Partito Comunista (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il partito esistito dal 1921 al 1991, vedi Partito Comunista Italiano o Partito Comunista d'Italia.
Partito Comunista
Partito comunista logo.png
PresidenteCanzio Visentin
SegretarioMarco Rizzo
StatoItalia Italia
SedeVia Ripe 10, Bagnara di Romagna[1]
AbbreviazionePC
Fondazione3 luglio 2009 come Comunisti – Sinistra Popolare
Ridenominazioni:
  • 21 gennaio 2012: Comunisti Sinistra Popolare – Partito Comunista
  • 17 gennaio 2014: Partito Comunista
Derivato daPartito dei Comunisti Italiani
IdeologiaComunismo[2]
Euroscetticismo forte[2]
CollocazioneEstrema sinistra[2]
Partito europeoIniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d'Europa[5][6]
Affiliazione internazionaleIncontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai[3][4]
Seggi Camera
0 / 630
Seggi Senato
1 / 321
Seggi Europarlamento
0 / 76
Seggi Consiglio regionale
0 / 897
TestataLa Riscossa
Organizzazione giovanileFederazione della Gioventù Comunista[7]
Colori     Rosso
Slogan«Non basta un cambio, serve una rivoluzione»
Sito webilpartitocomunista.it

Il Partito Comunista (PC) è un partito politico italiano d'ispirazione marxista-leninista[8] fondato il 3 luglio 2009 con la denominazione Comunisti – Sinistra Popolare.[9] Dal 2013 fa parte dell'Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d'Europa, di cui è stato tra i partiti fondatori e rappresentante per l'Italia.[5] Nel 2017 viene ammesso come membro effettivo all'Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Durante il governo Prodi II, nel Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) si formò attorno a Marco Rizzo un'area critica, che mirava a distanziarsi dal centro-sinistra e a perseguire l'unità delle forze comuniste.[10] Uno dei principali motivi di scontro tra Rizzo e la dirigenza del PdCI fu il referendum organizzato dai sindacati nell'ottobre 2007 sul protocollo dello stato sociale, che vide la vittoria dei favorevoli all'accordo e per il quale Rizzo denunciò brogli elettorali.[11][12] La vicenda provocò una polemica con il segretario del partito Oliviero Diliberto. Nel dicembre 2007 fu ufficialmente costituita la lista La Sinistra l'Arcobaleno, che venne contestata da Rizzo in particolare per la scelta di presentare un simbolo privo di falce e martello.[10] Dopo il fallimento della lista alle elezioni del 2008, dove raccolse appena il 3,1% dei voti, il distacco con la dirigenza del partito aumentò.

In vista delle elezioni europee del 2009 nacque poi la Lista Anticapitalista, che si rivelò anch'essa fallimentare, ottenendo il 3,4% dei voti.[13] Si provvide così a un vaglio sulla dirigenza, e in giugno il PdCI convocò l'Ufficio Politico, che votò unitamente contro le dimissioni di Diliberto a eccezione di Rizzo, che votò a favore.[14]

Vennero poi invocate dal partito misure disciplinari contro Rizzo, con l'accusa di aver appoggiato apertamente in campagna elettorale Gianni Vattimo, in quel momento esponente del partito Italia dei Valori,[15] nonostante Rizzo fosse candidato a sindaco di Collegno e presidente della provincia di Grosseto.[9] Rizzo definì tale accusa come pretestuosa e intimidatoria, dovuta all'aver chiesto chiarimenti circa le frequentazioni di Diliberto con Giancarlo Elia Valori, ex membro della P2, con cui il segretario del PdCI avrebbe avuto almeno otto incontri.[16] Il 24 giugno Rizzo fu espulso dal PdCI.[17]

La nascita dei Comunisti – Sinistra Popolare[modifica | modifica wikitesto]

Azione di protesta dei Comunisti Sinistra Popolare al Colosseo il 7 maggio 2010

Il 3 luglio 2009 Marco Rizzo e diversi dissidenti del Partito dei Comunisti Italiani fondarono il movimento Comunisti – Sinistra Popolare (CSP). L'appello costitutivo fu sottoscritto anche da diversi personaggi del mondo dello spettacolo e del giornalismo, tra cui Francesco Baccini, Marco Baldini, Marco Berry, Giorgio Gobbi, Andrea Mingardi e Darwin Pastorin.[18][19] Il primo congresso del partito si svolse tra il 6 e il 7 novembre 2010 a Roma.[20]

Nel corso del 2009 scoppiò la crisi economica greca e il 4 maggio 2010 in segno di protesta contro le restrizioni economiche varate dal governo il Partito Comunista di Grecia (KKE) occupò l'acropoli ateniese.[21] Per mostrare solidarietà ai comunisti greci anche il movimento dei Comunisti – Sinistra Popolare organizzò un'azione analoga e il 7 maggio 2010 occupò il Colosseo.[22][23] I rapporti tra i due partiti si infittirono e tra il 7 e l'8 ottobre 2011 le rispettive delegazioni si incontrano a Roma promulgando un comunicato congiunto riguardante le politiche e le azioni da adottare per far fronte alla crisi economica.[24]

Il 21 gennaio 2012 il partito assunse la denominazione Comunisti Sinistra Popolare – Partito Comunista (CSP-PC) e cambiò il simbolo.[25] Al fine di presentarsi alla elezioni politiche simbolo fu nuovamente modificato e il 24 febbraio 2013 il partito partecipò alle elezioni politiche con proprie liste, ma solo nella Ripartizione Europa dei collegi esteri.[26][27] Il 1º ottobre 2013 fondò insieme al KKE l'Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d'Europa, e fu inserito nei nove partiti che ne compongono la segreteria.[5]

Il Partito Comunista[modifica | modifica wikitesto]

Presidio in ricordo della strage di Reggio Emilia partecipata da membri del PC e del FGC il 7 luglio 2018

Nel corso del I Congresso Nazionale del partito, tenutosi a Roma il 17 gennaio 2014, il nome del partito fu cambiato definitivamente in Partito Comunista (PC) e Marco Rizzo fu rieletto segretario generale.[28] In seguito alla partecipazione alle elezioni amministrative del 2016,[29] il 12 agosto il partito si dotò anche di un'organizzazione giovanile sottoscrivendo un patto d'azione con il Fronte della Gioventù Comunista, guidato da Alessandro Mustillo.[30] In occasione del referendum costituzionale promosso dal governo Renzi nel 2016 il partito si schierò per il «No»,[31] ritenendo la riforma costituzionale Renzi-Boschi come funzionale agli interessi del grande capitale in quanto volto a facilitare politiche antipopolari da parte dei governi.[32]

Il 21 gennaio 2017 si tenne a Roma il II Congresso Nazionale in cui Rizzo fu riconfermato alla carica di segretario generale.[33] In occasione del sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma il partito organizzò a Roma una manifestazione, ribadendo la propria contrarietà all'Unione europea.[34] Nel novembre 2017 fu ammesso come membro effettivo all'Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai e prese parte alla XIX edizione dell'Incontro, che si svolse a San Pietroburgo[3] e l'11 novembre convocò a Roma una manifestazione nazionale in occasione del centesimo anniversario della rivoluzione d'ottobre.[35]

Il partito si presentò per la prima volta nelle circoscrizioni italiane alle elezioni politiche del 2018, pur correndo in circa la metà delle circoscrizioni alla Camera e al Senato, ottenendo globalmente lo 0,3% dei voti. L'anno seguente si presentò alle elezioni europee in tutte le circoscrizioni ottenendo lo 0,9% dei voti.[13]

In seguito alle elezioni regionali umbre, dove il partito aveva ottenuto l'1,0%, le divergenze tra la dirigenza del partito e il FGC aumentarono, portando l’ex segretario del FGC Alessandro Mustillo a dare le dimissioni dall'Ufficio politico. La rottura con il FGC sarà poi netta l'11 marzo 2020, quando il FGC sospese il patto d'azione col partito, per poi allontanarsi definitivamente.[36][37]

Nel corso della campagna elettorale per le elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2020, in opposizione alla coalizione di centrodestra si venne a formare il Movimento delle Sardine guidato da Mattia Santori, che venne salutato positivamente dalla maggioranza dei partiti di sinistra italiani, mentre venne criticato dal Partito Comunista, che lo valutò una stampella del PD.[38] Per il referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari il PC si schierò a sostegno del «No» al fine di indebolire il Movimento 5 Stelle, promotore della riforma.[39]

Con le dimissioni del governo Conte II il PC si schierò all'opposizione del nascente governo Draghi, organizzando una manifestazione e dando vita al Comitato 27 febbraio, un raggruppamento di associazioni contrarie a Draghi.[40] Rizzo in particolare denunciò una presunta «campagna mediatica di consacrazione» nei confronti del nuovo Presidente del Consiglio, e additò Mario Draghi tra i principali responsabili dei processi di privatizzazione avvenuti in Italia a partire dagli anni novanta.[41]

Nell'ambito delle politiche di gestione della pandemia di COVID-19 il partito denunciò la carenza del materiale sanitario sui posti di lavoro e il mantenimento delle attività produttive non essenziali nonostante la quarantena in atto.[42] Si è poi dichiarato contrario alla misura del green pass, giudicata dal partito inutile a fini sanitari e utilizzata come strumento di controllo sociale discriminatorio, atto a facilitare le operazioni di licenziamento.[43] Proprio in seno a queste tematiche il 9 agosto 2021 la sezione livornese, guidata da Lenny Bottai, lasciò il partito, lamentando una mancanza di chiarezza da parte della dirigenza su vaccini e pandemia.[44][45]

L'11 novembre 2021 il senatore Emanuele Dessì, eletto nel 2018 col Movimento 5 Stelle (M5S) ed espulso nel febbraio 2021 per non aver votato la fiducia a Draghi, aderì al PC costituendo all'interno del gruppo misto la componente "Partito Comunista".[46] L'avvicinamento ai dissidenti del M5S proseguì in occasione dell'elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2022, in cui il partito condivise con loro e con altri parlamentari afferenti al gruppo misto la candidatura di Paolo Maddalena.[47] Il 3 maggio 2022 la componente parlamentare del PC e confluita nel gruppo di opposizione C.A.L. (Costituzione, Ambiente, Lavoro)-PC-IdV, principalmente costituito da fuoriusciti del M5S e contrario all'invio di armi al governo ucraino durante l'invasione russa.[48]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il PC dichiara di lavorare per la trasformazione dell'Italia in una repubblica socialista e di basare la propria ideologia sul marxismo-leninismo, riconoscendo l'esperienza storica dei paesi socialisti, del movimento operaio e comunista e della resistenza italiana, quindi rifiutando le teorie riformiste e revisioniste.[8]

Un elemento di novità elaborato dal PC rispetto alla dottrina marxista-leninista tradizionale consiste nel promuovere un'alleanza sociale tra la classe lavoratrice e il ceto medio, che secondo le analisi di partito starebbe sperimentando un fenomeno di impoverimento per via delle politiche neoliberiste attuate in Italia a partire dagli anni '90. La vecchia divisione della società in classi rigide è oggi interpretata dal partito nella dicotomia "coloro che vivono del proprio lavoro" e "coloro che vivono di rendita del proprio capitale".[49][50]

Il PC riconosce come figure di riferimento per quanto riguarda la storia del movimento comunista in Italia Antonio Gramsci, Pietro Secchia e Eugenio Curiel[51] mentre è critico nei confronti di Enrico Berlinguer e Palmiro Togliatti.[52][53][54] Il PC vede con favore le figure storiche di Marx, Engels, Lenin e Stalin, considerando privo di significato politico il termine "stalinismo"[55][56], accusando anzi i revisionisti di utilizzarlo in senso anti-marxista-leninista. Sostiene una visione critica nei confronti dei movimenti no-global.[57]

Programma[modifica | modifica wikitesto]

Adottato nel corso del I Congresso del 2014 ed è parte del documento congressuale. Il PC sostiene l'irriformabilità dell'Unione europea e la necessità di un'uscita immediata e unilaterale dell'Italia dalla stessa UE e dalla NATO, l'azzeramento unilaterale del debito pubblico detenuto dalle banche e dai fondi speculativi. Le politiche lavorative riguardano l'istituzione del salario minimo intercategoriale, la riduzione dell'orario lavorativo e il ripristino della scala mobile oltre all'abolizione delle leggi sul lavoro che introducono il precariato.[58] Contestualmente è previsto il sostegno economico per la ricerca e lo sviluppo portato avanti dalle piccole imprese, la nazionalizzazione delle principali attività produttive nazionali, delle banche e delle proprietà immobiliari. In ambito sociale intende incentivare gli investimenti nello stato sociale e nelle politiche ambientali mentre dal punto di vista istituzionale sostiene l'adozione di una legge proporzionale e di un parlamento monocamerale oltre che una netta separazione tra Stato e Chiesa.[59]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Marco Rizzo, il segretario generale del PC

Il partito è organizzato secondo il principio del centralismo democratico, che consiste nella libertà dei membri del partito di discutere, ma una volta che la decisione è scelta dal voto della maggioranza, tutti i membri si impegnano a sostenere quella decisione, pertanto è espressamente vietata la formazione delle correnti.[60]

Il massimo organo deliberativo è il Congresso del PC, che normalmente si svolge ogni tre anni ed elegge il Comitato centrale. Negli intervalli tra i Congressi l'organismo di direzione politica è il Comitato centrale, che in seduta comune con la Commissione Centrale di Controllo e Garanzia, elegge il Segretario Generale, il Presidente (fino al marzo 2020 Tesoriere[61]) e l'Ufficio Politico, l'organo esecutivo che attua la linea politica stabilita dal Comitato Centrale. L'Ufficio Politico è composto dalle maggiori cariche del partito ed è presieduto e convocato dal Segretario Generale che detiene anche la guida politica del partito.[62]

Al livello basilare del partito ci sono le sezioni, composte da un minimo di cinque membri, eleggono un Segretario e una segreteria esecutiva. A livello regionale e provinciale invece il partito è organizzato in comitati che eleggono un segretario, un presidente e una segreteria. Le federazioni estere continentali sono equiparate al comitato regionale, mentre quelle dei singoli Paesi ai comitati provinciali.[63]

Segretario generale

Organizzazione giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2016 e il 2020 l'organizzazione giovanile a cui il PC fece riferimento, fu il Fronte della Gioventù Comunista, fondato il 10 giugno 2012. Il FGC strinse un patto d'azione con il PC nel 2016[30][65] per poi sospenderlo[66] il 12 marzo 2020.[37] Durante il periodo di collaborazione il FGC ha mantenuto la propria autonomia organizzativa nella gestione del tesseramento degli iscritti e dei suoi organi di informazione ufficiali.

Dal 12 marzo 2020, in seguito alla rottura con il Fronte, iniziò il processo di costruzione dell'organizzazione giovanile del Partito Comunista. In occasione del III congresso del partito il 7 e 8 novembre 2020 venne ufficializzata la creazione della Federazione della Gioventù Comunista, che iniziò la propria attività l'8 aprile 2021.[67]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del giornale La Riscossa

L'organo d'informazione ufficiale del Partito Comunista è La Riscossa, giornale online che è stato inaugurato il 1º settembre 2016.[68]

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il Partito Comunista è tra i membri fondatori dell'Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d'Europa e dal 2017 fa parte dell'Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai. Intrattiene stretti rapporti con il Partito Comunista di Grecia (KKE)[69] e con il Partito Comunista dei Lavoratori di Spagna.[70][71]

Il partito ha poi relazioni con i paesi socialisti, tra cui Cuba[72] e Corea del Nord[73] e rapporti di solidarietà e sostegno con i governi di sinistra latinoamericani, pur essendo critico nei confronti del socialismo del XXI secolo.[74] A partire dallo scoppio della Guerra del Donbass nel 2014 il Partito Comunista sostenne le repubbliche secessioniste di Donetsk e Lugansk, e allo scoppio della guerra nel 2022 sostenne le posizioni di Putin.[75][76][77]

In seno al III Congresso del 2020 il partito ha definito la sua posizione in merito alla Cina, rimanendo critico nei confronti del socialismo con caratteristiche cinesi, il partito riconosce però il ruolo fondamentale del paese asiatico di contraltare alla politica estera degli Stati Uniti e come valido modello di sviluppo alternativo per i paesi del terzo mondo, riconoscendo i risultati ottenuti dal gigante asiatico nella lotta alla povertà. Valuta poi positivamente il pensiero di Xi Jinping, dove lo stato torna a ricoprire un ruolo importante nella collettività e promuove la pace a livello internazionale.[78][79][80]

Analogamente ad altri partiti della sinistra italiana, anche il PC appoggia la causa palestinese[81], mentre è molto critico nei confronti del movimento sionista.[82][83]

Congressi nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Congresso Comunisti Sinistra Popolare – Roma, dal 6 al 7 novembre 2010 – Dire e fare
  • I Congresso – Roma, dal 17 al 19 gennaio 2014 – Costruire il Partito, organizzare la lotta
  • II Congresso – Roma, dal 21 al 22 gennaio 2017 – Non c’è vittoria, non c’è conquista senza un vero partito comunista
  • III Congresso – in videoconferenza a causa della pandemia, dal 7 all'8 novembre 2020

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
Politiche 2013[a] Camera 6.977 0,71
0 / 12
Senato 7.578 0,85
0 / 6
Politiche 2018[b] Camera 106.182 0,32
0 / 630
Senato 101.230 0,33
0 / 315
Europee 2019 235.542 0,88
0 / 76
  1. ^ Presente nella sola ripartizione Europa della Estero (limitatamente a tale ripartizione: 1,33% alla Camera e 1,58% al Senato)
  2. ^ Presente in 16 su 29 circoscrizioni della Camera e in 13 su 21 del Senato

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 gennaio 2012 il simbolo originario del partito viene modificato su decisione del Comitato Centrale, inserendo sotto a falce e martello la dicitura Partito Comunista[28] contestualmente al cambio di denominazione in Comunisti Sinistra Popolare – Partito Comunista. Il 17 gennaio 2013 il partito cambia nel proprio logo il colore di falce e martello da giallo a bianco per problemi di registrazione del simbolo, giudicato troppo simile a quello di Rifondazione Comunista, assumendo il logo tuttora in uso.[84][85]

Simboli elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Inni[modifica | modifica wikitesto]

Gli inni ufficiali del partito sono L'Internazionale e Bandiera rossa.[86]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statuto del Partito Comunista, 2020, Art. 1.
  2. ^ a b c (EN) Italy - Parties, su Europe Elects.
  3. ^ a b c (EN) 'A revolutionary Party towards the ultimate goal', in International Communist Press, 19 novembre 2017. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  4. ^ (EN) Communist and Workers' Parties, su solidnet.org, Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 1º febbraio 2021).
  5. ^ a b c Marco Rizzo, A Bruxelles per l'Internazionale comunista. Nasce l'iniziativa dei partiti comunisti e operai d'Europa, su The Huffington Post, 4 ottobre 2013. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 12 giugno 2018).
  6. ^ (EN) Initiative of Communist & Workers' Parties, su initiative-cwpe.org, Iniziativa dei Partiti Comunisti e Operai d'Europa. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 18 dicembre 2013).
  7. ^ Nasce l'organizzazione giovanile del Partito comunista, si può aderire dai 14 anni, in Il Messaggero, 9 aprile 2021. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 13 aprile 2021).
  8. ^ a b Statuto del Partito Comunista, 2017, Preambolo.
  9. ^ a b Marco Rizzo presenta il movimento politico "Comunisti - Sinistra popolare", su radioradicale.it, 3 luglio 2009. URL consultato il 22 febbraio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  10. ^ a b La Cosa Rossa? Sinistra e Arcobaleno, su corriere.it. URL consultato il 22 febbraio 2019 (archiviato il 1º luglio 2017).
  11. ^ Welfare, al via il referendum. Damiano apre su precari e lavori usuranti, su repubblica.it, 8 ottobre 2007. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 14 giugno 2018).
  12. ^ Welfare, Prodi: "Nessuna modifica". Tutti i sindacati contro Rizzo, su repubblica.it, 9 ottobre 2007. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 14 giugno 2018).
  13. ^ a b Archivio storico delle elezioni, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 25 maggio 2020 (archiviato il 1º marzo 2020).
  14. ^ Chi è Marco Rizzo, candidato Partito Comunista sindaco Torino, su lettera43.it, 4 aprile 2016. URL consultato il 22 febbraio 2017 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  15. ^ La Rinascita della sinistra n. 24/2009 (PDF), su quipunet, 24 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2012).
  16. ^ Fratelli-coltelli a sinistra / Marco Rizzo: "Diliberto renda conto della sua amicizia con uno della P2". Intanto, l'ex parlamentare del Pdci rischia l'espulsione, su blitzquotidiano.it, 23 giugno 2009. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 19 ottobre 2017).
  17. ^ Rizzo espulso dai Comunisti Italiani a causa del piduista Valori, su archivio.senzasoste.it, 25 giugno 2009. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 14 giugno 2018).
  18. ^ Sinistra Popolare, su proletaria.it, 3 luglio 2009. URL consultato il 2 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2010).
  19. ^ Sinistra Popolare, su perlacostituentecomunista.blogspot.com, 3 luglio 2009. URL consultato il 3 maggio 2019 (archiviato il 20 aprile 2019).
  20. ^ Intervento conclusivo del Segretario Marco Rizzo, su resistenze.org, 7 novembre 2010. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato il 26 gennaio 2019).
  21. ^ Administrator, L'ottimo esempio del KKE, su marx21.it. URL consultato il 3 maggio 2020.
  22. ^ Atene chiama, Roma risponde, su comunistisp.it. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato il 30 maggio 2016).
  23. ^ Kataweb.it - Blog - Notizie » Blog Archive » ATENE CHIAMA ROMA RISPONDE !, su notimaz.blog.kataweb.it. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato il 10 maggio 2010).
  24. ^ Rizospastis (giornale del KKE) sull’incontro con CSP. Edizione della domenica con diffusione militante., su ilpartitocomunista.it. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato il 17 novembre 2021).
  25. ^ Partito Comunista, il simbolo di Comunisti Sinistra Popolare, su resistenze.org, 25 gennaio 2012. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 26 ottobre 2018).
  26. ^ Elezioni politiche italiane del 2013, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato il 4 ottobre 2017).
  27. ^ Elezioni politiche italiane del 2013, su elezionistorico.interno.gov.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato il 4 ottobre 2017).
  28. ^ a b Torna il Pc? Nessun nuovo nato, solo un cambio di nome, su isimbolidelladiscordia.it, 20 gennaio 2014. URL consultato il 2 febbraio 2020 (archiviato il 17 novembre 2021).
  29. ^ Marco Rizzo: ecco i candidati sindaco del Partito Comunista, su affaritaliani.it, 21 gennaio 2016. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 12 dicembre 2018).
  30. ^ a b Una nuova fase e nuove sfide per il FGC. Il Comitato Centrale elegge la nuova Segreteria, su gioventucomunista.it, 12 agosto 2016. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 16 agosto 2018).
  31. ^ Lanfranco Palazzolo, Intervista a Marco Rizzo sul referendum costituzionale, su radioradicale.it, 2 dicembre 2016. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  32. ^ Un no comunista alla riforma costituzionale, su lariscossa.com, 30 settembre 2016. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 16 agosto 2018).
  33. ^ Partito Comunista a congresso. Rizzo confermato segretario, su Lariscossa.com, 23 gennaio 2017. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 26 febbraio 2019).
  34. ^ Il Partito Comunista e i lavoratori in piazza: l'UE non è riformabile, su voxkomm.noblogs.org, 21 giugno 2018. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato il 21 aprile 2019).
  35. ^ Rivoluzione d'Ottobre: 5 mila Comunisti italiani sfilano per le vie di Roma, su secolo-trentino.com, 11 novembre 2017. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  36. ^ La crisi del Pc, su Contropiano, 13 marzo 2020. URL consultato il 29 maggio 2020 (archiviato l'8 aprile 2020).
  37. ^ a b Avanti avanti giovinezza rossa, su gioventucomunista.it. URL consultato il 23 giugno 2020 (archiviato il 22 aprile 2020).
  38. ^ Sardine, Mattia Santori Vs Marco Rizzo: «State attenti, così Salvini va all'80%» | UrbanPost [collegamento interrotto], su urbanpost.it, 11 dicembre 2019. URL consultato il 25 maggio 2020.
  39. ^ Referendum, il comunista Rizzo: "Affonda i 5 Stelle, vota no", in Affari Italiani, 25 agosto 2020. URL consultato il 28 agosto 2020 (archiviato il 10 aprile 2021).
  40. ^ 27 FEBBRAIO 2021 – GRANDE MANIFESTAZIONE UNITARIA NAZIONALE, su ilpartitocomunista.it, 25 febbraio 2021. URL consultato il 1º marzo 2021 (archiviato il 14 aprile 2021).
  41. ^ "Draghi è l'uomo del potere di banche e finanza", in Affaritaliani.it, 4 febbraio 2021. URL consultato il 2 marzo 2021 (archiviato il 2 marzo 2021).
  42. ^ Giordano Di Fiore, Tre domande per Marco Rizzo, Segretario del Partito Comunista, in Il Riformista, 30 maggio 2020. URL consultato il 7 maggio 2022.
  43. ^ NESSUN LAVORATORE DEVE PERDERE IL POSTO DI LAVORO O LO STIPENDIO PER LA MANCANZA DI GREEN PASS, CHE OLTRE AD ESSERE STRUMENTO DI CONTROLLO SOCIALE, DIVENTA ANCHE UNA SCUSA PER LICENZIARE, su IL PARTITO COMUNISTA - Sito Ufficiale. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  44. ^ Matteo Pucciarelli, Dai "No euro" ai "No vax": nella galassia anti-Green pass gli stessi che volevano affossare la moneta unica, in la Repubblica, 10 agosto 2021. URL consultato il 26 novembre 2021.
  45. ^ Michela Berti, Lenny Bottai sul ring, dalla boxe alla politica "Meglio se l’euro l’avesse fatto un pisano", in Il Telegrafo, 7 novembre 2021. URL consultato il 7 maggio 2022.
  46. ^ Resoconto della 379ª seduta del Senato (PDF), 16 novembre 2021, p. 21. URL consultato il 17 novembre 2021 (archiviato il 17 novembre 2021).
  47. ^ Grandi elettori ex M5s: "Paolo Maddalena è il nostro candidato", su RaiNews. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  48. ^ Nuovo gruppo Cal-Pc-Idv al Senato, insieme contro Governo e guerra, su Askanews, 3 maggio 2022. URL consultato il 5 maggio 2022.
  49. ^ Ceti medi proletarizzati, su L'HuffPost, 15 marzo 2014. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  50. ^ Rizzo: promuovere un'alleanza fra classe operaia e ceto medio. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  51. ^ Verso il secondo congresso di Csp-Partito Comunista. Il revisionismo italiano, dal dopoguerra fino al PD, su resistenze.org, 26 settembre 2013. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  52. ^ I Congresso, 2014, p. 33.
  53. ^ COMUNISTI – RIZZO : La Rivoluzione bolscevica e le elezioni in Italia, su libera.tv, 12 novembre 2017. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 24 febbraio 2019).
  54. ^ Il compagno Rizzo “scomunica” Berlinguer: eurocomunismo inizio della sconfitta, su affaritaliani.it, 24 novembre 2018. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 22 febbraio 2019).
  55. ^ I Congresso, 2014, p. 5.
  56. ^ 5 Marzo 1953-2015 – Nota di Marco Rizzo su Stalin, su ilpartitocomunista.it, 5 marzo 2015. URL consultato il 25 marzo 2020 (archiviato il 25 marzo 2020).
  57. ^ G20, Rizzo (PC) VS no global "incoerenti": "Vi presento l'Africa ai tempi del socialismo" - Intelligo News – notizie, ultima ora e gossip, su intelligonews.it, 7 luglio 2017. URL consultato il 27 maggio 2020 (archiviato il 30 giugno 2019).
  58. ^ Alberto Maggi, Elezioni 4 marzo, Marco Rizzo: Bersani e D'Alema? Il peggio di Renzi, su affaritaliani.it, 12 gennaio 2018. URL consultato il 22 gennaio 2018 (archiviato il 22 gennaio 2018).
  59. ^ I Congresso, 2014, pp. 70-74.
  60. ^ Statuto del Partito Comunista, 2017, Art.7.
  61. ^ Votazione CC e CCCG, su IL PARTITO COMUNISTA - Sito Ufficiale. URL consultato l'8 luglio 2020 (archiviato l'11 luglio 2020).
  62. ^ Statuto del Partito Comunista, 2017, Art.8-Art.13.
  63. ^ Statuto del Partito Comunista, 2017, Art.3-Art.5.
  64. ^ Organismi Dirigenti, su ilpartitocomunista.it. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato il 19 maggio 2020).
  65. ^ Statuto del Partito Comunista, 2017, Art.6.
  66. ^ Matteo Pucciarelli, "Ambiguo e amico dei leghisti", la giovanile comunista abbandona Rizzo, in La Repubblica, 27 giugno 2020. URL consultato il 28 giugno 2020 (archiviato il 28 giugno 2020).
  67. ^ Nasce l'organizzazione giovanile del Partito comunista, si può aderire dai 14 anni, su iltempo.it, 9 aprile 2021. URL consultato il 19 aprile 2021 (archiviato il 19 aprile 2021).
  68. ^ Da oggi è online La Riscossa, giornale del Partito Comunista, su facebook.com, 1º settembre 2016. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 17 novembre 2021).
  69. ^ Intervista al segretario del KKE, Dīmītrios Koutsoumpas al Congresso del Partito Comunista, 19 gennaio 2014. Video Archiviato il 26 maggio 2019 in Internet Archive. disponibile su YouTube.com (min. 2:15).
  70. ^ [Acto Internacional - Maio 2017] Marco Rizzo (Partito Comunista), su youtube.com, 14 settembre 2017. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 17 novembre 2021).
  71. ^ Presentazione della Rivista Comunista Internazionale a Roma. Intervento dei compagni Georgios Toussas, del Comitato Centrale del KKE e Parlamentare Europeo e Raul Martinez, dell’Ufficio Politico del Partito Comunista dei Popoli di Spagna., su ilpartitocomunista.it. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato l'11 agosto 2016).
  72. ^ Messaggio del SG Marco Rizzo per il 60º anniversario della vittoria della Rivoluzione cubana., su misiones.minrex.gob.cu, 14 gennaio 2019. URL consultato il 18 aprile 2019 (archiviato il 18 aprile 2019).
  73. ^ Messaggio dalla Ambasciata Nord Coreana, su libera.tv, 8 aprile 2013. URL consultato il 23 febbraio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  74. ^ Intervista all'ambasciatore del Venezuela in Italia, Julián Isaías Rodríguez Díaz, al Congresso del Partito Comunista, 19 gennaio 2014. Video Archiviato il 26 maggio 2019 in Internet Archive. disponibile su YouTube.com (min. 3:37).
  75. ^ Con Putin! So what?, su La Riscossa, 23 febbraio 2022. URL consultato il 14 maggio 2022.
  76. ^ Ferrando su Putin e la guerra in Ucraina: "Il rossobrunismo è realtà internazionale, malapianta dello stalinismo", in la Repubblica, 4 aprile 2022. URL consultato il 14 giugno 2022.
  77. ^ Ucraina, la crisi risveglia l’ultimo comunista. Marco Rizzo: «Solo la Russia lavora per la pace», in Il Secolo d'Italia, 22 febbraio 2022. URL consultato il 14 giugno 2022.
  78. ^ CHE COS’È LA CINA. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  79. ^ MARCO RIZZO SCRIVE IN CINA LA RECENSIONE DEL LIBRO DEL PREMIER XI JINPING, su Affaritaliani.it. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  80. ^ "La via cinese. Sfida per un futuro condiviso". Modello comunista vincente, su Affaritaliani.it. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  81. ^ Roma – Manifestazione Nazionale per la Palestina (12/05/18) | UDAP, su udap.it. URL consultato il 24 maggio 2020 (archiviato il 17 novembre 2021).
  82. ^ Redazione, Gaza, nuovi crimini sionisti con la benedizione di USA, UE e governo italiano, su La Riscossa, 7 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2020 (archiviato il 25 novembre 2019).
  83. ^ In piazza il 12 maggio per la Palestina libera!, su IL PARTITO COMUNISTA - Sito Ufficiale. URL consultato il 24 maggio 2020 (archiviato l'8 settembre 2019).
  84. ^ Il Viminale ammette 15 simboli modificati. Resta fuori la lista "clone" di Beppe Grillo, su corriere.it, 17 gennaio 2013. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato il 28 marzo 2013).
  85. ^ Gabriele Maestri, Bocciati e ripescati: le decisioni sui simboli dei partiti, su termometropolitico.it, 20 gennaio 2013. URL consultato il 26 ottobre 2018 (archiviato l'8 settembre 2018).
  86. ^ Statuto del Partito Comunista, 2020, Art. 20.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]