Cantiere Popolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cantiere Popolare
PresidenteFrancesco Saverio Romano
StatoItalia Italia
Fondazione4 gennaio 2012
IdeologiaCristianesimo democratico,
Regionalismo
CollocazioneCentro-destra
CoalizioneCoalizione di centro-destra (2018)
Seggi Camera
0 / 630
Seggi Senato
0 / 315
Seggi Consiglio regionale
2 / 70
Sito web

Cantiere Popolare è un partito politico italiano di orientamento democristiano, attivo essenzialmente in Sicilia e ispirato al regionalismo di matrice sturziana.

La sua nascita è stata resa possibile dall'unione di diversi soggetti: i Popolari di Italia Domani di Francesco Saverio Romano, Azione Popolare di Silvano Moffa, il Movimento Cristiano Lavoratori di Carlo Costalli ed il Patto Cristiano Esteso di Massimo Ripepi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Verso il Partito Popolare Europeo: Cantiere Popolare[modifica | modifica wikitesto]

La prima concreta proposta riguardante l'esperienza di "una costola italiana del Partito Popolare Europeo" si manifesta il 25 luglio 2011, precisamente durante un convegno che si svolge nella sala Capranichetta a Piazza Montecitorio, a Roma[1][2].

Obiettivo dell'iniziativa, secondo l'allora capogruppo di Popolo e Territorio Moffa, è "recuperare un sistema di valori solido che sia da base dell'azione politica: famiglia tradizionale, territorio e autonomie locali, ideologia. Sembra utopistico, tuttavia il destino della democrazia è nel primato della politica"[3].

Il 4 gennaio 2012, dopo una fase di dibattiti e riflessioni, viene annunciato il nuovo soggetto[4].

Le elezioni amministrative del 2012[modifica | modifica wikitesto]

Il debutto avviene, inevitabilmente, in occasione delle elezioni amministrative del 6-7 maggio; a Palermo la scelta ricade sulla deputata regionale Maria Anna Caronia, candidata alla carica di sindaco e appoggiata anche da Amo Palermo, DC, UDEUR e Partito Tradizional Popolare - Noi Sud.

Negli altri comuni siciliani il Cantiere Popolare ottiene: il 7,14% ad Agrigento, l'8,72% a Barcellona Pozzo di Gotto, l'8,90% a Castelvetrano, il 9,03% a Sciacca, l'11,82% ad Aragona, il 12,58% ad Avola.

A Marsala con il 4,59% e a Cefalù con il 4,04% Cantiere Popolare non supera lo sbarramento.

Regionali Siciliane del 2012[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni regionali in Sicilia, tenutesi il 28 e il 29 ottobre 2012, il partito sostiene il candidato presidente del centrodestra Nello Musumeci; alla fine raccoglierà il 5,85% dei consensi, riuscendo ad eleggere 5 deputati nell'Assemblea regionale siciliana.

Le elezioni politiche del 2013[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni politiche italiane del 2013 il leader Romano sceglie di contribuire alla coalizione di centro-destra guidata da Silvio Berlusconi.

Pippo Gianni decide quindi di abbandonare[5][6].

In occasione delle elezioni politiche italiane del 2013 Cantiere Popolare aderisce alla coalizione di centro-destra guidata da Silvio Berlusconi.[5][6].

Cantiere Popolare presenta la propria lista al Senato soltanto in Sicilia, mentre alla Camera non presenta alcuna lista autonoma, candidando però il leader Francesco Saverio Romano nelle liste del PdL. La lista di Cantiere Popolare ottiene tuttavia solo lo 0,96% dei voti a livello regionale, non superando la soglia di sbarramento del 3% e non riuscendo così ad eleggere nessun senatore.

Vengono invece eletti nelle liste del PdL Francesco Saverio Romano alla Camera dei Deputati e Giuseppe Ruvolo al Senato della Repubblica.

La fase successiva[modifica | modifica wikitesto]

A fine ottobre 2013 gli organismi dirigenti deliberano procedere con una federazione a Forza Italia, mantenendo però inalterata la loro autonomia a livello locale[7] e strutturandosi ulteriormente[8],come dimostrato dalla partecipazione alle varie competizioni elettorali degli ultimi anni[9].

A dicembre 2015 Romano e Ruvolo prendono parte al gruppo parlamentare centrista Alleanza Liberalpopolare-Autonomie, nato per sostenere il governo Renzi, pur rimanendo sempre collocati nel centro-destra. Saverio Romano ne diverrà poi Capogruppo alla Camera.[10]

Il 9 febbraio 2017 Giuseppe Ruvolo abbandona il partito e torna nell'Unione di Centro.[11][12]

A Palermo in particolare, nel 2017, il sostegno al candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli è fruttato il 4,2%,[13][14][15][16].

Il successo alle Regionali, le politiche con NcI e le europee con Forza Italia[modifica | modifica wikitesto]

Alle regionali siciliane del 5 novembre il partito si schiera a sostegno del candidato unitario della coalizione di centro-destra Nello Musumeci,[17][18] presentandosi con la lista Popolari e Autonomisti che federa, oltre al Cantiere Popolare, anche il Movimento per le Autonomie dell'ex Presidente Raffaele Lombardo e Idea Sicilia di Roberto Lagalla.[19]

La lista ottiene un ottimo 7,09% ed elegge sei deputati regionali, rispettivamente: 2 al Cantiere Popolare, 2 all'MpA e 2 ad Idea Sicilia.[20][21]

Dopo aver lasciato ALA, il 19 dicembre Saverio Romano insieme a Raffaele Fitto (Direzione Italia), Enrico Costa e Maurizio Lupi (ex Alternativa Popolare), Enrico Zanetti (Scelta Civica) e Flavio Tosi (Fare!), dà vita a Noi con l'Italia, la cosiddetta "quarta gamba" della coalizione di centro-destra, e ne diventa vice presidente.[22] Romano perderà la sfida nell’uninominale di Monreale contro l’avversario dei 5 Stelle.

Alle elezioni europee del 2019 Romano si candida nella lista di Forza Italia per la Circoscrizione Italia insulare.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti % Seggi
Regionali Siciliane 2012 112.169 5,85 4
Politiche 2013 Camera Nel Popolo della Libertà 1[23]
Senato 21.685[24] 0,07 1[25]
Politiche 2018 Camera Nella lista Noi con l'Italia - UDC 0
Senato Nella lista Noi con l'Italia - UDC 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Politica, nasce il “Cantiere Popolare” costola Italiana del PPE Archiviato il 3 novembre 2013 in Internet Archive.
  2. ^ ROMA: LUNEDI' L'INIZIATIVA 'CANTIERE POPOLARE', su agenparl.it. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  3. ^ POLITICA: IL PPE COME PUNTO DI SVOLTA PER LA POLITICA ITALIANA Archiviato il 2 novembre 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Pid: "Nasce il cantiere popolare", LiveSicilia.it, 4 gennaio 2012. URL consultato il 2 settembre 2013.
  5. ^ a b SIRACUSA – PIPPO GIANNI DIVORZA DAL PID-CANTIERE POPOLARE E DAL CENTRODESTRA. VA CON TABACCI VERSO IL PD. ANALISI DELLA SITUAZIONE.
  6. ^ a b Gianni lascia il Cantiere popolare-Pid: addio al centrodestra, ha tradito
  7. ^ Copia archiviata, su ars.sicilia.it. URL consultato il 4 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2017).
  8. ^ [1]
  9. ^ [2]
  10. ^ Saverio Romano nuovo capogruppo di Ala alla Camera dei deputati - News - Italiaoggi, su www.italiaoggi.it. URL consultato l'8 novembre 2017.
  11. ^ Senato: 4 senatori aderiscono all’UDC, obiettivo costruire PPE italiano alternativo a sinistra e populismo destra, in UDC Italia, 9 febbraio 2017. URL consultato l'8 novembre 2017.
  12. ^ Giuseppe Ruvolo “divorzia” da Denis Verdini e ritorna all’Udc – Grandangolo Agrigento. URL consultato l'8 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2017).
  13. ^ [3]
  14. ^ [4]
  15. ^ [5]
  16. ^ [6]
  17. ^ [7]
  18. ^ [8]
  19. ^ Il parlamentare regionale Pippo Gennuso alle Regionali con il Movimento Popolari e Autonomisti (Idea Sicilia). | Radio Audizioni Mediterranea, su www.radioram.it. URL consultato il 19 settembre 2017.
  20. ^ Popolari e autonomisti quarta forza Sei gli eletti all'Ars per i centristi, in Live Sicilia. URL consultato l'8 novembre 2017.
  21. ^ Ecco tutti gli eletti all'Ars. URL consultato l'8 novembre 2017.
  22. ^ Centrodestra, Noi con l'Italia senza Quagliariello e Udc
  23. ^ Francesco Saverio Romano, eletto nelle liste del Popolo della Libertà nella circoscrizione Sicilia 1
  24. ^ Lista presente solo in Sicilia
  25. ^ Giuseppe Ruvolo, eletto nelle liste del Popolo della Libertà in Sicilia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]