Clan Sacco-Bocchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sacco-Bocchetti
Aree di influenzaItalia: San Pietro a Patierno, Secondigliano, Rimini
Estero: Romania
Periodoanni 1990 - in attività
BossGennaro Sacco
Gaetano Bocchetti
AlleatiClan Moccia
Clan Lo Russo
Clan Mallardo
Scissionisti di Secondigliano
RivaliClan Di Lauro
Attivitàtraffico di droga
abusivismo edilizio
estorsione

Il clan Sacco-Bocchetti è un sodalizio camorristico in attività operante nella periferia nord-est di Napoli, più precisamente nell'area dei quartieri di San Pietro a Patierno e Secondigliano.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il clan prende il nome da Gennaro Sacco e Gaetano Bocchetti, quest'ultimo fautore dell'Alleanza di Secondigliano[1].

Il 23 novembre 2009 insieme al figlio Carmine, di 29 anni, Gennaro Sacco è stato ucciso in un attentato camorristico presso San Pietro a Patierno[2][3].

Mario Bocchetti, fratello di Gaetano, è stato arrestato il 15 luglio 2017 e condannato ad una pena di anni 12 e mesi 8 di reclusione per il reato di associazione camorristica.[4]

Il 11 agosto 2017 è stato arrestato in Romania, Gaetano Manzo, il ragioniere del clan. Manzo curava la contabilità del gruppo criminale, provvedeva al recupero crediti e non di rado anche al rifornimento di stupefacente dall’estero. Aveva raggiunto una posizione apicale nel gruppo ed era ormai l’unico leader ancora in libertà.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]