Ida Galli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ida Galli (Sestola, 9 marzo 1939) è un'attrice italiana, attiva in cinema e televisione fra il 1960 ed il 1990[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomata all'Istituto Magistrale, si è trasferita ancor giovane a Roma intenzionata ad avvicinarsi alla carriera di attrice. Il debutto è arrivato nel 1959 con una piccola partecipazione al film di Piero Tellini Nel blu dipinto di blu, film musicarello ispirato all'omonimo brano - appunto Nel blu dipinto di blu - lanciato da Domenico Modugno che con esso vinse il Festival di Sanremo 1958.[1]

Spesso accreditata con vari pseudonimi - fra cui Arianna Galli, Isli Oberon e Evelyn Stewart - è stata impiegata come caratterista in film del cinema d'autore (La dolce vita, del 1960 - che segnò il suo esordio come debuttante dell'anno - e Il Gattopardo, del 1963) ma soprattutto in b-movie di genere spaghetti western, film peplum, horror all'italiana, poliziottesco e commedia erotica all'italiana.

Era la moglie dell'ex calciatore di Reggiana e Palermo, Mario Cocco e la madre dell' attore Alessandro Cocco, che recitò con lei ne Il giustiziere sfida la città, nel ruolo di Marco, figlio del suo personaggio, la signora Marsili.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Secondo It.thrilling.wiki.com la data di nascita dell'attrice sarebbe l'8 ottobre 1939; fonte citata:
    • Dizionario del cinema italiano. Le attrici. - Enrico Lancia, Roberto Poppi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29733129 · ISNI: (EN0000 0003 6840 2359 · GND: (DE1062207599