Ciro Sarno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ciro Sarno (Ponticelli, 1957) è un criminale italiano, ex-boss del clan camorristico dei Sarno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato 'o Sindaco per aver amministrato "le case occupate" di Ponticelli dopo il terremoto dell'80 che sconvolse Napoli. Con il tempo, grazie a questa astuta mossa, acquistò rispetto dal popolo di Ponticelli, dove riuscì ad imporre il proprio dominio e a creare il proprio quartier generale nel Rione De Gasperi. Il padrino di Ponticelli venne arrestato nel 1989 in una villa a Marina di Tortora, sulla costa tirrenica calabrese, con l'accusa di esser stato il mandante della strage, commessa l'11 novembre dell'89 nel quartiere Ponticelli, che costò la vita a sei persone. Il boss è da allora in carcere con ergastolo. Dopo il suo arresto, a Ponticelli, uno dei fratelli di Ciro Sarno, Giuseppe, ha preso il suo posto, divenendo col tempo, uno dei clan più influenti del territorio campano. Dopo un controllo del territorio orientale di Napoli durato 30 anni e un'egemonia di tutta la città Napoletana negli ultimi anni duemila, cade il mito della camorra Napoletana di Ciro e Giuseppe Sarno, insieme al loro clan, dopo il pentimento di uno dei loro fratelli.

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie