Sinistra Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sinistra Italiana
Sinistra Italiana.svg
PresidenteClaudio Grassi
SegretarioNicola Fratoianni[1]
CoordinatoreElisabetta Piccolotti
StatoItalia Italia
SedeRoma, Viale Regina Margherita, 192[2]
AbbreviazioneSI
Fondazione19 febbraio 2017
Derivato daSinistra Ecologia Libertà
IdeologiaSocialismo democratico[3]
Ecosocialismo[3]
Socialdemocrazia[4]
Progressismo[5]
Ambientalismo[6]
Femminismo[6]
Laicismo[7]
Antifascismo[8]
Europeismo moderato[9]
CollocazioneSinistra[9]
Coalizionecon Pos e PRC (2017)
LeU (2017-2019)
La Sinistra (2019)
AVS (dal 2022)
Partito europeoPartito della Sinistra Europea (osservatore)
Gruppo parl. europeoGUE/NGL (2017-2019)
S&D (2017-2019)
Seggi Camera
6 / 630
Seggi Senato
1 / 315
Seggi Europarlamento
0 / 76
Seggi Consiglio regionale
3 / 897
Organizzazione giovanileUnione dei Giovani di Sinistra
Iscritti19.346[10] (2017)
Colori     Rosso corallo
Slogan«SI può fare!»
Sito webwww.sinistraitaliana.si

Sinistra Italiana (SI) è un partito politico italiano di sinistra di orientamento socialista democratico, ecosocialista, socialdemocratico[11] e progressista, fondato il 19 febbraio 2017[12] e guidato da Nicola Fratoianni.

Dal luglio 2022 è alleato con Europa Verde nella lista elettorale “Alleanza Verdi e Sinistra” di ispirazione ecosocialista.[13]

Secondo il proprio statuto, «Sinistra Italiana è un'associazione che si costituisce per rappresentare il lavoro […] ed è inscindibilmente legata al movimento per la pace e all'antifascismo. Si batte per una società fondata sull'uguaglianza sociale, sul rispetto dell'ambiente. I suoi obiettivi sono l'attuazione piena della Costituzione e uno Stato democratico e sociale di diritto, nella convinzione che la libertà di tutti sia la condizione e non il limite della libertà di ciascuno».[14]

L'organizzazione giovanile del partito è Unione dei Giovani di Sinistra (UGS).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita come gruppo parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento Sinistra Italiana è nato il 7 novembre 2015 presso il Teatro Quirino a Roma[15] in un'assemblea a cui hanno partecipato circa tremila persone.[16] Si è quindi costituito in gruppo parlamentare alla Camera dei deputati il 9 novembre con la denominazione "Sinistra Italiana–Sinistra Ecologia Libertà", con Arturo Scotto come capogruppo, raggruppando 32 deputati: di cui 25 appartenenti a SEL, 6 che sono fuoriusciti dal Partito Democratico (Stefano Fassina, Alfredo D'Attorre, Carlo Galli, Giovanna Martelli, Monica Gregori e Vincenzo Folino) e Claudio Fava (già eletto con SEL e poi passato al gruppo misto). Al Senato, con la stessa denominazione, si formò il 4 marzo 2016 come componente interna del gruppo misto composta da otto senatori: 5 appartenenti a SEL, 2 appartenenti a L'Altra Europa con Tsipras (Fabrizio Bocchino e Francesco Campanella, eletti con il Movimento 5 Stelle) e uno proveniente dal Partito Democratico (Corradino Mineo).

2016[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni amministrative del 2016 Sinistra Italiana si è presentata in cartelli elettorali assai differenti di città in città e a Roma ha sostenuto Stefano Fassina nella lista Sinistra per Roma assieme alla lista civica Civica per Fassina Sindaco, ottenendo circa il 4% come lista e il 4,5% come candidato a sindaco, non riuscendo quindi a eleggere alcun consigliere comunale pur permettendo a Fassina di sedere in consiglio comunale.[17]

A Napoli Sinistra Italiana – più specificamente SEL insieme al PRC, al PCI, a L'Altra Europa con Tsipras, a Possibile e ad altri gruppi di sinistra, ricevendo anche l'appoggio dei CARC e di Sinistra Anticapitalista – ha dato vita a una lista elettorale comune dal nome Napoli in Comune a Sinistra in sostegno del sindaco uscente Luigi de Magistris che ha ottenuto il 42,82% dei consensi al primo turno e ha sconfitto al ballottaggio il candidato di Forza Italia (Gianni Lettieri) con il 66,85% dei voti.[17]

A Bologna la coalizione a sostegno di Federico Martelloni, di cui fa parte Sinistra Italiana, ha ottenuto il 7,12% ed eletto due consiglieri comunali al di fuori della coalizione di centro-sinistra del riconfermato sindaco Virginio Merola.[17] A Torino la candidatura a sindaco di Giorgio Airaudo si è fermata al primo turno con il 3,70%.[17]

A Cagliari e a Milano la coalizione di centro-sinistra non si è divisa, vincendo in entrambi i casi le elezioni: a Cagliari la lista di Sinistra Ecologia Libertà ha raggiunto il 7,84% ed eletto quattro consiglieri comunali, mentre a Milano la lista Sinistra per Milano sostenuta da Sinistra Ecologia Libertà ha eletto due consiglieri comunali sfiorando il 4%.[17]

Tra gli altri comuni è rilevante il risultato ottenuto a Sesto Fiorentino, dove Lorenzo Falchi di Sinistra Italiana ha sconfitto al ballottaggio il candidato del Partito Democratico (Lorenzo Zambini) superando il 65% dei consensi e la lista Sinistra Italiana – Sesto Fiorentino è stata la seconda lista più votata ottenendo il 17,54%.[17]

Sinistra Italiana si è schierata in aperto contrasto con il governo Renzi a favore del sì al referendum sulle trivellazioni in mare del 2016 che avrebbe abrogato la parte della legge di stabilità che permette il rinnovamento fino all'esaurimento dei giacimenti di idrocarburi delle concessioni di estrazione entro le dodici miglia dalla costa italiana, tuttavia il referendum non ha raggiunto il quorum, arrivando al 31,19% dei votanti.[18][19]

Sinistra Italiana ha in seguito sostenuto il no al referendum costituzionale del 2016, temendo che il combinato disposto tra riforma del Senato e nuova legge elettorale (Italicum) con forte premio di maggioranza potesse portare a una eccessiva riduzione delle prerogative parlamentari e a confondere potere legislativo e potere esecutivo senza i giusti contrappesi.[20][21]

Congresso fondativo nel 2017[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Mussi apre con la sua relazione introduttiva il Congresso Fondativo di Sinistra Italiana (Rimini, 17 febbraio 2017)

Sinistra Italiana si è costituita in partito politico nel corso del congresso fondativo svoltosi a Rimini dal 17 al 19 febbraio 2017, che si è concluso con l'elezione di Nicola Fratoianni a segretario e a cui hanno partecipato come ospiti anche Giuseppe Civati, Luigi de Magistris, Maurizio Acerbo, rappresentanti di Syriza, Podemos e altri partiti della Sinistra Europea.[22] Durante la riunione si è inoltre registrato l'abbandono di una componente guidata da Arturo Scotto (capogruppo di Sinistra Italiana alla Camera), critico con l'impostazione politica della nuova formazione che escludeva a priori eventuali alleanze future con un Partito Democratico a guida Renzi, nel tentativo di dare vita a un nuovo centro-sinistra che aderisce a Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista.[23][24] Dell'ex segreteria nazionale di SEL anche Maria Pia Pizzolante, Marco Furfaro, Massimiliano Smeriglio (vicepresidente della regione Lazio) e Simone Oggionni sono sostenitori di queste posizioni insieme a diciassette parlamentari, tra i quali Alfredo D'Attorre, già coordinatore del gruppo operativo nazionale di Sinistra Italiana.[24]

Il 9 marzo 2017 Sinistra Italiana e Possibile hanno annunciato l'unione dei rispettivi gruppi alla Camera dei deputati.[25]

Il 30 maggio 2017 il senatore Francesco Campanella lascia Sinistra Italiana per aderire ad Articolo 1-MDP.[26]

Il 24 giugno 2017 Sinistra Italiana ha aderito al Partito della Sinistra Europea in qualità di membro osservatore.[27]

Regionali siciliane del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni regionali siciliane del 5 novembre 2017 il partito sostiene la candidatura a Presidente di Claudio Fava (deputato di MDP, peraltro già esponente di Sinistra Italiana)[28] nell'ambito di una coalizione di sinistra, assieme ad Articolo 1-MDP, Rifondazione Comunista, Possibile e Verdi.[29] Sinistra Italiana, insieme agli altri partiti schierati a sostegno di Fava, si federa nella lista unitaria Cento Passi per la Sicilia, per ovviare allo sbarramento del 5% previsto dalla legge elettorale siciliana.[30]

Elezioni politiche e regionali del 2018/2019 e sviluppi successivi[modifica | modifica wikitesto]

Sinistra Italiana nel mese di novembre 2017, insieme a Possibile e Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista, propone una lista comune alle prossime elezioni politiche.[31] L'avvio del percorso unitario è sancito nell'assemblea nazionale del 3 dicembre a Roma, con la nascita della lista elettorale, Liberi e Uguali, a cui aderisce Pietro Grasso.[32]

Nonostante lo scarso risultato della lista, che supera di poco la soglia di sbarramento, SI elegge all'interno di essa tre deputati e una senatrice. si decide quindi di non liquidare il progetto, auspicando tempi brevi per l'inizio della fase costituente di LeU come partito, annunciata da Pietro Grasso e sostenuta da MDP. Possibile invece abbandona la lista in seguito al suo secondo congresso.

Lo stesso giorno delle politiche si svolgono anche le regionali nel Lazio dove LeU, per volontà di MDP, trovando una forte opposizione da parte di SI e Possibile, appoggia il candidato del centro-sinistra Nicola Zingaretti eleggendo un consigliere con il 3,48% e risultando decisivo per la riconferma del presidente.

Alle regionali in Lombardia, invece, il candidato presidente sostenuto da LeU è stato Onorio Rosati che, con il 2%, non supera lo sbarramento.

Alle regionali in Molise LeU raccoglie il 3,29% mentre alle regionali in Friuli SI non sostiene il candidato del centro-sinistra non presentandosi.

Nell'autunno dello stesso anno, prendendo atto della fase di stallo del percorso che avrebbe dovuto portare alla costituzione del partito, nonostante l'invito da parte di MDP di superare le divergenze in sede di congresso, l'assemblea nazionale di SI decide per l'abbandono di LeU. Auspica inoltre la creazione di una nuova lista unitaria della sinistra radicale in vista delle elezioni europee dell'anno successivo criticando l'eccessivo interesse di MDP verso la fase congressuale del PD.[33]

Nel gennaio 2019 SI si avvicina al progetto dei cosiddetti 'autoconvocati' di Liberi e Uguali che puntano alla fondazione di un partito di sinistra che riprenda le orme della lista elettorale, ormai abbandonata dalla maggior parte degli aderenti.

Alle regionali in Abruzzo del 10 febbraio sostiene insieme ad altre forze del centro-sinistra Giovanni Legnini.

Accade lo stesso alle regionali in Sardegna del 24 febbraio, in appoggio al candidato del centro-sinistra Massimo Zedda, già sindaco di Cagliari, mentre Rifondazione Comunista e PCI sostengono il giornalista Vindice Lecis che raccoglie solo 4.528 voti pari allo 0,59%.

Elezioni europee del 2019[modifica | modifica wikitesto]

In seguito a mesi di complicate trattative tra le varie anime della sinistra[34], l'8 aprile 2019, in vista delle elezioni europee del 26 maggio, viene presentato al teatro Quirino di Roma il simbolo de La Sinistra, lista elettorale nella quale, oltre ad esserne il principale animatore, convergono anche Rifondazione Comunista di Maurizio Acerbo (portando in dote la sua affiliazione alla Sinistra Europea, necessario per presentarsi alle elezioni evitando il difficilissimo esercizio di raccolta delle firme), èViva, Partito del Sud, L'Altra Europa con Tsipras e Convergenza Socialista, ma non le altre due componenti con cui SI si era presentata alle politiche dell'anno precedente nel progetto di LeU, ovvero Articolo Uno, i cui candidati vengono inseriti nella lista del PD di Nicola Zingaretti, e Possibile, che si presenta con Europa Verde.[35][36]

Dopo l'esito deludente alle elezioni europee della lista La Sinistra (1,7% dei voti), Fratoianni si dimette da Segretario nazionale al termine della direzione nazionale di Sinistra Italiana a Roma il 1º giugno, che saranno accettate, dove viene indicato come reggente il presidente di SI, Claudio Grassi, fino a nuovo congresso da tenere dopo l'estate.[37][38]

Appoggio al Governo Conte II e sviluppi successivi[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla caduta del Governo Conte I, Sinistra Italiana annuncia il proprio appoggio al Governo Conte II, assieme a Movimento 5 Stelle, PD e Articolo Uno - MDP; il partito entra inoltre a far parte del nuovo governo con un proprio esponente, l'ex senatore Peppe De Cristofaro, Sottosegretario all'Istruzione.[39]

Alle elezioni regionali in Emilia-Romagna del 26 gennaio 2020 Sinistra Italiana sostiene, insieme ad Articolo 1, la lista "Emilia-Romagna Coraggiosa" che raggiunge il 3,7%, eleggendo due consiglieri regionali (uno dei quali espresso da SI).[40]

In occasione delle elezioni suppletive del 2020 SI sostiene il centro-sinistra: a Roma, per la Camera, il Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e a Napoli, per il Senato, il giornalista Sandro Ruotolo.[41] Entrambi i candidati vengono eletti.

Nel frattempo era convocato per il 20-22 marzo 2020 il congresso del partito[42], poi sospeso a causa della pandemia di COVID-19 del 2020 in Italia.[43] Il congresso nazionale viene poi convocato per il 30-31 gennaio del 2021.[44]

Alle elezioni regionali in Toscana del 20 e 21 settembre 2020 Sinistra Italiana sostiene il candidato presidente Tommaso Fattori nella lista "Toscana a Sinistra"[45], insieme a Rifondazione Comunista e Potere al Popolo!, fuori dalla coalizione di centrosinistra. La lista ottiene il 2,86% non superando la soglia di sbarramento della legge elettorale toscana. Mentre alle regionali in Liguria del 20 e 21 settembre 2020 sostiene invece il candidato presidente Ferruccio Sansa, giornalista del Fatto Quotidiano, con la lista Linea Condivisa (che comprende Sinistra Italiana, Possibile ed èViva), all'interno di una coalizione composta da Partito Democratico - Articolo Uno (lista comune), Movimento 5 Stelle, Europa Verde - Democrazia Solidale - Centro Democratico (lista comune) e la civica Lista Ferruccio Sansa Presidente.[46] La lista Linea Condivisa ottiene il 2,47%, eleggendo un consigliere regionale, espressione di SI. Alle Elezioni regionali in Puglia del 2020 Sinistra Italiana forma una lista con altri partiti a sostegno di Michele Emiliano denominata "Puglia Solidale e Verde". La lista ottiene il 3,8% dei voti e non riesce a entrare in Consiglio regionale dal momento che la soglia di sbarramento per la Puglia è al 4%.

2021: II Congresso e l'opposizione al Governo Draghi[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo congresso di Sinistra Italiana si svolge in maniera totalmente online, per la prima volta per un partito politico italiano, a causa della pandemia COVID 19 nei giorni 30 e 31 gennaio 2021. Il 2 febbraio Nicola Fratoianni viene rieletto Segretario Nazionale del partito dalla neoeletta Assemblea Nazionale. Durante i lavori del congresso viene avanzata la proposta della costituzione di una giovanile di partito, l'Unione dei Giovani di Sinistra (UGS). Si esprimerà ufficialmente l'Assemblea Nazionale del partito.

Il 14 febbraio l'Assemblea Nazionale del partito approva il dispositivo conclusivo del Segretario Nazionale, Nicola Fratoianni, con il quale si propone ai propri parlamentari di votare contro la fiducia al nascente Governo Draghi, collocando il partito all'opposizione in Parlamento; allo stesso tempo, Sinistra Italiana ribadisce "il proprio impegno nel continuare a costruire l'alleanza con PD e Movimento 5 Stelle e con le forze della sinistra, dell'ambientalismo e del civismo, per le prossime elezioni politiche e a partire dalle prossime elezioni amministrative". Nella stessa giornata, però, Loredana De Petris ed Erasmo Palazzotto, unici parlamentari di Sinistra Italiana al di fuori di Fratoianni, annunciano il loro voto di fiducia al Governo Draghi in dissenso rispetto alla decisione del loro partito.[47] Il 17 febbraio Palazzotto annuncia l'uscita dal partito.[48]

In seguito alla decisione di collocarsi all'opposizione del governo, tre senatrici ex M5S entrano in Sinistra Italiana: si tratta di Elena Fattori, Paola Nugnes e Virginia La Mura.[49]

Alle elezioni amministrative del 2021 Sinistra Italiana sostiene, nelle 5 grandi città al voto, i candidati del centro-sinistra, ossia Roberto Gualtieri a Roma, Beppe Sala a Milano, Gaetano Manfredi a Napoli, Stefano Lo Russo a Torino e Matteo Lepore a Bologna.

Il 14 dicembre, tramite un articolo di Paolo Cento pubblicato su Il manifesto, alcuni iscritti e dirigenti del partito annunciano la loro uscita dal partito. Tra di loro figura la senatrice Loredana De Petris, che alcuni giorni dopo conferma la scelta attraverso un'intervista allo stesso giornale.[50][51]

Il nuovo percorso con Europa Verde[modifica | modifica wikitesto]

Simbolo elettorale dell'Alleanza Verdi e Sinistra per le elezioni politiche del 2022

L'8 gennaio 2022 la Direzione nazionale del partito si esprime a favore della nascita di un "Patto di consultazione" con Europa Verde.[52] Il patto viene presentato dai leader delle due organizzazioni alcuni giorni dopo.[53]

Durante le elezioni del Presidente della Repubblica, il partito candida Luigi Manconi, insieme ai parlamentari di Europa Verde, perché personalità capace di interpretare la Costituzione a favore degli ultimi e in senso ecologista. Dopo la rielezione di Sergio Mattarella, votato all'ottava chiama anche da Sinistra Italiana, per chiare motivazioni di carattere istituzionale, il Segretario Nicola Fratoianni chiede di tornare al voto perché la politica si è dimostrata incapace di rispondere alle necessità del Paese.[54][55][56]

Durante la crisi Ucraina del 2022, il partito persegue posizioni pacifiste, di apertura alla diplomazia e al disarmo internazionale. Alla Camera dei Deputati, Nicola Fratoianni vota contro la proposta del Governo Italiano di inviare armi all'esercito Ucraino, oltre che aiuti umanitari per i civili (poco prima in Aula era stato bocciato un suo emendamento che avrebbe permesso di votare la proposta punto per punto).[57][58][59]

Il 3 maggio 2022 la senatrice La Mura entra nel neonato gruppo C.A.L. (Costituzione, Ambiente, Lavoro) - Pc - Idv.[60] La senatrice Nugnes, invece, si riavvicina a Rifondazione Comunista: rimane quindi iscritta a SI la senatrice Elena Fattori.[61]

Ad aprile 2022 David Tozzo, membro della segreteria nazionale di Articolo Uno, presenta una mozione congressuale in contrasto con la linea politica di convergenza verso il Partito Democratico[62]. Il successivo 18 maggio con la sua minoranza lascia il partito aderendo a Sinistra Italiana[63].

In vista delle elezioni politiche anticipate del 25 settembre Sinistra Italiana ed Europa Verde decidono di allearsi, dopo l’esperimento fatto alle amministrative di giugno, e così il 26 luglio, presso il Caffè della Casa del Cinema a Roma, i co-portavoce dei Verdi Eleonora Evi e Angelo Bonelli e il segretario di SI Nicola Fratoianni, presentano il simbolo della lista rosso-verde “Alleanza Verdi e Sinistra”.[64]

Ideologia e posizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il partito sostiene posizioni di sinistra con un'ideologia riconducibile essenzialmente al socialismo democratico,[65] all'ecosocialismo[65] e all'anti-austerità,[66] con particolare attenzione a diritti dei lavoratori, diritti sociali, umani e civili, diritti dell'ambiente, democrazia e welfare.

Politiche e diritti sociali[modifica | modifica wikitesto]

Il partito sostiene fortemente la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario,[67][68] l'introduzione del salario minimo (di almeno 10 euro lordi all'ora)[69][70] e l'introduzione di una legge sulla rappresentanza per combattere sfruttamento e promuovere buona occupazione, con l'obiettivo di ricostruire una relazione e una rappresentanza politica del lavoro.[71]

Sostiene fortemente un maggiore investimento su sanità pubblica[72][73] e istruzione pubblica (da asilo nido a università),[74] e condanna la loro forte privatizzazione.[67][75][76]

Propone l'istituzione dello psicologo di base gratuito per tutti, servizi di sostegno psicologico nelle scuole, campagne di sensibilizzazione e investimenti strutturali per la tutela della salute mentale, affinché il benessere psicologico sia «un diritto garantito e accessibile a tutti».[77][78][79]

Propone inoltre l'alzamento di stipendi per gli insegnanti, politiche di contrasto al precariato,[75] asili nido pubblici gratuiti,[80] la diminuzione del numero di studenti per classe,[81] libri di testo gratuiti per scolari,[82] la gratuità dell'università pubblica (con la graduale abolizione delle tasse studentesche e una rimodulazione della tassa regionale al diritto allo studio),[83][84] il divieto di tirocini non retribuiti,[85] politiche per contrastare l'emigrazione dei giovani all'estero[86] e un maggior investimento sulla ricerca.[86][87]

Propone l'introduzione di un reddito minimo garantito per contrastare «la povertà, la disperazione sociale e la precarietà»[88] (come il reddito di cittadinanza al quale si ritiene favorevole[89]).

Per ridurre le morti sul luogo di lavoro, propone maggiori ispezioni e controlli, formazioni costanti per la sicurezza al lavoro, contratti che garantiscano stabilità, meno ore di lavoro.[90]

Per contrastare stereotipi di genere, violenza di genere e omotransfobia, propone campagne informative specifiche, l'introduzione nelle scuole di corsi su educazione sessuale e sentimentale ed educazione al rispetto e alle differenze; finanziamenti per un “reddito di libertà”, investimenti su associazioni e centri antiviolenza, al fine di «costruire una società libera dal patriarcato e da retaggi religiosi imposti».[91][92][93]

È inoltre favorevole ad un congedo parentale obbligatorio ed uguale per entrambi i genitori al fine di garantire maggiore parità di genere nel lavoro.[94][95]

Economia e fiscalità[modifica | modifica wikitesto]

Il partito propone l'introduzione di un'imposta patrimoniale sui grandi patrimoni (“tassa sui ricchi”) per redistribuire la ricchezza affinché «chi ha tanto paghi molto e chi ha poco paghi meno».[66][67] Questo attraverso l'eliminazione dell'IMU e dell'imposta di bollo sostituendoli con un'imposta unica e progressiva sui grandi patrimoni netti per persona fisica, al fine di ricavare decine di miliardi di euro da utilizzare per sanità, istruzione, asili nido gratuiti, pensioni, trasporto pubblico.[96][97][98][99]

Sostiene inoltre l'introduzione di una legge anti-delocalizzazioni,[100] il contrasto ai paradisi fiscali,[71] l'abbassamento del limite-soglia per l'utilizzo del denaro contante[101] e la graduale sostituzione dell'utilizzo del contante con l'utilizzo dei metodi di pagamento elettronico (eliminando le commissioni bancarie) al fine di combattere l'evasione fiscale (recuperando centinaia di miliardi di euro) e le mafie.[101][102]

Diritti civili[modifica | modifica wikitesto]

Il partito è fortemente favorevole alla legalizzazione dell'eutanasia,[103] alla legalizzazione della cannabis (principalmente per combattere la criminalità),[104][105] ai diritti LGBT,[106][107] all'introduzione dello ius soli,[108] all'aborto farmacologico in day hospital,[109][110] alla gestazione per altri (solidale, altruistica e regolamentata)[111] e all'introduzione di codici identificativi sulle divise delle forze dell'ordine per evitare che questi assumano comportamenti illeciti (come abuso di potere) nei confronti dei civili.[112][113]

Sui diritti LGBT il partito propone: la legalizzazione del matrimonio egualitario e delle adozioni per coppie gay (e per i single), il divieto delle terapie riparative e il divieto degli interventi chirurgici non necessari dal punto di vista medico sui bambini intersessuali, una legge contro l’omotransfobia (e contro l’abilismo).[114][115]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Il partito sostiene fortemente la giustizia ambientale e ritiene che la transizione ecologica per contrastare il cambiamento climatico debba avvenire attraverso l'adozione a livello internazionale di forme di fiscalità ambientale, la decarbonizzazione dei cicli economici e produttivi, la rimozione degli incentivi diretti e indiretti per l'uso dei combustibili fossili, l'investimento sulle energie rinnovabili[116][117][71][67] e il potenziamento del trasporto pubblico e la sua gratuità agli under 35.[118]

Immigrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il partito, oltre ad essere favorevole alla concessione della cittadinanza ai figli minorenni di stranieri regolari nati e cresciuti in Italia, ovvero allo ius soli,[119] è favorevole al salvataggio tempestivo in mare dei migranti, alla loro accoglienza e integrazione,[120] alla loro regolarizzazione per il riconoscimento degli “invisibili”[121] e all'istituzione di corridoi umanitari.[122][123]

Difesa e politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Il partito sostiene il pacifismo, l'europeismo, una bassa spesa nazionale per la difesa militare, un esercito comune europeo, la diplomazia come strumento per risolvere le controversie tra nazioni e idealmente un disarmo globale.[124][57][125]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Propone il divieto al finanziamento privato nei confronti di partiti e associazioni politiche al fine di evitare che questi diventino «politicamente deboli, ricattabili e permeabili alle richieste del finanziatore ricco di turno».[126][127] Propone anche il divieto al finanziamento dei politici da parte di Stati esteri.[128] È fortemente favorevole ad una legge elettorale di tipo proporzionale.[129][71]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Organi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Segretario[modifica | modifica wikitesto]

Presidente[modifica | modifica wikitesto]

Portavoce[modifica | modifica wikitesto]

Tesoriere[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico "Mimmo" Caporusso

Presidenti dei gruppi parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Capogruppo/delegazione alla Camera[modifica | modifica wikitesto]

Capogruppo al Senato[modifica | modifica wikitesto]

Capodelegazione al Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Segretari/Coordinatori regionali[130][modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione giovanile[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione dei Giovani di Sinistra[136] (UGS) è l'organizzazione giovanile di orientamento socialista democratico di Sinistra Italiana.[137]

Unione dei Giovani di Sinistra è nata nel luglio 2020 come gruppo autonomo sul piano organizzativo, pur mantenendo una cooperazione con Sinistra Italiana: de facto ne è l'organizzazione giovanile, raggruppandone gli iscritti aventi dai 13 ai 29 anni di età. A livello organizzativo ha dei coordinatori regionali e un segretario nazionale.[138]

A gennaio 2021 risulta avere circa 150 iscritti in tutta Italia. Dal 1° all'8 agosto 2021 UGS ha svolto il suo primo campeggio nazionale, denominato "Left Camp", a Montalto di Castro. A un dibattito dello stesso ha partecipato anche il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni e Giuseppe De Cristofaro.[139]

Nelle istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei deputati[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo Sinistra Italiana – Sinistra Ecologia Libertà – Possibile (fanno parte del medesimo gruppo anche 4 deputati di Possibile[140])

XVII legislatura
13 deputati

Nel gruppo parlamentare Liberi e Uguali

XVIII legislatura
1 deputati

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nella componente Sinistra Italiana – Sinistra Ecologia Libertà del Gruppo misto

XVII legislatura
7 senatori

Nella componente Non Iscritti del Gruppo misto

XVIII legislatura
1 senatore

Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nei gruppi Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) e Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica (GUE/NGL)

VIII legislatura
2 europarlamentari

Governi[modifica | modifica wikitesto]

Congressi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • I congresso - Rimini, 17-19 febbraio 2017
  • II congresso - Zoom, 30 gennaio-2 febbraio 2021 (online causa coronavirus)

Iscritti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017: 19.346

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
Politiche 2018 Camera in Liberi e Uguali
3 / 630
Senato In Liberi e Uguali
1 / 315
Europee 2019 In La Sinistra
0 / 73

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.sinistraitaliana.si/voti-del-2-congresso-sinistra-italiana-nicola-fratoianni-riconfermato-segretario-nazionale/
  2. ^ Statuto e carta di partecipazione, su sinistraitaliana.si, 17 febbraio 2017.
  3. ^ a b Italy, su Parties and elections in Europe (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2022).
  4. ^ https://www.lasinistraquotidiana.it/cambia-nome-ma-e-sempre-socialdemocrazia/
  5. ^ Sinistra Italiana Campania: «Il campo progressista l'unica strada da poter perseguire per costruire un dopo Draghi e un dopo De Luca», su orticalab.it, 21 maggio 2021. URL consultato il 22 maggio 2021.
  6. ^ a b Fratoianni: Serve una lista di sinistra, ecologista, femminista, su nordmilanotizie.it.
  7. ^ https://verdisinistra.it/programma-alleanza-verdi-e-sinistra/
  8. ^ Sinistra Italiana, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  9. ^ a b Italy, su Europe Elects.
  10. ^ Tabella delegati aderenti (PDF).
  11. ^ https://www.lasinistraquotidiana.it/cambia-nome-ma-e-sempre-socialdemocrazia/
  12. ^ Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni eletto segretario, in Adnkronos, 19 febbraio 2017. URL consultato il 19 febbraio 2017 (archiviato il 19 febbraio 2017).
  13. ^ Bonelli e Fratoianni insieme: ecco il simbolo della nuova alleanza-cocomero. Con lo sguardo rivolto verso M5S, su la Repubblica, 26 luglio 2022. URL consultato il 29 agosto 2022.
  14. ^ Statuto e carta di partecipazione, su Sinistra Italiana. URL consultato il 29 agosto 2022.
  15. ^ Nasce sinistra italiana, gruppo con 31 deputati. Fassina: «Alternativi a liberismo da Happy days di Renzi», in Nuovo Quotidiano di Puglia, 8 novembre 2015. URL consultato l'8 novembre 2015 (archiviato l'8 novembre 2015).
  16. ^ Nasce Sinistra italiana: «Alternativi al liberismo Pd», in Il Sole 24 Ore, 8 novembre 2015. URL consultato l'8 novembre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2015).
  17. ^ a b c d e f Comunali [Scrutini] Comuni al ballottaggio - Elezioni del 19 giugno 2015 (ballottaggio) - Ministero dell'Interno, su elezioni.interno.it. URL consultato il 21 settembre 2016.
  18. ^ Referendum No alle Trivelle, Sinistra italiana presenta mozione per voto accorpato ad amministrative – Sinistra Ecologia Libertà, su sinistraecologialiberta.it. URL consultato il 21 settembre 2016.
  19. ^ Sinistra Italiana si mobilita per il referendum: Votare Sì per fermare le trivelle. Fratoianni: la Rai non fa informazione secondo le regole – Sinistra Ecologia Libertà, su sinistraecologialiberta.it. URL consultato il 21 settembre 2016.
  20. ^ Referendum, Sinistra Italiana spiega le ragioni del NO: questa riforma stravolge la Carta – Sinistra Ecologia Libertà, su sinistraecologialiberta.it. URL consultato il 21 settembre 2016.
  21. ^ Ecco la mozione della manfrina, su L'Huffington Post. URL consultato il 21 settembre 2016.
  22. ^ Romolo Simonicca, Congresso Sinistra Italiana: programma, date e orari dell'evento, in Blasting News, 15 febbraio 2017. URL consultato il 19 febbraio 2017 (archiviato il 19 febbraio 2017).
  23. ^ Nasce nuovo soggetto sinistra, ma Scotto conferma addio, in ANSA, 18 febbraio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2017 (archiviato il 20 febbraio 2017).
  24. ^ a b Nicola Corda, Arturo Scotto lascia Sinistra italiana e pensa ai gruppi parlamentari di Giuliano Pisapia, in L'Huffington Post, 12 febbraio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2017 (archiviato il 20 febbraio 2017).
  25. ^ Pippo Civati e Sinistra Italiana uniscono i gruppi in Parlamento, in L'Huffington Post, 9 marzo 2017. URL consultato il 9 marzo 2017.
  26. ^ Campanella, ex M5S ed ex SI: "Re dei voltagabbana? No, la mia è coerenza", in Repubblica.it, 26 aprile 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  27. ^ IL PARTITO DELLA SINISTRA EUROPEA accoglie come osservatore SINISTRA ITALIANA, su L'Altra Europa con Tsipras, 24 giugno 2017. URL consultato il 25 giugno 2017.
  28. ^ Sinistra Italiana: "Sosteniamo Fava, tempo scaduto per improbabili primarie", in Giornale di Sicilia. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  29. ^ Sinistra unita in Sicilia: sostegno a Fava "Stessa intesa anche per le Politiche", su Giornale di Sicilia. URL consultato il 4 settembre 2017.
  30. ^ Regionali, Fava presenta il simbolo: "Cento passi per la Sicilia, siamo già al 25%", in PalermoToday. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  31. ^ Una nuova proposta: il documento, su sinistraitaliana.si, 7 novembre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  32. ^ Sinistra, Grasso lancia Liberi e uguali : "Pd mi ha offerto incarichi ma i calcoli non fanno per me", su repubblica.it, 3 dicembre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  33. ^ Sinistra Italiana chiude con LeU e apre a De Magistris: 'Ora nuovo soggetto alternativo', su it.blastingpop.com, 27 ottobre 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  34. ^ Elezioni Europee, il suicidio claustrofobico della sinistra radicale, su l'Espresso, 27 maggio 2019. URL consultato il 17 giugno 2019.
  35. ^ Europee, debutta “La Sinistra”
  36. ^ La sinistra alle europee, su Il Post, 9 aprile 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  37. ^ Sinistra italiana, Fratoianni si dimette da segretario: "Da Europee emerso tema della frammentazione nel nostro campo", su Il Fatto Quotidiano, 1º giugno 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  38. ^ Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni: "Mi dimetto da Segretario", su TPI, 1º giugno 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  39. ^ Fratoianni: votiamo fiducia a Conte ma non è cambiale in bianco. Dl sicurezza vanno cancellati, serve legge elettorale proporzionale, su Sinistra Italiana. URL consultato il 19 settembre 2019.
  40. ^ Eligendo: Regionali [Scrutini] Regione EMILIA-ROMAGNA (Italia) -, su Eligendo. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  41. ^ Suppletive verso il voto in Lazio, Umbria e Campania, su ILFOGLIETTONE.IT, 28 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  42. ^ (EN) Un mondo giusto ha un cuore rosso e verde, su congresso.sinistraitaliana.si. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  43. ^ Congresso sospeso, Fratoianni 'resta' portavoce,, su il manifesto, 4 aprile 2020. URL consultato il 9 aprile 2020.
  44. ^ Sinistra italiana e il congresso su Zoom. In era Covid per la prima volta solo online, su la Repubblica, 29 gennaio 2021. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  45. ^ Regionali Toscana 2020, Sinistra Italiana sta con Toscana a Sinistra, su gonews.it, 28 luglio 2020. URL consultato il 26 marzo 2021.
  46. ^ Regionali 2020, ecco l'accordo: Ferruccio Sansa è il candidato anti-Toti, su ivg.it.
  47. ^ Si contro Draghi, ma De Petris e Palazzotto voteranno fiducia. Fratoianni: governo di destra, su ilmessaggero.it, 14 febbraio 2021. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  48. ^ Erasmo Palazzotto lascia Sinistra italiana: "E' un errore politico non votare la fiducia a Draghi", su Il Fatto Quotidiano, 17 febbraio 2021. URL consultato il 17 febbraio 2021.
  49. ^ Paola Nugnes ed Elena Fattori aderiscono a Sinistra Italiana. Fratoianni: Da oggi iniziamo un percorso, per far crescere una comunità e un punto di vista - Sinistra Italiana, in Sinistra Italiana. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  50. ^ Sinistra italiana non basta più. Serve un campo largo, su il manifesto, 13 dicembre 2021. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  51. ^ De Petris: «Lascio Sinistra italiana, ora costruire una rete ecologista con Beppe Sala», su il manifesto, 16 dicembre 2021. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  52. ^ DOCUMENTO E "PATTO DI CONSULTAZIONE" APPROVATI DALLA DIREZIONE NAZIONALE DI SINISTRA ITALIANA DELL' 8 GENNAIO 2022, su Sinistra Italiana. URL consultato il 10 gennaio 2022.
  53. ^ Quirinale, Verdi e Sinistra italiana: "No a Berlusconi presidente. Ora un campo largo col Pd", su la Repubblica, 10 gennaio 2022. URL consultato il 10 gennaio 2022.
  54. ^ admin, Quirinale, Fratoianni: "La legislatura, ormai è chiaro, è finita", su LA NOTIZIA, 24 gennaio 2022. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  55. ^ Quirinale, Nicola Fratoianni-Sinistra Italiana: "Da tre giorni votiamo Luigi Manconi, candidatura che indica un progetto per i problemi del Paese". URL consultato il 31 gennaio 2022.
  56. ^ Giovedì il giuramento di Mattarella. Letta: "Governo rafforzato". Tajani: "Berlusconi ha sbloccato", su RaiNews. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  57. ^ a b Prepara la pace, su Sinistra Italiana. URL consultato il 3 marzo 2022.
  58. ^ Fratoianni: «Grave errore inviare armi. L'Europa deve muoversi con la diplomazia», su il manifesto, 1º marzo 2022. URL consultato il 3 marzo 2022.
  59. ^ Fratoianni durissimo: "Governo alimenta clima bellico", su Today. URL consultato il 3 marzo 2022.
  60. ^ A volte ritornano: in Senato ecco il gruppo C.A.L. con Partito Comunista e Idv, su Dire.it, 3 maggio 2022. URL consultato il 3 maggio 2022.
  61. ^ Senato della Repubblica, su Sinistra Italiana. URL consultato il 3 maggio 2022.
  62. ^ Domani, Congresso di Articolo 1, il futuro è nel Pd ma nessuno lo può dire. URL consultato il 27 aprile 2022.
  63. ^ Domani, Ecco perché lascio Art.1 e aderisco a Sinistra italiana. URL consultato il 19 maggio 2022.
  64. ^ AMP | Anche la colomba arcobaleno nel simbolo unitario di Verdi e Sinistra italiana per le politiche, su www.rainews.it. URL consultato il 26 luglio 2022.
  65. ^ a b Parties and Elections in Europe, su www.parties-and-elections.eu. URL consultato il 29 agosto 2022.
  66. ^ a b di Alberto Sofia, Europee, debutta "La Sinistra". Fratoianni: "Noi contro politiche di austerity. Alla flat tax preferiamo la patrimoniale" - Il Fatto Quotidiano, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  67. ^ a b c d (EN) Ecco la nuova sinistra italiana. Fratoianni: “Puntiamo su patrimoniale e riduzione dell’orario di lavoro”, su Tiscali Notizie. URL consultato il 29 agosto 2022.
  68. ^ Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario. Adesso è il momento del coraggio, su HuffPost Italia, 5 maggio 2020. URL consultato il 29 agosto 2022.
  69. ^ Recovery plan, nell'ultima versione cancellato il salario minimo legale, su la Repubblica. URL consultato il 29 agosto 2022.
  70. ^ https://www.ildubbio.news/ildubbio/2022/02/18/lavoro-fratoianni-in-parlamento-proposta-salario-minimo-cosa-aspettiamo/
  71. ^ a b c d Documenti politici approvati dal 2º Congresso nazionale di Sinistra Italiana, su Sinistra Italiana. URL consultato il 29 agosto 2022.
  72. ^ Fratoianni: "Recovery FUnd, mettiamo al centro scuola, ricerca, sanità pubblica, transizione ecologica", su Politica News. URL consultato il 29 agosto 2022.
  73. ^ Home, su Nurse Times. URL consultato il 29 agosto 2022.
  74. ^ redazione, Fratoianni (Leu): avremmo preferito fosse aggiunta la parola "Pubblica" a Istruzione, su Orizzonte Scuola Notizie, 4 marzo 2020. URL consultato il 29 agosto 2022.
  75. ^ a b redazione, Nicola Fratoianni (Sinistra Italiana): in questi anni si è speso troppo poco per scuola e università, su Orizzonte Scuola Notizie, 10 settembre 2019. URL consultato il 29 agosto 2022.
  76. ^ Povertà e immigrazione, Sinistra italiana ribalta i luoghi comuni, su la Repubblica, 19 ottobre 2017. URL consultato il 29 agosto 2022.
  77. ^ https://mobile.twitter.com/nfratoianni/status/1481267032373006341, su Twitter. URL consultato il 29 agosto 2022.
  78. ^ [fb://feed/ Accedi a Facebook], su Facebook. URL consultato il 29 agosto 2022.
  79. ^ Fratoianni: "Buoni propositi per il 2022? Salario minimo e no a Berlusconi al Quirinale", su Globalist, 3 gennaio 2022. URL consultato il 29 agosto 2022.
  80. ^ Pineto, la Sinistra Italiana con Fratoianni presenta la Next Generation Tax, su ekuonews.it, 28 novembre 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  81. ^ Scuola: Fratoianni,distanziamento si fa senza classi pollaio | ANSA.it, su www.ansa.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  82. ^ Fratoianni a Pineto per la patrimoniale, su Il Centro. URL consultato il 29 agosto 2022.
  83. ^ Fratoianni (LeU): “Vi spiego perché l’università gratuita è un’idea di sinistra”, su Fanpage. URL consultato il 29 agosto 2022.
  84. ^ Fratoianni: Università è diritto universale, non servizio alla persona, su Sinistra Italiana. URL consultato il 29 agosto 2022.
  85. ^ https://m.politicanews.it/amp/politica-social/fratoianni-si-eliminare-contratti-pirata-e-tirocini-gratuiti-64037
  86. ^ a b L’occasione di una svolta, su la Sinistra quotidiana. URL consultato il 29 agosto 2022.
  87. ^ redazione, Mattarella: sostenere la ricerca. Fratoianni (SI): Governo accolga appello PdR e assuma 10mila ricercatori, su Orizzonte Scuola Notizie, 23 ottobre 2017. URL consultato il 29 agosto 2022.
  88. ^ Istat: 4,6 mln di persone in povertà assoluta, record dal 2005. Fratoianni: Finiti gli spot di Palazzo Chigi, irrompe la realtà drammatica, su Sinistra Ecologia Libertà. URL consultato il 29 agosto 2022.
  89. ^ Reddito cittadinanza, Fratoianni: "Continua caccia ai poveracci da parte di chi ha grandi stipendi" | Video - Affaritaliani.it, su www.affaritaliani.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  90. ^ Mario Piromallo, Fratoianni, Sinistra Italiana: 1.000 morti sul lavoro in 10 mesi, su nordmilanotizie, 30 novembre 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  91. ^ Fratoianni (Sinistra Italiana): “Contro la violenza servono politiche concrete, no retorica” | Video - Affaritaliani.it, su www.affaritaliani.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  92. ^ Fratoianni: "Saman ha pagato il prezzo dell'emancipazione, basta patriarcato", su Globalist, 7 giugno 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  93. ^ https://verdisinistra.it/programma-alleanza-verdi-e-sinistra/
  94. ^ Sinistra Italiana, su www.facebook.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  95. ^ Nicola Fratoianni, su www.facebook.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  96. ^ Sinistra italiana presenta legge di iniziativa popolare per una nuova patrimoniale. Fratoianni: "Raccoglieremo le firme anche in spiaggia", su la Repubblica. URL consultato il 29 agosto 2022.
  97. ^ Fratoianni a Fanpage: “Serve patrimoniale progressiva, sproporzione della ricchezza insopportabile”, su Fanpage. URL consultato il 29 agosto 2022.
  98. ^ https://cronachedi.it/2020/04/10/fratoianni-bene-la-proposta-del-pd-ma-meglio-la-patrimoniale-sulle-grandi-ricchezze/
  99. ^ Chi ha paura della tassa sulla ricchezza? – Nicola Fratoianni, su nicolafratoianni.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  100. ^ Delocalizzazioni, depositata alla Camera la proposta di legge scritta con i lavoratori della Gkn, su Il Fatto Quotidiano, 5 novembre 2021. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  101. ^ a b Sulla lotta all'evasione fiscale sto con Conte - HuffPost Italia, su www.huffingtonpost.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  102. ^ https://www.oltre.tv/abolire-il-contante-costi-pagare-cartamoneta/amp/
  103. ^ Fratoianni: "Questioni come l'eutanasia devono essere oggetto di una legislazione", su Politica News. URL consultato il 29 agosto 2022.
  104. ^ https://mobile.twitter.com/nfratoianni/status/757561906425200640, su Twitter. URL consultato il 29 agosto 2022.
  105. ^ Manovra: Fratoianni, 'su cannabis ennesimo atto ipocrisia', su www.iltempo.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  106. ^ Unioni civili, in piazza a Roma il popolo arcobaleno: "La battaglia continua", su la Repubblica, 5 marzo 2016. URL consultato il 29 agosto 2022.
  107. ^ Fratoianni difende il ddl Zan: "Troppi giovani vengono aggrediti per omotransfobia, serve una legge", su Globalist, 14 luglio 2020. URL consultato il 29 agosto 2022.
  108. ^ Gazzetta di Parma - Archivio null, su www.gazzettadiparma.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  109. ^ Pillola abortiva: a Perugia le donne in piazza contro la decisione dell'Umbria di prevedere il ricovero per chi assuma la Ru486, su la Repubblica. URL consultato il 29 agosto 2022.
  110. ^ Umbria vieta aborto farmacologico, Fratoianni: "La Destra italiana non ha alcun rispetto per le donne", su Globalist, 16 giugno 2020. URL consultato il 29 agosto 2022.
  111. ^ Silvia Seminati, La deputata Guia Termini (ex Movimento 5 Stelle) firma la «gravidanza solidale», su Corriere della Sera, 15 aprile 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  112. ^ Matricole sulle divise, Sinistra italiana ci riprova - Adnkronos.com, su www.adnkronos.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  113. ^ I codici identificativi per la polizia sono ancora lontani, su Pagella Politica. URL consultato il 29 agosto 2022.
  114. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/08/28/gay-it-stila-la-classifica-dei-partiti-piu-attenti-alle-istanze-della-comunita-lgbtqi-in-alto-m5s-si-verdi-e-europa-zero-punti-per-la-destra/6776910/amp/
  115. ^ https://www.lastampa.it/speciale/politica/elezioni-politiche-2022/2022/08/26/news/elezioni_politiche_2022_voto_diritti_lgbtq_cosa_ce_nei_programmi_dei_partiti-7469372/
  116. ^ https://twitter.com/nfratoianni/status/1142804807532666880, su Twitter. URL consultato il 29 agosto 2022.
  117. ^ Ucraina, Fratoianni (Si): "Aumentare spese militari è immorale", su Trieste Cafe. URL consultato il 29 agosto 2022.
  118. ^ Una nuova stagione. Questo chiediamo... - Nicola Fratoianni, su www.facebook.com. URL consultato il 29 agosto 2022.
  119. ^ Fratoianni spinge per Ius Soli e Ius Culturae: "Chi nasce e chi cresce in Italia è italiano", su Globalist, 2 gennaio 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  120. ^ Le condizioni di Leu. Fratoianni: "Via i decreti Sicurezza, basta bloccare barconi", su HuffPost Italia, 9 settembre 2019. URL consultato il 29 agosto 2022.
  121. ^ Fratoianni: "Giusta richiesta Bellanova su regolarizzazione migranti", su Politica News. URL consultato il 29 agosto 2022.
  122. ^ Fratoianni attacca Salvini: "Il suo è stato un approccio miserabile sull'accoglienza degli afghani", su Globalist, 18 agosto 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  123. ^ Fratoianni (Si): "Garantire cordoni umanitari" | Video - Affaritaliani.it, su www.affaritaliani.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  124. ^ Ucraina: Fratoianni, no ad aumento spese militari Italia, risorse servono per sanità, scuola e ambiente, su Agenzia Nova. URL consultato il 29 agosto 2022.
  125. ^ Accedi a Facebook, su Facebook. URL consultato il 3 marzo 2022.
  126. ^ Fratoianni a Fanpage: “Solo Renzi non capisce che un senatore non può essere pagato da stati esteri”, su Fanpage. URL consultato il 29 agosto 2022.
  127. ^ Scandaloso non è Renzi, ma la legge sul finanziamento privato ai partiti, su Sinistra Italiana. URL consultato il 29 agosto 2022.
  128. ^ Caso Renzi-Arabia, no a soldi da fondi sovrani ai partiti politici. Alla Camera la proposta di legge di Sinistra italiana, su la Repubblica, 22 aprile 2021. URL consultato il 29 agosto 2022.
  129. ^ Per Nicola Fratoianni, il proporzionale è la terapia per la crisi della democrazia italiana, su www.linkiesta.it. URL consultato il 29 agosto 2022.
  130. ^ Assemblea nazionale votata dal 2° Congressio nazionale di Sinistra Italiana, su Sinistra Italiana. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  131. ^ Marco Grimaldi | HuffPost, su www.huffingtonpost.it. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  132. ^ Fiammetta Rosso nuovo coordinatore regionale di Sinistra Italiana, su Torino Oggi, 21 marzo 2021. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  133. ^ Sinistra Italiana Toscana, Alessia Petraglia eletta coordinatrice regionale, su gonews.it, 23 febbraio 2021. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  134. ^ Ita, Sinistra Italiana Fiumicino-Lazio: "Tutelare ogni singolo posto di lavoro", su Il Faro Online, 11 settembre 2021. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  135. ^ Giampaolo Cirronis, Salvatore Multinu è stato eletto all'unanimità coordinatore regionale di Sinistra Italiana, su Sardegna, 5 marzo 2021. URL consultato il 27 ottobre 2021.
  136. ^ Unione dei giovani di Sinistra, su unionedeigiovanidisinistra.it.
  137. ^ PRESENTAZIONE FEDERAZIONE GIOVANILE UNIONE DEI GIOVANI DI SINISTRA (PDF), su sinistraitaliana.si.
  138. ^ Corrado Fioretti (Sinistra Italiana) ospite alla prima Assemblea Nazionale dell'Unione dei Giovani di Sinistra, su corriereelorino.it.
  139. ^ Vogliamo la luna, su ilmanifesto.it.
  140. ^ Camera, nasce nuovo gruppo parlamentare di Possibile e Sinistra Italiana. Fratoianni: insieme per cambiare il Paese - Sinistra Italiana, in Sinistra Italiana. URL consultato il 4 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]