Acido citrico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acido citrico
Acido citrico struttura (2).svg
Citric-acid-3D-balls.png
Nome IUPAC
acido 2-idrossi-1,2,3-propantricarbossilico
Nomi alternativi
acido 3-carbossi-3-idrossi-1,5-pentandioico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC6H8O7
Massa molecolare (u)192,12
Aspettosolido incolore
Numero CAS77-92-9
Numero EINECS201-069-1
PubChem311
DrugBankDB04272
SMILES
C(C(=O)O)C(CC(=O)O)(C(=O)O)O
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)1,665
Costante di dissociazione acida (pKa) a 293 K3,1; 4,8; 6,4
Solubilità in acqua1330 g/l a 293 K
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)−1543,8
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante corrosivo comburente
attenzione
Frasi H318
Consigli P305+351+338 - 311 [1]

L'acido citrico è una sostanza solida, incolore, un acido tricarbossilico forte di Brønsted-Lowry, con formula bruta C6H8O7, solubile in acqua in un ampio intervallo di pH.

Sebbene l’acido citrico sia uno degli acidi più diffusi negli organismi vegetali ed un prodotto metabolico degli organismi aerobici quando e’ in alte percentuali va maneggiato al pari degli acidi cloridrico, fluoridrico, muriatico, nitrico, solforico, etc. Si trova in tracce nella frutta, soprattutto del genere Citrus: il succo di limone ne contiene puo’ Contenere sino al 3-4% e l'arancia l'1%. È presente anche nei legni, nei funghi, nel tabacco, nel vino e persino nel latte.

Ogni anno vengono prodotti più di un milione di tonnellate di acido citrico. È ampiamente utilizzato come igienizzante, acidificante, acido per il restauro e chelante.[2]

I derivati dell'acido citrico vengono chiamati citrati, che comprendono sia i sali e gli esteri sia l'anione poliatomico in soluzione. Un'esempio di citrato è il citrato di sodio, un'esempio di estere è il trietilcitrato.

Biosintesi e produzione industriale[modifica | modifica wikitesto]

L'acido citrico si può trovare in una grande varietà di frutta e verdura, in particolare negli agrumi. I limoni e il lime hanno concentrazioni particolarmente elevate dell'acido; che può costituire fino all'3% del peso secco (percentuali superiori divengono molto pericolose se presenti nel limone).[3] Le concentrazioni di acido citrico negli agrumi vanno da 0,005 mol\L nelle arance e pompelmi a 0,30 mol/L nei limoni e lime. All'interno delle specie, questi valori variano a seconda del cultivar e dell'ambiente in cui il frutto viene coltivato.

Nel 1784 Carl Wilhelm Scheele, isolò per la prima volta l'acido citrico dal succo di limone per cristallizzazione.[4][5] La produzione di acido citrico su scala industriale è invece iniziata nel 1890, in Italia, dove si ricavava dal succo di limone (Citrus × limon), attraverso un complesso processo con soluzione di ammoniaca, cloruro di calcio e acido solforico.[4] Nel 1893, Carl Whemer scoprì che la muffa Penicillium, poteva produrre acido citrico dallo zucchero. Tuttavia, la produzione microbica di acido citrico non divenne industrialmente importante fino a quando a causa della prima guerra mondiale non si interruppero le esportazioni di agrumi dall'Italia.

Nel 1917, il chimico americano James Currie scoprì che alcuni ceppi di Aspergillus niger potevano produrre efficientemente l'acido citrico. La società farmaceutica Pfizer iniziò la produzione a livello industriale usando questa tecnica due anni dopo, seguita da Citrique Belge nel 1929.

Anche oggi l'acido citrico viene prodotto attraverso fermentazioni su scala industriale utilizzando funghi (come l'Aspergillus niger) o lieviti in bioreattori ad ambiente a basso pH (acidulato) e bassa concentrazione di ferro; a tale scopo si utilizzano chelanti degli ioni ferro come l'EDTA. In questo modo il ciclo di Krebs viene interrotto all'acido citrico che può essere estratto dalla cellula e purificato.

Nel 2007, la produzione annuale mondiale dell'acido citrico era di circa 1.600.000 tonnellate.[6] Più del 50% di questo volume è stato prodotto in Cina. La metà è stata utilizzata come correttore di acidità nelle bevande, circa il 20% per altre preparazioni alimentari, il 20% per detergenti e il 10% per cosmetici, prodotti farmaceutici e nell'industria chimica.

Proprietà chimiche[modifica | modifica wikitesto]

L'acido citrico è un acido carbossilico debole, triprotico, con pKa 3,13, 4,76 e 6,34. Può esistere in forma anidra (senza acqua), o monoidrato. La forma anidra cristallizza dall'acqua calda, mentre il monoidrato si forma quando l'acido citrico viene cristallizzato dall'acqua fredda. Il monoidrato può essere convertito in forma anidra a circa 78 °C. Allo stato anidro l'acido citrico è in forma di cristalli rombici di gusto leggermente acido, molto solubili in acqua.

I tre gruppi carbossilici (-COOH) e infine anche il gruppo idrossilico (-OH), si ionizzano progressivamente passando da un pH moderatamente acido a un pH vicino alla neutralità (i.e. fisiologico), fino a un pH nettamente basico.

Lo ione citrato forma complessi con cationi metallici, compresi quelli alcalini. I complessi chelati formati da tutti e tre i gruppi carbossilato, hanno anelli con 7 e 8 membri, e risultano meno stabili rispetto agli anelli di chelati più piccoli.

Funzioni e applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Biochimiche[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ciclo di Krebs.

L'acido citrico è un importante prodotto intermedio nel catabolismo dei carboidrati di tutti gli esseri viventi aerobici, incluso l'uomo. Il relativo processo biochimico prende il nome di ciclo di Krebs. Inoltre è un componente importante dell'osso, in quanto circa 1/6 della superficie dei cristalli di apatite nelle ossa è coperta da molecole di citrato, con effetto stabilizzante[7].

Cosmetiche e detergenti[modifica | modifica wikitesto]

L'acido citrico ha la proprietà di ridurre la durezza dell'acqua, e per la sua azione anticalcare viene utilizzato in ammorbidenti eco-sostenibili per il lavaggio in lavatrice e come disincrostante per le tubazioni. In cosmesi può essere utilizzato come correttore di pH.

Alimenti, bevande e limone[modifica | modifica wikitesto]

Poiché è uno degli acidi commestibili più forti, l'acido citrico è utilizzato come aroma e un conservante nei cibi e nelle bevande, specialmente nelle bibite e nelle caramelle.[4] Nell'industria alimentare è usato, con la denominazione E330, come acidulante e per correggere il pH di coloranti basici, come emulsionante, ad esempio nei gelati, come sostituto del succo di limone oppure per evitare la precipitazione dello zucchero nel caramello. È molto usato anche in bibite, prodotti di confetteria, gelatine, marmellate, birre e, congiuntamente al sodio bicarbonato, in preparazioni effervescenti. L'acido citrico ha 247 kcal per ogni 100 g.[8]

Farmacologiche[modifica | modifica wikitesto]

In campo farmacologico viene usato come anticoagulante nella conservazione del sangue estratto e come conservante in preparati farmaceutici (medicinali). I sali di citrato dei metalli sono usati per fornire i minerali in forma biologicamente più disponibile in molti integratori alimentari.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

È irritante per contatto con la pelle e gli occhi per cui va utilizzato abbigliamento protettivo quando si manipola. Un consumo eccessivo può intaccare lo smalto dentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'acido citrico su IFA-GESTIS
  2. ^ Apelblat, Alexander,, Citric acid, ISBN 9783319112329, OCLC 897810338.
  3. ^ Kristina L. Penniston, Stephen Y. Nakada e Ross P. Holmes, Quantitative assessment of citric acid in lemon juice, lime juice, and commercially-available fruit juice products, in Journal of Endourology, vol. 22, nº 3, March 2008, pp. 567–570, DOI:10.1089/end.2007.0304. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  4. ^ a b c Frank H. Verhoff (2005), "Citric Acid", Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry, Weinheim: Wiley-VCH
  5. ^ (EN) Thomas Graham, Elements of Chemistry,: Including the Applications of the Science in the Arts, Hippolyte Baillière, foreign bookseller to the Royal College of Surgeons, and to the Royal Society, 219, Regent Street., 1842. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  6. ^ Marin Berovic e Matic Legisa, Citric acid production, in Biotechnology Annual Review, vol. 13, 2007, pp. 303–343, DOI:10.1016/S1387-2656(07)13011-8. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  7. ^ (EN) Y.- Y. Hu, A. Rawal, K. Schmidt-Rohr, Strongly bound citrate stabilizes the apatite nanocrystals in bone, in Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 107, nº 52, 2010, pp. 22425-22429, DOI:10.1073/pnas.1009219107.
  8. ^ Greenfield, Heather. e Food and Agriculture Organization of the United Nations., Food composition data : production, management, and use, 2nd ed, Food and Agriculture Organization of the United Nations, 2003, ISBN 9789251049495, OCLC 54831428.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4148057-0
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia