Gennaro Licciardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gennaro Licciardi (Napoli, 30 novembre 1956Voghera, 3 agosto 1994) è stato un mafioso italiano, noto esponente della camorra degli anni ottanta e novanta tra i fondatori del cartello camorristico denominato alleanza di Secondigliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato 'a scigna (la scimmia) per la sua fisicità particolare, diviene il capozona del clan Giuliano nella zona di Secondigliano. Di lì a poco formerà un clan del tutto indipendente che ha come propria roccaforte la Masseria Cardone (clan Licciardi).

Coinvolto in una rissa con gli esponenti della Nuova Camorra Organizzata durante un processo, riesce a sopravvivere alle sedici coltellate infertegli. Morirà a trentotto anni per un'ernia ombelicale nel carcere di Voghera il 3 agosto 1994.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie