Salvatore Nuvoletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« So di dover morire, me lo hanno detto ma non ho paura, io sono un Carabiniere! »

(confessione fatta alla madre poco prima della sua morte)
Salvatore Nuvoletta
22 giugno 1962 – 2 luglio 1982
Nato a Marano di Napoli
Morto a Marano di Napoli
Cause della morte Agguato della camorra
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Esercito italiano (all'epoca)
Arma Arma dei Carabinieri
Anni di servizio 1979 - 1982
Decorazioni Medaglia d'oro al merito civile
voci di militari presenti su Wikipedia

Salvatore Nuvoletta (Marano di Napoli, 22 giugno 1962Marano di Napoli, 2 luglio 1982) è stato un carabiniere italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Arruolatosi nei Carabinieri a soli 17 anni, come primo incarico fu trasferito alla caserma di Casal di Principe. Nel giugno del 1982 i carabinieri della stessa caserma furono coinvolti in un conflitto a fuoco con alcuni criminali legati alla camorra nel corso del quale restò ucciso il pregiudicato Mario Schiavone. Questo avvenimento è stato posto in relazione con il destino di Salvatore Nuvoletta, anche se quel giorno egli era assente per il turno di riposo settimanale.

Il 2 luglio 1982 si trovava nel suo paese natale e, mentre giocava con un bambino nei pressi dell'esercizio commerciale di un suo parente, fu avvicinato, chiamato per nome (per accertarsi della sua effettiva identità) ed infine ucciso da un commando di killer. Anche se l'azione dei sicari fu rapida e improvvisa, il carabiniere diede prova di eroismo e grande istinto reattivo: resosi conto di ciò che stava accadendo, non cercò la fuga, ma anzi scansò il bambino presente e si oppose inerme al commando omicida. Il fanciullo che grazie a questa pronta reazione del giovane carabiniere ebbe salva la vita, al tempo aveva 9 anni[2].

La motivazione di questo agguato rimase a lungo sconosciuta, finché da confessioni successivamente rese dal pentito Carmine Schiavone si seppe che esso fu diretta conseguenza dell'uccisione di Mario Schiavone. L'omicidio fu un vero e proprio atto di ritorsione decisa dal cartello camorristico di Casal di Principe, allora retto da Antonio Bardellino. Salvatore Nuvoletta per la sua giovane età risultò il bersaglio più semplice e meno protetto. Per commettere l'atto i casalesi di Bardellino chiesero il benestare della famiglia camorristica di Marano di Napoli, il Clan Nuvoletta, che fornì anche gli uomini ed il supporto logistico necessario.

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Alla memoria di Salvatore Nuvoletta è stata assegnata la medaglia d'oro al merito civile per aver sacrificato la sua vita per contrastare la criminalità organizzata. Inoltre fu lodato dal Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri.

Il 12 settembre 2009 a Casal di Principe è stato inaugurato e dedicato a Salvatore Nuvoletta un centro sportivo polivalente, confiscato a Francesco Schiavone e il 7 maggio 2011 gli viene intitolato lo stadio comunale di Marano di Napoli.

Il 27 febbraio 2016 si è svolta la cerimonia di intitolazione della Sezione della Associazione nazionale carabinieri di Giugliano in Campania alla memoria dell'Appuntato Salvatore Nuvoletta alla presenza di autorità militari, civili e religiose tra le quali il Generale di corpo d'armata Franco Mottola[3][4].

Salvatore Nuvoletta è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell'Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito civile
«In servizio presso una stazione dei carabinieri operante in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità, veniva proditoriamente ucciso, innanzi all'esercizio commerciale di un familiare, da alcuni colpi di arma da fuoco esplosigli contro da componenti di agguerrita organizzazione camorristica, quale vile ritorsione all'attività di contrasto svolta dall'Arma. Fulgido esempio di attaccamento al dovere, coraggio e eccezionale abnegazione, posta al servizio della collettività.»
— Marano (Napoli), 2 luglio 1982
Medaglia commemorativa operazioni di soccorso terremoto in Campania e Basilicata (1980) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa operazioni di soccorso terremoto in Campania e Basilicata (1980)
— 31 dicembre 1981

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.quirinale.it/ex_presidenti/Ciampi/Comunicati/Comunicato.asp?id=22478
  2. ^ Carabinieri, carabinieri.it. URL consultato il 21 aprile 2016.
  3. ^ ANC Giugliano in Campania, internapoli.it. URL consultato il 21 aprile 2016.
  4. ^ Carabinieri, carabinieri.it. URL consultato il 21 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Sardo, Al di là della notte. Storie di vittime innocenti della criminalità, Napoli, Fondazione Pol.i.s, Tullio Pironti Editore 2010.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie