Casapesenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casapesenna
comune
Casapesenna – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Caserta-Stemma.png Caserta
Amministrazione
Sindaco Marcello De Rosa (Casapesenna in positivo) dal maggio 2014
Territorio
Coordinate 41°05′N 14°13′E / 41.083333°N 14.216667°E41.083333; 14.216667 (Casapesenna)Coordinate: 41°05′N 14°13′E / 41.083333°N 14.216667°E41.083333; 14.216667 (Casapesenna)
Altitudine 68 m s.l.m.
Superficie 3,05 km²
Abitanti 7 052[1] (31-3-2017)
Densità 2 312,13 ab./km²
Comuni confinanti Giugliano in Campania (NA), San Cipriano d'Aversa, Villa Literno, San Marcellino, Trentola-Ducenta, Villa di Briano
Altre informazioni
Cod. postale 81030
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 061103
Cod. catastale M260
Targa CE
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti casapellesi
Patrono Sant'Elena Imperatrice
Motto Simme e Casapesenna, e "guarangnammencell"
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casapesenna
Casapesenna
Casapesenna – Mappa
Posizione del comune di Casapesenna nella provincia di Caserta
Sito istituzionale

Casapesenna[2] (Casapesélle in dialetto campano) è un comune italiano di 7 052 abitanti della provincia di Caserta in Campania.

È situato nella pianura campana, la parte pianeggiante della Campania felix.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente al territorio dell'agro aversano, sin dai tempi della Terra di Lavoro, dal 1927 al 1945 fece parte insieme a tutto il casertano della Provincia di Napoli, in quanto parte del comune di Albanova, nato dall'unione con i comuni di San Cipriano d'Aversa e Casal di Principe. Nel 1973 divenne comune autonomo mediante scorporo da San Cipriano d'Aversa.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa Parrocchiale Santa Croce
  • Cappella di Isola
  • Cappella della Madonnella

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione ferroviaria più vicina è la Stazione di Albanova. Il paese è attraversato dagli autobus della compagnia CTP (compagnia trasporti pubblici Napoli).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'amministrazione di questo comune è stata sciolta 3 volte per infiltrazioni camorristiche. Presso il Centro Sociale dedicato alla memoria di Antonio Cangiano (Sindaco di Casapesenna 1993-1996) ferito gravemente in un attentato di camorra nell'ottobre del 1988, è presente la sede di Libera Associazioni nomi e numeri contro le Mafie (Presidio locale di Libera).

Comune sciolto per infiltrazioni mafiose nel 2012 dal Governo Monti. Dal 2014 è amministrato dalla nuova giunta comunale avente come sindaco Marcello De Rosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ Pasquale Cirillo/Fontana Maria Ausilia, La Chiesa Parrocchiale S.Croce (Notizie Storiche), Aversa (Caserta), Tipografia Molinaro Silvestro, 2003.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leopoldo Santagata, Casapesenna: passato e presente, Napoli, 1990.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Caserta Portale Caserta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di caserta