Gaetano Manfredi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaetano Manfredi
Gaetano Manfredi 2020.jpg

Ministro dell'università e della ricerca
Durata mandato 10 gennaio 2020 –
13 febbraio 2021
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Lorenzo Fioramonti[1]
Successore Maria Cristina Messa

Presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane
Durata mandato 1º ottobre 2015 –
10 gennaio 2020
Predecessore Stefano Paleari
Successore Lucio d'Alessandro (ad interim)

Rettore dell'Università degli Studi di Napoli Federico II
Durata mandato 1º novembre 2014 –
10 gennaio 2020
Predecessore Massimo Marrelli
Successore Matteo Lorito

Dati generali
Partito politico Indipendente di centro-sinistra
Titolo di studio Laurea in ingegneria
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione Ingegnere; Professore universitario

Gaetano Manfredi (Ottaviano, 4 gennaio 1964) è un ingegnere, accademico e politico italiano, rettore dell'Università degli studi di Napoli Federico II dal 2014 al 2020, dove ha ricoperto anche l'incarico di Presidente della CRUI dal 2015, e ministro dell'università e della ricerca dal 10 gennaio 2020 al 13 febbraio 2021 nel governo Conte II.

Si candida a sindaco di Napoli alle elezioni comunali del 2021.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 4 gennaio 1964 a Ottaviano, in provincia di Napoli, si è laureato nel 1988 alla facoltà di ingegneria con 110/110 e lode presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, dove nel 1998 viene nominato professore di tecnica delle costruzioni[3]; il 1º novembre 2014 ne diventa rettore nel medesimo ateneo.[4]

Nel 2015 viene eletto presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), riconfermato poi nel 2018, e in questa veste si è sempre battuto a difesa dell'università e della ricerca[5][6]. La sua attività di ricerca è volta principalmente all'ingegneria sismica[7]. È stato membro del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e della Commissione Grandi Rischi della Protezione civile. Autore o curatore di numerosi libri e di oltre 400 lavori scientifici, ha coordinato numerosi progetti di ricerca nazionali e internazionali e partecipato alle attività di autorevoli associazioni nazionali e internazionali di carattere scientifico e normativo.[3][7]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Consigliere della funzione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2006 e il 2008 è stato consigliere tecnico del Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione Luigi Nicolais, durante il secondo governo presieduto da Romano Prodi.[4]

Ministro dell'università e della ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 dicembre 2019 viene designato come Ministro dell'università e della ricerca nel governo Conte II, in sostituzione del dimissionario Lorenzo Fioramonti[6]. Il 10 gennaio 2020 entra in carica, giurando nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, cessando quindi dall'incarico di Rettore, le cui funzioni vengono assunte dal prorettore Arturo De Vivo[8]. Mantiene l'incarico al MUR fino al 13 febbraio 2021; durante questo periodo ha supervisionato la risposta alla pandemia di COVID-19 in relazione alle università italiane, implementando in via precauzionale le lezioni online agli studenti nelle aree chiave più colpite dalla pandemia a partire dal 2 marzo.[9][10]

Sempre da Ministro, ha presentato un progetto di riforma, composto da più fasi e approvato dal Consiglio dei ministri, che prevede l'abolizione dell'esame di stato per svolgere la professione di: biologo, architetto, farmacista, veterinario, psicologo e dentista, semplificando le modalità di accesso all’esercizio delle professioni, accorciando i tempi durante gli anni universitari e l'introduzione della laurea magistrale a ciclo unico in Odontoiatria e protesi dentaria, in Farmacia e farmacia industriale, in Medicina veterinaria, in Psicologia.[11]

Candidatura a sindaco di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni amministrative italiane del 2021 § Napoli.

In vista delle elezioni amministrative del 2021, il 18 maggio declina, in una lettera, la propria intenzione di correre alla carica di primo cittadino a Palazzo San Giacomo, a causa del dissesto finanziario in cui versano le casse del Comune[12]. Ma il 27 maggio 2021, Giuseppe Conte invia una lettera al Corriere della Sera in cui illustra il "Patto per Napoli", annunciando contestualmente la candidatura di Manfredi a sindaco di Napoli, ufficializzata dal medesimo in occasione della Festa della Repubblica, e venendo appoggiato dal Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Articolo Uno, Sinistra Italiana, Partito Socialista Italiano, Partito Repubblicano Italiano e Moderati, ed elogiato dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.[2][13][14][15]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con il medico Cettina Del Piano, con la quale ha avuto una figlia: Sveva. Ha anche un fratello minore: Massimiliano, politico che è stato deputato alla Camera dal 2013 al 2018.[4]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Le nuove palazzine a Cese di Preturo, realizzate dopo il terremoto dell'Aquila del 2009 nell'ambito del Progetto C.A.S.E. ("città nuova")

Falso nei collaudi effettuati a L'Aquila (Prosciolto)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura de L'Aquila, assieme ad altre trentasette persone, per i crolli verificatisi nella "città nuova" a Cese di Preturo, costruita dopo il terremoto del 2009[16]; Manfredi faceva parte della commissione di collaudo delle costruzioni per le opere realizzate[17][18]. In particolare, Manfredi è stato accusato di falso ideologico in atto pubblico, poiché avrebbe attestato la conformità dell'opera realizzata alla legge, al contratto e ai progetti, collaudando un'opera, invece, non a norma.[17][19]

L'udienza preliminare del procedimento è stata prevista per febbraio 2020[20], data in cui sarebbe intervenuta la prescrizione del reato[18]. La ragione di tali ritardi è da attribuirsi all'errata notificazione alle parti di vari atti del procedimento, nonché alle questioni di competenza, sollevate dalle difese, tra i tribunali de L'Aquila e di Piacenza.[18][19]

Il 23 settembre 2020, dopo l'udienza preliminare, Manfredi viene prosciolto dal GUP assieme ad altri imputati, con sentenza di non luogo a procedere per prescrizione, dall’accusa di disastro e crollo colposo.[21]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Manfredi, Angelo Masi e Rui Pinho, Valutazione degli edifici esistenti in cemento armato, Pavia, Iuss Press, 2007, ISBN 978-88-6198-013-6.
  • Edoardo Cosenza, Gaetano Manfredi e Marisa Pecce, Strutture in cemento armato. Basi della progettazione, 1ª ed., Milano, Hoepli, 2008, ISBN 978-88-203-3929-6.
  • Stefano D'Alfonso, Aldo De Chiara e Gaetano Manfredi, Mafie e libere professioni. Come riconoscere e contrastare l'area grigia, Roma, Donzelli, 2018, ISBN 978-88-6843-779-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istruzione, università e ricerca
  2. ^ a b Conte e Letta annunciano il candidato di Pd-M5s-Leu alle Comunali di Napoli, su Il Fatto Quotidiano, 27 maggio 2021. URL consultato il 3 giugno 2021.
  3. ^ a b Chi è Gaetano Manfredi, il nuovo ministro dell'Università e della Ricerca, su Open, 28 dicembre 2019. URL consultato il 9 giugno 2021.
  4. ^ a b c Università, chi è il nuovo ministro Gaetano Manfredi: ingegnere, guida la Federico II di Napoli e presiede la conferenza dei rettori, in il Fatto Quotidiano, 28 dicembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  5. ^ Marzio Bartoloni, Gaetano Manfredi verso la riconferma alla guida dei rettori italiani, in Il Sole 24 ORE, 14 settembre 2018. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  6. ^ a b Gaetano Manfredi ministro dell'Università e della Ricerca: chi è il rettore della Federico II, in Il Mattino, 28 dicembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  7. ^ a b Gaetano Manfredi ministro dell'università e della ricerca scientifica, su unina.it. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  8. ^ Rettore e Delegati, su unina.it. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  9. ^ Coronavirus, Manfredi, Università: “Da lunedì lezioni on line per gli studenti delle aree colpite, primo passo verso la normalità” - Coronavirus, Manfredi, Università: “Da lunedì lezioni on line per gli studenti delle aree colpite, primo passo verso la normalità”, su Miur - Ministero dell'istruzione - Ministero dell'università e della ricerca. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  10. ^ Università e Coronavirus, Manfredi: “Da lunedì 2 marzo riprendono le lezioni all’università, ma solo online”, su Fanpage. URL consultato il 3 giugno 2021.
  11. ^ Addio esame di stato per psicologi, farmacisti, veterinari e dentisti: la laurea sarà abilitante. Il disegno di legge Manfredi va in Parlamento, su Il Fatto Quotidiano, 18 ottobre 2020. URL consultato il 3 giugno 2021.
  12. ^ Napoli, l'ex ministro Manfredi: "Non mi candido, buco da cinque miliardi". Conte: "Lavoriamo con il Pd per riequilibrio", su Il Fatto Quotidiano, 18 maggio 2021. URL consultato il 3 giugno 2021.
  13. ^ Redazione, Napoli, 10-12 liste per Manfredi: Verdi ancora in dubbio, su Anteprima24.it, 9 giugno 2021. URL consultato il 9 giugno 2021.
  14. ^ Quotidiano Nazionale, Comunali Napoli, centrosinistra con Manfredi: da Art.1 a Italia Viva, su Quotidiano Nazionale, 1622700988528. URL consultato il 4 giugno 2021.
  15. ^ Napoli:De Luca,Manfredi ha grande autorevolezza e competenza - Campania, su Agenzia ANSA, 1º giugno 2021. URL consultato il 4 giugno 2021.
  16. ^ BALCONI C.A.S.E. / Inchiesta balconi Progetto Case: 37 indagati, in Il Capoluogo, 19 ottobre 2015. URL consultato il 29 dicembre 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  17. ^ a b Crolli post terremoto indagati Manfredi Cosenza e Tuccillo, in la Repubblica, 22 ottobre 2015. URL consultato il 28 dicembre 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  18. ^ a b c Giampiero Giancarli, Balconi crollati, salta l’udienza e si avvicina il colpo di spugna, in il Centro, 14 novembre 2019. URL consultato il 29 dicembre 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  19. ^ a b Progetto Case, crollo balconi verso prescrizione, in Il Capoluogo, 14 novembre 2019. URL consultato il 29 dicembre 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  20. ^ Luca Sablone, Gaetano Manfredi, il ministro imputato per materiali usati nel post-sisma in Abruzzo, in Il Giornale, 29 dicembre 2019. URL consultato il 29 dicembre 2019 (archiviato il 29 dicembre 2019).
  21. ^ Prosciolto il ministro Gaetano Manfredi. Era indagato per disastro e crollo colposo dopo il collaudo delle case post-sisma de L'Aquila, su Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2020. URL consultato il 3 giugno 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro dell'università e della ricerca della Repubblica Italiana Successore MinisteroIstruzione.png
Lorenzo Fioramonti (Istruzione, università e ricerca) 10 gennaio 2020 - 12 febbraio 2021 Maria Cristina Messa
Predecessore Rettore dell'Università degli Studi di Napoli Federico II Successore Napoli university seal alfachannel.png
Massimo Marrelli 1º novembre 2014 - 10 gennaio 2020 Arturo De Vivo (f. f.)
Controllo di autoritàVIAF (EN51917048 · ISNI (EN0000 0000 3375 3480 · LCCN (ENn2001016178 · ORCID (EN0000-0002-4860-4511 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001016178