Clan Rinaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rinaldi
Area di origineRione Villa, San Giovanni a Teduccio
Aree di influenzaSan Giovanni a Teduccio
Periodo1989 - in attività
BossCiro Rinaldi
('My way)
SottogruppiClan Schisa
Clan Reale
AlleatiAlleanza di Secondigliano
Clan Contini
Clan Giuliano
Clan Aprea-Cuccaro
Clan De Luca Bossa
RivaliClan Mazzarella
Attivitàestorsione
traffico di droga
Contraffazione
racket
omicidio

Il clan Rinaldi è un sodalizio camorristico operante sul territorio di San Giovanni a Teduccio nell'area orientale della città di Napoli. Prima dell'arresto del boss Ciro Rinaldi, il clan figurava tra i più potenti della Camorra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il clan Rinaldi è nato nel 1989 dalla scissione del clan Mazzarella. Il clan sin dall'inizio è segnato da grandi legami di sangue tra i suoi capi, la loro leadership era convenzionale, forte e imponente. Il suo primo boss è stato Antonio Rinaldi, detto 'O Giallo, capo con grandi capacità criminali e ucciso nello stesso 1989 per ordine di Gennaro Mazzarella. Dopo la morte di 'O Giallo, suo fratello Vincenzo ha preso le redini del clan. Personaggio di notevole carisma criminale, Vincenzo è stato ucciso nel 1996, dopo un'escalation di violenza tra i Rinaldi e i Mazzarella. L'altro fratello, Gennaro, detto 'o lione, lo sostituisce a capo dell'organizzazione. Tra gli anni 1996 e 2009, il clan è stato fortemente attivo nel mercato internazionale della contraffazione. In modo da poter coordinare gli affari del gruppo, i vertici dell'organizzazione si trasferirono all'estero. Questa assenza dei capi sul territorio ha reso il gruppo estremamente vulnerabile ai costanti tentativi di altri clan, dell'area orientale di Napoli, di espandere il loro territorio.[1]

L'organizzazione solo si ristabilì fortemente nel territorio di San Giovanni a Teduccio, quando Ciro Rinaldi, detto My way, ha preso il controllo del clan negli anni 2010. Infatti, il clan ha raggiunto l'apice nel 2017 e nel 2018, nel quale convergono diversi clan satellite, uno capeggiato da Luigi Esposito detto “o’ sciamarro”, e un altro controllato da Luisa De Stefano, “La pazzignana” del Rione De Gasperi di Ponticelli.[2] Ciro Rinaldi, secondo gli inquirenti, ha una mente da cinico stratega e il livore tipico del criminale spietato.[2]

Fatti recenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il pentito Vincenzo Amirante, Il clan Rinaldi ha fatto un patto con i vertici della cosiddetta Paranza dei bambini, già prima di essere capegiatta dai eredi dei Giuliano, l'obiettivo principale del patto era quello di eliminare i Mazzarella e di prendersi la zona della Maddalena.[3]

Il clan è alleato con la pontente Alleanza di Secondigliano, decisivo per rendere i Rinaldi uno dei clan più potenti della Camorra.[4] E avevano in poco tempo conquistato il monopolio della vendita di marijuana nella periferia orientale della città.[5]

I Rinaldi hanno fatto una forte alleanza con i De Luca Bossa e gli Aprea-Cuccaro, che dall'inizio del 2019 è egemone in gran parte dell'area orientale di Napoli.[6]

Il 16 Febbraio 2019, Ciro Rinaldi, detto detto My way, è stato arrestato a San Pietro a Patierno.[7] Il 18 Settembre 2019, Rinaldi è stato condannato all'ergastolo per il duplice omicidio di Ciro Colonna, colpito per errore, e per Raffaele Cepparulo, boss dei "barbudos" della Rione Sanità.[8]

Nel dicembre 2019, sono state riportate nei media le prime dichiarazioni del neo pentito Tommaso Schisa sulle dinamiche del clan Rinaldi, facendo luce su l'omicidio di Vincenzo De Bernardo. Infatti, secondo Schisa, De Bernardo è stato ucciso per aver violato il patto sulla droga con i capi del gruppo Piezzo, soprattutto, con il superboss Ciro Rinaldi.[9][10]

Nel Febbraio 2020, sono stati arrestati quattro soggetti affiliati al clan, tra le quali figurano anche Rita e Francesco Rinaldi, figli del defunto boss 'O Giallo, nonché nipoti dell’attuale capoclan My way.[11] Loro sono accusati di usura, estorsione e tentata estorsione con l'aggravante del metodo mafioso.[12]

Personaggi di spicco[modifica | modifica wikitesto]

  • Ciro Rinaldi, detto My way. — Boss del clan. Arrestato nel febbraio 2019 e condannato all'ergastolo.
  • Sergio Grassia, detto Sergiolino. — Braccio destro del boss. Arrestato nel giugno 2019.[13]
  • Raffaele Oliviero, detto o pop. — Capoparanza. Arrestato nel giugno 2019.[14]
  • Ciro Grassia — Capoparanza. Arrestato nel maggio 2019.[15]
  • Raffaele Maddaluno, detto nzalatella. — Capoparanza. Si è consegnato alle forze dell’ordine nel febbraio 2019.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Felia Allum, The Invisible Camorra: Neapolitan Crime Families Across Europe, Cornell University Press, 2016, p68-70-72.
  2. ^ a b Ecco come il boss Ciro Rinaldi è riuscito a conquistare Napoli est da latitante - Napolitan.it, su napolitan.it, 17 gennaio 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  3. ^ Redazione, Il patto tra la paranza dei bambini e il clan Rinaldi per prendersi la Maddalena, su Stylo24 - Giornale d'inchiesta, 18 ottobre 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  4. ^ Stefano Di Bitonto, «I Rinaldi tra i clan più forti, decisivi gli accordi con l'Alleanza di Secondigliano», lo scenario, su InterNapoli.it, 22 gennaio 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  5. ^ Stefano Di Bitonto, Erba dai Contini e dai torresi, così i Reale-Rinaldi avevano conquistato le piazze, su InterNapoli.it, 20 settembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  6. ^ Camorra Ponticelli, lo chiamano "il nuovo clan" egemone, ma in realtà di nuovo non c'è nulla - Napolitan.it, su napolitan.it, 28 giugno 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  7. ^ Omicidi, bombe e stese: arrestato il super boss Rinaldi, su www.ilmattino.it. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  8. ^ Napoli, ergastolo al boss Rinaldi per l'agguato nel circolo: uccise il capo dei Barbudos e una vittima innocente, su www.ilmattino.it. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  9. ^ (EN) Omicidio nel clan Mazzarella, il super pentito Schisa contro tutti: ecco i verbali inediti, su Roma. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  10. ^ Il pentito sull’omicidio a Somma Vesuviana: «Ucciso perché ruppe il patto sulla droga», su Il Fatto Vesuviano, 17 dicembre 2019. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  11. ^ Camorra, quattro arresti a Napoli: in cella la moglie e il figlio del boss per usura e minacce, su www.ilmattino.it. URL consultato il 12 febbraio 2020.
  12. ^ Redazione, Usura ed estorsione, arrestati i nipoti del boss Ciro Rinaldi, su Stylo24 - Giornale d'inchiesta, 12 febbraio 2020. URL consultato il 12 febbraio 2020.
  13. ^ Latitanti del clan Rinaldi arrestati al mare, su NapoliToday. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  14. ^ Redazione, La giornata al mare si chiude con le manette ai polsi per i latitanti del clan, su Stylo24 - Giornale d'inchiesta, 9 giugno 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  15. ^ Camorra, Ciro Grassia del clan Rinaldi preso ad Acerra: “tradito” dai viaggi della moglie, su Napoli Fanpage. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  16. ^ Stefano Di Bitonto, Il latitante del clan Rinaldi si arrende, arrestato il colonnello del boss My Way, su InterNapoli.it, 28 febbraio 2019. URL consultato il 6 dicembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]