Clan Terracciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terracciano
Aree di influenzaNapoli: Quartieri spagnoli
Pollena Trocchia
Prato
PeriodoAnni 2000 - in attività
BossSalvatore Terracciano
Anna Terracciano
Eduardo Terracciano
Assunta Terracciano
Giuseppina Terracciano
Teresa Terracciano
AlleatiAlleanza di Secondigliano
RivaliClan Di Biasi (estinto)
Clan Russo dei Quartieri Spagnoli
Clan Mariano
AttivitàTraffico di droga
Usura
Gioco d'azzardo
Pizzo

Il Clan Terracciano è un sodalizio camorristico, con influenza nella zona dei quartieri spagnoli chiamata "chianche", nella città di Napoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il clan è formato da un gruppo familiare cui a capo c'è il boss Salvatore Terracciano, meglio noto come 'o Nirone.

Il territorio capeggiato da o' nirone comprende la zona che va dalla Pignasecca alla Rinascente, seppur abbia tentato senza successo d'espandere il proprio territorio fino a Montesanto con l'omicidio di Artuto Taglialatela in Pignasecca.

Dall'aprile 2006 sono in carcere il boss ed altri 12 affiliati tra cui 4 sorelle del boss.

Si suppone che a reggere il clan durante l'assenza del boss ci sia il fidanzato di Emanuela, figlia di 'o Nirone: Daniele Bellisomi, noto criminale del Torinese balzato agli onori delle cronache nel novanta, quando assieme ad un gruppo di fedelissimi e alcuni reduci della famiglia mafiosa Badalamenti di Cinisi cercò di scalzare da Torino i clan reggenti, con una serie impressionante di omicidi. La potenza del clan e fondata sulla famiglia 18 fratelli solo nei quartieri spagnoli. Ma la loro potenza si estende nei paesi vesuviano, alleati coi Sarno, e impadroniti anche della Toscana. 2 referenti anche in Lombardia sembrerebbe, Anche loro imparentati e gemelli fra loro, costituendo un asse Milano, Scampia e quartieri spagnoli anche se all'epoca giovanissimi furono indagati nella faida di secondigliano. Per la Toscana invece il referente e Giacomo T. Colosso della struttura camorristica dei Terracciano soprannominato il padrino con le sue abilità imprenditoriali e metodologie prettamente mafiose a arricchito il clan di migliaia e migliaia di euro.

Fatti recenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 19 novembre 2016, è morto il boss Salvatore ‘O Nirone, aveva 51 anni, e si è spento a casa di parenti dopo una terribile malattia.[1]
  • Il 11 luglio 2019, è morta Anna Terraciano, detta 'a Masculona. La donna aveva assunto il controllo del clan dopo la morte del fratello Salvatore ‘o Nirone.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]