed immobili illecitamente accumulati per un valore complessivo di almeno 6 milioni di euro.[68]
  • Il 30 marzo 2010 Carmine Zagaria e Nicola Zagaria, rispettivamente fratello e padre del boss latitante Michele Zagaria, vengono arrestati nel corso di un'operazione che ha portato a sedici ordinanze di custodia cautelare e al sequestro di beni per circa 30 milioni di euro. Carmine è stato scarcerato il 22 aprile 2010, probabilmente per mancanza di gravi indizi di colpevolezza, mentre Nicola, riconosciuto colpevole di estorsioni, a causa della sua veneranda età, viene posto agli arresti domiciliari. Carmine è stato successivamente riarrestato.[69][70]
  • Il 14 aprile 2010 viene catturato Nicola Panaro, numero tre del clan dei casalesi, ricercato dal 2003, ed inserito nell'elenco dei trenta latitanti più pericolosi.
  • Il 12 luglio 2010, su richiesta della DDA di Napoli, vengono arrestate diciassette persone con l'accusa di estorsione, turbativa d'asta, associazione camorristica, e sequestrati beni per un miliardo di euro. Tra gli arrestati l'ex consigliere regionale dell' UDEUR, Nicola Ferraro, accusato di essersi accordato con il clan nella doppia veste di imprenditore nel settore dei rifiuti e di politico, allo scopo di ottenere vantaggi per l'affermazione delle proprie aziende e di ottenere voti, fornendo in cambio appoggio al clan insieme al fratello Luigi, per agevolare l'attribuzione di risorse pubbliche attraverso l'aggiudicazione di appalti ad imprese compiacenti, nonché per favorire il controllo da parte del clan dello strategico settore economico dello smaltimento dei rifiuti. Nella stessa operazione risultano indagati anche il superlatitante Antonio Iovine, Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco "Sandokan" Schiavone, e il prefetto di Frosinone Paolino Maddaloni.
  • Il 4 novembre 2010 vengono arrestati cinque esponenti dei casalesi appartenenti al gruppo di Francesco Schiavone accusati dell'omicidio di Raffaele Lubrano, avvenuto nel novembre 2002. La causa dell'omicidio nasceva dalla volontà del clan Lubrano di rendersi autonomo dai casalesi.[71]
  • Il 17 novembre 2010 personale della Squadra Mobile della Questura di Napoli arresta a Casal di Principe il boss Antonio Iovine, detto "O' ninno", già condannato all'ergastolo nel 2008 e latitante da 14 anni[72].
  • Il 23 novembre 2010 la DIA e il NIC arrestano due vigili di Casal di Principe, Mario De Falco, fratello del defunto boss Vincenzo e Stanislao Iaiunese, ed eseguono altri due provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di Gianluca e Michele Bidognetti, già reclusi, per violazione del regime carcerario 41 bis.[73][74]
  • Il 25 novembre 2010 viene arrestato Nicola Della Corte con l'accusa di essere il killer di Giovanni Battista Papa, Modestino Minutolo e Francesco Buonanno, uccisi l'8 maggio 2009 su ordine di Nicola Schiavone.[75]
  • Il 20 dicembre 2010 viene arrestato Sigismondo Di Puorto, di 38 anni, latitante da nove mesi, considerato il reggente del clan Schiavone. Viene accusato di associazione mafiosa ed estorsione aggravata.[76]
  • Il 21 dicembre 2010 vengono arrestati otto presunti affiliati dei casalesi per tentate estorsioni nei confronti di imprenditori e commercianti.[77]
  • L'11 gennaio 2011 viene arrestato, con l'accusa di associazione mafiosa, Mario Iavarazzo, considerato il reggente del clan Schiavone e il gestore della cassa del clan.[78] Il 13 gennaio 2011 Iavarazzo viene scarcerato dal GIP [79] per insufficienza di elementi di prova.[80]
  • Il 29 marzo 2011 viene arrestato a Santa Maria Capua Vetere Carmine Morelli, l'ultimo degli accusati del triplice omicidio di Giovanni Battista Papa, Modestino Minutolo e Francesco Buonanno ad essere latitante. Insieme a Morelli vengono arrestate per favoreggiamento, altre quattro persone.[81]
  • Il 14 aprile 2011 vengono arrestate nel corso di una maxioperazione in cinque regioni italiane, Veneto, Lombardia, Sardegna, Campania e Puglia, ventinove persone riconducibili ai casalesi. Il gruppo aveva la propria sede principale in Veneto. Gli arrestati sono accusati di estorsione verso centinaia di ditte, usura aggravata, associazione mafiosa.[82]
  • Il 2 maggio 2011 viene arrestato a Casal di Principe Mario Caterino, condannato all'ergastolo nel processo Spartacus e latitante da tre anni.
  • Il 7 dicembre 2011 viene catturato a Casapesenna Michele Zagaria, capo della cosca e latitante da sedici anni.
  • Il 27 gennaio 2012 vengono arrestate sei persone in un'operazione eseguita dalla Squadra mobile di Caserta e dalla Dia di Roma e coordinata dalla Dda di Napoli, tutte appartenenti sia al Clan dei Casalesi, nello specifico la fazione facente capo al gruppo Schiavone, sia a Cosa Nostra. L'operazione si basa su indagini riguardanti un'alleanza tra la camorra e la mafia per acquisire nel Mezzogiorno il monopolio nel settore dei trasporti nel Mezzogiorno. Tra i destinatari delle misure cautelari vi sono Nicola Schiavone, figlio di Sandokan, e anche Gaetano Riina, fratello del "Capo dei Capi" Totò.
  • Il 10 febbraio 2012 viene arrestato il sindaco in carica del comune di Casapesenna, Fortunato Zagaria, omonimo, ma non parente del boss della camorra. Accusato, secondo le indagini della Dda di Napoli, di concorso esterno in associazione camorristica, [83] in particolare come uomo di fiducia di Michele Zagaria, di violenza privata nei confronti del precedente sindaco del Comune casertano, Giovanni Zara.
  • Il 4 giugno 2012 viene arrestato a Prato Tancredi Marco Fazzi, in un'operazione eseguita dalla squadra mobile di Prato chiamata "operazione Diamante", l'affiliato toscano accusato di usura ed estorsione ai danni di imprenditori e di agenti immobiliari tra cui G.M. di Prato. Tancredi Marco Fazzi, promessa del calcio, giocava nella società calcistica dell'Empoli F.C e quella semiprofessionistica A.C. Calenzano, dove fu accusato per essere coinvolto in un appalto per la ristrutturazione del campo da allenamento.
  • Il 2 agosto 2012 Il Dipartimento di stato americano, ha deciso di bloccare i beni e nel divieto a tutti gli americani di effettuare con loro transazioni, a cinque boss campani, fra i quali Antonio Iovine, Michele Zagaria, Mario Caterino (clan dei casalesi), Paolo Di Lauro (soprannominato Ciruzzo 'o milionario, uno dei protagonisti della prima faida di Scampia) e Giuseppe Dell'Aquila (noto come Peppe 'o ciuccio, tra i fondatori dell'Alleanza di Secondigliano)[84].
  • Il 2 agosto 2012 nella zona di influenza criminale del clan dei casalesi, alcuni commercianti, ai quali viene estorta una tangente iniziarono a denunciare. Venne arrestato Oreste Reccia, luogotenente del boss Salvatore Venosa[84].
  • Il 6 ottobre 2012 viene arrestato il boss latitante dal 2010 Massimo Di Caterino, luogotenente di Michele Zagaria.
  • Nel novembre 2012 vengono arrestate, per estorsione aggravata dal metodo mafioso, nove persone del gruppo Zagaria. Tra loro anche tre fratelli e un nipote di Michele Zagaria. Uno dei tre fratelli arrestati è Antonio Zagaria, ritenuto il reggente della cosca dopo l'arresto del boss[85].
  • Nel gennaio 2013 viene arrestato Carmine Schiavone, figlio di Francesco, per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Secondo i carabinieri fu lui a governare la famiglia dopo gli arresti dei fratelli Nicola, Ivanhoe ed Emanuele. Dei cinque figli di Francesco Schiavone resta libero soltanto Walter. Carmine Schiavone, il cui nome era stato scelto in omaggio al cugino del boss, poi pentito, non aveva precedenti penali.[86].
  • Il 28 febbraio 2013 vengono effettuati 23 arresti, tredici in Toscana e dieci in Campania, con accuse di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto d'armi, danneggiamento seguito da incendio, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti[87].
  • Aprile 2013: operazione Titano, 24 arresti. Rilevati affari nella Repubblica di San Marino, Emilia-Romagna e Marche[88].
  • Il 27 giugno 2013 in tutta Italia vengono arrestate 57 persone ritenute affiliate al Clan dei Casalesi. Operazione "Rischiatutto". Asse Casalesi-Mafia-'Ndrangheta.
  • Nel dicembre 2013 vengono arrestati per estorsione Cipriano Chianese di Parete, avvocato-imprenditore, e il suo collaboratore Carlo Verde.[89]
  • Operazione “Dirty Job”: nel giugno 2014 vengono arrestati sette imprenditori impegnati nella ricostruzione dopo il terremoto dell'Aquila del 2009. Si rivolgevano alla camorra, in particolare al clan dei Casalesi, per assumere maestranze a basso prezzo. Gli imprenditori arrestati vennero accusati, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro[90].
  • Il 31 maggio del 2014 viene arrestato a Castel Volturno Luigi Autiero di Gricignano di Aversa, boss del clan Autiero, fazione Schiavone, prima dell'arresto di Autiero sono stati arrestati in precedenza altri esponenti del clan sempre a Gricignano di Aversa.

In seguito anche il sindaco verrà arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa, oltre a quest'ultimo anche il sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio e Sergio Orsi imprenditore di Casal di Principe.

  • Il 10 marzo 2015, operazione "Spartacus Reset", in un blitz congiunto anche in altre province in tutta Italia, vengono arrestati quaranta indagati, affiliati al clan. Tra questi vi sono anche Carmine e Nicola Schiavone, figli di "Sandokan".[91]
  • Il 10 dicembre 2015 le indagini, coordinate dalla Dda di Napoli e dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, hanno svelato un complesso sistema criminale finalizzato al riciclaggio dei proventi illeciti da parte degli indagati, tra i quali spiccano amministratori locali ed esponenti dell'imprenditoria casertana. Tra le 28 misure di custodia cautelare c'è anche quella per il sindaco di Trentola Ducenta, Michele Griffo e per l'imprenditore Alessandro Falco che si erano prima resi irreperibili ma si sono consegnati di loro spontanea volontà nei giorni successivi al blitz. Il prefetto di Caserta, Arturo De Felice, ha sospeso dalla carica il sindaco di Trentola-Ducenta Michele Griffo e il consigliere comunale Nicola Picone, entrambi coinvolti nell'inchiesta: Griffo venne raggiunto da un ordine di carcerazione, mentre Picone dalla misura restrittiva e del divieto di dimora nella Regione Campania. L'amministrazione sarà retta dal vice-sindaco Giuseppe Coppola.

Le porte del carcere si sono aperte per ventiquattro persone, mentre quattro sono destinatari di misure restrittive, tra cui l'ex sindaco del comune casertano, Nicola Pagano. Tra gli arrestati anche un dirigente e architetto del Comune. I reati contestati agli indagati sono associazione a delinquere di stampo camorristico, concorso esterno in associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, estorsione, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, abuso d'ufficio, truffa e turbata libertà degli incanti. Sequestrato anche il centro commerciale, "Jambo" di Trentola-Ducenta, valore circa 60 milioni di euro, al centro di appalti irregolari a favore del gruppo di Michele Zagaria dei Casalesi.

  • Il 21 aprile 2017 viene arrestato a Lusciano Giuseppe Virgilio Claudio esponente del clan della fazione Iovine che uccise due persone a Frignano e San Marcellino.
  • Il 27 aprile 2017 viene arrestato a Frignano Nicola Garofalo, fedelissimo di Bidognetti, era lui a dirigere gli affari illeciti nella zona di Lusciano e Parete.

Sequestri di beni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'8 aprile 2010 vengono sequestrati beni per oltre 700 milioni di euro, tra cui l'ex zuccherificio Ipam, e l'azienda agricola la Balzana (ex Cirio), che appartenevano a Dante Passarelli, imprenditore organico al clan, deceduto in circostanze misteriose nel 2004. Gli inquirenti ipotizzano che il valore dei beni sequestrati ammonti a due miliardi di euro, quindi si tratterebbe del più grande sequestro di beni, nella lotta alle organizzazioni mafiose.[92]
  • Il 10 luglio 2010 viene sequestrata al clan la società Country Club, intestata ad un prestanome del boss dell'ala stragista del clan Giuseppe Setola, per un valore di quindici milioni di euro, nonché viene sottoposto a sequestrato preventivo il lago d'Averno, del quale non viene calcolato il valore economico essendo un luogo naturale, specchio d'acqua tra i più suggestivi del mondo, ricco di importanti siti storici, narrato da Virgilio e Dante.
  • Il 25 marzo 2010 vengono sequestrati beni tra Caserta e Modena per un valore complessivo di cinquanta milioni di euro agli Schiavone, gruppo affiliato dei Casalesi guidato da Francesco Schiavone.[93]
  • Il 14 luglio 2009 la Dia di Napoli sequestra al clan beni per oltre cinquanta milioni di euro, intestati a trenta prestanomi ricollegabili a cinque persone, per le quali vengono emessi dei provvedimenti restrittivi.
  • Il 4 dicembre 2009 vengono sequestrati ad affiliati, e prestanomi, nelle province di Massa-Carrara, Parma e Cremona, beni per venti milioni di euro.
  • Il 24 gennaio 2010 la Polizia di Caserta sequestra beni per tre milioni di euro riconducibili a Vincenzo Ucciero, elemento di spicco dei casalesi nella zona di Villa Literno.[94]
  • Il 15 marzo 2011 la DIA sequestra nel basso Lazio beni per cento milioni di euro.[95]
  • Il 6 aprile 2011 vengono sequestrati beni per tredici milioni di euro nel padovano. I beni erano legati ad un imprenditore casertano ma intestati ad un imprenditore veneto collegato ai casalesi e allo smaltimento dei rifiuti tossici. Tra i beni sequestrati anche una villa a Sperlonga.[96]
  • Il 7 febbraio 2012 vengono sequestrati beni per 4 milioni di euro a carico dei fratelli Roma, imprenditori implicati in affari riguardanti il traffico illegale di rifiuti, coadiuvati con il gruppo del clan facente capo alla famiglia Bidognetti.
  • Il 10 luglio 2012 Maxi-sequestro da un miliardo di euro tra aziende, immobili e ristoranti. Uno dei sequestri più ingenti contro le mafie italiane.
  • Il 14 gennaio 2013 vengono confiscati beni per novanta milioni di euro nel Lazio e in Campania. Si tratta della più grossa confisca ai danni delle organizzazioni camorristiche nel Lazio[97].
  • Il 21 gennaio 2013 avviene un sequestro di beni per due milioni di euro nei comuni del basso Lazio Fondi, Sperlonga, Formia, Sezze e Latina. Si tratta di società di trasporto, fabbricati, terreni, veicoli e rapporti finanziari. Prevenzione personale nei confronti di Giuseppe D'Alterio, Luigi D'Alterio, Melissa D'Alterio e Armando D'Alterio, nel 2010 arrestati a seguito dell'indagine Sud Pontino. Secondo l'accusa Giuseppe D'Alterio, detto O'Marocchino, pluripregiudicato, ha rappresentato per lungo tempo un punto di riferimento nel M.O.F. (Mercato Ortofrutticolo di Fondi) per il clan dei Casalesi[86].
  • Aprile 2013: operazione Titano, sequestro di beni per due milioni di euro tra cui una Ferrari 612 Scaglietti e immobili in costruzione in provincia di Pesaro[88].
  • Il 27 giugno 2013: operazione "Rischiatutto", sequestro di beni per 450 milioni di euro tra cui sale bingo, sale scommesse, auto di lusso, terreni, fabbricati e rapporti bancari.

Collaboratori di giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Il clan dei casalesi conta tra boss e minori circa cinquanta collaboratori di giustizia. Ne segue un elenco parziale:

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua storia, il clan dei casalesi ha ucciso diverse persone, alcune delle quali molto note, talvolta con modalità estremamente violente. Tra gli episodi più noti:

  • Filomena Morlando muore a 25 anni a Giugliano in Campania il 17 dicembre 1980, utilizzata come scudo dall'allora nascente boss Francesco Bidognetti per salvarsi da un attentato.
  • Salvatore Nuvoletta, carabiniere, ucciso a Marano di Napoli il 2 luglio 1982 perché considerato uno dei responsabili della morte di un affiliato avvenuta durante uno scontro a fuoco (in realtà Nuvoletta non partecipò all'operazione).
  • Salvatore Squillace: morto il 10 giugno 1984 a Marano di Napoli, colpito da una pallottola vagante dopo che Bardellino e i suoi uomini avevano assaltato la masseria dei Nuvoletta.
  • Mario Diana: ucciso a Casapesenna il 26 giugno 1985, proprietario di una ditta di autotrasporti assassinato per dare "un esempio" a chi non si piegava alle volontà del clan.
  • Giuseppe Mascolo: assassinato a Baia Domizia il 20 settembre 1988 per non avere ceduto alle richieste estorsive imposte dal clan Beneduce, organico ai casalesi.[98]
  • Strage di Pescopagano: avvenuta il 24 aprile 1990 a Mondragone, si contarono cinque morti e sette feriti.
  • Tobia Andreozzi ucciso il 30 agosto 1990 a Trentola Ducenta mentre si trovava in compagnia del vero obiettivo dei sicari.
  • Salvatore Richiello: dodicenne ucciso insieme al padre Michele (anche lui non appartenente alla camorra) durante un agguato il 18 aprile 1991 a Castel Volturno.
  • Cristiano Festa: ventunenne ucciso l'8 luglio 1991 in Castel Volturno, cameriere, coinvolto nell'omicidio del boss Salvatore Bianco.
  • Angelo Riccardo: ventunenne ucciso il 21 luglio 1991 in San Cipriano d'Aversa da una pallottola vagante durante un attentato contro il boss Luigi Venosa.
  • Paolo Letizia rapinatore ventenne scomparso nel comune di Casapesenna nel 1989 (si è poi saputo che è stato assassinato da esponenti della famiglia Schiavone perché erroneamente ritenuto vicino alla famiglia Bardellino). Il suo corpo non è stato mai ritrovato.
  • Antonio Di Bona ucciso il 6 agosto 1992 a Villa Literno ucciso insieme ad altre due persone in un'officina.
  • Luigi Sapio e Egidio Campaniello, due anziani di 88 e 67 anni uccisi per errore il 13 luglio 1992 durante un raid contro un altro camorrista.
  • Gennaro Falco: medico ucciso a Parete il 31 ottobre 1993, in quanto il boss Francesco Bidognetti lo riteneva responsabile della prematura morte della moglie, Teresa Tamburrino.
  • Antonio Magliulo: ucciso nel 1994 perché corteggiava la parente di un boss. Fu sequestrato, portato su una spiaggia, legato ad una sedia e gli fu fatta ingerire della sabbia fino alla morte.[99]
  • Don Giuseppe Diana: ucciso nel 1994 a colpi di arma da fuoco per il suo impegno contro la camorra.
  • Genovese Pagliuca: venticinquenne ucciso il 19 gennaio 1995 perché alla ricerca della sua ragazza, rapita da Angela Barra, amante del boss Francesco Bidognetti e capozona di Teverola, che si era invaghita di lei, tenendola prigioniera e vittima di diversi stupri.
  • Mons. Cesare Boschin (Silvelle, 8 ottobre 1914 – Borgo Montello, 29 marzo 1995) è stato un presbitero italiano misteriosamente assassinato. Il suo omicidio è tuttora irrisolto. Associazioni locali e movimenti nazionali come Libera ritengono che sia stato ucciso perché si oppose alle infiltrazioni della camorra nel Lazio.

* Francesco Salvo: cameriere, morì il 20 marzo 1999 all'interno del bar Tropical di Ischitella, bruciato vivo. Il gestore aveva rifiutato di installare all'interno dell'esercizio alcuni video-poker commissionati dalla famiglia Cantiello, in quel periodo contrapposta ai Bidognetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La camorra uccide in Campania, fa business in Lombardia, Paolo Chiariello, 2010
  2. ^ Il clan dei Casalesi conquista il centro di Milano Gli affari dei boss-manager in tutto il Nord
  3. ^ a b Il figlio di 'Sandokan' comandava il clan dei Casalesi in riviera - Il Resto Del Carlino - Rimini
  4. ^ Grazzanise on Line
  5. ^ (IT) Super User, Camorra e Cosa Nostra, la grande alleanza sugli ortomercati, su www.casadellalegalita.info. URL consultato il 22 agosto 2018.
  6. ^ Copia archiviata, su nannibalestrini.it. URL consultato il 12 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2013).
  7. ^ [1]
  8. ^ Lo scacco ai corleonesi di Campania | Caffè News
  9. ^ [2]
  10. ^ Carmine Schiavone Il Boss dei casalesi pentito alle Iene
  11. ^ http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/archivio/uni_1982_03/19820316_0003.pdf&query=LUCA%20LANDO Archiviato il 18 ottobre 2014 in Internet Archive.
  12. ^ Vittorio Simeone
  13. ^ [3]
  14. ^ roberto saviano | Giudizio Universale
  15. ^ Preview Biblioteca Digitale-Pagina de «l'Unità del 1982»-Id 1804686823
  16. ^ INCHIESTA La CIA ha armato i casalesi? - AgoraVox Italia
  17. ^ L'atteggiarsi delle associazioni mafiose sulla base delle esperienze processuali acquisite: la Camorra - Procura della Repubblica di Napoli (PDF) (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2007).
  18. ^ Gigi Di Fiore, L'impero: Traffici, storie e segreti dell'occulta e potente mafia dei casalesi, 2010
  19. ^ (IT) ESCLUSIVA: parla l’ex moglie di Antonio Bardellino, in AppiaPolis - News in Tempo Reale, 28 giugno 2017. URL consultato il 22 agosto 2018.
  20. ^ Antonio Cipriani, Sessa, guerra tra due dc all'ombra della camorra, L'Unità, 4 maggio 1990 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  21. ^ (IT) Il clan Bardellino a Formia, ecco i capitoli inediti del libro "I Pascià" allo Smeraldo, in H25 - blog di informazione indipendente, 11 maggio 2018. URL consultato il 22 agosto 2018.
  22. ^ UNA STRAGE FIRMATA CAMORRA CINQUE DELITTI IN CAMPANIA - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 22 agosto 2018.
  23. ^ (IT) La camorra tra Formia e Gaeta, in manette l'emissario dei Casalesi, su www.h24notizie.com. URL consultato il 22 agosto 2018.
  24. ^ Come risulterebbe dal verbale dell'interrogatorio di Carmine Schiavone del 28 maggio 1993, a pagina 20.
  25. ^ (IT) Lo strano caso del comune di Fondi (LT) - 19luglio1992.com, in 19luglio1992.com, 24 ottobre 2009. URL consultato il 22 agosto 2018.
  26. ^ Quando Carmine Schiavone parla dell'amico Alduccio di Michele Fort da freevillage.it, 6 novembre 2013
  27. ^ Tratto dal libro di Raffaele Cantone Operazione Penelope Arnoldo Mondadori editore 2012
  28. ^ Antonio Bardellino da clandeicasalesi.blogspot.it, 30 giugno 2012.
  29. ^ Maggiorente: Definizione e significato di Maggiorente – Dizionario italiano – Corriere.it, su dizionari.corriere.it. URL consultato il 22 agosto 2018.
  30. ^ 25 anni sotto il regno di Gomorra da penlib.blogspot.it (articolo tratto da Il Fatto Quotidiano, 15 gennaio 2010
  31. ^ Operazione Penelope, R. Cantone, 2012 - http://media.bol.it/media/manmedia/9788804621386.pdf
  32. ^ Soprannominato, Sandokan per via della sua somiglianza con l'attore Kabir Bedi.
  33. ^ Francesco Schiavone da cinquantamila.corriere.it
  34. ^ Detto Cicciotto' e mezzanotte per la sua passione per i locali notturni.
  35. ^ Schiavone, un divo? di Renato Scalla, da quannomepare.blogspot.it, 18 gennaio 2014.
  36. ^ I Casalesi prima di Natale uccideranno Saviano e la scorta, da larepubblica.it, 14 ottobre 2008
  37. ^ Carmine Schiavone a Casal di Principe: "Ecco dove abbiamo seppellito i rifiuti radioattivi"
  38. ^ Il processo Setola e la fine dei Bidognetti...l'inizio del ricambio generazionale dei casalesi di Emiliano Di Marco, da globalproject.info, 20 novembre 2009
  39. ^ Casalesi, in manette il figlio di Sandokan, in Corriere Canadese, 16 giugno 2010. URL consultato il 16 giugno 2010.
  40. ^ Camorra Arrestato reggente clan Schiavone di Casal di Principe Archiviato il 16 ottobre 2010 in Internet Archive.
  41. ^ "Casalesi, catturato il superboss Antonio Iovine: è stato tradito dalla voglia di panettone. La gioia di Maroni: «Bellissima giornata" di Rosaria Capacchine, da ilmattino.it, 17 novembre 2010
  42. ^ A seguito dell'attività investigativa della III sezione della squadra mobile della questura di Napoli, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli.
  43. ^ Catturato Zagaria, capo dei Casalesi - l'ironia del boss: "Ha vinto lo Stato"
  44. ^ "L'ultimo bunker", tutto sulla cattura di Michele Zagaria. Oggi arrestati anche tre fratelli e un nipote" da huffingtonpost.it, 20 novembre 2012
  45. ^ Camorra, maxi blitz contro i Casalesi. Arrestati Carmine e Nicola Schiavone
  46. ^ Camorra. Blitz contro i Casalesi, sgominata l'intera fazione Schiavone, 40 arresti in Italia: ci sono anche i figli di «Sandokan»
  47. ^ Estorsioni a tappeto nell'Aversano, 10 arresti da ilcasertano.it, martedì 5 giugno 2012, su ilcasertano.it. URL consultato il 13 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  48. ^ Saviano, R., Il processo ai padroni di Gomorra, Repubblica, 18 giugno 2008
  49. ^ Il clan dei Casalesi: ritratto di un potere criminale
  50. ^ Lazio, la camorra voleva comprare la società: dieci arresti, ordine di custodia anche per Chinaglia da ilmessaggero.it, 22 luglio 2008
  51. ^ Rifiuti:imprenditori smaltivano rifiuti tossici per i Casalesi, Legambiente.campania.it
  52. ^ Gomorra, Roberto Saviano, 2006
  53. ^ Clan dei casalesi: i nuovi padrini sono casertani, Saviano.it Archiviato il 9 febbraio 2010 in Internet Archive.
  54. ^ 'Minacce camorriste a Roberto Saviano finisce sotto scorta l'autore di Gomorra di Dario Del Porto, da la repubblica.it, 13 ottobre 2006
  55. ^ Ultime note alla fine del film Gomorra
  56. ^ Manette al gruppo di fuoco dei Casalesi, presi i killer della strage di Castel Volturno
  57. ^ Nuovo blitz contro i casalesi arrestato un attore di "Gomorra", Repubblica.it
  58. ^ Blitz nel Napoletano. Manette al fedelissimo del superlatitante Giuseppe Setola Fermato anche il titolare del ristorante che riforniva le aragoste ai ricercati, Cronaca, Repubblica.it Casalesi, arrestato il braccio destro del boss. In carcere fiancheggiatori e vivandiere
  59. ^ Arrestato Gianluca Bidognetti tentò di uccidere la zia e la cugina, Repubblica.it
  60. ^ Quotidiano gratuito City Archiviato il 24 novembre 2005 in Internet Archive., Anno VIII N°5, 13 gennaio 2009, "Caserta, blitz anticamorra Setola scappa in un cunicolo" di Antonio E. Piedimonte
  61. ^ Operazione anti-droga, 38 arresti in manette affiliati ai Casalesi, in Repubblica.it.
  62. ^ Repubblica.it, <titolo=Modena, casalesi in manette Sgominata cellula, cinque arresti http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/cronaca/modena-casalesi/modena-casalesi/modena-casalesi.html<titolo=Modena, casalesi in manette Sgominata cellula, cinque arresti.
  63. ^ Camorra, arrestato Michele Bidognetti nuovo capo del clan dei Casalesi, in Repubblica.it.
  64. ^ Camorra, arrestato boss Diana del clan dei Casalesi, in Repubblica.it.
  65. ^ Casal di Principe - Clan Bidognetti: catturato Franco Letizia, il successore di Setola - Pupia.TV
  66. ^ ultimaora - flash news 24 Corriere della Sera
  67. ^ Camorra, nuovo blitz contro i Casalesi Quarantadue arresti tra Caserta e Modena | Napoli la Repubblica.it
  68. ^ Estorsioni a Modena: arrestati 25 affiliati casalesi di Giorgio Piccitto, da newnotizie.it, 18 marzo 2010
  69. ^ Camorra, arrestati padre e fratello del super boss latitante Michele Zagaria - Napoli - Repubblica.it
  70. ^ Scarcerato il fratello del superlatitante Michele Zagaria[collegamento interrotto]
  71. ^ Camorra, dopo otto anni in manette il gruppo di fuoco dell'omicidio Lubrano
  72. ^ Arrestato il boss Antonio Iovine, in Corriere della Sera, 17 novembre 2010. URL consultato il 17 novembre 2010.
  73. ^ Falsi documenti per aggirare 41 bis, arresto per boss e vigili
  74. ^ Casalesi,aggiravano 41bis arrestati tra affiliati e vigili
  75. ^ AGI:arrestato killer del clan dei casalesi Archiviato il 28 novembre 2010 in Internet Archive.
  76. ^ Adnkronos Arrestato numero tre del clan schiavone
  77. ^ Camorra: 'pizzo di Natale', arrestati otto affiliati dei Casalesi
  78. ^ Casalesi, arrestato Iavarazzo il reggente degli Schiavone
  79. ^ Giudice per le Indagini Preliminari
  80. ^ Arrestato e rilasciato Iavarazzo, considerato reggente degli Schiavone
  81. ^ ANSA.it Arrestato Morelli
  82. ^ Camorra, retata di Casalesi in cinque regioni[collegamento interrotto]
  83. ^ La stessa imputazione alla quale è stato condannato Dell'Utri, braccio destro di Berlusconi a 12 anni di carcere,
  84. ^ a b Il Tesoro Usa, decisione choc: congelati i beni della camorra. Corriere del mezzogiorno. Cronaca. 2 agosto 2012.
  85. ^ Camorra, arrestati tre fratelli e il nipote del boss Michele Zagaria - Il Fatto Quotidiano
  86. ^ a b Camorra, arrestato Carmine Schiavone, figlio del boss dei Casalesi ‘Sandokan' - Il Fatto Quotidiano
  87. ^ Il clan dei Casalesi anche in Versilia: 23 arresti, anche una donna - Il Fatto Quotidiano
  88. ^ a b Camorra, i Casalesi riciclavano a San Marino: 24 arresti - Il Fatto Quotidiano
  89. ^ Camorra, in manette Cipriano Chianese. È considerato l'inventore dell'ecomafia da ilfattoquotidiano.it 10 dicembre 2013
  90. ^ Terremoto dell'Aquila, i Casalesi nella ricostruzione: arrestati sette imprenditori - Il Fatto Quotidiano
  91. ^ Blitz contro il Clan dei Casalesi, 40 arresti - La Stampa
  92. ^ Confiscati beni per 700 milioni all'imprenditore dei Casalesi da larepubblica.it, 27 settembre 2013
  93. ^ Camorra: Sequestro per 50 mln per gli Schiavone|Newnotizie.it
  94. ^ Camorra:Villa Literno,sequestro per 3 mln
  95. ^ Casalesi nel basso Lazio, sequestro per cento milioni
  96. ^ Padova, sequestro di beni alla camorra dei casalesi, sullo sfondo traffico rifiuti[collegamento interrotto]
  97. ^ Camorra, cittadini e commercianti obbligati a finanziare festa: sei arresti - Il Fatto Quotidiano
  98. ^ http://www.dagolab.eu/public/LatinaOggi/Archivio/58a283b99fc5de0befc9/pag33golfo.pdf
  99. ^ Roberto Saviano L'amore ai tempi della mafia[collegamento interrotto]
  100. ^ Trafitto da dodici colpi: muore all'alba il papà del boss casalese pentito
  101. ^ Omicidio nel Casertano la mano dei Casalesi, repubblica.it
  102. ^ http://newscontrol.repubblica.it/item/450234/caserta-ucciso-in-un-agguato-aveva-denunciato-un-estorsione Caserta, ucciso in un agguato Aveva denunciato un'estorsione, Repubblica.it
  103. ^ O come seconda ipotesi, perché prima aveva denunciato gli estorsori del clan e poi si era rifiutato di pagare il pizzo.
  104. ^ Casalesi, è mattanza: 7 morti. I nomi delle vittime. Minniti e Picierno: servono azioni urgenti contro i clan da casertace.it
  105. ^ Napoli, due delitti all'alba. I Casalesi tornano a sparare, Repubblica.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]