Roberto Lagalla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Lagalla

Sindaco di Palermo
In carica
Inizio mandato 20 giugno 2022
Predecessore Leoluca Orlando

Sindaco metropolitano di Palermo
In carica
Inizio mandato 20 giugno 2022
Predecessore Leoluca Orlando

Assessore all'Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Siciliana
Durata mandato 29 novembre 2017 –
29 marzo 2022
Presidente Nello Musumeci
Predecessore Nella Scilabra
Successore Nello Musumeci (ad interim)

Assessore alla Sanità della Regione Siciliana
Durata mandato 7 luglio 2006 –
29 febbraio 2008
Presidente Salvatore Cuffaro
Predecessore Giovanni Pistorio
Successore Agata Consoli (interim)

Rettore dell'Università degli Studi di Palermo
Durata mandato 1º novembre 2008 –
31 ottobre 2015
Predecessore Giuseppe Silvestri
Successore Fabrizio Micari

Dati generali
Partito politico Idea Sicilia (dal 2017)[1]
Unione di Centro (dal 2021)[2]
Titolo di studio Laurea in medicina e chirurgia
Università Università degli Studi di Palermo
Professione Medico radiologo, docente universitario

Roberto Lagalla (Bari, 16 aprile 1955) è un politico, medico e accademico italiano, sindaco di Palermo e della sua città metropolitana dal 20 giugno 2022[3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 16 aprile 1955 a Bari, all'età di due anni si trasferisce a Palermo, dove cresce e consegue, nel 1979, la laurea in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Palermo, specializzandosi in radiologia, diagnostica e radioterapia oncologica nel 1983.[4]

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 è assistente di radiologia, e diventa quindi professore ordinario all'ateneo del capoluogo siciliano, in "diagnostica per immagini e radioterapia". Nel giugno 2001 diviene direttore dell' unità operativa di Radiologia del Policlinico universitario.

Tra il settembre 2001 e il maggio 2006 è anche Presidente del Polo universitario della Provincia di Agrigento.[5]

Dell'università di Palermo viene eletto rettore nel 2008, e lo resta fino al 2015.[4]

Assessore regionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le elezioni regionali del 2006 viene nominato assessore regionale con delega alla salute nella nuova giunta guidata da Salvatore Cuffaro,[5][6] e si avvicina all'Udc. Dopo le dimissioni del presidente della Regione, sostituito da Lino Leanza, si dimette nel febbraio 2008, per candidarsi a rettore. [7]

Nel marzo 2017 fonda il movimento politico "Idea Sicilia", in vista delle elezioni regionali del novembre di quell'anno, movimento che si presenta in una lista unica insieme a Cantiere Popolare e Movimento per le Autonomie denominata "Popolari e Autonomisti", a sostegno dell'ex presidente della Provincia di Catania Nello Musumeci, venendo eletto nella circoscrizione di Palermo, con 8.158 preferenze, deputato all'Assemblea Regionale Siciliana (ARS).[8][9]

Dal 29 novembre 2017 ha ricoperto la carica di assessore regionale con delega all’Istruzione e alla formazione professionale nella giunta Musumeci[10][11], dove nel settembre 2021 aderisce all'UdC di Lorenzo Cesa.[12][13]

Il 31 marzo 2022, si dimette dall'incarico di governo al fine di candidarsi come sindaco di Palermo.

Sindaco di Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni amministrative in Italia del 2022 § Palermo.

In vista delle elezioni amministrative del 2022, il 15 marzo 2022 annuncia ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Palermo[14], che è stata appoggiata, a seguito di lunghe discussioni[15][16][17], dall'intera coalizione di centro-destra.[18][19] Viene eletto al primo turno con il 47,68%[20], prevalendo sui candidati Franco Miceli, di centro-sinistra e 5 Stelle (29,55%) e Fabrizio Ferrandelli, di Azione e +Europa (14,2%).[21][22]

Entra in carica il 20 giugno successivo,[3] succedendo a Leoluca Orlando e diventando il quarto primo cittadino di Palermo, dopo Emanuele Paternò, Salvatore Di Marzo e Gioacchino Scaduto, con un passato da rettore dell'università cittadina.

Il 23 giugno annuncia le sue dimissioni da deputato regionale per incompatibilità con la carica di sindaco di Palermo, dimissioni che diventano effettive il 30 giugno.[23]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative a Palermo del 2022 alcune testate giornalistiche rendono pubblico il fatto che la moglie di Lagalla, Maria Paola Ferro, è nipote di Antonio Ferro, boss di spicco della mafia agrigentina, considerato il patriarca di un clan di Canicattì legato ai Corleonesi.[24][25]

Nonostante Lagalla abbia preso le distanze dalla famiglia della moglie, la diffusione di tale notizia ha contribuito ad alimentare la controversia secondo cui egli sarebbe legato al mondo mafioso, già alimentata dall'appoggio dato precedentemente alla sua candidatura da Salvatore Cuffaro (ex presidente della Regione Siciliana, condannato definitivamente per favoreggiamento personale verso persone appartenenti a Cosa nostra, per il quale Lagalla è stato assessore durante la XIV legislatura dell'ARS) e da Marcello Dell'Utri (ex parlamentare palermitano condannato a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa).[26][27]

Ha creato scalpore inoltre la sua assenza in occasione della commemorazione del trentennale della strage mafiosa di Capaci a Palermo, alla quale non ha preso parte, a detta sua, al fine di evitare tensioni e ulteriori polemiche oltre a quelle scatenate dall'appoggio datogli da Dell'Utri e Cuffaro.[28][29]

Il giorno dopo la sua proclamazione a sindaco, al fine di evitare ulteriori controversie in merito a dei suoi legami con il mondo mafioso, si reca a rendere omaggio a un monumento palermitano in onore delle vittime della lotta alla mafia[30][31], venendo successivamente ringraziato da Maria Falcone[32], che in precedenza lo aveva criticato per la sua vicinanza a Cuffaro e Dell'Utri.[33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nasce "Idea Sicilia", tra i fondatori l'ex rettore dell'Università di Palermo, Lagalla, su GrandangoloAgrigento, 17 marzo 2017. URL consultato il 7 maggio 2022.
  2. ^ L'assessore regionale Lagalla aderisce all'Udc di Cesa, su lasicilia.it. URL consultato il 7 maggio 2022.
  3. ^ a b Roberto Lagalla proclamato sindaco di Palermo, su Repubblica TV - Repubblica, 20 giugno 2022. URL consultato il 20 giugno 2022.
  4. ^ a b Biografia – Roberto Lagalla, su robertolagalla.it. URL consultato il 4 maggio 2022.
  5. ^ a b Roberto Lagalla | Regione Siciliana, su regione.sicilia.it. URL consultato il 4 maggio 2022.
  6. ^ Governi precedenti | ARS, su ars.sicilia.it. URL consultato il 7 maggio 2022.
  7. ^ Repubblica.it
  8. ^ Lagalla Roberto | ARS, su www.ars.sicilia.it. URL consultato il 18 giugno 2022.
  9. ^ Regionali, Lagalla: "Elettori hanno premiato nostro progetto", su PalermoToday. URL consultato il 4 maggio 2022.
  10. ^ Lagalla lascia l'assessorato e incassa l'endorsement di Musumeci nella corsa a sindaco, su PalermoToday. URL consultato il 4 maggio 2022.
  11. ^ Sicilia: Lagalla firma dimissioni da governo Musumeci - Sicilia, su Agenzia ANSA, 29 marzo 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  12. ^ Lagalla aderisce all'Udc, Ficarra e Aiello: "Papabile e autorevole candidato a sindaco da proporre al centrodestra", su PalermoToday. URL consultato il 18 giugno 2022.
  13. ^ manlioviola, Il doppio salto mortale di Roberto Lagalla, candidato sindaco con annessa adesione e segreteria Udc, su BlogSicilia - Ultime notizie dalla Sicilia, 29 settembre 2021. URL consultato il 18 giugno 2022.
  14. ^ Lagalla si dimette da assessore e si candida sindaco: "Il mio partito è Palermo, serve governo di salute pubblica", su PalermoToday. URL consultato il 4 maggio 2022.
  15. ^ Manovre nel centrodestra, contatti Udc-Fdi: Giorgia Meloni fa un pensierino su Lagalla, su PalermoToday. URL consultato il 7 maggio 2022.
  16. ^ Centrodestra, fumata nera su Lagalla al vertice dell'hotel delle Palme: oggi nuovi colloqui, su PalermoToday. URL consultato il 7 maggio 2022.
  17. ^ Sindaco di Palermo, il centrodestra prova a trovare l'unità su Lagalla. Miccichè: «Accordo vicino», su Giornale di Sicilia. URL consultato il 7 maggio 2022.
  18. ^ Palermo, Cascio e Lentini si ritirano dalla corsa a sindaco. Centrodestra compatto su Lagalla, su Giornale di Sicilia. URL consultato il 4 maggio 2022.
  19. ^ Palermo:Fi,Cascio rinuncia a candidatura, sosteniamo Lagalla - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 4 maggio 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  20. ^ A Palermo inizia l’era Lagalla “Sindaco di tutti, Comune balcone per città”, su BlogSicilia - Ultime notizie dalla Sicilia, 20 giugno 2022. URL consultato il 24 giugno 2022.
  21. ^ Roberto Lagalla è il nuovo sindaco di Palermo: successo dirompente del centro-destra, su StrettoWeb, 13 giugno 2022. URL consultato il 13 giugno 2022.
  22. ^ Elezioni 2022, risultati definitivi sindaco: Lagalla trionfa al primo turno con il 47,6%, su Palermo Today, 14 giugno 2022. URL consultato il 14 giugno 2022.
  23. ^ gaetano scariolo, Lagalla si dimette da deputato Ars, attesa per Cannata, "pronta a farlo", su BlogSicilia - Ultime notizie dalla Sicilia, 23 giugno 2022. URL consultato il 24 giugno 2022.
  24. ^ Elezioni Palermo, il candidato di centrodestra e quel parente (acquisito) mafioso: "Nessuna frequentazione". Morra: "Bastava dirlo subito", su Il Fatto Quotidiano, 21 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  25. ^ manlioviola, Corsa a sindaco, le parentele scomode di Lagalla e l'allarme voto di scambio lanciato da Ferrandelli, su BlogSicilia - Ultime notizie dalla Sicilia, 22 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  26. ^ Comunali a Palermo, il lavoro strategico di Dell'Utri e Cuffaro dietro la convergenza del centrodestra su Roberto Lagalla, su Il Fatto Quotidiano, 6 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  27. ^ Il sostegno di Cuffaro e Dell'Utri a Lagalla, Maria Falcone: "Chi vuol fare il sindaco ripudi gli impresentabili", su PalermoToday. URL consultato il 30 maggio 2022.
  28. ^ Lagalla diserta la commemorazione: «Non esporrò Palermo a potenziali violenze», su Giornale di Sicilia. URL consultato il 22 giugno 2022.
  29. ^ Palermo, il 23 maggio dei candidati sindaco: Lagalla sceglie di non andare, su L'Opinione della Sicilia, 23 maggio 2022. URL consultato il 22 giugno 2022.
  30. ^ Lagalla rende omaggio con una corona di fiori alle vittime di mafia: scatta la contestazione, su PalermoToday. URL consultato il 22 giugno 2022.
  31. ^ Palermo, Lagalla depone fiori al monumento vittime di mafia: "Per chiudere le polemiche", su Giornale di Sicilia. URL consultato il 22 giugno 2022.
  32. ^ Maria Falcone: "Apprezzo l’omaggio che il sindaco Lagalla ha voluto rendere alle vittime della mafia", su PalermoToday. URL consultato il 22 giugno 2022.
  33. ^ Trent'anni da Capaci, Maria Falcone: "Lagalla prenda le distanze da Dell'Utri e Cuffaro, non sono limpidi". E lui non va alla manifestazione, su Il Fatto Quotidiano, 23 maggio 2022. URL consultato il 22 giugno 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sindaco di Palermo Successore Palermo-Stemma.svg
Leoluca Orlando dal 20 giugno 2022 in carica
Predecessore Sindaco metropolitano di Palermo Successore Provincia di Palermo-Stemma.svg
Leoluca Orlando dal 20 giugno 2022 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN311341888 · SBN CFIV033016 · NSK (HR000010232 · WorldCat Identities (ENviaf-311341888