Clan Graziano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Graziano
Aree di influenzaVallo di Lauro, Mandamento baianese, Agro Nocerino-Sarnese, Valle dell'Irno
Periodoanni '70 - attivo
BossAdriano Sebastiano Graziano (O' Professore), Antonio Graziano (O' Sanguinario), Arturo Graziano, Felice Graziano (Felicione), Fiore Graziano (Ciore 'i bomba), Salvatore Luigi Graziano.
AlleatiNuova Camorra Organizzata
RivaliClan Cava
Nuova Famiglia
Attivitàappalti pilotati
estorsione
infiltrazione nella pubblica amministrazione
racket
traffico di sostanze stupefacenti
usura

Il clan Graziano è un sodalizio camorristico originario di Quindici.

Il clan, da decenni, è coinvolto in un feroce conflitto, nel quale è contrapposto al clan Cava.

Il 26 maggio del 2002, alla periferia del comune di Lauro, i Graziano si resero responsabili di quella che poi, in seguito, fu denominata "Strage delle donne". Cinque donne del clan Cava, la sera del 26 maggio 2002, erano a bordo di una vettura Audi, quando furono raggiunte da una raffica di proiettili che non lasciarono scampo a tre delle presenti, ovvero Clarissa Cava, appena 16enne, Michelina Cava e Maria Scibelli, rispettivamente figlia, sorella e cognata del boss Biagio Cava, tutte e tre rimaste uccise. Nell'agguato fu gravemente ferita anche Felicetta Cava, altra figlia del boss Biagio, il quale era detenuto a Nizza, Felicetta rimase paralizzata. Nell'auto sulla quale le donne viaggiavano, furono rinvenute diverse pistole, bombolette di acido spray, roncole, forbici e mazze chiodate [1]. La strage fu l'apparente culmine di una faida che segnò profondamente il Vallo di Lauro e che causò decine di vittime, sia da una fazione che dall'altra. In drammatiche intercettazioni avvenute subito dopo la strage, si sentì il boss Salvatore Luigi Graziano, in preda all'euforia, esclamare: "Le abbiamo ammazzate tutte, non ne è rimasta nemmeno una di quelle zingare!" e stappare una bottiglia di spumante per dare il via ai festeggiamenti per la tanto bramata morte delle rivali. [2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il clan si formò nei primi anni Settanta, dalla scissione dal clan Cava, in seguito alla quale i due clan entrarono in guerra. Prima di allora, i Graziano, insieme ai Cava e ad altre famiglie criminali, formavano un clan unico denominato i "Quindiciari". Per ben cinque volte, i Graziano sono riusciti, grazie al loro prestigio criminale, a far eleggere, nel solo comune di Quindici, altrettanti sindaci, due uccisi e tre destituiti dall'incarico per camorra.