Marco Di Lauro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il fotoreporter omonimo, vedi Marco Di Lauro (fotoreporter).

Marco Di Lauro (Napoli, 16 giugno 1980) è un mafioso italiano, appartenente alla camorra.

È latitante dal 7 dicembre 2004[1], ricercato per associazione di tipo mafioso ed altro[2]. Dal 17 novembre 2006 è ricercato anche in campo internazionale e fa parte dell'Elenco dei latitanti di massima pericolosità. Nel 2010, un collaboratore di giustizia indica Marco Di Lauro come mandante di 4 omicidi[3].

È il quarto figlio del boss Paolo Di Lauro, storico capo del clan Di Lauro, di cui fa parte anche Marco.

Il 2 maggio del 2012, la Terza Corte di Assise di Appello del Tribunale di Napoli ha condannato Mario Buono (arrestato nel 2007) e Marco Di Lauro (latitante) all'ergastolo, per l'omicidio del giovane innocente Attilio Romanò, ucciso per errore nel gennaio del 2005 nell'ambito della Prima faida di Scampia a Napoli[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie