Movimento Lavoratori per il Socialismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Movimento Lavoratori per il Socialismo
Anni 71 12 modif (2).jpg
Segretario Salvatore Toscano
Luca Cafiero
Presidente Giuseppe Alberganti
Stato Italia Italia
Fondazione 1º febbraio 1976, dal Movimento Studentesco
Dissoluzione 31 maggio 1981 nel PdUP per il Comunismo
Sede Milano
Ideologia Sinistra extraparlamentare, Socialismo rivoluzionario, Comunismo, Marxismo-leninismo
Collocazione estrema sinistra
Coalizione Democrazia Proletaria (1975-1978)
Testata Fronte Popolare, La sinistra
Colori rosso

Movimento Lavoratori per il Socialismo è il nome che fu adottato dal partito nato il 1º febbraio 1976 dal Movimento Studentesco, quest'ultimo sorto nel 1968 all'Università Statale di Milano.

Origine e ispirazione teorica[modifica | modifica wikitesto]

All'origine l'Organizzazione tentò una singolare unificazione di temi maoisti con una forte rivendicazione del ruolo autonomo dei movimenti di massa per la democrazia, pur rivendicando, almeno nei primi anni di attività, il ruolo di Stalin e l'intera tradizione comunista.
Rappresentò un tentativo di unire elementi ideologici e politici tratti dalla storia del movimento operaio e della sinistra, specie del periodo della politica antifascista di Fronte popolare, con una forte presenza nella vita politica di base tipica di quegli anni. L'adesione di alcune prestigiose figure della Resistenza come Giuseppe Alberganti ed il critico d'arte Raffaele De Grada ne accrebbe ulteriormente la notorietà.
Il MLS fu sempre caratterizzato da una costante attività culturale e di ricerca. Promosse la nascita del settimanale Fronte Popolare, del quotidiano La sinistra, di diverse case editrici e discografiche e di una catena di librerie.

Radicamento Territoriale[modifica | modifica wikitesto]

L'ispirazione teorica di fondo, che si rifaceva ad una visione integrale dell'idea socialista e comunista capace però, con originalità, di privilegiare e in qualche misura dare rilievo storico al protagonismo degli studenti, raccolse l'adesione di molti giovani provenienti dalle scuole superiori e dalle Università di diversi territori Italiani. L'organizzazione giunse a contare su qualche migliaio di militanti. Epicentro della sua azione furono il milanese e il bresciano. Si radicò inoltre, sia pure con consistenze numeriche molto differenti, in Sicilia confluì tutta la formazione di Avanguardia Comunista presente su buona parte del territorio regionale (Palermo, Catania, Siracusa, Agrigento,Termini Imerese) ed in Puglia, raccogliendo la diffusa rete del Circolo Lenin, a Napoli, Catania, Reggio Calabria, Bologna e Firenze. Il MLS fu invece poco presente a Roma anche dopo la confluenza nelle sue fila, nel 1976, del gruppo intellettuale di Avanguardia Comunista. Nell'esperienza dalla quale nacque il MLS, si ritrovarono vite di militanti che furono uccisi durante scontri con la Polizia, come Roberto Franceschi, Giannino Zibecchi e con militanti neofascisti, Claudio Varalli.

Le contrapposizioni con Autonomia Operaia ed il rifiuto del terrorismo[modifica | modifica wikitesto]

Il supposto stalinismo e l'accusa di svolgere una attività di servizio d'ordine ai limiti della legalità, legate alla costante presenza al suo interno di un servizio d'ordine particolarmente organizzato, ereditato dai Katanghesi, portarono però più volte all'isolamento il piccolo partito. Nel 1977 il MLS che aveva all'inizio partecipato al vasto Movimento giovanile che si svolse in quell'anno, ebbe frequenti contrapposizioni con le ali più dure del movimento, legate all'esperienza dell'Autonomia Operaia. In particolare al Convegno sulla Repressione tenuto a Bologna nel settembre del 1977 ci furono scontri violenti nel Palazzo dello sport tra militanti dell'Autonomia Operaia organizzata e militanti del MLS. [senza fonte]
Nello stesso anno, dopo incidenti al festival di Parco Lambro a Milano, i terroristi di Prima Linea, (si legge nei verbali di Donat Cattin e Sandalo) dopo uno scontro tra MLS e gli autonomi dei COCORI (Comitati Comunisti Rivoluzionari) di Oreste Scalzone, tentarono materialmente il sequestro/gogna di William Sisti, allora responsabile del Servizio d'Ordine del MLS. Il progetto prevedeva il sequestro di Sisti, l'allestimento di un "processo proletario". Gli aderenti a Prima Linea, che avrebbero dovuto compiere l'azione vennero arrestati la sera prima del sequestro durante il furto di un furgone a Milano. Il MLS fu probabilmente l'unico gruppo della sinistra cosiddetta extra-parlamentare a non contribuire con propri ex-militanti al terrorismo, questo anche in virtù di una posizione ferma contro il "guevarismo" (mito del Che Guevara) e dell'"ora X" e una radicata valutazione del pensiero di Gramsci sull'egemonia.[senza fonte] .

Democrazia Proletaria, rapporti con i partiti Costituzionali della Sinistra e confluenza nel PdUP per il comunismo[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1975 il MLS partecipò con altri gruppi della sinistra all'esperienza elettorale di Democrazia Proletaria. Il MLS tentò di superare l'immagine settaria guardando con grande attenzione alla sinistra del PSI e poi, in seguito al chiarirsi degli orientamenti di Craxi, al PdUP per il comunismo, al PCI e al movimento sindacale.
In seguito a questa maturazione si unificò con il PdUP per il comunismo di Lucio Magri e Luciana Castellina nel congresso di Roma del 1981.

Segretari[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati militanti del MLS[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]