Eleonora Evi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eleonora Evi
Debate on Climate Change - with Elenore EVI (EFDD) (47315027412) (cropped).jpg

Co-portavoce di Europa Verde
In carica
Inizio mandato 10 luglio 2021
Cotitolare Angelo Bonelli
Predecessore Elena Grandi-Matteo Badiali

Eurodeputata
In carica
Inizio mandato 1º luglio 2014
Legislature VIII, IX
Gruppo
parlamentare
EFDD (2014-2019)
NI (2019-2020)
Verdi/ALE (dal 2020)
Circoscrizione Italia nord-occidentale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Europa Verde (dal 2021)
In precedenza:
M5S (2013-2020)
Indipendente (2020-2021)
Titolo di studio Laurea in design dei servizi
Università Politecnico di Milano
Professione Designer

Eleonora Evi (Milano, 20 novembre 1983) è una politica italiana, dal 2014 europarlamentare e dal 2021 è co-portavoce nazionale di Europa Verde insieme ad Angelo Bonelli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Milano, dopo la maturità scientifica studia Disegno industriale con una laurea triennale al Politecnico di Milano nel 2005, quindi consegue una laurea in Design dei servizi nel 2008 sempre al Politecnico, infine prende un master in Design strategico nel 2012.

Designer freelance, per cinque anni è responsabile delle relazioni internazionali e coordinatrice didattica di corsi e master presso un ente di formazione nel campo del design.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2013 è candidata alle elezioni regionali in Lombardia con il Movimento 5 Stelle nella circoscrizione della Provincia di Milano ottenendo 340 voti, non risultando eletta.

Europarlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 si candida alle elezioni europee con il Movimento 5 Stelle nella circoscrizione Italia nord-occidentale ottenendo 17.927 preferenze, risultando eletta. Cinque anni dopo si candida per un secondo mandato e viene rieletta in prima posizione con 17.067 voti.[1]

Nel dicembre del 2020 decide di lasciare il M5S, per divergenze sul MES e sul PAC, insieme a Piernicola Pedicini, Ignazio Corrao e Rosa D’Amato.[2]

Si iscrive successivamente al gruppo Verdi/ALE insieme appunto ai suoi colleghi usciti dal Movimento 5 Stelle.

Il 12 aprile 2021 aderisce ad Europa Verde[3], e il 10 luglio ne diventa portavoce insieme ad Angelo Bonelli.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]