Silvelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silvelle
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Padova-Stemma.png Padova
ComuneTrebaseleghe-Stemma.png Trebaseleghe
Territorio
Coordinate45°36′46″N 12°02′28″E / 45.612778°N 12.041111°E45.612778; 12.041111 (Silvelle)Coordinate: 45°36′46″N 12°02′28″E / 45.612778°N 12.041111°E45.612778; 12.041111 (Silvelle)
Altitudine24 m s.l.m.
Abitanti1 588[1]
Altre informazioni
Cod. postale35010
Prefisso049
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Martino vescovo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Silvelle
Silvelle

Silvelle è una frazione del comune di Trebaseleghe, in provincia di Padova.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese si trova a nord del capoluogo comunale, presso il confine con Torreselle e Levada, frazioni di Piombino Dese. Si estende sulle due rive del fiume Dese che, poco più a ovest, riceve le acque del rio Bianco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la Serenissima Silvelle era nota per la sua attività molitoria, con quattro mulini localizzati lungo il Dese[2].

Sotto il dominio napoleonico costituì un comune autonomo avendo come frazioni le già citate Torreselle e Levada[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale[modifica | modifica wikitesto]

È un edificio romanico risalente al Duecento, con ampliamenti più tardi in stile neoclassico. All'interno, si trovano una pala del XVI secolo di Paolo Piazza, più noto come Cosimo da Castelfranco. Le si aggiungono la pala della Madonna del Rosario, di ignoto, il fonte battesimale marmoreo, sempre cinquecentesco[2][4], e l'interessante organo meccanico Gerhard Hradetzky del 1991.

Casa Gumiero[modifica | modifica wikitesto]

Antico edificio, all'inizio di via Ramo Silvelle, sul quale si ravvisano i resti di affreschi e tracce di arcate e edicole. Probabilmente ospitava i domenicani di Treviso cui si deve la bonifica del territorio[2].

Mulino Gumirato[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio edificio sorge in un punto strategico, presso la confluenza del rio Bianco nel Dese[5].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La vecchia stazione.

Presso il centro del paese transitava la vecchia ferrovia Treviso-Ostiglia, dismessa dal secondo dopoguerra. Proprio a Silvelle sorgeva una fermata di Trebaseleghe[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia locale, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ a b c d Comune di Trebaseleghe - Valutazione Ambientale Strategica[collegamento interrotto].
  3. ^ Giampaolo Vajenti, Dilucidazione del nuovo sistema di misure e pesi del Regno d'Italia e ragguagli e ragguagli fra le antiche misure e pesi del Dipartimento Bacchiglione colle nuove misure e pesi del Regno, Vicenza, Tipografia Parise, 1810.
  4. ^ Vivi la città - comune di Trebaseleghe, 2004-2005 Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive..
  5. ^ Mauro Varotto, In bicicletta tra Padova e Bassano. 20 itinerari tra terre e acque, Portogruaro, Ediciclo, 1998, p. 110, ISBN 88-85327-91-5.
Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto