Clan Aprea-Cuccaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aprea-Cuccaro
Nomi alternativiClan Aprea
Clan Cuccaro
Area di origineBarra
Aree di influenzaBarra e Somma Vesuviana
Periodoanni 1990 - in attività
BossGiovanni Aprea
Angelo Cuccaro
AlleatiClan De Luca Bossa
Alleanza di Secondigliano
Clan Rinaldi
RivaliClan Mazzarella
Clan Sarno (estinto)
Clan Formicola
Clan Lago (estinto)
Attivitàestorsione
traffico di droga
usura
racket
omicidio

Il clan Aprea-Cuccaro è un sodalizio camorristico operante sul territorio di Barra nella città di Napoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Aprea, detto 'e curtiello, figura di spicco del clan, iniziò la carriera criminale al soldo di Ciro Sarno, allora potente boss del clan Sarno di Ponticelli. Aprea è stato arrestato per la prima volta il 27 aprile 1990, in un edificio a Barra, dove si nascondeva con i suoi tre guardaspalle, tutti latitanti per associazione camorristica e racket.[1] Le inchieste agli inizi degli anni Novanta, lo indicavano già come il capo della malavita locale.[2] Dopo l'arresto di Giovanni Aprea, il suo fratello Vincenzo ha preso le redini del sodalizio. Dopo l'arresto di Vincenzo, le redini del clan sono passate in mano alle tre sorelle Aprea: Lena, Patrizia e Giuseppina.[3]

Angelo Cuccaro, detto Angiulillo o' fratone, certamente la figura più importante dei Cuccaro all'interno del clan Aprea-Cuccaro, inizia la sua carriera criminale come fedelissimo del boss Giovanni Aprea, infatti i Cuccaro, secondo gli inquirenti, hanno rappresentato una sorta di sottogruppo criminale con una propria, limitata, autonomia nell’ambito della gestione dell'organizzazione a Barra. Angelo Cuccaro è stato nel commando del clan insieme ai suoi fratelli Michele e Luigi.[2]

Secondo gli inquirenti, fin dagli anni 1990, il clan Aprea-Cuccaro ha stretto un accordo con l’Alleanza di Secondigliano. L’obiettivo era quello di resistere alla pressione esercitata dal clan Mazzarella e dal clan Sarno. Il clan, infatti, è il primo a offrire manovalanza e appoggio al clan De Luca Bossa contro i Sarno, nei tempi della violenta faida tra le due organizzazioni.[4] Il clan è stato coinvolto nell’inchiesta condotta dai pm Antimafia, Luigi Bobbio e Giovanni Corona che ricostruisce le faide di Camorra nell’area orientale.[5]

Rapporti con la politica[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni Novanta, l'allora presidente del consiglio circoscrizionale di Barra, è stato arrestato e indicato dagli inquirenti come «uomo di fiducia» del clan all’interno del parlamento locale.[6] Le indagini aprono una nuova fase quando viene rivelato sulle tangenti imposte dagli Aprea-Cuccaro, e intascate dal politico, agli imprenditori impegnati nelle opere di ristrutturazione edilizia, a Barra, che costerà al politico, nel 1997, un nuovo mandato di cattura per estorsione e associazione camorristica.[5]

Faide[modifica | modifica wikitesto]

  • Faida contro il clan Formicola: Secondo gli inquirenti, una delle faide più sanguinose dell’area orientale della città di Napoli.[4] Il 27 giugno del 1993 è stato ucciso Gaetano Formicola, mebro di spicco del clan Formicola.[7] Nel 1996 è stato ucciso Salvatore Cuccaro, uno dei fratelli di Angelo Cuccaro.[4]
  • Faida contro i Celeste-Guarino: Combattuta nella zona di Barra tra il clan Aprea-Cuccaro e quella che secondo gli investigatori era la fazione scissionista dei Celeste-Guarino negli anni 2005 e 2006.[8]

Arresti e sequestri[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 le sorelle Patrizia, Lena e Giuseppina Aprea furono arrestate insieme a 13 presunti affiliati al clan Aprea-Cuccaro.[3]

Nel 2011 sono stati sequestrati 20 milioni di euro al clan, dalla Sezione Misure di Prevenzione della Questura di Napoli. Tra i beni sequestrati c'erano due appartamenti, una villa, due aziende, quote in tre societa' e sette auto di lusso.[9]

Il 14 marzo 2014, è stato arrestato Angelo Cuccaro, detto Angiulillo o' fratone, ad Ardea.[10] Cuccaro è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Luigia Esposito avvenuto nel 1996.[11]

Nel maggio 2014, la Direzione Distrettuale Antimafia partenopea ha sequestrato beni mobili e immobili del valore di 5 milioni di euro al clan. Tra i beni sequestrati figura anche una mega villa in provincia di Napoli.[12]

Il 21 giugno 2015, Luigi Cuccaro è stato arrestato nel quartiere di Barra, roccaforte del clan.[13]

Il 6 ottobre 2015, è stato arrestato Michele Cuccaro, fratello di Angelo, a Cisterna di Latina. Angelo era inserito nella lista dei 100 ricercati più pericolosi.[14] Nel 2017 Cuccaro è stato condannato all’ergastolo, considerato il responsabile dell’omicidio del 14enne Giovanni Gargiulo, il 14 settembre del 1998 perché fratello di Costantino, affiliato al clan Formicola.[15]

Fatti recenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la relazione della DIA nel 2019, il clan Aprea-Cuccaro è alleato con il clan Rinaldi di San Giovanni a Teduccio e con il clan De Luca Bossa di Ponticelli con l’intento di scalzare i Mazzarella dell’area est di Napoli.[16]

Anche secondo la DIA, Il clan insieme al clan Rinaldi stanno cercando di espandersi a Somma Vesuviana, e attraverso pregiudicati locali, avrebbero assunto il controllo degli affari illeciti sul territorio, appoggiando la famiglia D’Atri, famiglia già inserita nel contesto criminale di Somma.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PRESO APREA, IL RE DELL' EROINA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  2. ^ a b Redazione, Violento e assetato di denaro, l'ascesa di Giovanni Aprea, su Stylo24 - Giornale d'inchiesta, 7 gennaio 2018. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  3. ^ a b Camorra a Barra, colpo al clan Aprea: 16 arresti, in manette le sorelle del boss - Corriere del Mezzogiorno, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  4. ^ a b c Il fronte orientale di Napoli, le guerre a San Giovanni e Barra, su Voce di Napoli, 6 marzo 2017. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  5. ^ a b Redazione, Dalle rapine ai tir alla scalata al potere camorrista, storia del clan Aprea-Cuccaro, su Stylo24 - Giornale d'inchiesta, 31 dicembre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  6. ^ VOTO E CAMORRA A NAPOLI VENTITRE' ARRESTI - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  7. ^ A. cura della Redazione, Arrestati due membri del clan di Barra: uccisero un esponente dei Formicola, su NapoliToday. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  8. ^ Dieci giorni fa l'arresto del clan rivale di Guarino - Parma - Repubblica.it, su Parma - La Repubblica. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  9. ^ Sequestro di beni al clan Cuccaro - JulieNews - 1, su www.julienews.it. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  10. ^ Camorra, arrestato in provincia di Roma il capo clan Angelo Cuccaro, su Corriere della Sera, 15 marzo 2014. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  11. ^ La redazione, Catturato ad Ardea il super latitante Angelo Cuccaro: è condannato all'ergastolo, su Il Caffé.tv. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  12. ^ Usura ed estorsione, maxisequestro e arresti: sigilli a mega villa in provincia di Napoli, su Repubblica.it, 20 maggio 2014. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  13. ^ Arrestato il boss latitante Luigi Cuccaro: la folla tenta di impedirne la cattura, su NapoliToday. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  14. ^ Arrestato Michele Cuccaro, boss latitante tra i più pericolosi, su L'HuffPost, 6 ottobre 2015. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  15. ^ Camorra, ergastolo per Michele Cuccaro: uccise un 14enne •, su Il Meridiano News, 14 ottobre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  16. ^ Camorra, la relazione della Dia: il punto della situazione a Ponticelli-Barra-San Giovanni - Napolitan.it, su napolitan.it, 23 luglio 2019. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  17. ^ L’Antimafia: Somma Vesuviana sempre più dominata dalla camorra napoletana, su Il Fatto Vesuviano, 8 agosto 2019. URL consultato il 4 dicembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]