Clan Galasso di Poggiomarino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galasso
Aree di influenzaPoggiomarino
Periodoanni '80 - anni '90
BossPasquale Galasso
SottogruppiNuova Famiglia (estinto)
AlleatiClan Alfieri (estinto)
Clan Anastasio
Clan Moccia
Clan Vangone-Limelli
Clan Cesarano
Clan Cava
Clan Matrone
Clan Pecoraro-Renna
Clan Maiale
RivaliClan Gionta
Nuova Camorra Organizzata (estinto)
Clan Nuvoletta
Attivitàusura
estorsione
PentitiPasquale Galasso

Il clan Galasso è stato un sodalizio camorristico operante nell'entroterra ad est della città di Napoli, più precisamente nell'area del comune di Poggiomarino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cosca familiare di casa Galasso si identifica nella compresenza dei tre maschi di casa, Sabato il padre, Pasquale e Ciro i figli. Negli anni '80 il territorio di Poggiomarino fu completamente in mano del clan tanto da decretare, in più di un'occasione, lo scioglimento del Consiglio comunale a causa di infiltrazioni camorristiche.

Il quartier generale del clan si estendeva su tremila metri quadrati nei quali trovavano posto campi di calcio, di tennis, due piscine e anche una collezione privata composta da oltre 300 pezzi di sospetto antiquariato.

Negli anni novanta si assiste al declino del clan, legato indissolubilmente, ad un'altra grande realtà criminale quella del clan Alfieri. Il 5 maggio 1992 Pasquale Galasso viene arrestato e nel settembre dello stesso anno diventa, primo per importanza e in ordine di tempo, collaboratore di giustizia. Il pentimento di Galasso, al tempo, fu considerato di un'importanza fondamentale fece luce sui rapporti tra la criminalità campana e la politica, nella fattispecie rappresentata dalla corrente democristiana di Antonio Gava. Attualmente Pasquale Galasso vive nell'avellinese dove gestisce le sue attività operanti nell'agro nocerino sarnese e Salento

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]