Napoli spara!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Napoli spara!
Napoli spara.png
Leonard Mann ed Henry Silva in una scena del film
Titolo originaleNapoli spara!
Paese di produzioneItalia
Anno1977
Durata85 min
Generepoliziesco
RegiaMario Caiano
SoggettoGianfranco Clerici, Vincenzo Mannino
SceneggiaturaGianfranco Clerici, Vincenzo Mannino
ProduttoreCapitolina Produzioni Cinematografiche
FotografiaPierluigi Santi
MontaggioVincenzo Tomassi
MusicheFrancesco De Masi
ScenografiaAntonio Visone
CostumiMaria Luisa Panaro
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Napoli spara! è un film poliziottesco del 1977 diretto da Mario Caiano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Napoli il giovane commissario Antonio Belli, nonostante la buona volontà e l'appoggio di una squadra speciale, non riesce ad arrestare il bandito Salvatore Santoro, sicuro della protezione del padrino Don Alfredo Criscuolo, boss della camorra che gestisce tutti i mercati di droga della città. Neppure il tentativo di mettergli contro una banda rivale conduce a migliori risultati, e Santoro ed i suoi continuano a mettere a segno diversi colpi e a spargere il terrore in città. Finalmente catturato e messo in prigione, il Santoro ne evade per intervento dell'anziano boss e il commissario Belli viene addirittura sospettato dai suoi superiori di amicizia con il boss. L'unico modo per incastrare Santoro sarà tendergli una trappola, ma comunque alla fine il camorrista sarà ucciso in una sparatoria alla Stazione di Napoli.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film si può considerare come una sorta di sequel di Napoli violenta, pellicola di Umberto Lenzi realizzata l'anno prima. Infatti il commissario Belli, interpretato da Leonard Mann è il sostituto del commissario Betti, interpretato da Maurizio Merli nel film di Lenzi. Caiano decide pure di reinserire nella vicenda la figura di Gennarino, il bambino interpretato da Massimo Deda, già presente in Napoli violenta, che in questo film, già orfano del padre, si guadagna da vivere facendo il ladruncolo, e che finirà per essere ucciso involontariamente da Santoro durante un conflitto a fuoco.

A proposito del film Massimo Pepoli ha scritto su Il Messaggero: «Il filmetto, nonostante la banalità della trama, non mancherà però di soddisfare gli appassionati del genere, zeppo com'è di azione, di sangue e di sparatorie. Inoltre, qualche sporadica punta patetica e un montaggio velocissimo e ben congegnato, meritevole senz'altro di miglior causa, contribuiscono a distaccarlo un po' dalla squallida produzione corrente».

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

In Campania, il titolo del film è entrato nel linguaggio comune, ad indicare oggetti tipici dell'epoca del film, in particolare automobili e motocicli.[senza fonte]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è composta da Francesco De Masi e include il tema Gangster Story di Guido e Maurizio De Angelis, già presente in La polizia incrimina, la legge assolve e Roma violenta. I brani della colonna sonora dell'edizione CD della Beat Records del 2007 sono[1]:

  1. Violent Life
  2. Si Putesse Cagnarme 'Stu Core
  3. A Paper Separe
  4. The Train Robbery
  5. Elena
  6. Double Gaming
  7. A Bursting Punishment
  8. Gangster Story
  9. Everybody Has To Live
  10. The Car Over The Bricks
  11. Deadly Crossing
  12. A Car For Gennarino
  13. A Flight For Game
  14. Santoro's Den
  15. The Game Is Going To
  16. The Park, The Jail, The Justice
  17. Death Must Wait
  18. Special Mineral Water
  19. The Lady From France
  20. An Innocent End Title
  21. Smooth Thrill

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda della colonna sonora su SoundtrackCollector

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema