Carbidopa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Carbidopa
Carbidopa2.svg
Nome IUPAC
acido S-2-idrazino-2-metil-3-(3,4-diidrossifenil)propanoico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C10H16N2O5
Numero CAS 38821-49-7
PubChem 38101
DrugBank DB00190
SMILES CC(CC1=CC(=C(C=C1)O)O)(C(=O)O)NN.O
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

La carbidopa (o S-(−)-carbidopa) è una molecola usata come farmaco assieme alla L-DOPA nel trattamento della malattia di Parkinson.

Viene somministrata insieme a quest'ultima perché, essendo una molecola che inibisce la DOPA decarbossilasi, blocca la conversione della L-DOPA in dopamina a livello periferico permettendo così ad essa di esplicare la sua azione a livello del sistema nervoso centrale. La conversione (per decarbossilazione) della L-DOPA a dopamina non è inibita a livello del sistema nervoso centrale in quanto la carbidopa non attraversa la barriera ematoencefalica. Si noti che la stessa dopamina non è in grado di attraversare tale barriera, la L-DOPA invece può attraversare la barriera ematoencefalica e agire da profarmaco per la dopamina.

L'enzima, infatti, riconosce la molecola come simile alla dopamina ma essendoci un metile vicino al carbonile non si ha attacco per impedimento sterico del metile stesso. L'inibizione delle decarbossilasi periferiche aumenta la quota della L-DOPA disponibile per passare la barriera ematoencefalica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 05.11.2011
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina