Clan Sacco-Bocchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sacco-Bocchetti
Aree di influenzaSan Pietro a Patierno, Secondigliano
Periodoanni 1900 - in attività
BossGennaro Sacco, Gaetano Bocchetti
SottogruppiNuova Famiglia
AlleatiClan Moccia
Clan Lo Russo
Clan Mallardo
RivaliClan Di Lauro
Attivitàtraffico di droga
abusivismo edilizio
estorsione

Il clan Sacco-Bocchetti è un sodalizio camorristico in attività operante nella periferia nord-est di Napoli, più precisamente nell'area dei quartieri di San Pietro a Patierno e Secondigliano.

Il clan prende il nome da Gennaro Sacco e Gaetano Bocchetti, quest'ultimo fautore dell'Alleanza di Secondigliano[1].

Il 23 novembre 2009 insieme al figlio Carmine, di anni 29, Gennaro Sacco è stato ucciso in un attentato camorristico presso San Pietro a Patierno[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]