Elena Fattori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elena Fattori
Elena Fattori datisenato 2018.jpg

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
M5S (fino al 7/11/2019)
Gruppo misto (dal 7/11/2019 al 12/1/2021)
Misto - LeU (dal 12/1/2021 al 28/04/2021 )
Misto (dal 28/04/2021)
Circoscrizione Lazio
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Sinistra Italiana (dal 2021)
In precedenza:
M5S (2010-2019)
Ind. (2019-2021)
Titolo di studio Laurea in scienze biologiche
Università Università degli Studi di Roma La Sapienza
Professione Impiegata

Elena Fattori (Rimini, 15 giugno 1966) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Rimini, vive a Genzano di Roma; madre di tre figli, si è laureata con lode in scienze biologiche presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" nel 1989. Ha conseguito il dottorato (PhD) in biologia molecolare presso l'Università Irchel di Zurigo nel 1994.[1][2]

Dopo essersi laureata, ha lavorato come ricercatrice presso IRBM Science Park di Pomezia sino al 2009.[1]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Entrata nel Movimento 5 Stelle nel 2010,[1] alle elezioni politiche del 2013 viene eletta al Senato della Repubblica, nelle liste del Movimento 5 Stelle nella circoscrizione Lazio. Nella XVII legislatura è stata vicepresidente della Commissione Permanente Agricoltura e Produzione Agroalimentare. Nel settembre 2017 si candida alle elezioni primarie del Movimento 5 Stelle per scegliere il capo politico e candidato premier del partito,[2] in cui giunge seconda dietro a Luigi Di Maio, ottenendo 3.596 voti pari al 9,6%.[3]

Alle elezioni politiche del 2018 è rieletta senatrice. Vicina alle posizioni di Roberto Fico, fa parte della corrente di sinistra del Movimento, cosiddetta ortodossa, critica nei confronti del leader Luigi Di Maio.[4] Il 7 novembre 2018 non partecipa al voto di fiducia sul decreto sicurezza del Ministro dell'Interno Matteo Salvini, dichiarandosi contraria alle misure in esso contenute.[5]

Nel novembre 2019 lascia il M5S per passare al Gruppo misto[6] mentre nel dicembre 2019 è tra i 64 firmatari per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari.[7]

Nel gennaio 2021 aderisce alla componente del Gruppo misto Liberi e Uguali.[8] Il 15 febbraio annuncia, in dissenso rispetto al proprio gruppo parlamentare, che non voterà la fiducia al Governo Draghi.[9] Il 26 febbraio, insieme a Paola Nugnes, annuncia la sua adesione a Sinistra Italiana.[10] Due mesi dopo lascia la componente di LeU.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Medioevo in Parlamento. Vaccini, Stamina, sperimentazione animale. Perché la politica sta boicottando la scienza, Milano, BUR, 2019 ISBN 9788817117845
  • Prove tecniche di estinzione, autrici Elena Fattori, Valeria Poli, Carolina Sellitto, Milano Ed. People

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ecco chi è Elena Fattori: senatrice del Movimento 5 Stelle nel Lazio, su romatoday.it, Roma Today, 26 febbraio 2013. URL consultato il 20 settembre 2017.
  2. ^ a b Alessia Arcolaci, Primarie M5s, la candidata Elena Fattori: «Di Battista premier? Non è adatto, e poi ora sta per diventare padre...», su vanityfair.it, Vanity Fair, 19 settembre 2017. URL consultato il 20 settembre 2017.
  3. ^ Simona Casalini e Alberto Custodero, M5s, Di Maio eletto candidato premier e nuovo capo politico. Ma alle primarie votano solo in 37 mila, la Repubblica, 23 settembre 2017. URL consultato il 24 settembre 2017.
  4. ^ Da Nugnes a De Falco: ecco i nomi di tutti i dissidenti grillini, in ilGiornale.it. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  5. ^ Claudio Bozza, De Falco, Nugnes, Fattori, Mantero e La Mura. Chi sono i dissidenti M5S e perché sono contro il decreto sicurezza, in Corriere della Sera. URL consultato il 7 novembre 2018.
  6. ^ "Abbandonata dal M5S", Elena Fattori passa al Misto, su adnkronos.com, 7 novembre 2019. URL consultato l'8 novembre 2019.
  7. ^ Taglio parlamentari, Forza Italia guida la coalizione dei salva-poltrone. Firmano per il referendum pure 7 Pd, 3 M5S e due renziani, su ilfattoquotidiano.it, 18 dicembre 2019. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  8. ^ senato.it - Scheda di attività di Elena FATTORI - XVIII Legislatura, su senato.it. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  9. ^ Le ex M5s Nugnes e Fattori stanno con Sinistra italiana: “Voteremo no alla fiducia a Draghi. Il governo è molto posizionato a destra”, su ilfattoquotidiano.it, 15 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  10. ^ Senato, le ex-grilline Paola Nugnes ed Elena Fattori aderiscono a sinistra italiana, su repubblica.it, 26 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]